Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

difficoltá in palestra

Andato_48Andato_48 Andato
modificato December 2018 in Natura, animali e tempo libero
Buonasera,

Chiedo consigli in merito ad alcune difficoltà che sto riscontrando in palestra fin dal primo giorno.

La palestra in questione é molto piccola e affollata, ma l'unica alla mia portata per questioni economiche e di distanza.

Sto andando la mattina alle 07:30 per evitare(é pieno anche a quell'ora, ma mai come in altri orari) il pienone e trovarmi in spazi stretti con i tamarri che urlano e fanno casino durante gli esercizi.

Il problema é che é frequentata da militari(é a due passi dalla caserma) e buzzurri, e per alcune gaffe mi sa che rischio qualche sberla fuori la struttura.

Le difficoltà maggiori le riscontro nel rimettere le cose "all'esatto posto" (i pesi o pedane) o sul fatto di incantarmi e fissare involontariamente la gente(in modo passivo e pensando totalmente ad altro).

Nel prendere una panca incastrata tra altri attrezzi, ho dimenticato di rimettere queste ultime al loro posto.

Un tizio(credo fosse un militare) ha iniziato ad urlare(generalizzando ma fissando me con occhi spiritati) che le cose si risistemano, e ha sbattuto gli attrezzi spingendoli con forza eccessiva.

Sul fatto di fissare.. A volte guardo anche nel tentativo di inserirmi in qualche conversazione tra persone adiacenti a me(senza riuscirci) oppure se vedo una bella ragazza che mi lancia un' occhiata e io (mea culpa) la guardo piú volte.

Il problema é che questo fissare viene visto da alcuni dei frequentanti come un atto di sfida, e uno di sti qua una volta ha parlato ad alta voce "generalizzando" ...ma insinuando che non fossi normale perché fissavo.

Oggi ad esempio certi manubri non li ho messi nel loro esatto posto (la sala pesi é affollata) e andando in panico per la calca faccio tutto velocemente, e nn ho la calma di vedere da dove li prendo.

Un istruttore mentre facevo altri esercizi parlava da lontano guardando me (avevo gli auricolari ma ho intuito dove volesse apparare) ha impugnato i miei manubri messi nella postazione sbagliata e li ha messi a terra prima di andarsene.

Un po' perché non ero certo che parlasse con me, un po' perché c'era gente e nn sapevo dove rimetterli..

Alla fine mi sn inchiodato e nn sn riuscito neanche a provarci ad andare(lasciandoli a terra).

Sto passando per una persona strafottente, sciatta, che fissa i tipi con aria di sfida e le tipe per fare il morto di f...

Credo che questi malintesi possano generare in futuro qualcosa di... "non buono".

Chiedo consigli.
Post edited by Sophia on

Commenti

  • Marco75Marco75 Moderatore
    Pubblicazioni: 2,025
    Rispetto alla posizione di pesi, ecc., l'unica soluzione è fare le cose con calma prestando attenzione a ciò che fai. In modo "mindful", insomma. Tieni sempre presente che quello della palestra è un tempo che stai dedicando a te, e non può né deve diventare uno stress. Se la palestra è troppo piena a prescindere dall'orario, e questo diventa uno stress eccessivo, puoi valutare di sceglierne un'altra. Giusto come estrema ratio.
    Per quanto riguarda il fissare pensando ad altro, è un problema che ho avuto ed occasionalmente ho anch'io. La mia attenzione in quei momenti è scissa: da una parte c'è il pensiero cosciente che è altrove, dall'altra, quasi in background, i miei occhi si fissano su qualcosa o qualcuno, magari perché hanno notato, in modo non del tutto cosciente, un qualche particolare. Spesso la mia mente associa in modo del tutto arbitrario le due cose (è un fenomeno di cui già parlai qui).
    Per esperienza, anche qui l'unico modo per evitare problemi è fare uno sforzo di consapevolezza e distogliere subito lo sguardo nel momento in cui ci si accorge che si sta fissando sul volto di qualcuno. Col tempo, viene naturale fissare altro, anziché le persone, e ovviamente ci si creano molti meno problemi. Almeno, per me ha funzionato.
    Andato_48OrsoX2
    "There are those that break and bend. I'm the other kind"

    Cinema, teatro, visioni
  • Andato_48Andato_48 Andato
    Pubblicazioni: 142
    Grazie, infatti da stamattina quando ero in giro ho fatto questo "sforzo" e devo ammettere che non è nulla di infattibile, si tratta solo farci l'abitudine.

    Per il discorso dei pesi e rimettere le cose in ordine è un po' difficile mantenere la calma in quel contesto incasinato, ma vedrò cosa posso fare..

    Certe volte mi perdo in un bicchier d'acqua, soprattutto in periodi di stress e la mia impulsività fa si che io scriva un po' di tutto sul forum, anche queste piccolezze.

    Mi scuso.
    Marco75
  • Marco75Marco75 Moderatore
    Pubblicazioni: 2,025
    Non preoccuparti, se l'hai scritto significa che è una difficoltà che senti come importante, non c'è niente di cui scusarsi.
    Andato_48
    "There are those that break and bend. I'm the other kind"

    Cinema, teatro, visioni
  • BlackCrowBlackCrow Membro Pro
    Pubblicazioni: 671
    1) Con molta calma cerca di spostare la tua attenzione dai loro giudizi verso i tuoi pensieri interni e cerca di razionalizzare che è perfettamente normale. Anche a me capita di distrarmi e quindi dimanticare di mettere a posto dei pesi, e ogni tanto mi urlano di prendermi a calci e cose così ma sono conoscenti con i quali ho un buon rapporto e so che lo dicono con buone intenzioni. Mi è capitata una volta che un bombarolo ed una ragazza importante del settore per gare vinte si siano arrabbiati con me per una situazione assurda ed io li ho ignorati, mi sono scusato con un bel sorriso e ho continuato ad allenarmi.
    2) Se una ragazza ti guarda può voler dire ben poco. Ad ogni modo, la prossima volta non le fissare. Ricambia lo sguardo e/oppure vai direttamente a presentarti per conoscerle. Nulla di complicato.
    3) Evita di fissare le persone. Sei lì in palestra? Ottimo, vivi il presente e cerca di provare piacere in ciò che fai. Se devi pensare ad altro fallo guardando per terra o altrove.
    4) Se non ti è chiaro qualcosa parlane con gli istruttori della sala e nel caso chiarisci.
    Andato_48
  • Andato_48Andato_48 Andato
    Pubblicazioni: 142
    @BlackCrow
    Hai assolutamente ragione.

    Comunque sia nel dubbio inizierò fin da subito a valutare altre palestre.

    Non mi sono iscritto per scolpirmi, ma per uscire di casa e superare la fobia sociale e "cercare" di socializzare per avere almeno un amico/a o fidanzata.

    Però in un contesto così ostile.. Mi é difficile applicare la desensibilizzazione sistematica..

    Ci vorrebbe un livello1... Poi un livello2 e via dicendo..

    Mi sembra deleterio superare una fobia di grado severo stando direttamente al livello 3.

    Sbaglio? In tal caso ti ascolto..
  • BlackCrowBlackCrow Membro Pro
    Pubblicazioni: 671
    Ottima idea.

    Si, un ottimo modo è proprio quello di esporsi un po' alla volta per più volte.

    Per poter socisoizare devi avere anche voglia di conoscere le psrsone quindi potresti attaccare bottone parlando di palestra o del fatto che tu sia nuovo a queste cose, invitandoli a parlare e raccontarsi.

    Certo però nel frattempo usa questo muro che hai davanti per allenarti sapendo che poi fuori da quel contesto sarà più semplice avendo superato una sfida di questo tipo.

    Non conosco questa cosa dei livelli sulla fobia sociale. Me ne parleresti?

    Andando a naso ti direi esattamente di partire facendo cose semplici che per te sono difficili quel tanto che basta per muovere dei passi in avanti. Esporsi troppo a qualcosa che spaventa o terrorizza può avere l'effetto opposto.
    Vai per gradi. Magari una volta esci, con un bel sorriso (fondamentale) felice di questo tuo nuovo te che si sta esponendo, per una passeggiata nella quale chiedi l'ora alle persone. Un'altra lo fai solo con le ragazze. Un'altra poni domande ai passanti sul tempo etc etc.
    Andato_48
  • Andato_48Andato_48 Andato
    Pubblicazioni: 142
    Mi sa che ho scritto in modo poco chiaro.

    Non mi riferivo ai livelli di fobia sociale(non credo che esistano).

    Per livelli intendo le mie difficoltá (un personale criterio di valutazione di ansia in contesti sociali)

    Tipo..
    Livello1 (situazione di ansia probabilmente gestibile, posto poco caotico, ecc) fino ad un livello 3 che per me potrebbe essere un ambiente ostile, un'ansia non gestibile che mi porta a non essere concentrato/incantarmi piú del dovuto, a sentire i suoni e le voci/chiacchiere in modo piú alto ed altre cose.

    Comunque sia proprio stamattina ho risolto il problema dei manubri ed ho capito in che ordine vanno (tanta ansia per nulla), ora devo solo trovare un modo per socializzare.

    Il piú delle volte so come iniziare, ma non so come continuare, nel cercare di farlo balzo qua e la tra argomenti diversi per evitare lunghe pause e silenzi, ma così facendo la conversazione é poco omogenea e diventa strana (ammetto anche una certa ignoranza, quindi parlare troppo dello stesso argomento che probabilmente saprei superficialmente, alla lunga non saprei come rispondere).

    Comunque grazie a tutti per le dritte/vostri punti di vista.
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online