Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Mi tiene insieme solo il filo interdentale

DoorDoor Colonna
modificato 13 October in Mi sento giù
Ciao a tutta la ciurmaglia ^___^

Dato che non scrivo da un po', mi ripresento.
Mi chiamo Door e ho 22 anni. 
Per quasi un anno, lo scorso, ho seguito una terapia cognitivo-comportamentale per aiutarmi a gestire la mia vita e l'università. Non è andata bene, ed ho mollato. 
Frequento una facoltà sanitaria, e fra frequenza obbligatoria praticamente del 100% e una vagonata di ore di tirocinio, ecco diciamo che trovo la cosa complicata. Nonostante io sia sempre stanca, posso però dirmi soddisfatta. Sto cominciando il mio ultimo anno indietro di un solo esame e tenendo quella che considero una buona media. Sono anche fidanzata da diversi anni con la persona più importante della mia vita.

Più di tre anni fa ho avuto la mia prima diagnosi ufficiale, di sindrome di Asperger, con RAADS di 212. Pochi mesi dopo, una seconda diagnosi tramite università, di discalculia. Lo scorso anno mi è stato diagnosticato un disturbo borderline di personalità.
Anche se queste sono le mie tre diagnosi ufficiali, ce ne sono altre non ufficializzate o perché inglobate da quelle ufficiali o perché difficili da appurare a posteriori.
In particolare, seguendo un ordine temporale, ho sviluppato il disturbo alimentare di binge eating in pre-adolescenza,una depressione maggiore a cavallo tra pre-adolescenza ed adolescenza, anoressia alternata ad episodi di bulimia per quasi un anno, autolesionismo, attacchi di panico poi trasformatisi in un disturbo d'ansia generalizzato, ed infine appunto il borderline.
Ed è con quest'ultimo che sto avendo (e ho avuto) grossi problemi in questo momento della vita. Ho dei brutti crolli depressivi che mi costringono a letto tutto il giorno, soprattutto quando l'ansia aumenta. Per questa ragione ho saltato degli appelli d'esame, dei giorni di lezione, troppe uscite con compagni di corso e "amici" e troppi raduni del forum.

Come ho già accennato sopra, sono stata in terapia per quasi un anno. La psicologa mi piaceva, era giovane e diretta, ma il parlarle di me mi faceva stare male. Spesso dopo una seduta, che io trovavo estenuante, piangevo ripensando a ciò che e avevo detto, per il dolore di quelle cose e per la vergogna.
Così un venerdì di aprile in cui ero particolarmente triste rimandai un appuntamento, e poi un altro, e poi un altro e poi ho smesso di andarci.
Quello di cui parlavamo era soprattutto la mia famiglia, la morte di mio padre, la depressione dei miei genitori, l'indifferenza della mia famiglia a tutti gli aspetti della mia vita tranne che a quello accademico (sembra sia quella una parziale origine della mia ansia). Non le dissi mai dell'asperger, forse sbagliando. 
Da poco più di un mese ho iniziato a fare attività fisica regolare, lo trovo rilassante e spero di riuscire a continuare.

Ho difficoltà anche nel mettere in ordine i pensieri. Cambio idea alla velocità di un battito di ciglia, e a volte vorrei mollare tutto e trasferirmi in Nepal o in Perù, ad intagliare il legno e pascolare le pecore. 

Mi sembra di mettere insieme i pezzi della mia vita con il filo interdentale, una volta che unisci il successivo quello di prima si squarcia e cade e tu corri a riprenderlo lasciando tutto il resto che vacilla e si decompone e muore. A causa del borberline penso spesso al suicidio.
La verità è che non so più che fare. Sto molto male per qualche giorno e poi inizio a stare meglio e penso a quanto sia stato stupido ed esagerato restare stesa sotto il letto a piangere per ore e pregare di morire, perché io amo vivere anche se è doloroso e a volte è un vero e proprio inferno.
Ho provato a stare meglio con la terapia, ma non credo faccia per me. Sto prendendo in considerazione la via farmacologica.
Al di là di questo pippone, mi chiedevo se aveste qualche consiglio da darmi su cosa fare, mi farebbe piacere ascoltare qualche parere o qualche esperienza.
Grazie in anticipo.
WBorgLisaLaufeysonharimau08mammarosannaValentaNewtonGecorondinella61SophianebelSole
Post edited by Sophia on
Il mio sistema limbico è crashato.

Commenti

  • WBorgWBorg SymbolPilastro
    modificato 13 October Pubblicazioni: 3,779
    Direi di trovarti un altro psicologo e di cominciare subito una terapia farmacologica.
    E anche di scrivere di piu nel forum.
    Mi fa piacere che sei tornata.
    ValentaDoorNemo
    Post edited by WBorg on
  • SophiaSophia SymbolModeratore
    Pubblicazioni: 5,164
    @Door sono contenta di leggerti.
    Come già ti hanno detto, un aiuto è fondamentale, e in molti casi e irrinunciabile.

    Ostinarsi a far da soli può voler dire trascinarsi senza meta e al buio.

    Sicuramente devi trovare una persona che sia valida per te, e non valida in generale. Che conosca le tue caratteristiche, partendo proprio dall'Asperger, e con cui poterti aprire senza necessità di omettere, partendo proprio dagli argomenti che al momento non riesci ad affrontare. E magari cominciando con ciò che attualmente riesci ad affrontare.

    Ovviamente un passo alla volta e con calma, senza aver fretta di fare tutto insieme.

    La tua lucidità e chiarezza su quanto esponi può diventare la tua risorsa nel percorso terapeutico.
    Potresti scrivere un diario giornaliero su un argomento per te prioritario e decidere, insieme al terapeuta, di affrontarlo attraverso ciò che scrivi. Utilizzare una modalità indiretta può rivelarsi più utile e più comoda per te a livello emotivo.

    Riguardo alla sottrazione di energie credo che qualcosa ci sia da rivedere rispetto alle attività che svolgi.

    Anche per queste, prova a scrivere una lista delle cose che ti impegnano molto emotivamente e fisicamente.
    E una lista di quelle che invece ti restituiscono energia.

    E prova a riequilibrare il tuo sentire attraverso l'eliminazione o il ridimensionamento delle attività che ti richiedono troppa energia.

    Se vuoi iniziare a star meglio puoi provare intanto con integratori come il magnesio. È un ottimo riequilibrante del sistema nervoso e non solo.

    Door
    "Nulla esiste finché non ha un nome".
    Lorna Wing
  • DoorDoor Colonna
    Pubblicazioni: 632
    @Sophia
    Purtroppo non posso eliminare molte delle attività che trovo più stancanti, perché sono legate alla frequenza universitaria e al tirocinio, che sono obbligatori. E io voglio davvero davvero finire e laurearmi al più presto :)
    Già mi era balzata in testa l'idea di prendere qualche integratore, penso che seguirò il tuo consiglio.
    Per quanto riguarda il percorso terapeutico, è complicato. Non so se sono capace di seguire una terapia, sono una persona estremamente riservata, e non mi rendo conto immediatamente di quanto ciò che condivido in seduta mi tocchi emotivamente. 
    La  psicologa diceva  la mia sfera emozionale e quella intellettiva fossero apparentemente separate. Io credo che più che una separazione, ci sia un gap. Questo mi da un sacco di problemi nel condividere le cose con gli altri, perché ho paura di stare male e "causarmi" una crisi depressiva dopo.
    WBorgSophia
    Il mio sistema limbico è crashato.
  • DoorDoor Colonna
    Pubblicazioni: 632
    Due settimane fa ho trovato il coraggio di prenotare un appuntamento al csm.
    Sta mattina ho pagato il ticket e ho aspettato un po' di fronte alla porta dello psichiatra con cui avevo appuntamento.
    Era un uomo gradevole, sembrava simpatico.
    Mi ha tenuto dieci minuti e ha deciso che io non ho niente. Mi ha detto che sono una persona molto sensibile, e che è a questo che è dovuto tutto, la mia ansia, i miei down umorali. Mi ha detto che sto ancora cercando la mia strada nella vita.
    Quando ho capito che mi stava mandando via gli ho detto di aver avuto disturbi alimentari, e che mi tagliavo. Gli ho detto che l'ho fatto anche la settimana scorsa. Lui allora mi ha risposto di prendere un altro appuntamento per febbraio, per un follow-up.

    Mentre piangevo per le due ore successive, ho pensato a cosa avessi sbagliato, a cosa avessi esposto così male.
    Ma lui mi ha mandato via dopo dieci minuti, non mi ha dato spazio. Ha solo negato le diagnosi precedenti.
    Non so. Mi devo ammazzare per farmi aiutare?
    Devo mandare a puttane la mia vita se no nessuno specialista mi prenderà sul serio?

    Questa è davvero stata una brutta giornata.
    SirAlphaexaSniper_Opsmarco3882amigdalanebel
    Il mio sistema limbico è crashato.
  • SophiaSophia SymbolModeratore
    modificato 9 November Pubblicazioni: 5,164
    @Door cerca di far appello alla tua capacità di tenere separate le due componenti, ragione ed emozione.

    Prova a vedere ciò che ti è successo come qualcosa che accade spesso purtroppo non per colpa di chi si rivolge allo specialista (ci mancherebbe) ma purtroppo per colpa di specialisti come quello che hai incontrato tu.

    È evidente che le ha sbagliate tutte, ma proprio tutte.

    Qui spesso gli utenti dicono di documentarsi bene sui terapisti a cui rivolgersi, proprio perchè hanno avuto esperienze simili alle tue.
    Quindi non abbatterti e non vederla come una sconfitta, ma come una fortuna. Pensa se uno così avesse fatto una più bella impressione; chissa in che mani saresti capitata.

    Oggi hai un'esperienza in più, e questa può esserti molto utile.

    Non mollare l'idea dell'aiuto. Anzi mettiti in cerca di un professionista che possa seguirti come si deve. Qui sul forum puoi vedere nella sezione Territorio le esperienze degli altri utenti. Io non ricordo in quale regione sei.

    Mi dispiace tanto che ancora si leggano esperienze come la tua.
    NewtonDoor
    Post edited by Sophia on
    "Nulla esiste finché non ha un nome".
    Lorna Wing
  • NewtonNewton Pilastro
    Pubblicazioni: 4,193
    Purtroppo con i CSM va un po' a fortuna.
    Io sono stata seguita bene solo dopo che ho trovato qualcuno sul privato con cui mi trovavo bene. È un investimento consistente in termini economici, ma ha fatto la differenza.

    Ciò non vuol dire che sia sempre meglio il privato, o che nel pubblico siano tutti incompetenti. Solo che nel settore privato hai sempre tu la scelta e puoi valutare un professionista anche solo alla prima seduta conoscitiva. Nel pubblico invece vai da chi ti assegnano.
    Christiannebel
  • SirAlphaexaSirAlphaexa SymbolPilastro
    Pubblicazioni: 2,158
    Ti capisco perfettamente: anch'io al CSM credo di essere preso poco sul serio: stesse parole, per lui sono normale e che le diagnosi non sono corrette, ho solo avuto sfiga nella vita. 
    Eppure ho le stesse difficoltà, e anche ora che mi ritrovo in un ambiente tranquillo e molto creativo in accademia - ritorno a casa distrutto e ogni minimo errore a lezione o di organizzazione vado nel pallone. Sto legando solo con due persone e ho la costante paura di venir preso come una persona poco simpatica da tutti gli altri. 
    Già lo vedo al prossimo incontro - sicuramente passerà anche lui alla carta "l'importante è socializzare/lo small talk"

    Ma il tuo caso é diverso - ci sono diagnosi certificate e a quanto pare più che una riassicurazione ti serve un aiuto concreto - e dato che il prossimo incontro é lontano io direi di tentare col privato, se possibile. 
    Door
    "Chiedo rispetto dalle masse, sono un anticonformista nel comformismo"

  • marco3882marco3882 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 822
    Quello psichiatra dovrebbe cambiare lavoro se non ha passione e cuore in quello che fa \m/
  • nebelnebel Veterano Pro
    Pubblicazioni: 338
    sinceramente nel leggere ho paragonato involontariamente questo psichiatra ad un cartomante. non si può giudicare una persona in dieci minuti, non esiste, non ha proprio i dati concreti per dire quel che ha detto, per questo ho pensato alla divinazione. mi spiace molto, so benissimo cosa significa non essere presi sul serio. purtroppo col pubblico come è stato giustamente detto va veramente a fortuna, è molto frustrante.
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586