Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Adam

123468

Commenti

  • LunaLuna Veterano
    Pubblicazioni: 525

    Pero' io potrei benissimo essere la persona che ci deve pensare prima di aiutare la tipa che ha in mano lo scatolone pesante... lo faccio, ma perchè ormai ho capito che si deve fare.

    O quando lei gli dice "ho bisogno di un abbraccio" ma lui non l'abbraccia perchè effettivamente lei non ha detto "vorrei che mi abbracciassi" come invece specifica subito dopo

    Uguale :-)
  • KrigerinneKrigerinne SymbolSenatore
    Pubblicazioni: 3,006
    Ultimamente con un po' d'ansia che mi è venuta ho rivisto più volte Adam perché su di me ha un forte effetto calmante. Sarà anche a causa della colonna sonora che è piacevolissima.
    E mi sono resa conto che non ho ancora commentato qui.
    Adam è l'aspie televisivo nel quale mi rivedo di più, anche se lui ha molta meno teoria della mente rispetto a me e una più alta compulsione. Gli somiglio molto quando non sono a mio agio (quando sto in situazioni sociali e non ho una persona con me che mi faccia da interfaccia col mondo - cioè un amico) e quando sono a mio agio ma non sono stimolata (a casa, sempre - con "stimolazione" intendo socialità), o sono stimolata negativamente. (ogni volta servano capacità di funzioni esecutive e non ho la mia "interfaccia col mondo": alle poste, alla stazione, all'alimentari, per strada a piedi, in università, sempre e dappertutto senza la mia musica)
    Se invece si verifica LA MAGIA 8D che altro non è che stimolazione positiva + il sentirmi a mio agio (quando sto con almeno un amico) ecco che non somiglio più ad Adam. Assumo un comportamento che non dà molto nell'occhio anche se forse è troppo esuberante. In quei momenti rischio più del solito di essere inopportuna perché tendo a dondolarmi, a dire quello che penso, a sedermi in posti o in posizioni strane, ma in ogni caso non guardo negli occhi comunque... Però faccio persino espressioni facciali e toni di voce diversi e sono meno infastidita dagli stimoli ambientali perché mi sento 'protetta'. Per questo motivo odio fare le cose da sola, mi sento spaesata. Quando sto via per l'università spesso devo chiamare mia madre per farmi tranquillizzare sulle cose che succedono. Una volta ho perso 40€! Anche solo sentire la sua voce immediatamente mi ha creato quell'interfaccia col mondo che mi ha permesso di vedere la cosa sotto il suo punto di vista. Era successa una brutta cosa, ma rimediabile. Mentre io la vivevo come una cosa profondamente destabilizzante mia madre mi ha riportata sulla Terra, trasmettendomi sicurezza e ha ridimensionato la cosa per quella che era: 40€ persi e niente più. Per me era decisamente diversa la cosa...
    Sono andata in super OT, ma mi è piaciuto lo schema che ne è uscito a proposito del sentirmi a mio agio e a proposito della stimolazione sociale. Sì, decisamente una buona legge generale che mi descrive, ne è uscita! Devo conservarmi questa riflessione perché può essermi praticamente utile.
    Embrace the shame of what you used to be
    Rain washed the panic from today
    Decimation of anxiety
    Tribulations drift away
    Pray tomorrow offers clarity
    Rain washed the panic from today
    Affirmation of mortality
    Trivialities astray
    Pray tomorrow brings stability
  • BrianBrian Veterano
    Pubblicazioni: 255
    Grazie Krigerinne... non ci avevo mai riflettuto abbastanza, ma questa cosa di avere un amico che funga da "interfaccia" è verissima anche per me. In moltissime situazioni in cui mi sentirei a disagio o sembrerei piu' chiuso e timido basta che ci sia un'altra persona con me per farmi rilassare parecchio. 
    Altre volte puo' succedere che con uno sconosciuto mi senta subito a mio agio (devo ancora decifrarne le motivazioni di perchè questo accade) e riesco ad essere sciolto subito con lui e di conseguenza sentirmi tranquillo se ci sono altre persone nel contesto... come per esempio all'aperitivo di qualche tempo fa... ero da solo e per venti minuti non sapevo neanche se entrare nel bar o meno, poi sono entrato e grazie a quella ragazza che era vicino a me mi sono sentito subito abbastanza tranquillo.
    "Anything Anytime Anyplace For No Reason At All" - Frank Zappa
  • PulpetzPulpetz Veterano
    Pubblicazioni: 735
    Grazie Krigerinne... non ci avevo mai riflettuto abbastanza, ma questa cosa di avere un amico che funga da "interfaccia" è verissima anche per me. In moltissime situazioni in cui mi sentirei a disagio o sembrerei piu' chiuso e timido basta che ci sia un'altra persona con me per farmi rilassare parecchio. 
    Altre volte puo' succedere che con uno sconosciuto mi senta subito a mio agio (devo ancora decifrarne le motivazioni di perchè questo accade) e riesco ad essere sciolto subito con lui e di conseguenza sentirmi tranquillo se ci sono altre persone nel contesto... come per esempio all'aperitivo di qualche tempo fa... ero da solo e per venti minuti non sapevo neanche se entrare nel bar o meno, poi sono entrato e grazie a quella ragazza che era vicino a me mi sono sentito subito abbastanza tranquillo.
    Io mi sdoppio e mi parlo da sola (nella mente oppure a voce) e mi calma molto anche questo... :P
    "Tutto è energia e questo è tutto quello che esiste. Sintonizzati alla frequenza della realtà che desideri e non potrai fare a meno di ottenere quella realtà. Non c'è altra via. Questa non è Filosofia, questa è Fisica".
    Albert Einstein

    "Il cavaliere coraggioso è quello senza armatura"
    Pulpetz

    "Solo il viandante, che ha peregrinato nel suo infinito mondo interiore, potrà accostarsi all’Anima, scoprendo che per anni altro non ha fatto che cercare Lei, poiché Lei è dietro e dentro ogni cosa. I viaggi, si fanno per cercare Anima e le persone si amano in quanto simboli di Anima."
    Carl Gustav Jung
  • KrigerinneKrigerinne SymbolSenatore
    Pubblicazioni: 3,006
    Grazie Krigerinne... non ci avevo mai riflettuto abbastanza, ma questa cosa di avere un amico che funga da "interfaccia" è verissima anche per me. In moltissime situazioni in cui mi sentirei a disagio o sembrerei piu' chiuso e timido basta che ci sia un'altra persona con me per farmi rilassare parecchio. 
    Altre volte puo' succedere che con uno sconosciuto mi senta subito a mio agio (devo ancora decifrarne le motivazioni di perchè questo accade) e riesco ad essere sciolto subito con lui e di conseguenza sentirmi tranquillo se ci sono altre persone nel contesto... come per esempio all'aperitivo di qualche tempo fa... ero da solo e per venti minuti non sapevo neanche se entrare nel bar o meno, poi sono entrato e grazie a quella ragazza che era vicino a me mi sono sentito subito abbastanza tranquillo.
    Questa dell'avere un amico è una cosa abbastanza tipica negli aspie.
    Embrace the shame of what you used to be
    Rain washed the panic from today
    Decimation of anxiety
    Tribulations drift away
    Pray tomorrow offers clarity
    Rain washed the panic from today
    Affirmation of mortality
    Trivialities astray
    Pray tomorrow brings stability
  • TweekTweek Veterano
    Pubblicazioni: 234
    Non è più una questione di timidezza? Inoltre ho letto che gli aspie si trovano meglio 1vs1. Personalmente in quelle situazioni sono ansioso perché sento il peso di dover intrattenere o parlare. Preferisco quando si è in 3 in modo che possa isolarmi ed intervenire quando voglio
  • BluBlu Veterano
    Pubblicazioni: 639
    @luca io vado in crash in una conversazione di 3 o più persone, deve essere solo una persona che parla con me sennò non ce la faccio proprio a stare dietro a tutti.
    Tutti indaffarati a cercare lo spiraglio nel baratro delle maschere divoratrici.
  • TweekTweek Veterano
    Pubblicazioni: 234
    Il mio problema è proprio che parla con me. Con un altro parlerebbe con lui, io posso ascoltare o meno ed intervenire o meno.
  • Winged_LionWinged_Lion Membro
    Pubblicazioni: 250
    Io faccio parte di un'assemblea auto-governativa e anche se ci sono molte persone quel particolare caso non mi dà fastidio perché c'è un qualcosa di fisso e di preciso di cui discutere, le discussioni non sono fine a sé stesse come negli ambienti sociali normali. Normalmente però quando iniziano le discussioni sociali senza senso mi giro e senza che nessuno se n'accorga scompaio.
  • A87A87 Pilastro
    modificato August 2013 Pubblicazioni: 3,037
    Altre volte puo' succedere che con uno sconosciuto mi senta subito a mio agio (devo ancora decifrarne le motivazioni di perchè questo accade) e riesco ad essere sciolto subito con lui e di conseguenza sentirmi tranquillo se ci sono altre persone nel contesto... come per esempio all'aperitivo di qualche tempo fa... ero da solo e per venti minuti non sapevo neanche se entrare nel bar o meno, poi sono entrato e grazie a quella ragazza che era vicino a me mi sono sentito subito abbastanza tranquillo.
    Secondo me accade perché da uno sconosciuto non ti aspetti chissà cosa, e anche lui non aspetta niente da te, non vi conoscete e sei più sciolto perché hai la possibilità di farti conoscere così come sei.. oppure senza volerlo indossi una maschera e ti sta bene, seppur momentaneamente, in quest'ultimo caso la mente ti inganna perché pensi "di default" che non vedrai mai più questa persona in vita tua: non sei (ancora) coinvolto emotivamente, ma quando lo sarai, è probabile che avrai la stessa soggezione che conosci da sempre. Cercherò di lavorare anche su questo tratto.
    Post edited by A87 on
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586