Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Cosa ho?

Salve a tutti...sono un ragazzo di 21 anni che studia a Roma all’universita da fuorisede...allora la mia è una storia un po’ particolare vorrei descrivervela in breve poiché non ci sto capendo più niente...fino al dicembre 2016 io avevo una vita che tutti definivano perfetta, ero pieno di passioni, di amici e vivevo di emozioni...mi piaceva il calcio,la musica,il divertimento,stare a contatto con la mia famiglia e i miei amici e stare con più gente possibile godendomi la vita...al liceo non ho avuto problemi sono uscito con 83 ed ero nel gruppetto dei “presi bene”, ovvero quelli sempre allegri, spensierati e felici...poi ho scelto di andare a Roma all’università per fare esperienze di vita e imparare a gestirmi da solo, e con me è venuto anche il mio migliore amico, che però rispetto a me è sempre stato più introverso e scontroso con gli altri...al test d’ingresso dopo in estate di divertimento arrivai 11esimo su 700 ed entrai tranquillamente in facoltà...dopo il primo anno passato tranquillamente, di ambientamento diciamo, il secondo anno presi casa sempre con questo mio amico vicino all’universita,e arrivarono due ragazze nell’altra camera doppia è un ragazzo nella singola...beh io,che venivo dall’estate 2016 che era stata fantastica è piena di amici,e io che ero considerato il leader della comitiva e volevo bene a tutti davvero, legai moltissimo con le due ragazze e anche con l’altro ragazzo, e in casa si vennero a creare due gruppetti: uno io,l’altro mio amico e le due ragazze e un’altro noi tre ragazzi... beh da ottobre a dicembre sono stati i giorni più belli della mia vita, mi sentivo padrone del mondo, andavo all’universita A fare quello che mi piaceva fare, la sera lavoravo come Portapizze con la mia macchina e ogni sera uscivo sia con i coinquilini, che con gli amici dell’estate che erano fratelli per me,che con gli amici dell’universita...inoltre ero pieno di interessi, ridevo per ogni cosa è la sera andavo a dormire sempre 20 minuti dopo gli altri per godermi 20 minuti ancora della mia vita...
Inoltre amavo aiutare gli altri, avevo trovato lavoro a due miei coinquilini, mi emozionavo anche solo quando approva il numero di telefono di casa nostra e mi arrabbiavo quando le due ragazze insultavano gli altri due ragazzi perché per loro erano un po’ sfogati...qiesto fino al giorno prima delle vacanze di natale, quando rimasi solo io e ludovica( una coinquilina) poiché gli altri erano partiti...davanti a me avevo un futuro bellissimo, e con loro nella mia intenzione avremmo fatto mille cose...fino a quando quel giorno appunto, eravamo rimasti solo io e lei allora siamo usciti e poi tornati a casa sembravamo davvero due fidanzati,tant’e Che lei mi disse” fra, sembriamo fidanzati che tornano a casa stasera, dormiamo insieme”...quella sera dormimmo insieme ma non successe nulla e il giorno dopo tornato a casa da mensa mi ritrovai un’ansia pazzesca alla bocca dello stomaco...e io l’ansia fino a quel momento non sapevo cosa fosse...fatto sta che quella sera, è stato il mio ultimo giorno felice, e da quel giorno sono passati 10 mesi...a casa vecchia le cose sono andate male, però io da gennaio,visto che gli altri non mi riconoscevano più, ripetevo che quello non ero io, non sapevo più chi ero, non avevo più le mie passioni, non ho più visto una partita di calcio, non ho più ascoltato una canzone poiché se la ascolto mi ricorda bei momenti spensierati...intanto il 26 marzo trovai Ludovica a letto con il mio coinquilino è migliore amico, nonostante con lui avessi gia litigato poiché appunto mi sentivo male e mi davano fastidio tutti,io cambiai casa ma stetti sempre più male fino a quando a maggio mi ritrovai con una diagnosi di depressione...passai maggio ,giugno e luglio quasi in coma, con la paura di diventare pazzo, tremavo ogni giorno e nella sessione invernale non feci nessun esame.
Poi arrivo l’estate...e anche li non me la sono goduta per niente poiché anche se essendo un paesino di mare in cui ci conosciamo tutti, uscivo praticamente sempre da mattina a sera, ero assolutamente l’opposto rispetto agli altri anni e i ricordi mi facevano malissimo...però almeno mi è servita a riattivarmi, poi a settembre ho preso casa con un mio amico del mare( che era come un fratello per me cresciuti insieme) e con l’altro coinquilino dell’anno scorso, ma per loro non provo niente perché mi sento in una casa in cui non vorrei stare perché mi mancano tantissimo le sensazioni che provavo fino a dicembre, quando tutto era bellissimo e io pensavo come facessi a essere così perfetto
BlackCrow
«13456

Commenti

  • fravalentifravalenti Neofita
    Pubblicazioni: 20
    il problema adesso è che se prima amavo tutti, avevo le mie convinzioni e le mie passioni, ridevo ogni giorno, adesso odio tutti perché vanno avanti mentre io, che li ho sempre aiutati, mi ritrovo regredito, senza passioni e interessi...
    Inoltre ho paura poiché noto che non guardò più in faccia le persone e non sono attento a quello che succede nel mondo...come se ormai non mi interessasse più niente, poi ho una confusione mentale assurda e sono diventato molto più lento nel capire e ragionare... inoltre parlo con un tono di voce poi insicuro e basso, dovuto forse anche al nodo in gola e spesso risulto scontroso anche se non lo sono...tutto l’opposto di come ero.
    Sto meglio rispetto a maggio anche grazie agli antidepressivi e allo psicologo, però ho proprio smarrito il senso della mia vita e ho paura poiché mi vedo regredito e ho paura di rimanere sempre così...io mi amavo come ero prima, ma da gennaio, quando ancora non avevo perso niente, provo delle cose mia provate, come se vedessi il mondo in maniera diversa, quando passo per Roma e vedo sui muri le scritte cambia vita e ritrova te stesso mi viene un magone nello stomaco.
    Le persone che ho conosciuto in questi 10 mesi le odio perché non hanno conosciuto il vero me stesso e penso ma che ne sanno loro della vita perfetta che facevo prima
  • fravalentifravalenti Neofita
    Pubblicazioni: 20
    Inoltre ho sempre continui paragoni con il passato sulla percezione delle cose, su come le percepisco in maniera diversa, prima pensavo ma come fai senza di me, dove c’ero io c’era casino e tutti dicevano che ero il figlio che tutti vorrebbero... beh io ho l’immagine di me che vado a l‘lavoro sul lungotevere con la mia macchina scassata ma felice, a urlare la canzone di Vasco che passava nello stereo, in mezio al traffico mentre pensavo che era questa la vita che volevo e me la ero costruita da solo, e non potevo chiedere di meglio per essere felice...beh questo 2017 è stato zero, non ho passato un giorno felice, se prima le persone mi sono state vicine adesso si sono rotte e mi prendono in gito, perché faccio ridere, è vero, ancora penso a Ludovica dopo che lei ha ricominciato un’altra vita tra l’altro ha preso cada proprio davanti alla finestra della mia cucina quindi la vedrò sempre tutto l’anno... beh io sto impazzendo o sempre mal di testa, senso di vomito, angoscia e perdita di contatto dalla realtà...sono aspie? Bipolare?
  • NewtonNewton Pilastro
    Pubblicazioni: 3,090
    Mi sembra molto strano che tu sia cambiato così radicalmente dal giorno alla notte, dunque ti chiedo: hai provato a fare indagini di altro tipo? Per esempio, da un neurologo?

    Io non sono un medico, e non ho neanche una diagnosi di autismo, però quello che racconti non c'entra nulla con l'autismo. 
    Valentamandragola77UnconventionalLoververa68luca95PhoebeSoylentGreenAJDaisy
  • athenaathena Membro
    Pubblicazioni: 62
    Secondo me semplicemente non eri abituato a conoscere la sofferenza che, purtroppo, fa parte della vita. Hai dimostrato con il modo tuo di crescere di avere tutti gli strumenti per condurre una vita serena ed esserne padrone, al contrario di tanti che invece hanno molte più difficoltà a farlo. Non permettere, ad un incidente di percorso di cambiarti, accetta quello che è accaduto, se tu soltanto decidi in un attimo puoi avere tutti gli amici e le ragazze che vuoi. Credimi , chi ha i problemi che dici non ha tale fortuna.
  • fravalentifravalenti Neofita
    Pubblicazioni: 20
    Forse hai ragione athena,magari la colpa è anche mia che manco di rispetto a chi ha veramente questi problemi...però ritrovarsi da essere super felice della vita a una diagnosi di depressione non è facile...per niente...è stato come se da gennaio avessi un modo diverso di percepire le cose,una canzone non mi da le stesse emozioni, una partita neppure,pensare ai miei amici neppure,e la vita che mi ero costruito è naturalmente crollata...ora sto cercando di riconcentrarmi sull’universita e mi sono iscritto a nuoto così almeno facendo movimento spero di ritrovare un po’ di equilibrio...forse ero soltanto un bambino che alla prima difficoltà è crollato...pero
    Whoamivera68
  • giadaromgiadarom Neofita
    Pubblicazioni: 13
    In quello che hai scritto non vedo nessun tratto aspie.
    DrMoody
  • fravalentifravalenti Neofita
    Pubblicazioni: 20
    Forse hai ragione athena,magari la colpa è anche mia che manco di rispetto a chi ha veramente questi problemi...però ritrovarsi da essere super felice della vita a una diagnosi di depressione non è facile...per niente...è stato come se da gennaio avessi un modo diverso di percepire le cose,una canzone non mi da le stesse emozioni, una partita neppure,pensare ai miei amici neppure,e la vita che mi ero costruito è naturalmente crollata...ora sto cercando di riconcentrarmi sull’universita e mi sono iscritto a nuoto così almeno facendo movimento spero di ritrovare un po’ di equilibrio...forse ero soltanto un bambino che alla prima difficoltà è crollato...pero non era la prima difficoltà perché comunque essere fuori sede in una nuova città non era facile,studiare e lavorare( ho fatto call center, volantinaggio prima del Portapizze) non è facile eppure lo facevo tutto con un entusiasmo irrefrenabile. Ora ogni cosa che faccio la paragono al passato e penso che prima mi riusciva meglio, è un incubo perché sto provando a vivere la stessa vita degli anni scorsi ma non ce la faccio...a questo punto forse era meglio cambiare proprio città ma io ho scelto di rimanere qua perché era quello che volevo fare quando stavo bene...inoltre mi manca questo mio amico che mi ha tradito, però non so nemmeno se è successo davvero e inoltre lui l’ha fatto dopo che da 3 mesi io stavo male e non lo calcolavo più e gli rispondevo anche male...poi mi manca questa Ludovica che ora è in casa con l’altra coinquilina dell’anno scorso e sono proprio davanti a casa mia...e io continuo a mandargli messaggi perché vorrei che mi aiutasse,perché io per lei provavo un bene fraterno e lei per me anche...purtroppo mi ci sono innamorato...e lei adesso mi ha scritto che devo crescere, che mi vuole bene ma non è giusto che rimaniamo amici, che io ho tradito lei perché mi sono innamorato e per 3 mesi non gliel’ho detto anche se stavamo tutto il giorno insieme, che devo reagire e non pensava fossi così debole...insomma non è facile
  • NewtonNewton Pilastro
    Pubblicazioni: 3,090
    Non stai assolutamente mancando di rispetto a nessuno: il dolore, è dolore.
    Proprio per rispetto a questo dolore che stai provando, e anche perché in passato mi sono trovata anche io a vivere una "frattura", ribadisco che secondo me è molto strano passare dalla vita perfetta a una vita così difficile nel giro di una notte, senza che sia avvenuto nessun avvenimento di rottura.
    Prova a verificare che non sia accaduto qualcosa a livello neurologico, se non l'hai già fatto (mi pare anche strano che non te lo abbiano suggerito, sulle basi di quel che dici). Mi sembra anche strano che abbiano rilevato anche solo la depressione. Da come descrivi, mi sembra che tu sia entrato in uno stadio ansioso molto forte (parli di tremore, di paura di impazzire, confusione in testa).
    Se stai prendendo degli psicofarmaci, la lentezza di pensiero potrebbe anche essere dovuta a quello. Sei seguito sia da uno psicologo, sia da uno psichiatra?
    Valenta
  • fravalentifravalenti Neofita
    Pubblicazioni: 20
    Newton..si sono seguito da uno psicologo cognitivo-comportamentale che mi sta aiutando molto, e da uno psichiatra dell’asl che però ho visto solo due volte da giugno e il prossimo appuntamento me l’ha fissato a novembre con due mesi di ritardo...lui mi ha diagnosticato depressione con un forte stato ansioso...e infatti è partito tutto dall’ansia.
    Guarda, se devo essere sincero, a maggio /giugno, prima che mi venisse diagnosticato tutto, stavo impazzendo, non riuscivo a stare fermo nemmeno per aspettare l’ascensore e me la facevo a piedi...adesso va molto meglio, l’ansia si è abbassata e riconoscere che ho fatto progressi mi aiuta molto...la visita neurologica non l’ho fatta, però effettivamente sarebbe da fare per escludere cause organiche, perché proprio da quel maledetto giorno mi sento proprio diverso.
    Spero di riprendere in mano la mia vita perché da gennaio è come se fossi un’ automa, grazie mille del vostro aiuto mi fa sentire davvero meglio.
  • MarcofMarcof Pilastro
    Pubblicazioni: 3,236
    Curiosità: le cose che hai descritto prima ti venivano proprio naturali? E capivi davvero tutto?
    Possibile che non hai saputo riconoscere pienamente una ragazza che ci provava? :)
    vera68
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586