Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

LGBTQ+ ovvero la sessualità dalla A alla Z

riotriot Moderatore
modificato December 2017 in Altre diversità...
La diversità sessuale che appartiene a molte persone (ed utenti) Asperger e ND, mi ha fatto pensare che mancava una lista accurata delle varie identità.

Scusate per la mia pigrizia perché lascio (forse per ora) questa lunga lista nella lingua originale, che è comunque di facile lettura, e anche in quanto alcuni termini qui da noi sono ancora sconosciuti e/o di uso non comune.

Mancano volutamante le parafilie e altre forme che appartengono a situazioni come minimo illegali.

Ally
A person who supports and honors sexual diversity, acts accordingly to challenge homophobia, biphobia, transphobia, and heterosexism within their personal and professional life, and shows a concern for the well-being of the LGBT community.

Androgyne/androgynous
A person who appears neither clearly masculine nor clearly feminine.

Asexual
A lack of sexual attraction to others or the lack of interest in sex. It can also be considered a lack of sexual orientation. Many asexual people, however, will still seek to form an intimate bond with others and will identify as lesbian, gay, bisexual, or straight.

Biological Sex
A medical term designating a certain combination of gonads, chromosomes, external gender organs, and hormone balances.

Biphobia
The fear or hatred of and discrimination against bisexuals. Biphobia is different from homophobia or transphobia in that is seen within the LGBT community as well as in general society.

Bisexual
A person who has significant romantic, emotional, physical and sexual attractions to both males and females or someone who identifies as a member of this community. The frequency, intensity, or quality of attraction may not be directed toward genders equally, one may be favored over another.

Cisgender
A person whose gender identity aligns with the biological sex they were assigned at birth; i.e, a female bodied person who identities as a woman

Coming Out
A term that refers to the process through which a person discovers and accepts their sexuality or gender identity as different than previously assumed. The process often involves the disclosure of this information with others especially friends and family. Coming out is not a single event but rather a life-long process.

Cross-dresser
Someone who dresses in clothing that is traditionally or stereotypically worn by a different gender, but who generally has no interest in living full-time as a different gender.

Demisexual
A person who does not experience sexual attraction unless they form a strong emotional connection with someone.

Dyke
Historically a derogatory term referring to a lesbian, especially a masculine one. Recently it has been reclaimed as a term of pride by many within the lesbian community. Because of the original derogatory nature it has not necessarily been accepted by all.

Fag(got)
Historically a derogatory term for gay men. It has been reclaimed by some as a term of pride, but not all.

FTM/F2M
A term to indicate a female-to-male transgender individual, meaning someone who was assigned female at birth, but identifies and lives as male. Also known as a “transgender man” or “transman.”

Gay
A male-identified person who has significant romantic, emotional, physical and sexual attractions to other male-identified people or someone who identifies as a member of this community. Not all men who engage in homosexual behavior identify as gay. Sometimes, “gay” is used to refer to all all people, regardless of gender, whose primary sexual and or romantic attractions are to members of the same sex.

Gender
Traditionally defined as a person’s biological sex. Gender is more appropriately defined as a the behavioral, cultural, or psychological traits traditionally assigned to each gender.

Gender Binary
The belief that there are only two genders, men and women, and that a person’s gender identity must be one of the two rather than somewhere within the gender spectrum.

Gender Expression
The manner in which a person represents or expresses their gender identity to others, often through behavior, clothing, hairstyles, voice and/or body characteristics. Gender expression is not necessary an indication of sexual orientation.

Gender Identity
Refers to how one thinks of one’s own gender, whether it is masculine, feminine, or other-gendered. It is important to note gender identity, biological sex, and sexual orientation are not necessary linked.

Gender Non-conforming
A term used for individuals whose gender expression does not follow society’s ideas or stereotypes based on the female or male sex they were assigned at birth.

Genderqueer
A gender variant person whose gender identity is neither entirely female or male, between or beyond genders, or some combination of genders. These people usually reject the gender binary in favor of a more fluid, nontraditional identity.

Heteronormativity
The assumption, in individuals and/or institutions, that everyone is heterosexual, and that heterosexuality is superior to all other sexual orientations.

Heterosexism
The societal norms and behaviors that result from the assumption that all people are heterosexual. This system of oppression, which assumes that heterosexuality is inherently normal and superior, negates LBGT peoples’ lives and relationships

Heterosexual
A person who has significant romantic, emotional, physical and sexual attractions to members of the other sex or someone who identifies as a member of this community.

Homophobia
Thoughts, feeling, or actions based on fear, dislike, judgement, or hatred of people based on their actual or perceived sexual orientation. Internalized homophobia is the fear of same-sex attractions within oneself and can lead to repression, self-loathing, and depression. Institutionalized homophobia is the occurrence of homophobic laws, policies, and positions taken by social and governmental institutions. Homophobia often leads to intolerance, bigotry, and violence towards anyone not acting within heterosexual norms.

Homosexual
A person who has significant romantic, emotional, physical and sexual attractions to members of the same sex or someone who identifies as a member of this community.

Intersexed
A person whose biological sex differs from one of the two expected patterns. This can be the result of a chromosomal combination other than XX or XY, or primary or secondary sex characteristics that defy medical definitions of male and female.

LGBT
A common acronym for lesbian, gay, bisexual, and transgender. Variations include: GLBT, and the possible addition of letters and symbols including “Q” for queer or questioning, “A” for ally, “?” for questioning, and “I” for intersexed.

Lesbian
A female-identified person who has significant romantic, emotional, physical and sexual attractions to other female-identified people or someone who identifies as a member of this community.

MTF/M2F
A term to indicate a male-to-female transgender individual, meaning someone who was assigned male at birth, but identifies and lives as female. Also known as a “transgender woman” or “transwoman.”

Outing
The involuntary disclosure of one’s sexual orientation, gender identity, or intersex status. There is debate within the LGBTQ community regarding the appropriateness of outing high-profile individuals.

Pangendered
A person whose gender identity is comprised of all or mixed genders.

Pansexual
A person who has significant romantic, emotional, physical and sexual attractions to people regardless of their biological sex or gender identity.

Queer
An umbrella term for those within the sexual minority community. Historically queer has been used as a derogatory term but has recently been reclaimed as a term of pride. Because of the original derogatory nature it has not necessarily been accepted by all as a term of pride.

Same Gender Loving
A term often used by members of the Black/African-American community to express same-sex attraction without relying on terms and symbols of European descent.

Sex Realignment Surgery
A group of surgical options that help bring a person’s biological sex in line with their gender identity. Also known as “sex reassignment surgery,” this group may include “top surgery” (the creation of a male contoured chest or breast augmentation) or “bottom surgery” (altering the genitals). “Sex change” is considered a derogatory term.

Sexual Orientation
A person’s emotional, physical, and sexual attraction and the expression of that attraction with another individual.

Transgender
An umbrella term for people whose gender identity does not match their sex as assigned at birth or deviate from the gender binary. This includes, but is not limited to, transsexuals, cross- dressers, androgynous people, genderqueers, and gender non-conforming people. “Transgender” is a unique term in that one must identify as transgender before it can be used by others to describe them.

Transition
The process a gender variant person undergoes when changing their bodily appearance either to be more congruent with the gender/sex they feel themselves to be and/or to be in harmony with their preferred gender expression.

Transmasculine
Often used as an umbrella term for people assigned female at birth who identify as masculine of center- — that is, they identify more closely with maleness than femaleness, and generally desire a physical appearance that reflects this identification, but do not identify as wholly male or as a man. This term often includes transmen, but the adoption of the term as an identity is a matter of personal preference.

Transphobia
Thoughts, feeling, or actions based on fear, dislike, judgement, or hatred of people based on their actual or perceived gender identity. Like biphobia, transphobia can exist amongst the LBGT community.

Transsexual
A person whose gender identity is not in line with their sex as assigned at birth. Often transsexual people alter or wish to alter their bodies through hormones or surgery in order to make it match their gender identity.

Transman
An identity label sometimes adopted by female-to-male transsexuals to signify that they are men while still affirming their history as females.

Transwoman
An identity label sometimes adopted by male-to-female transsexuals to signify that they are women while still affirming their history as males.

Two-Spirit
An umbrella term used by Indigenous North Americans who have mixed gender attributes. They usually fulfill distinct gender and social roles in their tribes, and are often involved in mystical rituals. Their dress is usually mixture of male and female articles and they are seen as a separate or third gender. The term ‘two-spirit’ is usually considered to specific to the Zuni tribe. Similar identity labels vary by tribe.

Ze/Hir
The most common gender neutral pronouns and are preferred by some gender variant persons. Pronounced /zee/ and /here/, they replace “he”/”she” and “his”/”hers” respectively.

fonte: "Matthew Shepard Foundation"
MaggioValentaSophiaUnconventionalLoverPhoebealia
Post edited by riot on
"Gli stronzi e i disonesti vanno sempre avanti nella vita. Le persone per bene restano indietro."
(Affermazione constatativa esistenziale di una mia conoscente).

Commenti

  • riotriot Moderatore
    modificato December 2017 Pubblicazioni: 3,819
    un'immagine di Two-Spirit:

    image
    UnconventionalLoverale82
    Post edited by riot on
    "Gli stronzi e i disonesti vanno sempre avanti nella vita. Le persone per bene restano indietro."
    (Affermazione constatativa esistenziale di una mia conoscente).
  • ValentaValenta SymbolPilastro
    Pubblicazioni: 7,721
    Grazie, da nd che rientra nella comunità Lgbtq mi sembra molto utile questo chiarimento.
    UnconventionalLoverriot
  • PavelyPavely Andato
    Pubblicazioni: 3,350
    Personalmente, ho studiato sessuologia per circa 10 anni.

    Adesso, a 41 anni, sono arrivato ad una conclusione abbastanza semplice.

    Secondo la mia opinione, esiste UN solo genere, quello femminile.

    Tutti gli esseri umani sono più o meno femminili.

    Sono stanco di sentire sessuologi che ancora oggi - nel 2017 - si chiedono perché gli uomini abbiano i capezzoli.

    Il mio genere è abbastanza chiaro: ho poca femminilità. Ma cosa sia mai il concetto di "maschile" mi è assolutamente oscuro.

    E' maschile indossare pantaloni? Avere peli sul viso? Avere una voce bassa? Fare determinati lavori?

    Anche avere un pene è assolutamente ininfluente: gli Ermafroditi sono uomini o donne?

    E' assolutamente vero che l'uomo ha un apparato riproduttivo differente, una struttura ossea diversa e una forma corporea particolare. Ma è anche vero che, essenzialmente, il corpo muta in relazione alla carenza di tutti quelle sostanze corporee che rendono un corpo meno femminile.

    La gestazione non è nient'altro che questo processo di creazione. Attraverso due importanti fasi, il corpo della mamma dà Ondate oceaniche di complessi ormonali e biologici tali da decidere il sesso del nascituro. Ciò avviene in modo quasi "massivo" e da questo fenomeno naturale noi deduciamo (sbagliando) che esistano due identità di genere.

    No.

    Esiste una scala infinita di genere. E non solo: una scala infinita di identità e di ruoli corporei.

    Così come ogni donna ha il diritto naturale di avere ogni tipo di comportamento e desiderio maschile così ogni uomo ha il diritto di esprimere liberamente la propria femminilità.

    Ogni persona ha una data femminilità. E può cercare persone con più o meno femminilità di lui.

    Ciò che si cerca nel sesso è solo la femminilità. Non si cerca la mascolinità: quando una donna cerca un uomo aspira a essere femminile. Ma anche quando un uomo cerca un uomo compie lo stesso gesto.

    Chi è cercato - l'uomo - desidera la femminilità nell'altrui corpo. Chi cerca - la donna - si sente pienamente femminile in sé.

    Nella specie umana non può esistere un concetto culturale paragonabile a Femminismo declinato al Maschile. Anche solo "Maschismo" o "Machismo" a voler usare un bruttissimo ispanismo non ha minimamente senso. Anche Maschilismo indica un aspetto della cultura umana che non ha nulla di erotico (e solo gli uomini biologici o le donne con pochissima femminilità possono apprezzare comportamenti maschilisti).

    Forse, bisognerebbe aprire il Vocabolario attuale ad una serena accettazione della realtà. Gender - in italiano genere - è Femininity. E' Femminilità.

    Soprattutto: bisogna proprio smettere di credere che esista REALMENTE una polarizzazione su due generi. O, peggio che mai, un uomo che ama un uomo sia gay.

    Se un uomo ama un uomo - cosa ovviamente più che naturalissima - parliamo di due esseri umani che scelgono di vivere la propria dimensione affettiva, erotica, romantica, coniugale vivendo a pieno la propria femminilità. Così due donne che si amano scelgono di esprimere come e quanto vogliono la propria femminilità. Esistono donne che si amano che esprimono molta femminilità e donne che si amano che ne esprimono pochissima. Oppure esistono uomini che si amano che sono molto femminili e uomini che si amano che assolutamente non lo sono.

    §

    Non lo so.

    Il vocabolario contemporaneo mi appare solo una MANIFESTAZIONE CULTURALE NEUROTIPICA.

    Da un punto di vista decostruttivistico e derridiano mi appare davvero privo di senso.

    Troppe polarizzazioni.

    Troppe complicazioni.

    Troppo desiderio di categorie.

    Davvero, il Sesso non accetta tutto questo.

    Non solo tutti noi siamo più o meno femminili. Ma tutti noi cerchiamo corpi più o meno femminili (e ciò in coerenza con il lavoro fatto dalle mamme durante il periodo di gestazione).

    Sono stanco, davvero... sono molto stanco di ascoltare persone che pensano che i Gay o gli Eterosessuali siano tutti uguali.

    Non esistono due gay, due lesbiche o due etero paragonabili. In niente.

    In genere: nell'erotismo non si possono fare paragoni. L'Erotismo non è nient'altro che un SUBLIME ANDARE AVANTI. Sempre. L'erotismo è il linguaggio che ammette solo un tempo: il futuro. Ti amerò è erotismo. Ti ho amata è pace dei sensi.

    §

    Rifiuto questo vocabolario.

    E penso, davvero, che gli Autistici dovrebbero riscriverlo secondo i propri parametri.

    AI miei occhi, questi termini non sono altro che una espressione della Neurotipicità. Dunque: qualcosa di oppressivo per il mondo Autistico se imposto.


    cicalinaThemOutale82alia
  • riotriot Moderatore
    modificato December 2017 Pubblicazioni: 3,819
    @Pavely IL TUO POST è MOLTO DIVERTENTE!

    Primo: una cosa è l'erotismo (fantasia sessuale), e una cosa è l'identità di genere (status della persona). Non ti confondere! infatti, ho premesso che non avrei inserito termini appartenenti alla parafilia.

    Secondo: non ti sei accorto che, confutare uno strumento come questo, significa non aver capito decenni di militanza GLBTQ+.

    Ad esempio, per l'Heterosexism i Gay non dovrebbero esitere. Esisterebbero solo gli Homosexual. Ma in questa lista appare anche il termine GAY, che è l'appropriazione politico/culturale dell'identità omosessuale.

    Parlando del mio solo specifico, nell'elenco sono compresi i termini:
    - Homosexual
    - Gay
    - Homophobia

    Sono gli ultimi due termini a distaccare ed evolvere dalla sola classificazione medica.
    Ad esempio, non è che ignorando la parola "Autismo" sia possibile divenire direttamante Aspie, perché il secondo termine evolve da quello medico. Se non sai e non accetti cosa sono i criteri Asperger, come puoi identificarti come Aspie?
    (lo spiego meglio: altrimenti torna pure il principio che chiunque può identificasi Aspie perché fa tanto figo)

    Dunque, nonostante io abbia identità omosessuale, mi definisco gay per un fatto politico e culturale.

    Ed in entrambe le diversità, Aspie e Gay, una cosa sono le definizioni ufficiali (Asperger e omosessuale), un'altra cosa l'uso che ne faccio (identitario ma culturale/politico).
    raramente qui mi affermo attraverso la mia diagnosi. perché non serve agli altri se non in casi particolari.
    ovvero, per me la condizione Asperger è solo il punto di partenza. Da qui si espande il mio personale mondo interiore ed anche pubblico. Ma non cado nella trappola dell'etichetta per cui prima di tutto sono Asperger. No. Prima di tutto sono io: M.

    Idem con l'identificazione nell'identità sessuale.

    Altro esempio per divagare: una persona sospetta Transessuale ha bisogno di capire esattamante cosa è (brutta frase ma chiarisce bene). Poi sarà, oltre questo, una persona con i suoi specifici desideri, bisogni, amori, erotismo ecc. ecc. e libera di definirsi come vuole. Spesso solo col nome femminile.

    Ma come puoi tu dire ad una persona M2F che non deve identificarsi nel corpo femminile se è proprio quello che sente?
    E bada bene, non tutte le Transessuali fanno poi della loro identità una questione politico/culturale. Molte desiderano solo di avere un marito, sposandolo, e vivere una vita "comune", dimenticando il passato e le etichette.
    Altre si scoprono lesbiche o transgender, ecc. ecc.
    Sai cosa significa? che le etichette che tu pensi siano solo dei contenitori stagni, in realtà sono assemblabili tra loro secondo persona.
     
    Le etichette si usano solo per chiarezza in se stessi, mica solo per definirsi.
    E "definirsi è limitarsi"? è una vecchia questione che ho dibattuto quando militavo nei primi anni '90 e non s'è mai raggiunto un punto di arrivo: come un cane che si morde la coda.

    Bisogna avere più apertura in un campo - la sessualità - che non è più classificabile solo in maniera standard (medica/psicologica) dal momento che decenni di cultura e battaglie hanno permesso di cambiare le varie condizioni attraverso altre terminologie che - questo si - la cultura dominante ha sempre negato, ostraciato e violentato: non esiste in campo medico la definizione dell'insieme GLBTQ+ perché  è solo politico/culturale!

    vedi che quello che dici è stato già fatto?

    Terzo: dove mai hai letto che TUTTI quelli che hanno creato, quelli che utilizzano e quelli che hanno accettanto questi termini siano NT? Davvero puoi dimostrarlo?

    e c'è da rifondare i termini in chiave Autistica? fallo ma senza denigrare il lavoro altrui, che è costato anche violenze fisiche e psicologiche, come discriminazione, aggressioni, omicidi.

    cioè devi vedere questa lista anche nei suoi aspetti evolutivi (leggi politici). altrimenti sarebbe più o meno fatta da solo 5 (dico 5) termini.

    Per finire, io ho citato la fonte: La Matthew Shepard Foundation, con la quale collaboro dal 2005.
    è anche attraverso loro che negli USA sono arrivati a molti progressi sul piano legislativo e culturale.
    e personalmente non ho mai pensato di dover mettere paletti alla comunicazione con loro per questioni ND. Sai cosa ti risponderebbero? "E dov'è il problema?"
    Voglio dire che le persone sono e vedono oltre le etichette.

    Tu, invece, nel tuo post continui a definirti "Autistico". Scusa ma non capisco: non è solo un termine medico e NT?
    Allora prima di tutto non dovresti cominciare da questo? perché non ti definisci Aspie? in fondo, rivedere le terminologie in chiave "Autistica" non è esattamente una questione che farebbero gli specialisti (tutti rigorosamente 100% NT come pensi tu che siano...)


    Domenicoale82aliaSheldon
    Post edited by riot on
    "Gli stronzi e i disonesti vanno sempre avanti nella vita. Le persone per bene restano indietro."
    (Affermazione constatativa esistenziale di una mia conoscente).
  • PavelyPavely Andato
    modificato December 2017 Pubblicazioni: 3,350
    @riot provo a risponderti.

    Dopo aver letto il tuo post io mi sono chiesto se io pensi REALMENTE che tu sia una persona omosessuale o gay.

    La risposta è no.

    Dopo essere andato al Meeting di Spazio Asperger di questa estate, aver visto te con l'uomo che ami, dopo aver parlato con te due volte e dopo aver visto come parli, ti muovi e pensi io sono assolutamente certo che tu non sia omosessuale. Come, ovviamente, non lo è l'uomo che ami.

    Categorie come Gay o Omosessuale o PEGGIO CHE MAI Aspie (termine quest'ultimo da me ampiamente non solo criticato ma disprezzato) sono concetti, secondo la mia opinione, non solo irreali ma anche dannosi. Capaci di creare solo odio e portare persone ad aggredirne altre. Infatti, tu mi ricordi come persone siano morte per affermare la sua verità.

    Io Paolo penso che gli esseri umani esprimono femminilità.

    I concetti di maschio o femmina si applicano PURAMENTE agli organi del corpo umano. Intendo dire: alle singole parti. A cose come organi riproduttivi, ossa, stistema neurologico, cuore-polmoni e così via. In senso lato ed ESTREMO arrivo a dire che il Corpo umano si possa distinguere in corpo Maschile o Femminile. Intendo dire: a livello PURAMENTE BIOMETRICO.

    Detto questo: ciò che rimane e che occorre sapere della specie umana è solo la Femminilità.

    Giuridicamente parlando identifico il Genere solo come Richiesta di femminilità.

    E' un concetto abbasta semplice da capire.

    Concetti come Maschile, Eterosessuale, Transessuale, et alia, declinati come a far credere che ESISTANO DIVERSI TIPI DI DESIDERIO è non solo stupido ma anche dannoso.

    Tutta la specie umana, sia che si possieda un corpo maschile o che si possieda un corpo femminile, aspira alla Femminilità. C'è chi ne chiede poca, chi ne chiede tantissima, chi non la chiede quasi per niente, chi non sa starne senza.

    §

    Io so perfettamente che tu hai combattuto una vita per difendere Culture e Concetti come Gay o Omosessuale.

    Secondo la mia opinione, l'unica cosa sensata - a livello umano e giuridico - è riconoscere il Diritto naturale della specie umana alla femminilità.

    Tu, nella tua vita, non hai promosso e difeso di diritti dei Gay. Tu hai promosso l'idea che metà della specie umana, grossomodo corrispondente a chi ha un Corpo maschile, ha diritto alla Femminilità.

    Ben venga. E' una battaglia giusta.

    §

    Mi dispiace.

    @riot io vedo M.

    Vedo un uomo che ama un'altro uomo. Se ricordo bene: A.

    Siete bellissime persone, profonde e uniche. Eleganti e assolutamente responsabili. Siete voi. (Devo ammettere che ti conosco poco).

    Provo un benché minimo interesse... oppure: do un benché minimo valore al fatto che è immaginabile che voi abbiate Romanticismo o Cura o Responsabilità comuni nelle vostre vite? Per me ha un benché minimo valore culturale il fatto che abbiate due corpi di forma maschile?

    Io non riesco a percepire - in nessun modo - concetti come omosessualità o comportamenti gay o altro.

    Ovviamente: mi incazzo se viene negato il diritto di chi ha un corpo maschile ad esprimere la femminilità. Lo giudico un sacrosanto diritto naturale. Razionalmente, a parte la femminilità, non esiste altro.

    §

    Esistono, questo è vero, IMBECILLI che affermano che chi ha un corpo di forma maschile non deve chiedere molta femminilità o chi ha un corpo di forma femminile deve chiederne tanta.

    Ma si tratta di IMBECILLITA' e di VIOLENZA.

    Non si può dire nulla di sensato. Ci si può solo chiedere perché nasca la Violenza, questo si.

    §

    Dell'uomo, dunque, si possono solo dire due cose: la sua forma corporea, la sua domanda di femminilità.

    Sono due concetti che possono essere studiati.

    Per il resto: MAI DUE ATTI SESSUALI SONO COMPARABILI.

    Affermare - ed è un'affermazione veramente stupida - che Tizio e Caio, una coppia, Sempronio e Mevio, un'altra coppia, sono omosessuali perché hanno una forma corporea simile è veramente non sapere cosa sia la Sessualità umana.

    Del sesso, nessun essere umano può tracciare Categorie comparabili.

    Mai.

    Anche solo immaginare che più esseri umani possano rientrare in una categoria a seconda del loro desiderio o della loro identità culturale corporea/erotica significa davvero rinunciare anche al più piccolo pezzo di intelligenza che Madre Natura ci ha dato.

    Mai il desiderio di una persona è comparabile al desiderio di un'altra persona.

    Mai, in altre parole, dico.... MAI DUE LETTERE D'AMORE SARANNO SIMILI.

    §

    E' parte costituente della Neurotipicità il DIFETTO MENTALE di cercare CATEGORIE OLTRE IL NECESSARIO.

    Posso assicurarti - per farti un esempio - che @wolfgang davverro pensa che esistano più categorie di Autismo. E non solo uno spettro. Ma lui pensa questo perché è estremamente neurotipico e questo è un bene (sommato al fatto che è estremamente intelligente, altro bene per la nostra causa).

    Nessuna categoria nel sesso oltre quelle che ho detto.

    Di scala da osservare ci sono solo i parametri che identificano un materiale biologico come Maschile o Femminile. E, oltre questo, la Femminilità che OVVIAMENTE non ha nulla a che fare con il Femminile.

    §

    Femminilità ha questo nome perché nel XX° secolo i ricercatori PENSAVANO INGENUAMENTE che fosse una caratteristica propria solo di chi ha un Corpo di forma femminile.

    §

    Dunque: che ogni essere umano possa vivere serenamente la propria ricerca di femminilità.

    Punto.

    E' un diritto giuridico.

    Con il tempo dimenticheremo tutte queste stupide classificazioni e arriveremo, serenamente, al punto in cui la forma corporea della persona che amiamo è ASSOLUTAMENTE INDIFFERENTE.

    Cominceremo a capire, per fare un esempio, che concetti come Eterosessualità o Omosessualità difficilmente possono descrivere i sentimenti di un Maschio che ama un FtM. Oppure: è quasi impossibile trovare una parola che descriva l'amore di un MtF per un ermafrodito. Oppure: è, @riot difficile trovare un termine che identifica l'amore tra due ermafroditi. E così via.

    In LGBTQI et cetera... trovami in termine che indica l'amore tra due ermafroditi, insisto. Ma trovami anche il termine che indica l'amore nel mondo KINK o l'amore nel mondo BDSM o in quello di eterne infinite variazioni della sessualità umana.

    Davvero: se mai due atti sessuali sono identici - è ciò è necessario alla stessa sopravvivenza della nostra specie - è giunto il tempo di capire che di una persona si può dire solo se sia più o meno femminile.

    Altro non solo non possiamo (e non dobbiamo) sapere ma, soprattutto, non ci è dato sapere.

    §

    Possiamo solo spendere anni ad indagare la Storia sessuale di una persona. Capirne tutta la profondità e l'immensità, la complessità e l'eternità. Coscienti che MAI una storia sessuale di una persona sarà comparabile a quella di un'altra persona.

    §

    Gli NT creano gruppi.

    E creando gruppi e identità CREANO NOMI.

    Ma questi nomi passano.

    @riot gli Omosessuali non sono più Uranisti. E il termine Uranista o Amante greco o così via... non esistono più.

    Anche il termine Omosessuale passerà di moda.

    La natura gioca con i numeri. Desidera che siamo tanti e che nulla si assomigli.

    Anche due gemelli omozigoti sono diversi per Madre Natura.

    E tu mi vieni a dire che esistono corpi simili?

    Certo che esistono... oh si... ma esistono solo nella mente NT delle persone.

    §

    Io voglio solo che le persone siano LIBERE in modo totale, che accettino il loro corpo, che siano felici e CHE NESSUNO SI ANCORI PIU' ALLA STUPIDAGGINE CHE CHI HA UN CORPO MASCHILE DEVE DESIDERARE POCA FEMMINILITA' O ALTRO.

    Basta.

    Siamo giunti all'età giuridica in cui ognuno ha diritto a comportamenti femminili.

    Da intendersi: DIRITTO ANCHE A CHIEDERNE POCHI.

    Diritto naturale ad essere POCO FEMMINILI.

    Credo che questo sia ovvio e lo ripeto solo per amore dell'arte.

    §

    Questo è ciò che penso.

    mandragola77alia
    Post edited by Pavely on
  • riotriot Moderatore
    modificato December 2017 Pubblicazioni: 3,819
    @Pavely,

    prima di tutto ti ringrazio per le belle parole di apprezzamento, che ricambio anche perché permetti di stimolare sui contenuti di questo thread.

    Se leggi attraverso le parole, vedrai che su molti concetti siamo già d’accordo. Attraverso le parole perché tanto per fare un esempio, quello che tu definisci come “diritto alla Femminilità”, per me è “diritto all’auto-determinazione”, dove per auto-determinazione intendo un progressivo e totale scollamento dalle categorie verso la personale realizzazione umana.

    La differenza, caro Pavely, è che tu ti esprimi in un modo poetico, mentre io ho classi meno, diciamo, astratte.

    Quand’è soprattutto che diciamo la stessa cosa? Quando io affermo che le categorie servono solo per riconoscersi, e che poi si devono abbandonare per affermarsi attraverso la propria persona: i bisogni, i desideri, ecc.
    e fare questo, cioè auto-determinarsi è quel tuo prendersi il diritto alla Femminilità.
    Tuttavia io penso che sia un passo ulteriore che ognuno deve fare da solo: non posso e non voglio più farlo per altri.

    Allora che senso ha questo elenco di categorie?
    Lo spiego. A volte qui sul forum leggo inesattezze. ho voluto precisare.

    E dire ad un preadolescente che sta iniziando a scoprire se stesso/a, che la sessualità è quell’attività umana che porta ad affermare il diritto alla Femminilità (ma forse sono io che pecco di sfiducia), a me sembra molto complesso, prematuro.

    La lista delle categorie serve come una mappa, una mappa faticosamente ri-costruita con anni e anni di dibattiti e battaglie civili.

    Non puoi davvero pensare che un ragazzo F2M non ne abbia bisogno per collocarsi esattamente all’interno della cultura dominante.

    C’è una contingenza data dall’ostilità della cultura sociale.

    E gli serve anche per gestirsi sia nei confronti degli altri e sia per i percorsi psico/fisici che dovrà affrontare.

    Dopo, una volta acquisita l’identità, c’è il passaggio verso l’autodeterminazione dell’intera persona.
    E, dicevo prima, è un passo ulteriore che ognuno deve compiere da solo.
    Io mi limito a fornire uno strumento. Poi, ognuno ne faccia l’uso che crede.

    Così come io non faccio un passo indietro rispetto alla mia visibilità, così non desidero che altri facciano i propri percorsi attraverso me: l’evoluzione personale è troppo compless e solo dei singoli, penso.

    È per questo che, credo, tu non abbia visto me e il mio compagno come persone omologate secondo quell’immagine che si ha in genere delle persone omosessuali.
    Noi, questi percorsi li abbiamo già compiuti.
    Io mi definisco Gay quando devo specificare all’interlocutore a svilirmi od offendermi, se dovesse capitare ancora.

    Questo “abbandonare le categorie” però è altro: è un percorso che si pone da un certo momento in poi per sviluppare la propria personale cultura proprio a partire dall’identità. l’identità sessuale è solo il punto fermo d’origine.
    Si usano per comprendersi e si abbandonano verso definizioni politico/culturali come quel diritto alla Femminilità o all’auto-determinazione che dir si voglia.

    Abbandonarle significa proprio quel non si devono “cercare categorie oltre il necessario”, come affermi tu.

    Ma soprattutto qui in Italia è un discorso arduo, ancora per certi aspetti prematuro.
    Leggere il commento di @Valenta, infatti, è stato molto interessante. Ancora serve in Italia dare definizioni, che poi significa fare chiarezza.

    E per fare chiarezza, allora ti dico che il Kinky e il BDSM sono fantasie sessuali, non identità sessuali: come ad un Gay può piacere il SM, ad un etero può piacere travestirsi da donna.
    Conosco pure un eterosessuale che si fa sc****e felicemente da sua moglie con uno strap-on.
    È una sua fantasia, ma lui sa di essere eterosessuale, cioè non lo farebbe con un omosessuale perché non gli piace il corpo maschile.
    Il corpo sessuato e le fantasie connesse entrano nel desiderio, un po’ meno nell’identità che si, sono d’accordo, è più fluida.
    E anche il corpo sessuato, a livello di desiderio può cambiare nel tempo.
    Ad esempio, può piacere un corpo fortemente maschile in un dato momento della vita, per poi passare, che so, al tipo skinny.
    Che ognuno sia libero anche nella propria fantasia erotica.

    Ancora. Non c’è bisogno di inscrivere a priori le persone all’interno di categorie: è solo un percorso identitario soggettivo, per cui sarà il “Maschio che ama un FtM” a volersi definire secondo i propri criteri, così come potrà farlo una MtF che ama ermafrodito, e due ermafroditi che si amano.

    A me personalmente non interessa come e se si definiscono o meno: è la loro vita.

    Cioè nessuno obbliga nessuno: ti serve di orientarti? Ecco: puoi usare quello che è stato fino ad oggi elaborato. Non vuoi? Bene lo stesso!


    Tu potrai dire: si ma qualcuno dovrà pur cominciare a parlare di abbandono delle categorie.
    Allora si apre un altro capitolo.
    Tu scrivi di non conoscermi abbastanza. Non saprai quindi che io sono fuoriuscito dal movimento omosessuale 20 anni fa in polemica feroce con l’allora direttivo di una delle più grandi associazioni territoriali (non voglio scriverne oltre perché il post  è pubblico).

    Ne uscii pensando: basta. Ne faccio una questione culturale e mi dedicherò solo al rapporto ad-uno-ad-uno, attraverso l’arte e la cultura anziché attraverso la militanza strettamente politica.

    La cosa va avanti così ma, con l’andare del tempo, proprio dialogando con persone “avulse” al movimento mi sono reso conto di come l’approccio alla sessualità sia, ancora negli anni 2000 in Italia, rimasto quasi nelle coscienze ai tempi dei Comizi d’Amore pasoliniani.

    Cioè a parole ti dicono si ma siamo ormai “liberi”, e poi o seguono la massa nel denigrare o affermarsi assolutamente etero (sic!) ancora a 40 anni, oppure ti dicono che ormai il movimento non ha più ragione di esistere (nonostante la recrudescenza omofoba) perché si sono raggiunti gli obiettivi (che per loro sarebbero le unioni civili...)

    E se questo non vedere/non voler vedere accade tra le persone omosessuali, figuriamoci tra gli eterosessuali.

    Nella fine degli anni ‘80 negli USA uscirono un paio di libri, scritti da uomini, che affrontavano i concetti di revisione del ruolo maschile nella sessualità etero.
    Dove sono finiti? Nel dimenticatoio...
    A questo punto dico: sai che c’è? Io i miei percorsi li ho fatti e mi basta.


    Poi mi attribuisci un pensiero che non ho espresso perché non è il mio: “E tu mi vieni a dire che esistono corpi simili? Certo che esistono... oh si... ma esistono solo nella mente NT delle persone.”

    io non ho mai affermato che l’identità sessuale sia solo connessa al corpo, così come non ho mai pensato che esistano corpi simili. Casomai, l’identità appartiene alla persona intera, ovvero l’identità sessuale supera il corpo, altrimenti come spiegare i/le Transessuali?

    Ad esempio, io sono molto diverso dal mio compagno. ma siamo complementari, non identici.

    Significa anche che io con un’altra persona omosessuale posso avere in comune solo il desiderio verso il corpo maschile, e nient’altro, neanche le idee, altrimenti mi dovrebbero piacere tutti.
    In realtà, sono estremamente selettivo pure in questo.


    Per finire, quando tu scrivi: “Con il tempo dimenticheremo tutte queste stupide classificazioni e arriveremo, serenamente, al punto in cui la forma corporea della persona che amiamo è ASSOLUTAMENTE INDIFFERENTE”, beh io mi commuovo per la visione poetica che hai dell’umanità, che mi fa riconsiderare una certa dose di sfiducia che su questi temi ho verso il prossimo.



    Domenicomandragola77alia
    Post edited by riot on
    "Gli stronzi e i disonesti vanno sempre avanti nella vita. Le persone per bene restano indietro."
    (Affermazione constatativa esistenziale di una mia conoscente).
  • PavelyPavely Andato
    modificato December 2017 Pubblicazioni: 3,350
    @riot vorrei risponderti dicendoti una cosa.

    Io non amo le citazioni. Però, qui, vorrei fartene una.

    Benedetta Craveri, forse una delle più grandi giornaliste che l'Italia abbia mai avuto, il 18 dicembre 1998 intervista, per Repubblica, la poetessa Szymborska.

    Parlando della sua uscita - nel 1966 - dal partito comunista (in difesa di un intellettuale del tempo perseguitato dal regime) Wislawa dice:

    ""Mio Dio, com' è fortunata di non aver conosciuto quei tempi... ma non è
    una risposta. La maggior parte della mia generazione letteraria, non
    tutta (Herbert ad esempio non ha mai prestato ascolto a quei begli
    slogan), ha creduto che il sistema comunista fosse un sistema che
    assicurava la felicità del genere umano. E in verità lo abbiamo
    creduto. Bisogna ugualmente dire che eravamo molto giovani, stupidi,
    ingenui, senza alcuna esperienza politica. A questo punto aggiungo che
    uscivamo da una terribile guerra e che volevamo con tutte le nostre
    forze amare il genere umano. Ora, e lo so da un certo tempo, non è il
    genere umano che bisogna amare, bensì gli uomini, gli individui, ogni
    individuo separatamente
    . E' certamente questo ciò che ho ricavato da
    questa esperienza. E affermo che tutte le dottrine, tutte le ideologie
    prendono in considerazione l' uomo come parte di una massa, ma non
    amano l' uomo come individuo.
    Perché ciò non si accorda con la
    dottrina".

    Mi sono permesso, @riot di mettere in grassetto due frasi. (Off topic: l'intervista era in un pezzo - mi ricordo - chiamato "Quando il gatto si offende"... chissà se avendo un abbonamento a Repubblica sia possibile riprendere a pieno il testo...).

    Quasi vent'anni fa, la Szymborska ha colto il messaggio essenziale che voglio darti.

    Per capire il mio messaggio occorrerebbe che tu ed io ci confrontassimo su alcuni testi.

    Parlo del bellissimo "L'invenzione dei sessi" (Il Saggiatore, 1994) della Lorber o "Storia dell'amore e del sesso nell'età moderna" (Laterza, 1976, se ricordo bene) di Solé da interpretarsi alla luce delle basi tracciate dal manuale curato da Geer o O'Donohue "Theories of Human Sexuality" della Plenum Press che lessi da ragazzo (avrò avuto 14 anni, quindi il libro dovrebbe essere stato pubblicato attorno all'86).

    Judith Lorber è, per me, fondamentale.

    E vorrei che tu riflettessi su alcune cose che lei spiega nel suo saggio.

    Perdonami se cito ancora:

    1.

    "Le società occidentali legittimano la
    classificazione per generi sostenendo che tutto dipende dalla
    costituzione fisiologica, ovvero dalle differenze che femmine e maschi
    manifestano nella procreazione. Ma il genere e il sesso non sono
    equivalenti e, come costruzione sociale, il genere non deriva
    automaticamente dagli organi genitali e della riproduzione
    , che sono i principali elementi di differenziazione tra femmine e maschi."

    2.

    Le società occidentali hanno solo due generi, “uomo” e “donna”. Altre società possiedono invece tre generi differenti:
    uomini, donne e “berdache” (fra gli indiani d’America) oppure “hijra”
    (in India) o “xanith (nell’Oman)”. Questa terza categoria indica
    individui che biologicamente sono maschi ma che si comportano, vestono,
    lavorano e sono trattati dal punto di vista sociale come donne; quindi
    non possono essere definiti uomini e nemmeno donne con caratteristiche
    femminili: nella nostra lingua sono “donne maschili”. Altre società che
    hanno istituzionalizzato gli uomini appartenenti a un terzo genere sono i
    Koniag in Alaska, i Tanala in Madagascar, i Mesakin nella Nubia e i
    Chukchee in Siberia. Tra gli africani e gli indiani americani esistono
    società che hanno un genere chiamato “donne dal cuore maschile”: si
    tratta biologicamente di femmine, che però lavorano, si sposano e
    assumono il ruolo di genitori in qualità di uomini; il loro stato
    sociale è quello di “uomini femminili”."

    3.

    Dunque i generi non sono né legati a un substrato biologico, né dotati di confini invalicabili. I
    passaggi di individui e di gruppi socialmente organizzati da un genere
    all’altro richiamano l’attenzione sulle “dissonanze culturali, sociali o
    estetiche”. Questi generi bizzarri, devianti o di terzo tipo ci
    mostrano qualcosa che normalmente diamo per scontato: che le persone “imparano” a essere donne e uomini.


    §

    Ora: potrei citarti molte ricerche antropologiche sui Uomini Femminili e sulle Donne maschili nelle culture mondiali. Io però immagino che tu abbia letto il libro della Lorber. E come lo chiedo a te, se mai qualcuno passerà qui a leggere le nostre parole, vorrei dirti che sarebbe un bene riscoprire il suo saggio. Anche se è di vent'anni fa, esso descrive perfettamente il Tempo che viviamo.

    Io posso comprendere il tuo lavoro. Io lo apprezzo. Io do valore a ciò che hai fatto e do un grandissimo valore a ciò che fai oggi.

    Pure, @riot io vorrei che tu unissi, idealmente, il messaggio contenuto nei libri che ti ho indicato a quanto sintetizzato dalla Szymborska sul tempo attuale. Sul tempo in cui viviamo: sul tempo, su questo tempo, che ci appartiene.

    E' importante che in un qualsiasi dizionario esistano i Termini propri per indicare gli Uomini femminili e le Donne maschili nelle culture mondiali. E' importante, è davvero importante, che i ragazzi sappiano che oltre la Barriera culturale dell'Occidente europeo e dell'"Estremo occidente" degli USA - tu perdonami se io uso l'espressione "Estremo occidente" su cui scrissi anche un saggio  - con te. Cè un sapere essenziale che descrive la specie umana e che ci è essenziale.

    Io, Paolo, reputo ingiusto che un ragazzo di oggi non sappia cosa sia un Berdache (vedi fotografia che hai postato) o un hijra o gli altri termini che ci spiega, così bene, la Lorber.

    Un Berdache - usiamo questo termine in modo "paradigmatico" e "metaforico" - è un Uomo Donna, un Uomo femminile. Non è - e questo nel modo più categorico - un Transessuale né tantomeno una persona Travestita. E' una persona che può vivere la sua natura di Uomo femminile. Che vive in una società che lo accetta per ciò che è. Ed è un bene che sia così.

    Quando ti ho scritto che nel tempo attuale sarebbe bene riscoprire questo filone di ricerca e proporre di guardare alla Femminilità io esprimo un determinato orientamento, una determinata direzione.

    Io sono profondamente convinto - intendo dire a livello intellettuale - che se abbandonassimo gli strumenti dati a noi da una determinata cultura e cominciassimo a capire quale sia il fine comune che lega Berdache, Hijra, Xanith et cetera... noi capiremo come si esprime la stessa specie umana.

    L'idea di imporre una coerenza tra domanda di femminilità e corpo umano è sbagliata. Ogni essere umano deve essere educato solo alla massima libertà. Se, crescendo chiederà di usare poca femminilità, è giusto che sia così. Se ne vorrà tanta: è giustissimo che sia così ugualmente.

    Ma ciò a cui culturalmente dobbiamo rapportarci non è più il concetto di Maschile o di Femminile. Anche lo stesso concetto di Transizione diverrà - con il tempo - privo di senso. Maschile e Femminile non esisteranno più come determinanti di enti comunicativi sociali al di là della mera descrizione della presenza di organi riproduttivi.

    Ci può non piacere. Ma arriva il tempo di dire basta. Le distinzioni, le categorizzazioni, i nomi e gli enti fanno solo male soprattutto per i Silenzi che portano con sé.

    Ad esempio: a me ha provocato rabbia non leggere il termine Hijra nel vocabolario che hai proposto. Ho studiato moltissimo questa figura: è quando si parla di una determinata bellezza tipica degli anni novanta quasi "efebica" - diciamo alla Kurt Cobain o tipo il giovane Leonardo Di Caprio - sessuologicamente parlando si parla di categorie di cui tutti sanno l'esistenza ma di cui nessuno parla ampiamente.

    E questo riproporre schemi novecenteschi non ha sostanzialmente senso.

    §

    Riguardo la mia notazione sul Sesso Deviante o di Terzo Tipo o Bizzarro mi avvicino ad un Universo di cui, forse, sarebbe bene parlare a parte.

    Ciò che dobbiamo chiederci è questo: in una relazione di tipo Deviante o AltSex o Bizarre - quale quelle espresse tra i tantissimi casi possibili dalle culture BDSM o KINK - cosa è Maschile e cosa è Femminile?

    Ad esempio: il Bottom, la persona con una forma corporea maschile, che decide di vivere un'esperienza di sottomissione per una Domina, per una Domme, è Maschio o Femmina?

    Il 4% della specie umana appartiene a queste culture. Se ci pensi bene, siamo in un terreno in cui le Semantiche corporee si perdono completamente. E, osserva, non si tratta di studiare il Desiderio sessuale. Non ti sto parlando di ciò che un Master o uno Slave fanno. Non ti parlo di pratiche erotiche particolari.

    Pure: se un Padrone veste la persona che ama come una piccola Pony e si fa portare in giro - vedi la Scena californiana di Folsom Street - come definire il loro genere? Di che genere è una Donna che chiede ad un uomo di essere una Pony?

    La chiudo qui per non scandalizzare nessuno parlando di comportamenti che potrebbero urtare la sensibilità e offendere qualche lettore e che, purtroppo, esistono.

    §

    Le categorie sessuali non sono uno strumento utile per costruire un'identità sessuale.

    Ciò che sappiamo è che nella società contemporanea gli NT - tesi all'Empatia e alla Socializzazione - creano queste categorie e obbligano tutti ad essere incasellati in essi.

    Essere Maschi o Femmine oltre il corpo implica un'accettazione cosciente di un complesso di saperi che sono tesi alla Socialità. Accettare il concetto di Maschile è uno dei passaggi fondamentali per fare Amicizia.

    Essere tra Maschi e parlare di Donne è un Rito di passaggio neurotipico a cui tutti noi non abbiamo potuto o saputo o dovuto sottrarci. E' uno dei capisaldi su cui si regge il Governo Neurotipico della società.

    E', in altri termini, un fatto socializzante. Che genera una sofferenza enorme. Ma essenziale alla Creazione di istituzioni sociali (come la Famiglia et alia). L'individuo rinuncia alla propria libertà naturale - la domanda di femminilità - a favore di un costrutto sociale - l'identità maschile - al puro fine di rendere possibile la Società.

    Fa violenza a sé stesso nella SPERANZA di creare un coeso sociale.

    E soffre.

    E la società stessa - prima o poi - osserva ne paga le conseguenze.

    §

    IN questo scenario le parole della Szymborska sono essenziali e sono per me un metro di riferimento.

    §

    Ti ho risposto per esprimerti la mia gratitudine per ciò che hai fatto in Italia. La tua è stata è una battaglia di liberazione.

    Spero: dandoti i miei referenti, di aver chiarito l'origine della mia Opinione personale.

    Ed è bene scrivertelo: è una mia Opinione personale.

    Non sto esprimendo una verità.

    Se tu, se altri, volete affidarvi alle categorie che hai proposto nel tuo piccolo Dizionario potete farlo.

    E' mia opinione personale che quei concetti generino solo sofferenza interiore.

    E sentivo come una spinta etica a scriverlo. A te, a chiunque passi qui. C'è una possibilità di generare un nuovo vocabolario e altri concetti. Che, forse - ma questo è un mio punto di vista - posso darci una maggiore serenità.

    Da questi concetti una nuova lettura di Femminilità del mondo.






    alia
    Post edited by Pavely on
  • riotriot Moderatore
    Pubblicazioni: 3,819
    beh @Pavely, come avevo pensato, la tua è una visione "poetica" della questione. non per niente citi la poetessa Szymborska per chiarire il tuo punto di vista.

    io torno ad affermare che le due visioni non si contrappongono per niente: sono complementari e, sicuramente, io stesso penso all'evoluzione da te descritta come necessaria.

    tuttavia il mio è un interesse pratico, dettato dalle necessità contingenti, come ho già scritto, ed è senz'altro un punto di vista strettamente occidentale.
    occidentale perché è la mia cultura e perché credo fortemente nelle capacità di analisi e di progresso derivante che appartengono, appunto, al pensiero occidentale nella sua evoluzione più recente.

    potrei citarti brevemente un'autrice per me fondamentale, Eve Kofosky Sedwick.
    un aspetto del suo pensiero è che la storicizzazione dei termini che la nostra cultura ha utilizzato nei secoli, anche profondamente condizionati dalla religione, e a partire dal pensiero espresso da Foucault, permette di comprendere ed interpretare i rapporti costruiti attorno alla sessualità.

    se non si compie questo passaggio analitico, se i giovanissimi non hanno la possibilità (fino a pochi decenni fa ancora negata) di attingere a questi strumenti, in loro ci sarà solo confusione e mancanza della propria costruzione identitaria.

    poi, il passaggio da ragazzo ad adulto, da ragazza ad adulta (ruoli intesi come espressione sociale e culturale del nostro tempo, del quotidiano) forse potranno, attraverso il vissuto, permettere di abbandonare se stessi ad un divenire che io però non voglio definire, perché troppo personale per ogni singolo individuo.

    e io penso di aver espresso completamente il mio punto di vista.

    Sophia
    "Gli stronzi e i disonesti vanno sempre avanti nella vita. Le persone per bene restano indietro."
    (Affermazione constatativa esistenziale di una mia conoscente).
  • Simone85Simone85 Veterano Pro
    modificato December 2017 Pubblicazioni: 2,637
    Perché il coming out non è da intendere come evento singolo?
    Uno non potrebbe continuare a comportarsi nello stesso modo di prima anche dopo? Oppure per fare coming out ci si deve necessariamente adattare ad uno stile di vita diverso?
    riot
    Post edited by Simone85 on
  • riotriot Moderatore
    modificato December 2017 Pubblicazioni: 3,819
    Simone85 ha detto:

    Perché il coming out non è da intendere come evento singolo?
    Uno non potrebbe continuare a comportarsi nello stesso modo di prima anche dopo? Oppure per fare coming out ci si deve necessariamente adattare ad uno stile di vita diverso?
    il coming-out libera finalmente la persona da un peso e dal doversi in qualche modo mascherare da quello che non è.
    la definizione inversa è "in the closet" nel senso di stare chiusi nell'armadio.

    nel momento che ti dichiari, cambia il modo in cui le persone ti vedono e rapportano a te.
    ma cambia anche lo stile di vita che diventa, finalmente, "alla luce del sole".
    cioè tante cose che facevi un po' di nasconto, poi le fai visibilmente.
    nel caso delle persone gay, poter presentare e trattare i propri partner in famiglia come compagni effettivi e non più come "amici", e tante altre cose che puoi immaginare.

    Simone85
    Post edited by riot on
    "Gli stronzi e i disonesti vanno sempre avanti nella vita. Le persone per bene restano indietro."
    (Affermazione constatativa esistenziale di una mia conoscente).
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586