Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Non riesco a piangere e vorrei

katrisskatriss Veterano Pro
modificato 25 September in Esplorare i sentimenti
Salve a tutti. Sono in un momento di sconforto, sola sul letto a rimuginare... Un nodo in gola mi opprime da tempo...vorrei tanto piangere perché starei meglio ma da circa due anni sono bloccata e mi esce qualche lacrima occasionale solo guardando film o quando inaspettatamente mi commuovo , ad esempio parlando delle mie cagnoline ora non più sulla terra o quando qualcuno mi rende felice e lo racconto a un amico vero. Qualcuno prova queste sensazioni? Come fate a superarle? ho i ricordi dei pianti liberatori che poi mi svuotavano ma mi alleggerivano, almeno per un po'. Senza pianto la testa mi pare scoppiare...so i motivi razionali e sono i soliti ( sentirsi incompresi, usati, fragili, con difficoltà a difendersi, presi in giro...) ma fatico a gestire la parte emotiva. Un po' scrivo ma vorrei sfogarmi fisicamente e lo sport non mi aiuta perché ho la testa piena...grazie a tutti!
ValentaShikimarco3882giuParsifalAndato_52
Post edited by Sophia on
«13

Commenti

  • AdalgisaAdalgisa Veterano Pro
    Pubblicazioni: 1,793
    Come mai sei in un momento di sconforto? Se spieghi il motivo magari possiamo fare qualcosa
    Shikikatriss
    E' vero se è vero che è vero che..

    che mi fa impazzire se penso che le cose che ho toccato insieme a te debbano svanire...dimmi che non è, dimmi che non è tutta un'illusione...un'illusione"
  • katrisskatriss Veterano Pro
    modificato 22 September Pubblicazioni: 417
    grazie@cicalina Sono sempre le solite difficoltà che abbiamo quasi tutti ma in dei momenti appaiono più grandi e gravi.
    Sto bene da sola e mi piace starci ma purtroppo continuo a starci male quando vedo che delle persone a cui tengo mi cercano quando hanno bisogno e magari insistono anche ( e io faccio di tutto per esserci, ascoltare e consigliare) ...e poi, quando capita a me...se vorrei un parere, un po' di attenzione o di tempo...hanno sempre altro da fare, di più importante e improrogabile. Mi fa venire voglia di rompere del tutto il legame...ma so che non sarebbe un bene...però resto fredda, distante, delusa, dispiaciuta... Mi sembra di essere in isole dove ci sono tanti problemi da risolvere ma solo io me ne occupo...gli altri o non li vedono siccome corrono per i fatti loro o se ne disinteressano. E le urgenze loro vengono sempre prima...
    due esempi: ho aiutato delle colleghe nuove per delle questioni che non capivano; l'ho fatto volentieri. Una delle due mi dice di aver trovato un dvd in una sua aula, senza custodia...l'altra ha visto la custodia. Mentre mi occupo di altro, chiedo loro, PER FAVORE, di recuperare la custodia altrimenti il dvd, mio, andrà perso o rovinato. Io le ho aiutate, loro son state a chiacchierare e nessuna mi ha riportato la custodia che dopo ho cercato da sola. È quasi tutto così è mi sconforta. .. al lavoro una sola persona sa del mio essere parte del mondo autistico ma è come se non lo sapesse...
    Il mio compagno sa e un po' mi viene incontro ma a volte è freddissimo...
    avevo mal di pancia e nausea e mi ero fatta una tisana alla menta per vomitare o digerire. Arriva a casa, gli spiego e si preoccupa del fatto che la tazza rovini il tavolo di legno...
    SirAlphaexaTormalinaNeraharimau08Andato_52
    Post edited by katriss on
  • vera68vera68 Veterano Pro
    modificato 22 September Pubblicazioni: 827
    Sicuramente c'è un blocco emotivo. Io piango spesso e molto. Tuttavia mi sembra che il dolore sia profondamente irraggiungibile e quindi totalmente e pienamente inesprimibile.
    C'è un senso di pienezza che mi manca, pienezza anche nell'esprimere il dolore, afferrarlo e tirarlo fuori fino in fondo.

    Io ho provato a prendere lezioni di canto. Io dono stonata e continuo a esserlo. Il maestro a cui ho chiesto lezione era poco "tecnico" con me ma di gran cuore, ascoltava molto, giuducava poco e mi proponeva canzoni azzeccate, tagliate su di me e mi ha accompagnato in una sorta di operazione chirurgica a cuore aperto. Ci siamo lanciati in questa avventura tutti e due (il maestro ed io) da autodidatti.
    In un'ora di canto poteva anche succedere che ci fosse 20 min di canto e 40 di fazzoletti inzuppati miei. Un po' è servito
    La mia terapeuta, saputolo, mi ha mandato a fare un po di "logopedia", se così possiamo chiamarla. Si trattava di un lavoro di ascolto della vibrazione del suono all'interno del mio corpo. Questo è servito molto. Anche a sintonizzarmi e riconoscere i miei stati emotivi.

    Ora mi accorgo che ci sono ancora blocchi che io vedo non come blocchi nuovi, ma come zoccoli duri che si incontrano nel cammino di ricerca profonda di sé. A volte mi sembra di avere un bubbone che puoi schiacciare all'infinito ma non riesci ad estirparne la radice
    katrissNemo
    Post edited by vera68 on
  • AdalgisaAdalgisa Veterano Pro
    modificato 22 September Pubblicazioni: 1,793
    A quanto ho capito per "altri" intendi i colleghi di lavoro? Il fatto e' che apparentemente molti asperger sono fin troppo normali: esempio tu lavori e hai un compagno quindi anche se riferisci di far parte dello spettro autistico le persone non "ricevono" il messaggio perche' l'asperger non ti ha comunque impedito di avere una vita normale. Sul posto di lavoro si e' colleghi ma quasi mai amici percio' che tu pure dici di essere asperger le persone non ci faranno mai caso piu' di tanto. Diverso e' il discorso per quanto riguarda le amicizie vere che sono comunque rare
    katriss
    Post edited by Adalgisa on
    E' vero se è vero che è vero che..

    che mi fa impazzire se penso che le cose che ho toccato insieme a te debbano svanire...dimmi che non è, dimmi che non è tutta un'illusione...un'illusione"
  • katrisskatriss Veterano Pro
    Pubblicazioni: 417
    @vera68, grazie! Bella questa idea del canto e son contenta che per te abbia funzionato. Io non ho tanti soldi per queste terapie ma faccio yoga e a volte lì vicalizziamo e mi aiuta un po'. .Sicuramente è un blocco emotivo, forse una corazza che mi son messa e non riesco più a togliere.
  • MononokeHimeMononokeHime Colonna
    Pubblicazioni: 1,249
    Anche a me a volte capita di essere emotivamente bloccata, ovvero sento il bisogno di “buttare fuori” le emozioni, perché a forza di trattenere, contenere, erigere barriere, poi rimango bloccata, perché nella quotidianità non posso esprimere tutto ciò che provo. E allora faccio delle “sessioni” (chiamiamole così) in cui ascolto musica che mi tocca nel profondo e mi abbandono alle emozioni e al pianto, lasciando che i pensieri scorrano insieme a tutto ciò che queste mi suscitano. Per me è liberatorio, non so se può funzionare anche per te.
    katrissvera68Andato_52
    Che io abbia il corraggio di accettare le cose che non posso cambiare, la forza di cambiare le cose che posso cambiare, e la saggezza per poterle distinguere. (versione personale)
  • katrisskatriss Veterano Pro
    Pubblicazioni: 417
    @MononokeHime grazie! mi piacerebbe trovare della musica che mi aiuti. ho poco Internet e questo ostacola lo scaricare online. se hai qualche link o brano secondo te molto toccante provo a ascoltare.
  • katrisskatriss Veterano Pro
    Pubblicazioni: 417
    @cicalina hai ragione. Apparentemente la mia vita può sembrare normale, pur con molta fatica, ma quella la conosciamo tutti...
    La collega a cui ho parlato è anche in parte un'amica però ha due bimbi e c'è solo quando ha bisogno o quando decide di esserci ... mi confida cose sue e io faccio altrettanto. ..le ho spiegato il fatto di sentirmi spesso sola e desiderosa di confronto...a parole comprende ma poi...dopo pochi minuti di messaggi ( di persona non possiamo vederci perché dice di essere sempre impegnata...e tiene alla casa molto pulita e in ordine) mi scrive che deve occuparsi dei bambini e mi saluta...così molte volte non ci provo nemmeno.
    gli amici sono rari, è vero. ..
    anche la mia migliore amica d'infanzia sa di me ...ma quando ci vediamo parla molto di questioni sue...
    il mio compagno c'è e non c'è. ..spesso non ci vediamo fino alle 21.30-22 perché lavora molto o esce con altri o sta con la sua famiglia.
  • AdalgisaAdalgisa Veterano Pro
    Pubblicazioni: 1,793
    E nel fine settimana anche lavora? In estate? Se convivete dovrete pur condividere delle cose no? Ed e' gia' tanto fidati...
    katriss
    E' vero se è vero che è vero che..

    che mi fa impazzire se penso che le cose che ho toccato insieme a te debbano svanire...dimmi che non è, dimmi che non è tutta un'illusione...un'illusione"
  • MononokeHimeMononokeHime Colonna
    modificato 22 September Pubblicazioni: 1,249
    Anche senza scaricare, potresti provare semplicemente con YouTube.
    Proverei con colonne sonore di film che ti hanno commosso (per diverse ragioni, non per forza tristezza).
    Una che mi viene in mente è quella di Okuribito (Departures), film bellissimo.

    katriss
    Post edited by MononokeHime on
    Che io abbia il corraggio di accettare le cose che non posso cambiare, la forza di cambiare le cose che posso cambiare, e la saggezza per poterle distinguere. (versione personale)
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586