Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

I giochi online: un´arma a doppio taglio

wolfgangwolfgang SymbolModeratore
modificato November 2012 in Informatica e videogames
I giochi online: un´arma a doppio taglio
Gli MMO (Massively Multiplayer Online game – Gioco multigiocatore online) possono essere un´arma a doppio taglio per giocatori autistici

Ryan Rigney

Articolo originale: MMOs a double-edged sword for autistic gamers apparso sulla rivista Wired.com

Tradotto da Elettra

Potreste pensare di conoscere World of Warcraft, ma non lo conoscete nello stesso modo di Ian Bates. Come molti dei milioni di utenti dei giochi multigiocatore online, il teenager della Florida era ossessionato dal mondo fantasy di WoW. Aveva divorato tutti i racconti scritti su Warcraft, e aveva provato a scrivere di suo pugno fan-fiction ambientate nelle terre di Azeroth.
image
Post edited by wolfgang on
Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.

Commenti

  • caione8caione8 Veterano
    Pubblicazioni: 251
    O_O Questo articolo ha proprio colto nel segno!
    Death is so terribly final, while life is full of possibilities.
  • elettraelettra Veterano
    Pubblicazioni: 889
    La tragica verità! XD
    Maledette daily...
    I thought what I'd do was, I'd pretend I was one of those deaf-mutes.

    When I've eliminated the impossible, whatever remains, no matter how mad it might seem, must be the truth.
  • Andato_87Andato_87 Andato
    modificato December 2012 Pubblicazioni: 3,049
    Sono forse l’unico autistico a cui non sono mai interessati i giochi, figuriamoci i multiplayer, però fino all’anno scorso ero dipendente da un famoso forum internet, fa lo stesso?
    Yahoo!Answers fu un’ossessione per tre anni; decisi di uscirne dopo l’ennesima discussione con l’ennesimo cancro umano (per lui sarebbe un complimento), ma nel contempo quel sito mi ha aiutato ad essere più sciolto e corretto nel dialogo, e anche più autoironico.

    Se volete iscrivervi su quel sito mi raccomando, non fatevi conoscere.
    Le molestie purtroppo esistono dappertutto, non solo nella vita reale e nei multiplayer.

    Dopo quell’esperienza, riesco ad abbattere sul nascere qualunque possibile ossessione virtuale.
    Ho Facebook e lo uso tutti i giorni. Può sembrare contraddittorio, ma cerco di usarlo nel modo più corretto possibile; finora non è mai stato per me fonte di ossessione e non mi ha dato gli stessi problemi di Yahoo!Answers. Sarà per certe dinamiche del sito, ma ormai le molestie virtuali non mi interessano quasi più. Cerco anche di essere emotivamente coinvolto il meno possibile per evitare conseguenze negative, come per Facebook così per questo forum e tutti i siti a cui sono iscritto.

    Non è giusto che un sito internet diventi una fonte di problemi, se ne hanno già tanti nella vita reale.
    Post edited by Andato_87 on
  • LeChatLeChat Neofita
    Pubblicazioni: 155
    Sì è molto facile lasciarsi travolgere da gdr, chat, fb... Non trovo azzeccato starne completamente al di fuori, giusto invece crearsi un rapporto equilibrato e non dipendente.
  • Icaro89Icaro89 Colonna
    modificato December 2012 Pubblicazioni: 1,223
    Forse l'ho già scritto altrove, ma dagli 11 ai 17 anni non ho fatto nient'altro che giocare a videogiochi RPG, strategici, gestionali di ogni genere. Tutto sempre esclusivamente in singleplayer, così ho avuto il piacere di non dovermi relazionare con nessuno online . Più avanti ho partecipato a diversi forum su varie tematiche, ciò mi ha permesso di capire tante cose ma in definitiva il peso psicologico di dover leggere le contraddizioni delle persone, le ingiustizie, gli sbagli è diventato via via sempre più insopportabile e mi ha spinto a ridurre drasticamente anche questi.

    Credo che i videogiochi strategici abbiano costituito in passato uno dei miei interessi assorbenti e totalizzanti, ha consentito di sfogare le mie manie organizzative, ma è sempre stato un interesse del tutto personale, non sarebbe stato nemmeno lontanamente concepibile poterlo condividere con altri, anche perchè siccome i miei hanno sempre biasimato il fatto che da piccolo stessi così tanto al pc (nonostante io non abbia mai trascurato il mio dovere) mi ha sempre lasciato un imprecisato senso di vergogna e imbarazzo nel parlarne. Inoltre i miei cugini per alcuni anni sono stati seriamente dipendenti da un gioco online, e mi ha colpito molto il modo in cui ciò ha condizionato la loro vita.

    Comunque poi ho smesso. Oggi utilizzo quel genere di giochi sporadicamente, più che altro in quei particolari momenti in cui sono in ansia o in meltdown e ho bisogno di svuotare completamente il cervello per respirare.
    Kalia
    Post edited by Icaro89 on
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online