Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Sospetto spettro autistico

Ciao a tutti.
Mi sono appena iscritta, ho 35 anni e vorrei chiedervi un consiglio su come muovermi rispetto al mio sospetto di rientrare all'interno dello spettro autistico.
Il mio dubbio è dovuto oltre al fatto che da sempre chi mi conosce mi prende in giro dicendomi che sono "strana", che sono "nerd" e che sono "autistica", anche perché mi rendo conto che in certe situazioni ho reazioni e porto avanti comportamenti bizzarri e male interpretati dagli altri.
Relativamente alla mia infanzia vi posso dire che ho iniziato a parlare prestissimo (a 7 mesi dicevo già le prime parole) ma a camminare a un anno e mezzo senza gattonare (tra l'altro mi hanno sempre presa in giro perché ero goffa e camminavo marcatamente sulle punte, cosa che negli anni ho parzialmente corretto); ho sempre avuto una memoria pazzesca, se mia mamma mi leggeva un fumetto (io non sapevo ancora leggere) dopo due volte lo ripetevo a memoria puntualmente e giravo le pagine nei passaggi giusti; quando mi sono scolarizzata se leggevo un qualsiasi testo lo imparavo a memoria virgole comprese. 
Un'attività che mi piaceva moltissimo da piccola era disegnare ed ero bravissima a copiare disegni di altri (soprattutto fumetti e cartoni Disney) ma non sono mai stata brava a "immaginare" e realizzare qualcosa di mio; sostanzialmente la mia massima soddisfazione era sentirmi dire "brava" nell'aver copiato qualcosa e averla riprodotta in modo perfetto e con dovizia di particolari.
All'asilo non volevo andarci e piangevo disperata, tanto che mia madre alla fine rinunciò all'inserimento tenendomi in casa con lei (non lavorava).
Una particolarità di cui un po' mi vergogno è stata che, mentre ho iniziato prestissimo a fare la pipì nel water, fino a 5 anni non volevo defecare (ero stitica in modo impressionante) e quando la facevo era solo nel pannolino.
Sono figlia unica e sono sempre stata abituata a stare da sola e a gestirmi i tempi morti senza particolari problemi. Giocavo con il pongo e disegnavo appunto, mi piacevano i Lego e, anche in questo caso, mi gratificava tantissimo sentirmi dire "brava" quando avevo montato tutti i pezzi come rappresentato sulla scatola. Non inventavo mai nulla, volevo solo riprodurre quanto fatto da qualcun altro (adulto soprattutto).
Da bambina sono stata sempre educata e docile, estremamente ubbidiente, ma con alcune fisse: lavarmi le mani (ce l'ho tuttora), mangiarmi le unghie, pellicine e calli delle dita, mettermi le dita nel naso (lo faccio ancora e mi rilassa moltissimo quando sono stressata) e sfregare continuamente i polpastrelli tra loro e sui palmi delle mani, per un certo periodo ho sofferto sia di tricotillomania che di tricotillofagia (poi sparite da sole).
Non ho mai avuto problemi di apprendimento (a parte averci messo un po' più degli altri a leggere ad alta voce, mi vergognavo) e a scuola sono sempre andata molto bene, terminando i percorsi col massimo dei voti.
Non sono però riuscita a laurearmi pur avendo terminato gli esami.
La mia vita si è divisa in due fasi: una in cui ero scolasticamente e organizzativamente impeccabile e l'altra (verso i 15 anni quando i miei si sono separati) in cui sono "esplosa" nell'ansia, sbalzi di umore e totale disorganizzazione e disordine (sia ambientale che mentale).
Pertanto non riesco a portare a termine le cose se non con un'estrema difficoltà di organizzazione e dispendio di energie, anche perché mi fisso sui dettagli e perdo l'insieme, soprattutto sul piano delle scadenze delle priorità.
tutto questo completato da periodici sbalzi di umore e periodi depressivi.
Allo stesso tempo però mi urta e mi innervosisco in modo ingiustificabile se qualcuno non sa una cosa e non la fa come secondo me andrebbe fatta.
Sono ancora molte le cose che potrei dire ma non voglio risultare prolissa (sono da sempre considerata "logorroica" e manipolatrice della conversazione, anche perché da un lato sfuggo agli incontri sociali ma dall'altra quando mi ci ritrovo voglio essere al centro dell'attenzione ed essere quella "ricordata" dagli altri perché simpatica, sveglia, smart, ecc...); in ogni caso facendo dei test di autodiagnosi e conoscitivi trovati su questo sito mi saltano fuori dei punteggi molto alti.
Se qualcuno quindi, più preparato ed esperto di me, volesse perdere un po' di tempo per leggere il mio intervento e dirmi se devo rassegnarmi all'avere un brutto carattere ed essere una "ca@@ona" su certe cose oppure se devo indagare di più sul funzionamento del mio cervello e trovare una soluzione al mio stato.
Vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione.


ale82NewtonJohnnygang80rondinella61bloody81udPiu82Speranza
«1

Commenti

  • MononokeHimeMononokeHime Veterano Pro
    Pubblicazioni: 1,075
    Benvenuta! :)

    Conoscersi, accettarsi, migliorarsi.
    Mai rassegnarsi.
    Blindrondinella61Nemo
    Che io abbia il corraggio di accettare le cose che non posso cambiare, la forza di cambiare le cose che posso cambiare, e la saggezza per poterle distinguere. (versione personale)
  • GigiulliaGigiullia Neofita
    modificato 8 July Pubblicazioni: 9
    Grazie :)
    Post edited by Gigiullia on
  • ale82ale82 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 922
    Benvenuta a braccia aperte.
    Sei mia coetanea e hai moltissime cose in comune con la mia "storia" e le mie attuali "abitudini".
    Spero tu possa trovarti bene qui :)
  • GigiulliaGigiullia Neofita
    modificato 8 July Pubblicazioni: 9
    @ale82 Tu sei diagnosticata? Posso chiedertelo?
    Post edited by Gigiullia on
  • DrMoodyDrMoody Veterano
    Pubblicazioni: 282
    Benvenuta. Qui nessuno può dirti se hai un brutto carattere o se sei nello spettro; per questo devi rivolgerti a un professionista.
    OrsoX2Nemo
  • pokepoke Neofita
    Pubblicazioni: 1,662
    Mi sono appena iscritta, ho 35 anni e vorrei chiedervi un consiglio su come muovermi rispetto al mio sospetto di rientrare all'interno dello spettro autistico.
    .....

    Buon giorno,
    Se sospetti (dopo aver fatto tutti i test di questo sito ) di rientrare nello spettro, quando ne senti la necessità può essere il caso di verificare con un processo di diagnosi, a cui seguirà se lo riterrà opportuno il professionista e tu, un percorso di terapia.
    La terapia ed il processo di consapevolezza dovrebbero aiutarti a trovare strategie comportamentali ed a valorizzare i tuoi punti di forza.
    ale82OrsoX2MononokeHime
  • SophiaSophia SymbolModeratore
    Pubblicazioni: 4,593
    Benvenuta nel forum :)
    "Nulla esiste finché non ha un nome".
    Lorna Wing
  • GigiulliaGigiullia Neofita
    Pubblicazioni: 9
    Grazie a tutti
  • NewtonNewton Pilastro
    Pubblicazioni: 3,931
    Alcuni passaggi della tua presentazione mi hanno emozionata. Benvenuta!
    Johnnygang80rondinella61
  • GigiulliaGigiullia Neofita
    Pubblicazioni: 9
    Newton ha detto:

    Alcuni passaggi della tua presentazione mi hanno emozionata. Benvenuta!

    Addirittura ;)
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586