Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Psicofarmaci (il ritorno)

2»

Commenti

  • claluiclalui Veterano Pro
    Pubblicazioni: 540
    @Domitilla solo per chiarezza. L’aumento di peso e la perdita di capelli sono collegati all’ipotiroidismo che a sua volta PUÒ essere una conseguenza del depakin ma anche no. Metterei più l’accento sulla mancanza di benefici dal farmaco.
    Come ben dici certezze non ce ne sono e probabilmente non ce ne possono essere per questo, un po’ come cavie, forse è giusto provare. Ovviamente con il consenso dell’individuo(se è nella possibilità di poter decidere) e sotto controllo medico.
    DomitillaLastNinja2
  • DomitillaDomitilla Senatore
    Pubblicazioni: 2,680
    Da mamma, concordo con clalui: se IL BAMBINO non sta bene, almeno un tentativo si potrebbe fare.
    L'estate poi è l'ideale, perché potete monitorarlo meglio.
    Nel senso, no ai farmaci se un figlio è fastidioso per i genitori, sì se sta soffrendo.
    Tra tante testimonianze negative, ne ho lette pure di positive, di bambini che hanno ringraziato i genitori, perché prima "il cervello non dava loro ascolto".
    LastNinja2
  • LifelsLifels Colonna
    Pubblicazioni: 1,317
    @LastNinja2

    Ciò che ti scriviamo qua viene letto anche da tua moglie?
    Tutto “tra virgolette”
  • LastNinja2LastNinja2 Membro
    Pubblicazioni: 30
    Lifels ha detto:

    @LastNinja2


    Ciò che ti scriviamo qua viene letto anche da tua moglie?
    Devi dirmi qualcosa di brutto brutto? ;-)
  • nebelnebel Veterano Pro
    Pubblicazioni: 316
    Ciao, premetto che non sono un medico né studio medicina. io ho preso il depakin per un anno, inizialmente 500mg, poi causa ospedalizzazione mi è stato alzato fino a 1000mg. a me non ha fatto perdere mezzo capello, mi trovavo però ingrassata, di poco sia chiaro. Al contempo non mi ha fatto nemmeno bene, nessun genere di beneficio, e qui entrano in gioco gli esami del sangue periodici, che servono per controllare se il livello del valproato nel sangue sia in un range medio che ne garantisca l'efficacia senza rischi evidenti a carico del fegato. Nel mio caso pur prendendone una dose parecchio alta risultavo costantemente sotto il range utile a trarre benefici, quindi oggettivamente non aveva alcuna utilità su di me, il mio corpo lo "bruciava". Secondo me comunque non è un farmaco di cui si deve avere particolare timore, rimarreste in contatto col npi, verifichereste il dosaggio in maniera periodica... insomma non sareste soli.
    Domitilla
  • LastNinja2LastNinja2 Membro
    modificato 19 June Pubblicazioni: 30
    Scusate se torno sull' argomento ma, date le vostre esperienze, c'è qualcosa che non mi torna: a cosa servirebbe esattamente il Depakin?
    Chiedo perchè secondo mia moglie e mia figlia, mio figlio aspie da quando è finita la scuola è molto più calmo e rilassato.
    A me sembra sempre uguale ma obiettivamente non ha più avuto crisi acute nelle quali distruggeva tutto (altrettanto obiettivamente va detto che stando spesso a casa non ha momenti di scontro per i quali possa scatenarsi la crisi)
    Alla luce di queste novità ha senso provare il Depakin? E' un rilassante quindi va bene a prescindere? Aiuta l'attenzione? A vostro avviso mi è stato suggerito dal npi per le crisi di rabbia (a intuito è ciò che lo ha preoccupato di più)? Cura l'autismo :-)?

    Post edited by LastNinja2 on
  • MononokeHimeMononokeHime Colonna
    Pubblicazioni: 1,249
    L’autismo NON si cura.
    L’autismo NON è una malattia.

    I chiarimenti sul farmaco forse è meglio chiederli direttamente al medico npi (cos’è, a cosa serve, cosa fa, benefici, effetti collaterali, perché ritiene necessario prenderlo, in che casi si prescrive di solito, ecc.).

    La rabbia è un emozione. Le emozioni hanno motivo di esistere. Se non è rabbia “immotivata” allora bisogna lavorare sulle cause che scatenano la rabbia, sulla comprensione della rabbia e sulla sua gestione.

    Anche con eventuale farmaco il lavoro sulla rabbia va fatto comunque, anzi è fondamentale. Il farmaco in certi casi è solo di supporto, non elimina il problema.
    NewtonnebelwoodstockSophiaSniper_OpsA87
    Che io abbia il corraggio di accettare le cose che non posso cambiare, la forza di cambiare le cose che posso cambiare, e la saggezza per poterle distinguere. (versione personale)
  • NewtonNewton Pilastro
    Pubblicazioni: 4,140
    Io penso che non sia molto utile dare il farmaco al bambino in un periodo tranquillo, dove le fonti di fastidio non ci sono. Il farmaco potrebbe aiutarlo ad affrontare più serenamente i periodi che lui trova stressanti, come la scuola, ma comunque sia uno psicofarmaco non cura le cause: è come l'analgesico, ti fa passare il dolore ma non cura ciò che ti provoca il dolore.
    A mio avviso l'uso di psicofarmaci aiuta in periodi di forte crisi, in parallelo a una terapia non farmacologica che deve essere la reale via per il miglioramento. E quando i miglioramenti arrivano, il farmaco va man mano diminuito fino a farne a meno.

    Il Depakin non lo conosco, ma questa risposta te la deve dare il medico, ovvero tu non devi mai accettare di dare a tuo figlio dei farmaci senza sapere esattamente a cosa servono e perché li deve prendere. Va bene fidarsi dei medici, ma non così ciecamente: devi essere sempre consapevole della situazione.
    LastNinja2MononokeHime
  • LastNinja2LastNinja2 Membro
    Pubblicazioni: 30
    Newton ha detto:

    Il Depakin non lo conosco, ma questa risposta te la deve dare il medico, ovvero tu non devi mai accettare di dare a tuo figlio dei farmaci senza sapere esattamente a cosa servono e perché li deve prendere. Va bene fidarsi dei medici, ma non così ciecamente: devi essere sempre consapevole della situazione.
    Grazie, farò così, e 'sti cavoli se il npi se la prende a male

  • LastNinja2LastNinja2 Membro
    Pubblicazioni: 30
    MononokeHime ha detto:

    L’autismo NON si cura.
    L’autismo NON è una malattia.

    Mi spiace di essere stato frainteso, ci ho messo pure la faccina.
    Per il resto condivido anche le virgole di ciò che hai scritto, grazie!

    MononokeHime
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586