Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Il meglio di Utile

  • Importante: Spazio Asperger Forum 2.0 In funzione! Riportare bug e suggerimenti!


    per inserire testo da pagine di Word (o da qualsiasi altra fonte), occorre usare la funzione "Paste as Text", ossia la penultima icona a destra nella barra della finestra: in tal modo il testo si inserisce senza alcuna formattazione e quindi viene accettato.


    Schermata a 2020-01-18 18-02-49
    Sniper_OpsMononokeHime
  • Amore Asperger : strategie per farlo funzionare?

    Tieni presente che questi problemi da lui presentati vanno oltre all'essere asperger.
    MononokeHimeamigdala_Lilith_
  • Mi sento perplesso da un articolo...

    Secondo me la differenza sta nell'esame di realtà.
    Un conto è essere ottimisti: Io vedo la difficoltà, la criticita di una situazione, magari ne constato anche la bruttezza, ma provo a superarla, trovo un modo per raggirarla. Non nego la situazione. Questo modo di pensare secondo me è positivo sano e spesso fruttuoso. Si ha davanti un obiettivo e si cerca il modo di realizzarlo.
    (E qui la speranza gioca un ruolo fondamentale!
    Togli alle persone la speranza e avrai tolto loro le forze, rimane solo più la disperazione)

    Un conto è non vedere, fare finta che il problema non ci sia, che vada tutto bene.
    Peggio è se questo coinvolge le nostre capacità personali. Il nostro rapporto con il limite. Si può arrivare fino al delirio di onnipotenza.
    NemoMononokeHime
  • Che senso ha la vita se si deve morire?

    Il senso non è parte integrante delle cose, viene attribuito, come il nome.
    Sei tu che scegli se dare o no un senso e quale.
    BlunotteNemoLupaMononokeHimerondinella61Door
  • Soppruso a lavoro



    Prima di tutto ringrazio tutti voi che avete risposto al mio post.

    Tempioazzurro, io sono consapevole che non sarò mai un buon team leader, ma ciò che mi da rabbia è che il mio pensiero non è mai stato importante nel progetto, e dopo due anni non mi è stato dato un riconoscimento per il mio lavoro. E non mi è mai stato fatto notare cosa faccio di male per non averlo. Il mio capo sta facendo una scelta molto sbagliata di sicuro, perché sta trattando male una persona che lo ha sempre aiutato, e non gli ha mai dato una mano per aiutarlo.

    In quel progetto mi sento marcire, hanno ucciso la mia passione principale. Ma non posso mollare, devo fare un altro anno prima di licenziarmi e poter emigrare all’estero.

    Io la vedo così (poi, come già detto da alcuni, non conosciamo tutti i dettagli della tua situazione quindi magari le mie riflessioni non si applicano al tuo caso per n motivi): perchè non dovrebbe essere un riconoscimento il fatto che tu sia ancora su quel progetto dopo due anni? Detto da una persona talmente negativa come me che il bicchiere lo vede vuoto, neanche mezzo vuoto. :D

    Io lavoro nel mondo della consulenza aziendale, quindi ho familiarità con la modalità di lavoro "su progetti"; non conosco il contesto in cui sei tu, ma secondo me non essere spostati da un progetto indica che il tuo lavoro ha valore, altrimenti il tuo capo avrebbe preso provvedimenti a riguardo.

    In secondo luogo, avere del feedback dai propri responsabili è lecito, e non tutti sanno fornirlo (esperienza personale), magari questo è il tuo caso. Penso che se tu ad oggi non riesca a vedere che cosa hai fatto di male per non ottenere riconoscimenti, potrebbe esserti utile un momento di confronto con chi segue il tuo lavoro. Ho avuto paura del feedback altrui per anni prima di capire che mi serve per vedere come gli altri mi vedono da fuori, cosa che io da sola non riesco a fare, o meglio sto imparando piano piano. Quindi il mio consiglio è: in modo calmo e pacato, chiedi un confronto con il tuo capo. Digli che a valle di questa nuova situazione (team leader appena sopraggiunto), vorresti parlare con lui per crescere e migliorare e capire se se hai fatto qualcosa nel passato per non ottenere quella promozione, o comunque cosa potresti fare di meglio per sperare di ottenerla in futuro. Devi dimostrarti propositivo e motivato, anche se dentro di te sei ancora infastidito, ma l'atteggiamento positivo fa una grande differenza nel mondo del lavoro, dove ormai siamo tutti più o meno sostituibili da altre persone. Se è un buon capo, saprà essere oggettivo nei tuoi confronti e ti aiuterà a capire le tue aree di miglioramento su cui devi lavorare.

    Per il resto, sul discorso leadership, quoto @AJDaisy che ha espresso benissimo il mio pensiero :)

    Spero che i nostri spunti di riflessione ti saranno utili e incrocio le dita per te :)
    KaliaPamaz
  • in questa società ipersessualizzata, mi prendono in giro o mi insultano

    @fairy asessuaLe,non nego tu abbia vissuto discriminazioni solo per il fatto di vivere questo aspetto in modo che si discosta dalla norma. Talora non mi capacito di come il concetto "la mia libertà finisce dove inizia la tua" sia così ostico da assimilare
    fairyNemoMononokeHime
  • paura di guidare

    Consigli sparsi sulla base della mia esperienza "allargata".
    Inizia a girare nelle ore meno caotiche e poi "sali di livello" pian piano, sei stata tanto senza patente che mese più o meno non penso che cambi qualcosa.

    Abituarsi al traffico è, appunto, abitudine, non è immediato. Sii onesta con te stessa e se ti rendi conto che sei imbranaterrima, ma non pericolosa, non desistere.

    Non è vietato prendere altre lezioni di guida proprio nelle ore caotiche o zone per te peggiori. Se ti imbarazza, cambia scuola e onestamente spiega le tue esigenze specifiche.
    Ciao.

    Arpiariotvera68marco3882NemoSniper_Ops
  • Soppruso a lavoro

    una cosa del genere in passato è successo anche a me, e stando a quanto sento dire in generale sembra che queste cose sui posti di lavoro succedono continuamente.

    Sembra che la strategia più indicata sarebbe da una parte andare a chiedere conto al capo ma senza fare scentate, e dall'altra accettare la nomina, lasciare il nominato fare il suo lavoro senza ne aiutarlo ne ostacolarlo e vedere se se la cava o finirà inevitabilmente "imbrodato" da solo.

    ciao.
    Lo
    PamazKalia
  • Soppruso a lavoro

    Secondo me, prima di tutto, non devi viverlo come un affronto alla tua persona. Il team leader è una persona che ha qualità di leader e non necessariamente è competente in materia di progetto (da noi il team leader nemmeno si occupa di progetti, per farti un'idea). Detto questo, tu avrai ottime competenze in materia di progetto, ma magari non possiedi quelle di un team leader, o il tuo capo non reputa che tu le abbia, senza per questo sminuire il lavoro che fai
    Blunottemarco3882MononokeHimeKaliarondinella61Sniper_Ops
  • in questa società ipersessualizzata, mi prendono in giro o mi insultano

    @fairy io credi che le tue richieste siano assolutamente lecite, non stai chiedendo nulla di anormale. Secondo me non dovresti dare importanza a ciò che ti dicono, devi essere fiera di te stessa, perché molte persone criticano gli altri quando sono insicuri di sé stessi. Tu devi piacerti per come sei, non adeguarti agli altri. Forse hai solo avuto la sfortuna di conoscere le persone sbagliate
    fairyMononokeHime
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online