Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Flapping, a voi succede?

Da qualche giorno ho scoperto il nome "tecnico" di questo mio comportamento: flapping. A casa l'abbiamo sempre chiamato "sfarfallare" o libellula. Si tratta di muovere, alzare le braccia convulsamente e in maniera irrazionale, magari muovendosi per la stanza. Quando lo faccio è perchè o sono particolarmente contento o eccittato, oppure pensieroso. E qualcosa che mi aiuta a concentrarmi. Sia da piccolo che oggi.
Sfarfallo da sempre e dovunque, spesso a rischio di farmi "beccare"  da estranei, anche se sto molto attento. E' stano sempre una caratteristica trovata "simpatica" dalla mia famiglia, so che lo fa e faceva pure mio cugino, oramai 50enne. Mi rifugio nei miei pensieri, spesso mondi immaginari e sfarfallo convulsamente isolandomi dal resto del mondo. A volte mi "risveglio" e sono esausto. 
Ho visto dei video di bambini su youtube e praticamente mi sono "rivisto".
Abbino a questi da sempre il lancio di oggetti, mollette su tutti, che perdo puntualmente. Più sono gratificato dai miei pensieri più il flapping aumenta e aumenta il numero degli oggetti. Quando comincio a pensare se non posso "sfarfallare" allora comincio a lanciare qualsiasi cosa abbia a tiro: penne, cavatappi, tappi, ecc
Spesso, anche se so che non potrei farlo, ne sento il bisogno inconscio e mi rifugio in un altra stanza abbastanza ampia per correre, lanciare sfarfallare, correndo spesso il rischio di essere "visto".
A tutto questo ricorro pure quando mi rifugio nel mio mondo immaginario che esiste ancora oggi.

Non l'avevo mai detto prima della settimana scorso allo psicologo, che ne è rimasto molto colpito.
Prima di capire che fosse associato all'autismo mi era sempre sembrata una cosa normale, anche se "bizzarra".

A voi pure succede?


SilverSoulgioia
«13

Commenti

  • SilverSoulSilverSoul Membro
    Pubblicazioni: 41
    Sì, e molto spesso!! 

    Per ora non ho nessuna diagnosi, quindi non posso attribuire questo comportamento ad una certa condizione clinica, ma l'ho sempre fatto. Come nel tuo caso, quando ero piccola, in famiglia la cosa suscitava ilarità e curiosità, crescendo ho iniziato a rendermi conto del fatto che fosse socialmente inappropriato. Anche io lo faccio quando sono particolarmente felice, ma anche quando sono arrabbiata o semplicemente quando mi viene in mente qualcosa di molto coinvolgente o dinamico. 
    Non mi aiuta a concentrarmi, però mi fornisce una piacevole distrazione quando sono troppo carica, è una specie di reset (?). 
    Lo faccio quando sono sicura di non essere vista, e quando esco da questa specie di "trance" (è letteralmente come se avessi un altro mondo davanti agli occhi che si sovrappone a quello reale) ho il battito accelerato come se avessi corso, ma mi sento sempre meglio di prima. A differenza tua, durante questi episodi non lancio oggetti, ma cammino veloce e sfarfallo o riproduco i movimenti delle entità che sto immaginando.

    Vedo che questa discussione ha ormai due anni, ma mi sembrava un argomento interessante quindi speravo che si potesse riaprire 
    :)
    mammarosanna
  • loconiloconi Veterano
    Pubblicazioni: 262
    Mio figlio lo fa spesso. Io lo riprendo e si blocca. Mi suggerite di lasciarlo fare in casa, cosicché possa scaricarsi?
    Altra cosa, sotto forte stress o emozione, io cammino veloce e parlo da sola. Sottovoce, ma con la mimica, preparo discorsi o immagino discorsi che potrei affrontare. Non deve esserci nessuno. Anche mia madre l'ha sempre fatto, tanto che quando la incontravo per la casa persa nei suoi ragionamenti le chiedevo " con chi parli?" e lei mi rispondeva "col vicino, col negoziante ecc". Credo lo faccia ancora, ma non vivo più con lei, quindi non lo so.
  • CharadeCharade Veterano Pro
    Pubblicazioni: 791
    Ciao! Io sfarfallo da che ho ricordi. A una certa età ho smesso di farlo in pubblico, suppongo verso i 4/5 anni, ma lo faccio in privato anche adesso che sono adulta. Il bello è che prima della diagnosi non mi ero mai chiesta perché sentissi il bisogno di fare questa cosa e se gli altri la facessero. Era naturale, come tutte le cose a cui siamo abituati da sempre. Forse immaginavo anche che tutti sfarfallassero nel loro privato ma fosse una di quelle cose che "non è opportuno dire in pubblico".
    [mi viene da ridere]
    SilverSoulAntaresmammarosanna
    Vaco, Lucili, vaco, 
    et ubicumque sum, 
    ibi meus sum. 
  • JAA005JAA005 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 682
    Certo. Sfarfallo, cammino in tondo per casa parlando da solo e lancio oggetti. Da sempre. Anche alcuni dei miei familiari piu stretti girano in tondo quando sono pensierosi e parlano da soli. Mia madre, mio fratello di sicuro. Boh
    Charade
  • CharadeCharade Veterano Pro
    Pubblicazioni: 791
    @JAA005 Il girare in tondo lo fanno anche tante persone tipiche quando sono nervose, per esempio quando telefonano
    JAA005
    Vaco, Lucili, vaco, 
    et ubicumque sum, 
    ibi meus sum. 
  • chiocciolinachiocciolina Membro Pro
    Pubblicazioni: 236
    Mio figlio lo fa quando è eccitato per qualcosa oppure quando è arrabbiato ma lui ancora non parla per cui credo sia anche un modo per esprimersi.
  • lizliz Membro Pro
    Pubblicazioni: 133

    Mio figlio quando è a casa la sera inizia a correre qua q là con sguardo assorto nei suoi pensieri, per poi buttarsi sul divano. sul divano si mette a testa in giù.

    non so se sia flapping a questo punto….

    ogni volta mi chiedo se devo fermarlo o meno (si ferma subito appena richiamato senza problemi)

    JAA005
  • JAA005JAA005 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 682
    @liz perché dovresti fermarlo? Fa male a se stesso o agli altri? No...e allora lascialo fare...
  • loconiloconi Veterano
    modificato 5 September Pubblicazioni: 262
    Ci viene da fermarli perché sono comportamenti socialmente inappropriati. Se lo lasci fare, penserà di poterlo fare ovunque e questo genererà pregiudizio ed emarginazione.Un po' come quando lo sgrido per le dita nel naso.
    Così ragiono io, così credo che ragionino i genitori neurotipici.
    Comunque ho riletto un vecchio scambio di opinioni tra due utenti, entrambi autistici, dove si diceva che bloccarli non è la soluzione giusta, mentre sarebbe meglio cercare di trasformare il flapping in un gesto che esprima gioia, che so alzare il pugno o alzarli entrambi.
    LisaLaufeyson
    Post edited by loconi on
  • JAA005JAA005 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 682
    @Ioconi a mio avviso le convenzioni sociali si imparano con il tempo. Io so benissimo che certe cose non vanno fatte per convenzione e non le faccio o le faccio apposta per provocare.
    Provo a spiegarmi. So che non si urla per strada e non lo faccio, anche se amo urlare. A volte in certi contesti lo faccio per provocare. Se mi avessero fermato sempre, conoscendomi, farei dell' urlo il mio hobby preferito ( oppositivo/ provocatorio...che ci posso fare...Non sono cattivo mi hanno disegnato così)
    In pratica secondo me non va fermato, ma gli va spiegato che può farlo solo a casa. I miei mi hanno cresciuto cosi. Perciò a casa faccio ciò che mi va.( basta che non provoco danni a persone o cose), fuori mi adeguo. ( continuo a saltare nelle pozzanghere e in certi contesti a urlare o girare in tondo. Tanto il look alternativo mi protegge...Pensano che tua strano perché sono un musicista)
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online