Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

...vi sentite mai come se aveste sbagliato epoca in cui nascere?

 Mi spiego meglio: come se il vostro codice di valori, i vostri sentimenti e le vostre attitudini siano completamente disconesse dal mondo di oggi, in cui regna solo cinismo, diffidenza, menefreghismo, ignoranza e superficialità. Io mi sento cosi...mi sarebbe piaciuto vivere nell'epoca del romanticismo o anni 50/70...*___* 
Perche sento di essere profondamente diversa dalla maggior parte delle persone, ho una sensibilità differente, molto marcata...a volte mi chiedo se sono matta io o loro...
E voi? In che epoca vi sarebbe piaciuto vivere? Oppure riuscite a destreggiarvi in questa chiamiamola cosi giungla umana che è il nostro tempo? 
Ciao :) 
«1

Commenti

  • Marty_06Marty_06 Neofita
    Pubblicazioni: 23
    Grazie :) ;)
  • ArimiArimi Andato
    modificato 20 February Pubblicazioni: 154
    Ciao! Personalmente io sono completamente disconnessa dalla modernità, tutto ciò che amo risale ad epoche diverse. Mi sono fermata agli anni 90 e non sono andata oltre. Colleziono oggetti antichi e vecchie foto in bianco e nero su cui fantastico chiedendomi chi siano quei volti, nei miei romanzi nessuno ha il cellulare e non sono social, nel senso che entro ed esco dai social solo perché a volte mi interessano pagine a cui posso accedere solo iscrivendomi a facebook. Quindi anche io sono anacronistica :) epoca preferita? Anni 80 di sicuro.
    Wendy
    Post edited by Arimi on
  • PavelyPavely Andato
    Pubblicazioni: 3,350
    Mi sarebbe piaciuto vivere nel 1700, primo '800.

    A Parigi.

    §

    Avrei voluto conoscere Diderot.

    Che amo.

    §

    No: non mi so destreggiare nel tempo attuale.

    (assolutamente).
  • Marty_06Marty_06 Neofita
    Pubblicazioni: 23
    Che bello leggere le tue parole...davvero :) mi aiutano a sentirmi meno sola :) anche a me piace fantasticare sulle foto antiche, immaginare la storia di quelle persone, cosa facevano, chi erano...:) grazie per aver risposto :)
    Pavely
  • pokepoke Neofita
    Pubblicazioni: 1,582
    Per la verità non ho mai desiderato vivere in epoche passate.

    Preferisco pensare a me stessa come una persona che proviene dal futuro, e casualmente è precipitata nel mondo, in un anno storico.

    Molto del mio modo di ragionare è collocato fuori dal tempo, ci sono valori antichi, ma anche una semplicità e linearità che spero abiterà le menti del futuro.

    Io mi sento che la mia epoca deve ancora venire.

  • CoxesenCoxesen Membro Pro
    Pubblicazioni: 215
    io vorrei essere esattamente nel 20 febbraio 2018 ma avendo 11 anni. Per me andare a scuola era un problema, troppa gente intorno. Quindi la possibilità di studiare da casa mi avrebbe risolto molti problemi. Poi l'accesso immediato e illimitato alle informazioni è una ricchezza assoluta, rispetto ai limiti dell'era pre internet.. Considerato che per me era un problema, o meglio...una missione,  anche solo andare in biblioteca.

    p.s. sto scrivento senza occhiali, praticamente alla cieca, spero di non aver fatto errori.

    p.p.s ciao Marty tutto bene? passato tutto?
    Pavely
  • Marco75Marco75 Moderatore
    Pubblicazioni: 1,419
    Mi sarebbe piaciuto, semplicemente, nascere quindici anni prima. Vivere gli anni '70. So cosa stanno pensando in tanti, che quel periodo lo hanno vissuto davvero. So che erano anni violenti, in cui si sparava per strada, in cui il terrorismo aveva stretto il paese in una morsa.
    Eppure, io li vedo come anni vitali, di una vitalità magari sconnessa, priva di centro, a volte nichilista, ma vera. Si respirava soprattutto, ancora, quella controcultura che ci era arrivata a sprazzi e bocconi dal Sessantotto. E c'era voglia di sperimentare, soprattutto: parlo dei canali culturali a me più vicini, come il cinema e la musica. È un paradosso, se ci si pensa, visto che trovo molta più libertà nei prodotti della cultura di massa di allora (nonostante fossimo sotto il giogo democristiano) che in quelli di oggi.
    So che è in gran parte una mia idealizzazione, ne sono consapevole. Ma, avendo vissuto il "riflusso" (gli anni '80, che qui in Italia in realtà sono iniziati intorno al 1983-84, con tutto ciò che è venuto dopo), sento di aver mancato di poco qualcosa. E che quel qualcosa mi sarebbe piaciuto.
    SirAlphaexariot
    "Love yourself first"
  • SirAlphaexaSirAlphaexa SymbolPilastro
    Pubblicazioni: 1,940
    Non mi dispiacerebbe vivere tra gli ultimi anni del '800/inizio '900.
    Fu un periodo di avanguardie e movimenti artistici che oggi trovo molto affini a me artisticamente (simbolismo/decadentismo/art nouveau/art deco). Sarei diventato un artista di cui oggi - si studia nei libri di storia dell'arte!...

    Poi ricordo il mio paese, le mie stranezze, posizioni politiche, orientamento sessuale e identità di genere e penso che sarei rimasto povero o rinchiuso in qualche manicomio...
    :D
    Marco75
    "Deixa lá o teu piano / Namorar a minha voz..."

  • Marty_06Marty_06 Neofita
    Pubblicazioni: 23
    Bellissimo leggere le vostre risposte...grazie :) ;)
  • WBorgWBorg SymbolPilastro
    Pubblicazioni: 3,336
    Mi sarebbe piaciuto vivere nel futuro nella data stellare 54014.4.
    Svegliarmi nel Unimatrice Zero e passeggiare con Sette di Nove.
    (Amore, e solo un sogno :P)
    .
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586