Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Non so come comportarmi, potete aiutarmi?

Buongiorno, mi sono presentata tempo fa e sono sempre stata silente perché non mi sentivo in "diritto" di intervenire nel forum senza avere una diagnosi ufficiale.
La diagnosi ancora non c'è ma ci sto lavorando :)
Ho deciso di scrivere qui perché ho un problema da porvi e non saprei con chi parlarne.
Premetto che non sono razzista, ma ho delle serie difficoltà con certi atteggiamenti che hanno alcune persone non appartenenti alla mia cultura.
Vengo al punto: non guidando per spostarmi uso spesso il treno e quotidianamente incontro ragazzi di colore che hanno degli atteggiamenti a dir poco spiazzanti (per me).
Molti iniziano con il salutarmi, e la cosa mi mette profondamente a disagio (anche perché non ci siamo mai visti), ma per un ciao non muoio e quindi rispondo educatamente.
Ma qui arriva il bello... o il brutto (non lo so)!
Qualcuno chiede qualche moneta e se non sono in qualche periodo di ristrettezze do quello che posso (e fino qui tutto ok) altri iniziano con il dire "sei bella", "sei sola?", "sei stupenda... e io sorrido gentilmente ringraziando e accellerando il passo, il problema si pone quando quando questi ragazzi iniziano a sedersi sul treno accanto a me, cercano di parlare e io mi stizzisco chiedendo loro che cosa vogliono da me. Di solito rispondono che vogliono parlare o che io semplicemente li saluti.
Io mi chiudo a riccio e qualcuno se ne va, qualcuno insiste e prova a toccarmi facendo finta di sfiorarmi casualmente (questa cosa mi lascia addosso un senso di fastidio e continuo a sentire il loro tocco per ore) oppure iniziano a fissarmi per tutto il tempo del viaggio.
Queste cose mi stanno mettendo in estrema difficoltà al punto di provare ansia quando so che devo prendere il treno.
Queste persone come si aspettano che io reagisca?
Cosa vogliono da me?
Non riesco a capire...
Vogliono solo socializzare?
È se io non volessi socializzare con loro?
Anche perché io non voglio socializzare con nessuno che non sia strettamente necessario per lavoro/casa/scuola di mio figlio.
Spero di non essere risultata razzista/supponente/ antipatica, ma non saprei a chi altro chiedere consiglio.
Grazie mille.
«1

Commenti

  • RonnyRonny Neofita
    Pubblicazioni: 1,061
    Ti stanno molestando sessualmente e il motivo per cui lo fanno è perché vedono che sei abbastanza debole da permetterglielo. Al prossimo che ci prova tiragli un bel ceffone, così vedi che la smettono.
    Se fai così vedrai che non proveranno poi a menarti, perché a quel punto tu potrai denunciarli e riportare la cosa ai giornali. Sono stranieri, quindi vedrai che i giornali saranno ben contenti di darli in pasto all'opinione pubblica e ci saranno un sacco di "volenterosi difensori della patria" pronti a dargli una lezione. Lo so che è un ragionamento cinico, ma in certi casi il cinismo serve
  • nebelnebel Veterano Pro
    Pubblicazioni: 319
    è una forma di molestia, non c'entra il razzismo in questo caso, ed è normale che tu ti senta agitata all'idea di prendere un treno. posso consigliarti di scegliere un vagone non vuoto e se possibile, per quanto possa anche questo generare disagio, sederti in posti che sono già occupati intorno a te, così che nessuna di queste persone abbia la possibilità di avvicinartisi. potresti scegliere un vagone vicino alla locomotiva, di solito all'interno oltre al macchinista c'è un controllore, in casi estremi potresti bussare e ottenere così un rinforzo. inoltre se il treno che prendi è lo stesso tutti i giorni potresti in qualsiasi caso parlare con un controllore e raccontargli questi episodi ricorrenti e quindi chiedere come comportarsi, come reagire e cosa non fare (ad esempio, perdonami ronny, tirare un ceffone mi sembra una pessima idea).

    mi spiace molto per quel che ti accade, è tuo diritto difenderti chiedendo sostegno a chi lavora per le ferrovie, sarebbe loro compito garantire un ambiente sicuro sui treni.
    LisaLaufeysonNemoPierorondinella61eleonoavera68Valenta
  • LisaLaufeysonLisaLaufeyson Veterano Pro
    modificato 9 October Pubblicazioni: 435

    Mi capitava sovente quando prendevo il treno ai tempi dell'università. Ad attaccar bottone però non erano solo stranieri ma anche parecchi insistenti italiani!

    Io sono introversa all'estremo. In treno amo leggere e odio socializzare in generale.. in quei frangenti poi, non lo trovo minimamente necessario! In più i complimenti sperticati mi mettono a disagio.

    Dopo un po' avevo imparato a riconoscere il possibile "piacione" e lo evitavo come la peste. Localizzavo il posto libero con intorno persone "inoffensive" ( dal mio punto di vista), tipo altre donne o famigliole e mi sedevo lì.

    Se capitava di venire avvicinata mio malgrado e cominciava la sequela di " sei sola?.. sei bella.. ecc.."  continuavo a leggere ignorandolo.  Se cercavano invece di scambiare due parole su argomenti neutri ( tempo, ritardo del treno), senza insistenza e secondi fini rispondevo a monosillabi.

    Mi è capitato anche di venir seguita nei sottopassi della stazione. Tiravo dritto e cercavo di rimanere tra la folla.

    Ecco , potrei consigliarti di seguire queste linee guida. E in caso di eccessiva insistenza rivolgerti ad un controllore.

    Cosa vogliono?

    Provarci, fare i simpatici della situazione o darti semplicemente fastidio.

    Come si aspettano che tu reagisca?

    Che importa? Se a te da fastidio, allora reagisci di conseguenza.

    Ti sconsiglio il ceffone però, a meno che il tizio non allunghi le mani sul serio. In quel caso chiama aiuto. Picchiare qualcuno perché ti fa un complimento, per quanto non richiesto e per quanto insistente, è eccessivo..



    NemoSirAlphaexarondinella61riotValenta
    Post edited by LisaLaufeyson on
  • NewtonNewton Pilastro
    Pubblicazioni: 4,153
    Se rispondi con un ceffone rischi forte che ti gonfino di botte, dunque evita.
    Nessuno è tenuto a socializzare, e questi non vogliono socializzare, vogliono una donna. Infatti mica dicono le stesse cose agli uomini per fare due chiacchiere.
    Ti hanno già dato consigli validi: cerca di sederti dove ci sono pendolari o altre persone. Ti consiglio di non rispondere ai saluti o ringraziare per i "complimenti" perché sono solo un modo per attaccare discorso: fai finta di nulla e spostati, se ti trovi in quella situazione. Puoi anche fare finta di stare al telefono con qualcuno, è utile indossare degli auricolari (anche se non stai ascoltando nulla).
    rondinella61LisaLaufeysonNemoValenta
  • aimeeaimee Neofita
    Pubblicazioni: 7
    Grazie mille...
    Proverò a confondermi nella folla e cercherò di sedermi vicino a qualcuno che mi sembra "innocuo". Se non basta proverò con il trucchetto del telefono.
    Mi sorge un altro dubbio però: questo genere di "approccio" può davvero essere considerato una molestia?
  • PieroPiero Membro
    modificato 10 October Pubblicazioni: 51
    Mi sento una rabbia mostruosa quando so cosa succede alle ragazze/donne sui mezzi pubblici quando solo sole, neanche vivessimo ancora nel medioevo.

    @aimee si quello che subisci è una molestia a tutti gli effetti, riporto l'art. 660 del codice penale:"Chiunque, in un luogo pubblico o aperto al pubblico, ovvero col mezzo del telefono, per petulanza o per altro biasimevole motivo, reca a taluno molestia o disturbo è punito con l'arresto fino a sei mesi o con l'ammenda fino a euro 516 [c.p. 659]"

    Se sei sola e ti danno parecchio fastidio in stazione valuta di andare un attimo a parlare con gli agenti di Polizia sempre presenti in stazione.

    ps edit per punteggiatura
    rondinella61Nemo
    Post edited by Piero on
  • riotriot Moderatore
    Pubblicazioni: 4,360
    aimee in altre culture, come quella anglosassone, le persone ti parlano spontaneamente per passare il tempo. a me è capiato in aereo un tizio che ha condiviso la sua bottiglia di whisky e a fine viaggio eravamo divertiti e un po' alticci, ma la molestia si differenzia dalla semplice socialità perché insistente ed inopportuna (come il toccarti), insistente anche quando hai gioà fatto capire che non sei interessata.
    LisaLaufeyson
    La vita è troppo breve per ignorare le incomprensioni. 
  • NenaNena Membro
    Pubblicazioni: 27
    Ciao a me è capitato di viaggiare in treno e in autobus, sia di giorno che di sera, preferisco non guardare in faccia nessuno ed evitare accuratamente di guardare le persone negli occhi. Cerco posti in piedi o singoli o accanto a persone che mi fanno sentire al sicuro, donne, mamme con bambini o persone anziane e di solito indosso le cuffie e ascolto musica per rilassarmi, se è giorno, indosso sempre gli occhiali da sole. Sicuramente non rispondo mai a chi cerca di attaccare bottone in un modo o nell'altro
  • karakara Membro
    Pubblicazioni: 37
    Io odio ste cose talmente tanto che la maggioranza delle volte rispondo molto male della serie ' che vuoi?! Ma ti conosco?!' con un tono alterato. Dietro mi porto sempre lo spray al peperoncino, non si sa mai.
    Lo so che è meglio ignorare (per la mia incolumità più che altro), ma non riesco proprio.
    Poco tempo fa c'era un tizio che già dall'inizio della via mi fissava (manco fosse trasparente, mica si nota eh) appena gli passo davanti ha iniziato a canticchiare qualcosa (era palesemente diretto a me) allora mi sono girata e gli ho detto " porto anche il violino? Così mettiamo su un orchestra?! ' con tono incazzato. Si è subito zittito.
    rondinella61Samala
  • MignonMignon Veterano Pro
    Pubblicazioni: 239
    Chi viene dal centro/nordafrica cresce in un modello particolarmente aggressivo di mascolinità (sono un po' italiani alla decima) e si sentono, in un certo senso, "obbligati" a comportarsi così - e contano sul fatto che una donna non mostrerebbe mai apertamente di ricambiare (perché nemmeno per lei "sarebbe appropriato") e quindi cercano di farsi strada tra i silenzi e le reticenze (che per noi sono semplice cortesia), prendendoli come il massimo grado di conferma che una donna può permettersi.

    Con il passare delle generazioni le cose si appianeranno. Nel frattempo sii chiara, anche a costo di sembrare aggressiva, cambia carrozza o rivolgiti a un controllore.
    LisaLaufeysonrondinella61
    "Le brave persone pensano sempre di aver ragione."
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586