Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Cancellarsi dai social?

Sta facendo attualmente discutere un libro di Jaron Lanier (un teorico della realtà virtuale e pioniere di Internet) che dice di cancellarsi da tutti i social network e che internet va "ripensato".

Che ne pensate?
Domenico
«13

Commenti

  • pokepoke Andato
    Pubblicazioni: 1,721
    Gli articolo sono scritti in modo troppo emotivo con il loro estratto non fanno una buona pubblicità all'autore.

    Detto questo potrei dire che cancellarsi o non essere mai stati iscritti ad social non preclude la possibilità degli effetti di alcuni fenomeni quali hate speech .
  • MarkovMarkov Pilastro
    modificato July 2018 Pubblicazioni: 8,586
    Cavolate.

    Ci sono pure altre ragioni per cui NON ha senso cancellarsi.

    1) Rimane tutto, cambia solo che gli utenti senza privilegi speciali non possono vedere i contenuti.
    2) A nessuno interessa realmente avere informazioni segrete su di te.
    3) E' sufficiente non loggare o loggare solo quando vuoi, questo atto di cancellarsi mi sa tanto di manifestazione di ritiro volontaria.
    4) Nessuno si aspetta realmente che tu pubblichi tante informazioni o abbia tanti amici, se ti cancelli spinto dalla volontà di censurare queste informazioni è probabile che si faccia lo stesso pure nella vita reale, e non è bello portarsi addosso questo peso.

    Insomma, per un motivo o per un altro, ci vedo sempre qualcosa di strano nel cancellarsi.
    NemoAndato_52
    Post edited by Markov on
  • modificato July 2018 Pubblicazioni: 566
    @Minollo i social network causano una distorsione della percezione della sfera affettiva, sociale e amorosa. I social network sono stati sviluppati per incoraggiare le persone a trascorrere piu' tempo possibile sulla piattaforma, quindi sono progettati per farti entrare in un loop senza via d'uscita. 

    I rapporti costruiti in rete e privi di seguito nel mondo reale lasciano il tempo che trovano. Non hai bisogno di social network, ed anche se si sta diffondendo la convinzione che vivere senza social network e' impossibile, io ti assicuro che puoi vivere agevolmente anche senza.

    Il fatto che tutti hanno facebook non significa che stanno messi meglio di te.
    Johnnygang80SophiaDomitillaNewtonale82SoylentGreenSniper_Opsvera68Minollomammarosannaarabafenice83
    Post edited by Jin_Nemo_Oudeis on
    Tutto appare sempre un po' diverso
    quando lo si esprime, un po' falsato, un po' sciocco, sì, e anche questo è
    bene e mi piace moltissimo, anche con questo sono perfettamente d'accordo,
    che ciò che è tesoro e saggezza d'un uomo suoni sempre un po'
    sciocco alle orecchie degli altri.
    -Siddharta
  • fattore_afattore_a Colonna
    modificato July 2018 Pubblicazioni: 2,173
    Se lo fai solo tu, non ha effetti se non su di te. Se lo fanno una buona parte, allora crollerebbe tutta la Silicon Valley.

    Ai social network non interessi tu come nome e cognome, ma le tue relazioni, le tue attività on line (sia nel network che fuori), i tuoi like e tutti gli altri dati che possono estrarre da te che interagisci con gli altri (data mining).

    Tutti quei dati vengono elaborati e servono a proporre agli inserzionisti pubblicitari dei target mirati a cui mostrare le loro inserzioni. Non ci sarebbe nulla di male, se non fosse che con la profilazione degli utenti così spinta, noi utenti perdiamo la libertà di scegliere, perché l'algoritmo dei social ci conosce meglio di noi stessi e ci propone prodotti, servizi, idee, slogan ecc. di cui ancora noi non abbiamo piena coscienza, ma sa già che ci piaceranno.
    Della TV puoi dire che è diseducativa, degenere, scandalosa, immorale ecc. ma dei contenuti in Rete sei sempre entusiasta (pensa alle code per comprare un iPhone, ad esempio).
    Se non sei più neanche chiamato a scegliere, perché l'algoritmo sceglie al posto tuo cosa ti piace, che senso ha la tua esistenza?
    SoylentGreenSophiaAndato_52
    Post edited by fattore_a on
  • MarkovMarkov Pilastro
    Pubblicazioni: 8,586
    Anche il fatto di collezionare dati per mandare pubblicità indirizzate non sarà mai un problema eccessivo, non ci sarà nessuna ripercussione.
    Stranamente appena c'è traccia di monitoraggio scatta subito la caccia al Big Brother…
    Pure con le prove INVALSI non ho mai capito dove sia il problema… temono che dietro ci sia qualcuno che voglia schedare gli studenti in ogni tappa della crescita… quando invece, pure se in extremis fosse vero, nessuno verrebbe limitato da una cosa del genere, neanche per i lavori statali.
  • SoylentGreenSoylentGreen Membro Pro
    Pubblicazioni: 702
    @fattore_a lo scopo è quello di far perdere il libero arbitrio e il discernimento alle persone.
    Comunque non è un mio problema,sono fuori dai circuiti social
    :D
    fattore_avera68
  • fattore_afattore_a Colonna
    modificato July 2018 Pubblicazioni: 2,173
    SoylentGreen ha detto:

    @fattore_a lo scopo è quello di far perdere il libero arbitrio e il discernimento alle persone.
    Comunque non è un mio problema,sono fuori dai circuiti social
    :D
    @SoylentGreen
    Se hai uno smartphone allora hai un account, quindi non sei fuori dal circuito. Hai WhatsApp? Non sei fuori, ma dentro. Usi Google? Uguale.
    Lo scopo non è schedarti ma estrarre valore dalle nostre abitudini, relazioni, azioni ecc. sia per la pubblicità (il rischio minore) sia per automatizzare l'umanità perché si comporti nel modo più prevedibile possibile.
    I sociale, ho letto, funzionano come una religione.
    SoylentGreen
    Post edited by fattore_a on
  • modificato July 2018 Pubblicazioni: 566
    @fattore_a nessuno iscritto a questo forum e' fuori dal circuito di internet. Tra l'altro un conto e' usare una mail, o una app di messaggistica minimale come whatsapp che puo' essere considerata una sorta di SMS 2.0, ed un conto e' iscriversi a una piattaforma social come puo' essere facebook o instagram, eventualmente un sito di incontri come badoo o tinder. Chiaramente le piattaforme funzionano in relazione agli avatar che crei, che tra competizione, frustrazione (vedere ogni giorno tanti profili di persone "perfette" chiaramente ti mette nella situazione di competere con standard che non sono raggiungibili, e questo certo non ti rende felice, e neppure ti da la giusta percezione del mondo), una radicata solitudine, unita al fatto che cominci a vivere in un mondo virtuale estremamente piccolo, che nel tempo si restringe sempre piu'... 

    Io penso che nel contesto virtuale c'e' di buono che le persone psicologicamente forti hanno il buon senso per non farsi "fregare" dai siti che divorano la vita di una persona, quindi evitano di mettersi nella situazione di sprecare il loro tempo per cose che non porteranno ad alcun beneficio nel mondo reale.

    Del resto vi siete mai chiesti cosa rimane di voi se spegnete il modem? Quello e' cio' che realmente siete. 
    Rivolgete pure a voi stessi questa domanda, e proprio voi che pensate "io sono intelligente, io non verro mai fregato dalla trappola dei social" state attenti, perche' proprio voi siete quelli che piu' spesso passano 6 ore al giorno su facebook a postare stronzate sulla vita che non state vivendo.


    ***

    @SoylentGreen nessuno vuole privarti del libero arbitrio, perche' le persone che sono consapevoli di non essere libere, tenderanno a ribellarsi.
    L'idea e' appunto darti l'illusione che sei libera, cosi' non hai alcun motivo per ribellarti, quando poi in verita' sei soggetta a tutta una serie di restrizioni senza senso apparente (il senso c'e' ovviamente, ma va per lo piu' a vantaggio di una stretta minoranza di persone che sono interessate a consolidare la propria posizione).

    Da te vogliono tre cose: soldi, e se non vogliono i tuoi soldi, vogliono il tuo tempo, e se non vogliono il tuo tempo, vogliono informazioni sul tuo conto per sapere come possono influenzarti.
    Sniper_OpsAJDaisySoylentGreenmammarosanna
    Post edited by Jin_Nemo_Oudeis on
    Tutto appare sempre un po' diverso
    quando lo si esprime, un po' falsato, un po' sciocco, sì, e anche questo è
    bene e mi piace moltissimo, anche con questo sono perfettamente d'accordo,
    che ciò che è tesoro e saggezza d'un uomo suoni sempre un po'
    sciocco alle orecchie degli altri.
    -Siddharta
  • fattore_afattore_a Colonna
    modificato July 2018 Pubblicazioni: 2,173
    @Jin_Nemo_Oudeis
    Dobbiamo distinguere almeno tra internet, web e social network. E anche tra app di terze parti come WhatsApp che appartiene a Facebook.

    Non parlo - e l'ho detto - del rischio di essere spiati dall'impiegato disturbato di Facebook.

    Non parlo neanche di persone sole che vivono attaccate al computer.

    Nel mio discorso il singolo non conta nulla. Io non conto nulla per Facebook. È il miliardo di persone che interessa a Facebook (o altro network).
    L'elaborazione dei dati consente di tracciare ritratti emotivi degli utenti (non tanto del dato utente). Così, l'algoritmo adeguatamente impostato, o abusato, può agire sullo stato emotivo degli utenti.

    Alcuni autori spiegano il social con il rito della confessione e le notifiche sarebbero i richiami affinché ci comportiamo "bene" sul social: rispondere ai commenti, fare gli auguri, guarda la reaction, guarda la diretta ecc. La religione del social è riuscita ad avere un miliardo di "fedeli" in pochi anni. Il cristianesimo, per esempio, ci ha messo secoli.

    Il discorso, poi, andrebbe allungato anche all'Internet delle cose e ai motori di ricerca, ma è off topic.

    Aggiungo che per la mia età conosco la vita senza il modem. Per questo dico ciò che ho detto.
    BlindAJDaisy
    Post edited by fattore_a on
  • BlindBlind Colonna
    Pubblicazioni: 2,322

    un conto e' usare una mail, o una app di messaggistica minimale come whatsapp che puo' essere considerata una sorta di SMS 2.0, ed un conto e' iscriversi a una piattaforma social


    sicuro sicuro?

    Perché non solo, come ha detto fattore_a, WhatsApp appartiene a Facebook ma l'app di per sé richiede autorizzazioni su tutti i sensori e i dispositivi dello smartphone quindi, potenzialmente, l'applicazione che tu chiami "SMS 2.0" ha accesso a più informazioni su di te di quante ne potrebbe avere un sito di incontri (se lo consulti solo via pc) o... un qualsiasi altro tuo familiare! 

    (solo come esempio, ti riporto qualcuna di quelle autorizzazioni):
    - lettura stato e identità del telefono
    - invio SMS
    - acquisizione di foto e video
    - registrazione audio
    - posizione approssimativa (basata sulla rete) e precisa (basata su GPS e rete)
    - lettura e modifica dei contatti personali
    - lettura, modifica ed eliminazione dei contenuti sulla scheda SD
    - aggiunta o rimozione di account e configurazione password, individuazione e utilizzo account sul dispositivo
    - accesso di rete completo, connessione e disconnessione dal wifi, controllo NFC, ricezione dati da internet
    - accoppiamento con dispositivi bluetooth
    - esecuzione all'avvio e recupero delle applicazioni in esecuzione
    - controllo vibrazione e disattivazione dello stand-by del telefono
    - modifica impostazioni audio

    Ovviamente, c'é una via di mezzo tra la paranoia e l'eccessivo "menefreghismo": bisogna solo trovarla (è evidente che non è la stessa per tutti) per vivere sereni senza privarsi dei servizi di cui si ha bisogno 
    ;)



    fattore_aAJDaisySoylentGreen
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online