Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

ciao. diagnosi pro o contro?

ho 16 anni, sono di Salerno e ho scoperto la sindrome di asperger da qualche mese cercando un po' su internet dopo che dei compagni di classe mi hanno fatto notare che tendevo a dondolarmi sulle sedie o "ad andare in trip" concentrandomi nei miei pensieri o su qualche dettaglio che mi colpiva (in quel caso particolare stavo fissando i quadretti che si formano sulla lim quando viene acceso il proiettore????). Sono rimasto sorpreso di come la "condizione" descrivesse molte delle mie stranezze, comprese alcune a cui non avevo fatto mai caso (avrò fatto una decina di visite all'udito senza risultato in quanto sebbene spesso riesca a sentire più degli altri, per strada molte volte non capisco ciò che dice chi mi cammina affianco). Ho fatto da poco i test sul sito ed hanno dato risultato positivo. Devo dire che sono rimasto piuttosto sollevato in quanto finalmente riuscivo a spiegarmi la difficoltà che ho sempre avuto nel farmi degli amici o comunicare in generale con le altre persone, ma a questo punto sorge il problema: ho letto che data la mia minore età per avere una diagnosi è richiesta la partecipazione dei miei genitori, ai quali però non saprei proprio come parlarne sia per difficoltà a farmi capire che per timore di come potrebbero prenderla (nonostante si dichiarino di mentalità aperta, mia madre è il tipo di persona per cui uno che và dallo psicologo è pazzo e mio padre tende a capire solo quello che vuole capire)
voi come ne avete parlato o come ne parlereste?
che vantaggi potrei trarre da un eventuale diagnosi adesso?
considerando che compirò 17 anni tra meno di un mese avrebbe senso aspettare i 18 per farmi diagnosticare come un adulto, quindi senza doverlo comunicare ai miei genitori?

Commenti

  • BlackCrowBlackCrow Membro Pro
    Pubblicazioni: 457
    Io non sono paziente quando so che posso ottenere subito qualcosa. Inoltre la mia idea di famiglia e nella mia, era una cosa naturale affrontare questo percorso insieme. Io credo che, salvo situazioni particolari, sia una buona cosa parlarne e farla insieme ai tuoi, in modo tale che possano capirti e aiutarti nel modo migliore. Tu meglio di chiunque altro conosci la tua situazione e saprai se sia o meno il caso di farlo :)

    Per quanto riguarda la parte uditiva stessa mia situazione. Sento di più e in alcune situazioni (negli spogliatoi della piscina, doccia, per strada, quando mangio e mi parlano/ascolto qualcosa, o sto facendo i piatti) non riesco mai a capire nulla poiché molti suoni sovrastano altri. Es. se mangio non riesco a sentire o comunque molto poco chi mi sta parlando. Poi dipende da cosa mangio ma è un esempio e penso tu abbia capito!
    Sophia
  • Marco75Marco75 Moderatore
    modificato 12 February Pubblicazioni: 1,576
    Consiglio spassionato: parlane ai tuoi con la massima franchezza possibile, specifica loro che per te è importante approfondire la cosa, che è un percorso di conoscenza tua, e che può aiutarti a superare, o almeno a capire meglio, le tue difficoltà.
    Io, adesso come adesso, darei qualsiasi cosa per poter tornare indietro e scoprire la cosa da bambino o adolescente. Mi sarei risparmiato tante sofferenze e paranoie assurde (per anni ho pensato di avere un deficit mentale), avrei capito perché non riuscivo a socializzare facilmente, e magari avrei evitato di incaponirmi in tentativi regolarmente frustrati. Mi sarei perdonato più facilmente i fallimenti, tra l'altro.
    Se hai questo atteggiamento positivo verso una possibile diagnosi, io ti consiglio fortemente di cercarla. Credo che alla tua età possa aiutarti molto.
    Sophia
    Post edited by Marco75 on
    "Love yourself first"
  • mary_annemary_anne Membro Pro
    Pubblicazioni: 102
    Parlane con i tuoi con molta franchezza. Di che vuoi approfondire una parte di te. Io ho 36 anni, alla tua età ero come te. Poi sono cambiata, sono socievole e non mi è rimasta più nessuna difficoltà.
    Di sicuro se i test del sito sono risultati positivi meritano un approfondimento diagnostico.
    Non ti consiglio di dire ai tuoi: " ho fatto un test on line ( con tutto rispetto del sito) ed è risultato che....". Esponi solo il tuo malessere interiore. Altri consigli non so darteli. Da mamma ti dico che difficilmente un genitore rimane indifferente nei confronti del figlio, soprattutto se in un'età come la tua.
    In bocca al lupo
  • PavelyPavely Andato
    Pubblicazioni: 3,350
    La diagnosi di Asperger , a meno che tu non abbia una condizione chiarissima (ad esempio un punteggio al RAADS superiore, metti, a 180) si fa SEMPRE con qualche famigliare.

    Non potrai fare, sostanzialmente, la diagnosi senza parlarne ai tuoi.



    Perché fare la diagnosi?

    La diagnosi si fa perché se sei Asperger, potresti esserlo in modo "disfunzionale", ad esempio come me.

    Il risultato è che se non fai terapia, il tuo mondo diventa progressivamente più piccolo e "aprirti" agli altri, avere amicizie, lavorare, guidare diventano cose impossibili.



    Detto in altre parole...

    Puoi essere un Asperger lieve - come tantissimi qui, persone che hanno famiglia, lavoro, amore, amici... - o potresti essere un Asperger severo, persone che non riescono a lavorare e a fare tantissime cose.

    Ora: se non hai una diagnosi come puoi saperlo?

    Come puoi sapere come evolverà la tua condizione?

    C'è un rischio concreto.



    Meglio capirlo il prima possibile.

  • gioiagioia Veterano Pro
    Pubblicazioni: 367
    Ciao. Io sono una mamma. E da mamma di do un consiglio spassionato.. Prova a parlarne con i tuoi. Prova a far capire loro quali sono le tue difficoltà e i tuoi dubbi.. Chiedo loro com eri da piccolo, magari insieme scoprirete qualcosa in più. Non temere di dare un dispiacere ai tuoi genitori perché un eventuale diversità non è un limite nella amore che un genitore prova nei confronti del proprio figlio.
    mammaconfusa80
  • carla_75carla_75 Membro Pro
    Pubblicazioni: 173
    Ciao e benvenuto, io ti consiglio di  parlarne con i tuoi genitori e soprattutto di farti diagnosticare, potresti aver bisogno di qualche intervento educativo e sarebbe meglio farlo prima possibile. 
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586