Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Eccessivo attaccamento ai luoghi abituali

SunsetSunset Membro Pro
modificato 11 February in Sensi, percezioni, attenzione
Da sempre provo un eccessivo attaccamento ai luoghi che fanno parte della mia quotidianità, mi sento sereno e felice solo se mi trovo in posti vicino a casa, sulle colline vicine a contemplare la pace e la serenità, nelle strade della mia città. I cambiamenti di ambiente sono devastanti, il solo immaginare di andare a vivere in un' altra città mi causa un disagio indescrivibile, un' ansia insopportabile. Provo quasi fastidio anche ad andare in vacanza, se non per il fatto che so che al termine del viaggio rivedrò i miei ambienti; è quasi come se io fossi un tutt'uno con il territorio in cui sono immerso, come se questo fosse la mia linfa vitale, ed è una delle poche cose da cui traggo emozioni positive.
D'altro canto è limitante pensare di non riuscire ad immaginare una vita futura svolgersi lontano da questi luoghi, ciò influisce ed influirà nelle mie relazioni sociali, ma seriamente non ne posso fare a meno, e non riesco nemmeno a spiegare il perchè e cosa provo. 
È una cosa comune tra gli ND? (io non ho nessuna diagnosi)
Vi ci rivedete?
Post edited by Sophia on

Commenti

  • Marco75Marco75 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 946
    Sì e no.
    Nel senso che anch'io sono molto legato ai luoghi familiari, li carico di significati, ricordi, sensazioni. Anch'io spesso assorbo tutto dall'ambiente (specie se è familiare) e ne ricerco il calore. Però mi piace anche viaggiare, e non mi spaventerebbe cambiare città, per esempio. Anche se, a metà di un viaggio, di solito inizio a contare i giorni per il ritorno, e so che, in caso di trasferimento, vorrei che la mia casa e i miei ambienti restassero sempre lì ad aspettarmi, pronti a riaccogliermi se volessi tornare.
    Non so se l'attaccamento agli ambienti sia una cosa comune negli ND, posso dire che lo ritrovo anche in alcuni NT che ho conosciuto.
    "Love yourself first"
  • OrsoX2OrsoX2 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 452

    ;) Diciamo che, quanto a "paura per i cambiamenti", dovresti essere in buona compagnia (... incluso il sottoscritto)!

    Ti andrebbe di provare a fare l'Aspie Quiz per conoscerti meglio (http://www.spazioasperger.it/forum/discussion/10/aspie-quiz-test-online-sulla-neurodiversita) ?  

    Anche se il significato del test è solo indicativo, può essere interessante.

    ("Caducità delle umane cose!" - considerazione indifferentemente attribuibile a Umani e Non)
  • SunsetSunset Membro Pro
    modificato 11 February Pubblicazioni: 117
    OrsoX2 ha detto:

    ;) Diciamo che, quanto a "paura per i cambiamenti", dovresti essere in buona compagnia (... incluso il sottoscritto)!

    Ti andrebbe di provare a fare l'Aspie Quiz per conoscerti meglio (http://www.spazioasperger.it/forum/discussion/10/aspie-quiz-test-online-sulla-neurodiversita) ?  

    Anche se il significato del test è solo indicativo, può essere interessante.

    @OrsoX2 Ho già fatto l'Aspie Quiz, lo postai nel topic della mia presentazione, aveva dato un risultato borderline indicando che avevo sia tratti NT che ND


    Post edited by Sunset on
  • OrsoX2OrsoX2 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 452

    Mi dispiace, @Sunset , mi sono sbagliato. Adesso ho trovato il tuo risultato (http://www.spazioasperger.it/forum/discussion/4849/ciao-a-tutti). Ho visto che è nel Raads-R che esiste una sezione dedicata alla "insistenza sulle routine", B2.

    Nel tuo Aspie Quiz, probabilmente la parte "compulsione" è quella che più si avvicine all'insistenza sulle routine. Comunque, era mia intenzione confermarti che, anche se in modi un po' diversi, l'avversione ai cambiamenti è molto comune per molti... e credo che dia un po' fastidio anche agli altri, non solo a noi che abbiamo commentato. :)

    ("Caducità delle umane cose!" - considerazione indifferentemente attribuibile a Umani e Non)
  • pokepoke Neofita
    Pubblicazioni: 1,326
    Alcune persone amano stimolare la propria mente con continue novità, altre forse con una mente fin troppo soggetta agli stimoli preferiscono la routine (mi ricollego ad una tua precedente discussione, che secondo me è collegata a questa domanda).

    Tendo a fare le stesse strade, a parcheggiare sempre nello stesso posto quando vado al lavoro (anche se è un po' distante), con il mio amico ci diamo appuntamento sempre lungo la stessa via e passeggiamo per le stesse strade, i giorni fissi.
    Vado a far la spesa allo stesso negozio, il caffè nello stesso bar.
    In vacanza negli stessi luoghi (in una regione dove non ho parenti) quando parto sto in ansia e quando ritorno a casa sono felice.
    Malgrado sia abitudinaria, constato che eludo completamente i rappporti umani.
    La mia routine è architettata per incontrare meno gente possibile.

    Ogni tanto mi perdo per le strade e sto imparando a ritrovarmi.

    Un aspetto che mi sembra trapeli da quanto hai scritto @Sunset è un rapporto emozionale con i luoghi. Per esempio mi ricordo i pensieri e le situazioni (spiacevoli o piacevoli) che una via mi ha suscitato, e quindi posso dire di affezionarmi (affettivamente) ad alcuni posti.
    Ad esempio vicino casa mia (200 mt) c'è un albero secco, quando vado lì e mi guardo la campagna circostante mi sembra di andare a far visita ad un amico.
    O quando percorro alcune vie (sempre vicino casa), provo come un senso di compagnia.

    Wendy
  • SunsetSunset Membro Pro
    Pubblicazioni: 117
    @OrsoX2 Di solito gli NT puri (chiamiamoli così poichè io non sembro essere un ND, ma un ibrido in una sorta di limbo) adorano i cambiamenti, il fare cose nuove, l' avere stimoli diversificati nella vita, e odiano la routine e l'abitudinarietà. Non conosco quasi nessuno che sia privo di queste caratteristiche, nessuno a cui non piaccia viaggiare, non sogni di cambiare ambiente, cambiare vita ecc. Quei pochi che hanno un minimo di avversione ai cambiamenti non la hanno di certo ai miei livelli.
    @poke il rapporto emozionale coi luoghi è fortissimo nel mio caso, non solo nei posti che mi rievocano ricordi come nel tuo caso, ma anche in posti che sono da me percepiti con un'atmosfera particolare senza una motivazione apparente, purchè siano luoghi familiari e non troppo distanti da casa. Alcuni di questi luoghi mi creano sensazione talmente forti da farmi venire la pelle d'oca in senso letterale, ma non si tratta di posti meravigliosi come spiagge o montagne innevate, ma magari anche di semplici strade urbane, vicoletti, sentieri. Che si tratti si una forma di sinestesia?
    WendyMarco75
  • OrsoX2OrsoX2 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 452
    Sunset ha detto:

    @OrsoX2 Di solito gli NT puri (chiamiamoli così poichè io non sembro essere un ND, ma un ibrido in una sorta di limbo) adorano i cambiamenti, il fare cose nuove, l' avere stimoli diversificati nella vita, e odiano la routine e l'abitudinarietà. Non conosco quasi nessuno che sia privo di queste caratteristiche, nessuno a cui non piaccia viaggiare, non sogni di cambiare ambiente, cambiare vita ecc. Quei pochi che hanno un minimo di avversione ai cambiamenti non la hanno di certo ai miei livelli....

    :) Lo so, infatti ammiro molto mia moglie che continua a  riuscire a sopportarmi da qualche decennio! Quando siamo andati a trovare nostro figlio che lavorava all'estero, per me è stato un vero strazio: essendo molto motivato, sono però riuscito a resistere con tutta la mia Aspie-determinazione.
    ("Caducità delle umane cose!" - considerazione indifferentemente attribuibile a Umani e Non)
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586