Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Difficoltà lavorative (sondaggio)

Spesso nel forum ho letto di utenti che hanno avuto o hanno difficoltà a trovare lavoro o comunque nel percorso professionale.
Apro un sondaggio per capire meglio questo punto.
marco3882Ameliekatriss
As e problemi lavorativi
  1. Hai problemi a trovare lavoro?31 voti
    1. 58.06%
    2. Ne ho avuti in passato, ora direi di no
      16.13%
    3. No, mai avuti
      25.81%
  2. Se ne hai avuti, quali pensi che siano stati i problemi maggiori?31 voti
    1. Scarsa costanza nel candidarsi e rispondere offerte
      12.90%
    2. Non sono brillante nei colloqui, non do una buona impressione di me
      19.35%
    3. Ho sbagliato ambito puntando su settori per cui non ho molte possibilità\attitudine
        9.68%
    4. Scarso titolo di studio
        0.00%
    5. Altro che non dipende da me (ad esempio provenienza geografica, genere, età)
        3.23%
    6. Più di un' opzione
      32.26%
    7. Non ho mai avuto problemi particolari
      22.58%
  3. E mentre lavori ti senti apprezzato dai colleghi e soddisfatto di quello che fai?31 voti
    1. No, non sono soddisfatto di quello che faccio e non mi sento apprezzato
      35.48%
    2. Mi sento soddisfatto di ciò che faccio, ma non apprezzato o inserito con i colleghi
      22.58%
    3. Non mi piace il lavoro, ma ho un buon rapporto con i colleghi e quindi mi trovo bene
        0.00%
    4. Sì, solitamente non ho avuto problemi di inserimento lavorativo
        9.68%
    5. Non ho ancora iniziato a lavorare
      16.13%
    6. Ho avuto sia esperienze positive che negative
      16.13%
  4. Sei ND, o pensi di esserlo?31 voti
    1. Sì , sono AS o altra condizione dello spettro diagnosticata
      25.81%
    2. Sì, sospetto di essere AS o comunque nello spettro autistico
      45.16%
    3. Penso di essere subclinico o avere solo lievi tratti ND
      22.58%
    4. Ho una condizione ND non autistica
        3.23%
    5. No
        3.23%
«13

Commenti

  • ValentaValenta SymbolPilastro
    Pubblicazioni: 8,337
    Qualche altro voto?
  • SophiaSophia SymbolModeratore
    Pubblicazioni: 5,043
    Valenta ho trovato molto interessante questo sondaggio.
    Purtroppo spesso l'autonomia lavorativa è un vero problema anche in età adulta.

    Valentakatriss
    "Nulla esiste finché non ha un nome".
    Lorna Wing
  • Johnnygang80Johnnygang80 Andato
    Pubblicazioni: 217
    Prima di finire per ritrovarmi a capo dell'attività di famiglia ho avuto 3 esperienze di lavoro, entrambe terminate nei primi mesi.
    Evitando di analizzare le variabili dei contesti relativi ai colloqui, preferisco soffermarmi sui motivi che mi hanno portato al naufragio nel 100% dei casi.
    La prima esperienza (call center) è terminata per le continue liti col mio datore di lavoro, che aveva da obiettare sul mio modo di parlare troppo confidenziale coi potenziali clienti. Ma era il mio modo per sconfiggere l'ansia di una delle vette più impervie della mia vita (fare telefonate). Dopo un numero di appellativi da me reputato inaccettabili ho sbattuto la porta e me ne sono andato.
    La seconda (scaffalista al supermercato) è naufragata in maniera anche peggiore. Il mio diretto superiore diceva sempre di muovere le mani più velocemente (facile per chi non ha ossessioni su simmetrie e allineamenti). Malgrado le continue vessazioni, ho provato con tutte le forze a combatterlo, tanto da essere riuscito a un certo punto a intimorirlo. Poco tempo dopo, causa un'imposizione di straordinari disumani ho litigato col direttore ripetendo allo sfinimento che lo straordinario non è un dovere. E anche lì, adios.
    La terza non l'ho neanche iniziata, perché non me la sentivo più di mettermi in gioco, malgrado un ottimo colloquio.
    Da ormai 9 anni gestisco l'attività di famiglia, per quanto sia mia madre ad aiutarmi nelle cose burocratiche. Ho avuto un discreto successo, tanto da riuscire ad essere economicamente indipendente e a togliermi diverse soddisfazioni (casa su tutte). Al momento il mio lavoro mi annoia da morire, ma ho in serbo (come ho scritto anche altrove) delle implementazioni per l'attività che dovrebbero fornirmi qualche ulteriore anno di autonomia.
    Valentakatriss
  • ValentaValenta SymbolPilastro
    Pubblicazioni: 8,337
    Riporto sù, mi interessano altre risposte.
  • LisaLaufeysonLisaLaufeyson Veterano Pro
    Pubblicazioni: 423
    fatto.
    Valenta
  • mammarosannamammarosanna Veterano
    Pubblicazioni: 233
    Ho scelto il mip percorso universitario pensando che era quello che volevo (in realtà per far contenti i miei genitori).
    Mi sono laureata senza grandi difficoltà.
    Il mio percorso di studi mi ha fatto trovare facilmente un tipo di lavoro per il quale non mi è mai interessato niente (anche se di prestigio).
    Ma mi sento mediocre e ho avuto tante difficoltà (e ancora oggi le ho...).
    I miei inizi specialmente non sono stati semplici specie per i miwi costanti deficit di attenzione.
    Valentakatriss
  • StellaCadenteStellaCadente Membro Pro
    Pubblicazioni: 65
    In effetti al momento questo è il mio più grande problema. Ho perso il lavoro alcuni anni fa e non sono più riuscita a trovarne un altro stabile, solo lavori saltuari e a chiamata. Non mi ci vedo più in un ambiente lavorativo, ho sempre avuto e adesso ho ancora di più, difficoltà con i colleghi. Non ho niente di cui parlare con loro, non ho una relazione, non ho figli e pochi interessi. Mi guardano strano, e credo parlino di me alle mie spalle. Io cerco di andare d'accordo con tutti, e credo di riuscirci, ma non voglio approfondire cose che riguardano la mia vita privata. Parlo di argomenti banali e spesso non so cosa dire. E' proprio questo a bloccarmi, il non avere argomenti di cui parlare. 
    Valentamarco3882katriss
  • katrisskatriss Membro Pro
    Pubblicazioni: 251
    Ciao! Trovo interessare il sondaggio e la possibilità di vedere le percentuali delle risposte, complimenti! Io sono laureata in Lettere, mia passione; lavorare con i ragazzi mi dà molta soddisfazione e gioia, pur essendo stancante e a volte sfibrante. Ho vari problemi di interazione con quasi tutti i colleghi : non so cosa dire, sono sincera e spontanea e me lo rinfacciano; mi scaricano incarichi e non riesco a liberarmene ( ma ora ho preso il part-time per tutelarmi ), sono indifferenti al mio carico di lavoro ingiusto e mi chiefono favori su favori, alcune mi hanno pesantemente mancato di rispetto ( io resto bloccata e interdetta; all'inizio scappavo e piangevo, ora sto zitta e me ne vado appena posso però poi ci sto male a lungo...). Insomma è difficile. Mi sono ritagliata un'Isola felice, la biblioteca da me gestita, dove mi rifugio spesso..
    Ora, con l'imminente diagnosi, leggo le loro reazioni in modo profondo e ricominciare a vederli mi dà consapevolezza delle mie difficoltà ma finalmente ho smesso di sentirmi in colpa. Sto con gli alunni più che posso ( mi accusano ancge di quedto e di essere troppo disponibile con loro ma con quasi tutti i ragazzi si crea un bel rapporto). scusatemi per il post lungo ma è veramente un argomento importante per me e spero di vivere meglio questi problemi.
    ValentaMononokeHimeAmelie
  • gioalbagioalba Neofita
    Pubblicazioni: 12
    Davvero un problema tutto presento 41anni asperger nn certificato ma seguito da un psicologo del settore. .kmq io sbagliato tutta la mia carriera lavorativa per appunto da giovane intrapreso istituto alberghiero niente di più impensabile per una persona con problemi sociali infatti subito accantonata...Sarebbe stata agraria la mia strada forse. .ma pur trovando lavoro in altri ambiti davvero impossibile. .provato aziende di produzione detersivi sembrava ideale se solo. ..purtroppo vedevo tutte le discriminazioni io differenza di paga. .vizi caffè, stress dopo grossi scoppi di ira dovuto abbandonare il tutto. ..poi intrapreso il campo edile perché c'era mio padre ora andato in pensione. .Per 7anni funzionato nn senza problemi. ..Ora da 5anni andato in pensione sono guai. .Grazie per chi legge il mio sfogo forse un bisogno di raccontare difficoltà
    Valentakatriss
  • katrisskatriss Membro Pro
    Pubblicazioni: 251
    @gioalba, hai cambiato tanti lavori ma ci hai comunque provato e questo, secondo me, significa che hai grinta e voglia di metterti alla prova, sono qualità che possono semore aiutarci. I genitori ci possono aiutare molto ma poi, prima o poi, dobbiamo imparare a cavarsela da soli, anche se questo genera sofferenza e tante tensioni lavorative, come hai espresso. Sicuramente raccontarci ci aiuta e ci permette di chiarirci dubbi sentendoci meno soli.
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586