Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Capire i risultati del test Aspie e se stessi

Ciao a tutti, mi sono appena iscritto nonostante sia da un pò (in realtà più di un pò) che vi leggevo.
Onestamente avevo un pò di "paura" ad iscrivermi anche se non so bene spiegare il motivo.
Scrivo perchè vorrei capire meglio il risultato del test, io sono risultato cosi:
- 107 su 200 Aspie (anche se per sbaglio ho saltato una risposta "E' importante trovare una nicchia particolare dove acquisire competenze uniche? la risposta sarebbe stata 1 e quindi penso che il punteggio reale sia lievemente più alto)
- 96 su 200 Neurotipico

Non capisco se essere al 50% significa essere Asperger o no, onestamente leggendo questo forum mi ritrovo in tantissimi aspetti che vengono indicati anche se crescendo molti aspetti sono diminuiti essendomi dovuto adattare e ormai a quasi trent'anni è più una mia curiosità personale capire se ho qualcosa o meno (se cosi si può dire, spero di non offendere nessuno).
Ho un QI lievemente sopra la media (120), non mi piace il contatto fisico con persone a me non vicine e saluto con baci e abbracci più per non apparire maleducato che altro, ho sempre avuto un mio senso della morale molto alto che mi ha anche portato problemi a volte, mi sento a disagio da morire in cene aziendali forzate o simili, mi è sempre piaciuto imparare e tutt'ora quando trovo un argomento che mi interessa leggo di tutto e di più su quell'argomento.
Non so se questo può aiutare meglio a capirmi, nel dubbio l'ho scritto.

Ringrazio anticipatamente chiunque possa aiutarmi a chiarirmi le idee e mi sappia aiutare, scusatemi per il post cosi lungo...

Marco75katriss
Taggata:
«13

Commenti

  • PieroPiero Membro
    Pubblicazioni: 20
    Ho sbagliato qualcosa? Più o meno quanto tempo ci vuole perchè qualcuno risponda?
  • CiainaIndioCiainaIndio Membro
    Pubblicazioni: 90
    Ciao Piero. Io non sono ancora diagnosticato però ti assomiglio da quello che hai scritto. Cià
    katriss
  • SophiaSophia SymbolModeratore
    Pubblicazioni: 4,940
    Ciao @Piero benvenuto nel forum.
    Su come interpretare il test trovi la spiegazione a questo link.

    Tieni conto che i test non sostituiscono la diagnosi ma possono offrirti indicazioni importanti circa il tuo funzionamento, dopo i quali puoi valutare se rivolgerti ad un professionista per intraprendere il percorso diagnostico.

    katriss
    "Nulla esiste finché non ha un nome".
    Lorna Wing
  • SophiaSophia SymbolModeratore
    Pubblicazioni: 4,940
    Ciao @Piero benvenuto nel forum.
    Su come interpretare il test trovi la spiegazione a questo link:

    https://www.spazioasperger.it/forum/discussion/10/aspie-quiz-test-online-sulla-neurodiversita/p1

    Tieni conto che i test non sostituiscono la diagnosi ma possono offrirti indicazioni importanti circa il tuo funzionamento, dopo i quali puoi valutare se rivolgerti ad un professionista per intraprendere il percorso diagnostico.

    "Nulla esiste finché non ha un nome".
    Lorna Wing
  • Marco75Marco75 Moderatore
    Pubblicazioni: 1,703
    Ciao Piero, benvenuto.
    L'Aspie Quiz è solo indicativo, ma a mio avviso i tuoi punteggi potrebbero suggerire che valga la pena approfondire. Suggerire, ho detto: se ne vale davvero la pena, puoi saperlo solo tu, in base alla tua necessità di conoscerti e capire.
    Puoi comunque provare, se vuoi avere un quadro un po' più completo della situazione, i test su http://www.neuroscapes.org, in particolare RAADS-R, AQ, EQ, SQ e Alessitimia.
    katriss
    "Love yourself first"
  • PieroPiero Membro
    Pubblicazioni: 20
    Vi ringrazio molto, qualunque sia la mia situazione sinceramente non sono molto propenso a seguire percorsi diagnostici.
    Onestamente ho già affrontato un percorso di terapia di diversi mesi e non ho assolutamente voglia di ricominciare, anche perchè tutto sommato apparte essere definito asociale in modo amichevole da mia moglie ormai penso di aver trovato un mio equilibrio.

    Diciamo che la mia è più una curiosità per conoscermi meglio cioè a volte non capisco perchè agli altri non diano noia comportamenti che io proprio non tollero, ho letto che il test RAADS-R deve essere fatto necessariamente con un medico e non è consigliato usarlo come autodiagnosi, posso provarlo ugualmente?

    Non voglio essere diagnosticato o meno Aspie (non mi interessa essere categorizzato) vorrei solo riuscire ad interpretare un risultato come il mio che mi mette proprio nel mezzo dei due stadi. Cioè sono un NT che solo di carattere ha determinati comportamenti oppure il carattere deriva da questo mio aspetto Aspie.
    Facendo il test di Myers, Briggs e Jung risulto sempre con personalità INTJ questo dipende da un mio disturbo? Poi perchè dobbiamo chiamarlo disturbo quando in realtà sono felice di avere una memoria particolarmente sviluppata (ricordo testualmente determinati dialoghi anche di anni fa), avere forti interessi per alcune cose? Certo il rovescio della medaglia magari è che non riesco a godermi cose che per me ritengo banali/superficiali o futili e quindi spesso ho visto la vita come un percorso triste però boh non penso che vorrei scambiare le cose...

    Scusatemi davvero, scrivo un sacco è che ho molte domande ma leggendo questo forum mi sembra di poter trovare un pò di risposte.
    katriss
  • Marco75Marco75 Moderatore
    Pubblicazioni: 1,703
    Infatti non è un disturbo, anzi, qui sopra evitiamo appositamente di usare questa parola.
    Per quanto riguarda l'essere "a metà", ripeto, l'Aspie Quiz dà solo indicazioni di massima. Io, la prima volta che lo feci, ebbi un risultato molto simile al tuo (anche se leggermente più orientato in senso ND: 122/96), ma poi ho voluto approfondire e sono stato riconosciuto Asperger da due diversi specialisti.
    Per quanto riguarda il RAADS-R, certo che si può fare autonomamente, ma i risultati ovviamente vanno presi con le pinze, ha un margine di errore molto più ampio. Io ti suggerirei di farlo con qualcuno accanto che ti conosca bene (l'ideale sarebbe qualcuno che ti abbia conosciuto sia di recente, sia durante l'infanzia/adolescenza), in modo da poter avere un secondo parere, più "esterno", sulle risposte.
    katriss
    "Love yourself first"
  • riotriot Moderatore
    Pubblicazioni: 4,265
    benvenuto Piero!
    la ricerca di una diagnosi di Autismo per gli adulti ha per fine il miglioramento della qualità della propria vita (relazioni, lavoro, autonomia, autostima).
    quindi non è tanto importante il percorso di diagnosi quanto i suggerimenti e le terapie che poi vengono assegnate.
    se tu sei al 100% sicuro di "farcela" senza nessun aiuto esterno allora si, non ti serve approfondire la tua condizione con uno specialista, che puoi fare anche confrontandoti qui con gli altri utenti.
    OrsoX2
    La vita è troppo breve per ignorare le incomprensioni. 
  • PieroPiero Membro
    Pubblicazioni: 20
    Pirma di tutto, grazie mille davvero!
    Diciamo che a prescindere da diagnosi o meno già aver trovato un posto dove molte persone hanno tutt'ora o hanno avuto "problemi" simili ai miei mi fa piacere, poi se devo dirla tutta ho un pò di paura per un'eventuale risposta definitiva.
    Cioè ormai a 29 anni sotto molti aspetti mi sono adattato e nonostante certe cose mi diano fastidio ormai diciamo mi ci sono abituato, leggendo il forum mi ritrovo in un sacco di aspetti di molte persone.
    il percorso fatto in precedenza mi ha aiutato a cercare di spiegare le mie emozioni alle persone anche se la terapista non mi ha mai fatto domande o accennato nulla che potesse ricondurmi all'Asperger.
    Finchè non sono cresciuto ed ho iniziato a cercare risposte su di me, sul perchè a me danno molto fastidio alcune cose mai avrei immaginato di essere un possibile Aspie, tutto è partito l'anno scorso quando ho cercato perchè io avessi sempre l'ansia e disagio di andare alle cene "forzate e aziendali" sono finito in questo forum e mi si è aperto un mondo. 
    Non nego che da un lato questo mio dubbio mi rende un pò triste dato che prima credevo di essere "speciale".

    Capisco che scrivo troppo è che davvero ho mille cose che vorrei chiedervi e vorrei capire.
    katriss
  • PieroPiero Membro
    Pubblicazioni: 20
    @Marco75 il problema del RAADS-R almeno per me è che nessuno saprebbe aiutarmi sull'infanzia/adolescenza in quanto ho sempre cercato di tenere ogni cosa più o meno celata.
    Solo mia moglie è riuscita a scalfire la barriera superficiale che ho creato e infatti solo lei mi conosce davvero, gli altri conoscono solo ciò che permetto/ho permesso loro di conoscere.
    So che può essere "strano" ma il  dubbio è cresciuto dopo che mia moglie mi ha detto questo:" sai, togliendo le esagerazioni su molte cose ti comporti come Sheldon". Non seppi come prendere la cosa, era un complimento o un difetto? (serie tv"The Big Bang Theory")

    Anche te hai avuto dubbi con il risultato iniziale? Quando le ho detto del mio risultato lei mi ha tranquillamente risposto che già se lo immaginava però che mi ama anche per questo. E' stata inutile la mia risposta che un 50% non vuol dire 70% o più.
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586