Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

urgentissimo bisogno di consigli

katrisskatriss Membro Pro
modificato 24 October in La piazza (discussioni generali)
Ciao a tutti, molti mi conoscono già : l'insegnante mobbizzata che scrive poesie. ..
ho bisogno di urgenti consigli per una situazione molto grave.
Nella mia classe, dalla primavera scorsa si sono verificati fra gli alunni fatti "strani" che possono rientrare nel cosiddetto "sniffing" ovvero volontaria esposizione a sostanze inalanti reperibili sul mercato ( Bianchetti, insetticidi, evidenziatori...) che causano effetti inebrianti di breve durata e generano dipendenza. Io e una collega, definite da molti due visionarie..., avevamo notato frequenti passaggi di fAzzoletti sporchi tra determinati alunni, fazzoletti lasciati in terra, messi nello zaino di qualcuno...alunni che starnutivano o tossivano di continuo in certe ore e in altre no; alunni che chiedevano ripetutamente e con insistenza di andare in bagno e poi tornavano, si passavano questi fazzoletti e si comportavano in modo provocatorio... io sono la coordinatrice di classe, ho informato i colleghi e ho fatto mettere a verbale questi sospetti. La Dirigente in quel momento era in malattia ma informai la vicepreside che ne fu preoccupata Ma non intervenne. alcune volte a degli alunni sanguiNava frequentemente il naso o avevano occhi rossi. poi c'è stata l'estate, mi sono documentata su queste sostanze, trovando purtroppo molte circostanze sospette su modalità ( fazzoletti che possono venire impregnati) e conseguenze fisiche e comportamentali. I colleghi sono avvisati di vigilare. In questo primo mese di scuola ho notato nuovamente qualche episodio sospetto e anche la mia collega. Per togliermi ogni dubbio ho mandato mail al Sert che si occupa di prevenzione droga e con cui ho appuntamento tra pochi giorni. Negli ultimi giorni, non in mie ore di lezione si sono verificati altri fatti per me molto preoccupanti. Un'altra collega, seria e affidabile,;ha notato un odore intenso in classe,;tale da procurarle mal di testa e di gola e nausea durature. Mi ha informata. abbiamo provato a parlare alla Dirigente ma non c'era. Oggi, mio giorno libero, la collega mi ha ripetuto che il fatto si è ripetuto, ne ha informato la Dirigente, che le ha riso in faccia ritenendo la collega ipersensibile agli odori. poi però l'ha invitata a tornare in classe e verificare con gli alunni la sorgente dell'odore.
gli alunni disturbatori hanno reagito in modo provocatorio, accusando i bidelli che puliscono l'aula, dando la responsabilità non a loro ma alla sensibilità olfattiva della collega, o a due compagni spesso bullizzati accusati di odori corporali coperti da deodorante; uno di essi ieri era assente e l'altro, per mia esperienza personale di persona sensibile agli odori, non emana nessun odore spiacevole... insomma per ora nessuna risposta ma la collega ha comunicato alla classe i suoi problemi di salute conseguenti a questo odore e diversi alunni hanno detto di provare sintomi simili mentre quelli che fanno parte di un gruppo che ha precedenti comportamenti sospetti si guardavano con occhiate complici e cercavano di deresponsabilizzare la classe. Io sono molto preoccupata,;tanti colleghi non credono a questa situazione e la preside ci ride sopra. Ho scritto una lettera informativa su quanto successo e quanto sospettato e domani la farò protocollare e dare alla preside, che non vuole grane,;non vuole che il nome della scuola venga infangato ...ma io e alcuni altri colleghi vogliamo che emerga la verità anche perché ci sentiamo responsabili per tutti gli altri alunni, esposti per ore a queste sostanze, in una situazione per nulla adatta a un apprendimento sereno.
cosa mi consigliate di fare?
RemiNorerondinella61SoylentGreen
Post edited by katriss on
«134567

Commenti

  • vera68vera68 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 778
    Raccogli i fazzoletti e mettili in un sacchetto di quelli per alimenti. Puoi chiedere alla collega affidabile di fare altrettanto.
    Puoi sempre portarli al Sert, lì dovresti trovare personale specializzato e abbastanza scafato da riconoscere le sostanze. Inoltre sono tenuti al segreto professionale e in caso di conferma dei tuoi sospetti puoi con calma decidere il da farsi
    La dirigente non si rende conto che se i vostri sospetti sono veri, è non facendo nulla che il nome della scuola è infangato.
    katrissNemoDomitillarondinella61SoylentGreen
  • katrisskatriss Membro Pro
    Pubblicazioni: 397
    Grazie Vera68. L'anno scorso racvoksi un fazzoletto a tale scopo, ma avendo lezione per varie ore,;poi non si sentiva più nulla. inoltre un collega con trent'anni di esperienza e esperto anche nella gestione di queste situazioni mi disse di non toccare né raccogliere nulla perché la legge lo vieta... spero veramente che gli operatori del Sert sappiano come fare. sono preoccupata per i miei alunni e ritengo che quelli responsabili debbano essere puniti in modo esemplare.
  • vera68vera68 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 778
    La legge lo vieta?
    Ma che assurdità!!!

    Anche se non lo usi come "prova" ma solo per una verifica?
  • katrisskatriss Membro Pro
    Pubblicazioni: 397
    Lunedì chiederò molto bene agli operatori del Sert. Fino ad allora non toccò nulla ma registro cosa accade nella mente e poi lo scrivo, facendone cronaca scritta e protocollata alla Dirigente cosicché non possa dire di non essere informata. La mia collega affidabile che è stata esposta due giorni all'odore strano mi ha detto di avere un'amica poliziotta da poco in pensione e che l'avrebbe contattata a breve per ricevere consigli operativi. Speriamo!
    vera68
  • marco3882marco3882 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 822
    Assurdo. Ai miei tempi 20 anni fa hanno messo due Digos infiltrati come bidelli e la polizia All ingresso a scuola per qualche canna.
    Qui nessuno muove un dito anzi ci ridono sopra la dirigenza.
    Hai la massima solidarietà.
    katrissNemoRemiNoreNewtonSoylentGreen
  • mammarosannamammarosanna Veterano
    Pubblicazioni: 255
    Ciao @katriss,
    Provo a buttarla lì:
    fare terrorismo indiretto?

    Raccontare (o far raccontare da qualcuno in apparenza estraneo alla cosa ) di episodi di salute "gravissimi" che si sono verificati in seguito a esposizioni a queste inalazioni.

    Il tutto non deve apparire sottoforma di ramanzina assolutamente.

    Oppure parlare caualmente ad un collega dinanzi alla classe di "controlli a tappeto" sui rifiuti in classe in quanto si sono verificati episodi spiacevolissimi.
    E le famiglie saranno presto informate.

    Deve essere una conversazione che deve apparire casuale.

    Non so se funzionerebbe. Magari ci avete già provato.

    katriss
  • RemiNoreRemiNore Veterano Pro
    modificato 25 October Pubblicazioni: 390
    Hai provato a fare una ricerca su internet?
    Scusa, ma non ne ero a conoscenza. Grazie per l'utile informazione

    Edit: ho trovato un articolo di ben 5 anni fa... E io che pensavo fosse una cosa nuova... Che ingenua! :(
    Aggiornaci
    katriss
    Post edited by RemiNore on
  • nebelnebel Veterano Pro
    Pubblicazioni: 338
    ciao, potresti provare a proporre alle persone che incontrerai al sert di organizzare un incontro con la classe a scopo informativo e divulgativo, ma magari questo in un secondo momento, quando avrai più chiara la situazione.
    mammarosannaRemiNorekatriss
  • katrisskatriss Membro Pro
    Pubblicazioni: 397
    Grazie mille a tutti! ho fatto ricerche approfondite su Internet ( come molti di voi, ho sete di conoscenza...) e ho scoperto dati allarmanti: già alle elementari il fenomeno è diffuso e gli "oggetti" da cui si inala sono tantissimi: Bianchetti, pennarelli, evidenziatori, smalti, tubetto spray di vario tipo, bombolette...insetticidi. .. quest'estate avevo tempo e ho scaricato libri e opuscoli che trattano sostanze, effetti e conseguenze. Il fenomeno origina dall'America Latina ( colla...) ma in Occidente riguarda tanti tipi di sostanze a buon mercato per sballo veloce e essendo sostanze volatili, la testimonianza svanisce in fretta. Provoca comunque dipendenza perché siccome lo sballo è poco duraturo, si è spinti a procurarselo sempre più spesso. Purtroppo in rete ci sono testimonianze di ragazzi che hanno iniziato per gioco e poi non sono più riusciti a smettere e sono morti o hanno avuto gravi danni. Nella trasmissione "le iene" avevano mandato in onda video di ragazzini che abusavano di queste sostanze e, se cercate il sito di San Patrignano, troverete informazioni sintetiche ma sconcertanti.
    RemiNoremammarosannaSoylentGreenSniper_Ops
  • katrisskatriss Membro Pro
    modificato 25 October Pubblicazioni: 397
    Sono appena rientrata dal lavoro ( e dopo ho l'ennesima riunione inutile...): non ho notato odori strani ma la collega di sostegno , già presente ieri, ha fatto spalancare le finestre . Un'alunna del gruppo sospetto ha subito protestato chiedendomi perché bisognava aprire le finestre e accusandomi di procurarle problemi di salute. Due giorni fa avevo convocato la madre perché ha parecchie insufficienze e la ragazza aveva partecipato al colloquio, promettendo di non rispondere più in modo provocatorio... Non ho voluto scrivere nulla perché si apre un pandemonio... e volevo spiegare storia. Così ho fatto. I bravi mi guardavano con aria infastidita quando lei e altri compagni disturbavano e mi accusavano di ingiustizie nei loro confronti. Alcuni di questi alunni hanno nuovamente chiesto più volte di andare in bagno ( tre volte in tre ore...). Non ho notato fazzoletti ma, all'ultima ora, c'era un formatore per l'orientamento e io giravo per l'aula, nuovamente molto sporca, ma non con fazzoletti. I soliti alunni hanno perseverato nel disturbo e non ho scritto per non interferire nell'attività. sono andata a scuola in anticipo per parlare alla Dirigente ma non era a scuola e non era presente neppure nella mia ora libera né al termine delle lezioni. Sono andata in segreteria e ho fatto protocollare la lettera informativa alla Dirigente, affidandola poi a un segretario fidato affinché la consegni appena possibile. ho parlato con alcuni colleghi preoccupati come me che mi hanno confermato il pessimo comportamento degli alunni di fronte alle richieste della collega rispetto alla provenienza dell'odore. Purtroppo nessuno dei colleghi presenti in aula ( erano due) ha scritto note o comunicazioni sul diario rispetto a questo comportamento e io non posso farlo, non essendo stata presente. Ho pregato i colleghi di scrivere note e comunicazioni perché altrimenti, se scrivo solo io, non vengo creduta o mi si accusa di non saper insegnare e siamo costretti a valutare con votazioni alte il comportamento di questi alunni. purtroppo è un problema molto diffuso in questa scuola dove i più non vogliono grane e vogliono promuovere tutti. @mammarosanna grazie per i buoni consigli. abbiamo già effettuato simili stratagemmi io e la collega "visionatia come me"in un momento che eravamo insieme in classe e abbiamo detto che sono in corso accertamenti e controlli rimanendo sul vago e senza mostrarci preoccupate.
    Alcuni mi consigliano di parlare con qual che alunno fidato per farsi dire cosa sa ma non è semplice.
    purtroppo nei libri e opuscoli che ho letto è rilevata la difficoltà di appurare con certezza l'abuso di queste sostanze.
    Post edited by katriss on
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586