Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Adam

123457

Commenti

  • KrigerinneKrigerinne SymbolSenatore
    modificato August 2013 Pubblicazioni: 3,006
    Non è più una questione di timidezza?
    Proprio no. Mi cito:
    "Una volta ho perso 40€! Anche solo sentire la sua voce [di mia madre] immediatamente mi ha creato quell'interfaccia col mondo che mi ha permesso di vedere la cosa sotto il suo punto di vista."
    E perdere 40€ non può avere a che fare con la timidezza.
    La terza persona non deve per forza parlare, basta che sia presente. Una mia amica addirittura dice che grazie solo al fatto che è fidanzata con un'altra persona riesce ad essere più autosufficiente anche quando questa persona non c'è, e se questa persona la lasciasse lei tornerebbe ad essere più autistica, proprio come prima di conoscerla.
    E' un vero e proprio collegamento sicuro col mondo, non solo nei rapporti con gli altri. Anzi, i rapporti sono solo una minima parte del tutto.
    In diversi articoli e libri se ne parla pure, ma al momento non ricordo precisamente dove. 
    Post edited by Krigerinne on
    Embrace the shame of what you used to be
    Rain washed the panic from today
    Decimation of anxiety
    Tribulations drift away
    Pray tomorrow offers clarity
    Rain washed the panic from today
    Affirmation of mortality
    Trivialities astray
    Pray tomorrow brings stability
  • TweekTweek Veterano
    Pubblicazioni: 234
    Intendevo avere un amico al fianco quando si affronta un consesso di sconosciuti, credo sia utile se si è timidi. Inoltre nel mio caso preferisco, più che rimanere con un amico, rimanere con 2 amici, in modo da scaricare l'ansia da prestazione/intrattenimento, cioè l'imbarazzo di rimanere muto.


  • KrigerinneKrigerinne SymbolSenatore
    Pubblicazioni: 3,006
    Credo anche i NT preferiscano stare con un amico se devono incontrarsi con degli sconosciuti. Paradossalmente credo anzi ne abbiano più bisogno. Ma è solo una mia personale percezione.
    Embrace the shame of what you used to be
    Rain washed the panic from today
    Decimation of anxiety
    Tribulations drift away
    Pray tomorrow offers clarity
    Rain washed the panic from today
    Affirmation of mortality
    Trivialities astray
    Pray tomorrow brings stability
  • andato21andato21 Membro
    modificato August 2013 Pubblicazioni: 1,191
    @Krigerinne, la tua percezione non è sbagliata secondo me. Un NT rimane NT finché agisce all'interno di un'habitat sociale a cui si è adattato, al di fuori si comporta come un ND (grossomodo). Fateci caso.
    Post edited by andato21 on
  • A87A87 Pilastro
    modificato August 2013 Pubblicazioni: 3,036
    Credo anche i NT preferiscano stare con un amico se devono incontrarsi con degli sconosciuti. Paradossalmente credo anzi ne abbiano più bisogno. Ma è solo una mia personale percezione.
    A me piacerebbe avere un amico, lo avrei come supporto anche se dovessi incontrare degli sconosciuti. Non sono il tipo che si avventurerebbe completamente da solo.
    Post edited by A87 on
  • Winged_LionWinged_Lion Membro
    Pubblicazioni: 250
    Credo anche i NT preferiscano stare con un amico se devono incontrarsi con degli sconosciuti. Paradossalmente credo anzi ne abbiano più bisogno. Ma è solo una mia personale percezione.
    A me piacerebbe avere un amico, lo avrei come supporto anche se dovessi incontrare degli sconosciuti. Non sono il tipo che si avventurerebbe completamente da solo.
    Io sì, vado da solo anche al cinema.
  • PulpetzPulpetz Veterano
    Pubblicazioni: 735
    Credo anche i NT preferiscano stare con un amico se devono incontrarsi con degli sconosciuti. Paradossalmente credo anzi ne abbiano più bisogno. Ma è solo una mia personale percezione.
    A me piacerebbe avere un amico, lo avrei come supporto anche se dovessi incontrare degli sconosciuti. Non sono il tipo che si avventurerebbe completamente da solo.


    Io sì, vado da solo anche al cinema.
    Pure io, da sola ovunque. Anzi, preferisco, molte volte... anni fa era un problema far da sola le cose perché ho avuto la fase delle fobie sociali ma, passata quella, ora me ne frego e vado per conto mio ;-)
    "Tutto è energia e questo è tutto quello che esiste. Sintonizzati alla frequenza della realtà che desideri e non potrai fare a meno di ottenere quella realtà. Non c'è altra via. Questa non è Filosofia, questa è Fisica".
    Albert Einstein

    "Il cavaliere coraggioso è quello senza armatura"
    Pulpetz

    "Solo il viandante, che ha peregrinato nel suo infinito mondo interiore, potrà accostarsi all’Anima, scoprendo che per anni altro non ha fatto che cercare Lei, poiché Lei è dietro e dentro ogni cosa. I viaggi, si fanno per cercare Anima e le persone si amano in quanto simboli di Anima."
    Carl Gustav Jung
  • BluBlu Veterano
    Pubblicazioni: 639
    Anche io prima andavo spesso al cinema da solo.
    Tutti indaffarati a cercare lo spiraglio nel baratro delle maschere divoratrici.
  • zisczisc Senatore
    Pubblicazioni: 1,603
    anche io vado da solo dappertutto, e non e' male,  a volte mi manca un amico, un illusione su cui poter contare poiche' e' solo un problema di elaborazione degli stimoli, e un amico in qualche modo fornisce stimoli migliori, una persona accanto ancora meglio, forse alcuni di questi stimoli sono necessari, forse guardando bene si possono trovare ovunque, anche in minima parte, non lo so.


    e assomiglio abbastanza ad adam, solo che ho la fissa delle strutture...
    @Krigerinne, la tua percezione non è sbagliata secondo me. Un NT rimane NT finché agisce all'interno di un'habitat sociale a cui si è adattato, al di fuori si comporta come un ND (grossomodo). Fateci caso.
    secondo me rimane sempre nt si comporta simil nd, come una specie di scanner per individuare le istruzioni per conformarsi e riassestare le sue idee o convinzioni e correggere il comportamento in relazione all'influenza sociale che hanno su di lui, capire il ruolo che ha ecc ecc, con l'idea della amico ci dovrebbe essere un meccanismo di tipo media pesata dove si riassestano le cose e di grado di caos che gli da piu' margine per conformarsi,  per dare un idea e' tipo una reazione mediata da un enzima (con l'amico paragone pertinente se l'amico e' in comune con il nuovo ambiente) o reazione tra reagenti se e' da solo, se l'amico e' comune a una sola parte, allora mi sembra piu' una reazione tra vari reagenti la cui direzione varia in base a parametri termodinamici ...

    perdonate il paragone chimico, di chimica sono incompetente, pero' errori e imprecisioni  a parte credo renda l'idea....
  • andato21andato21 Membro
    Pubblicazioni: 1,191
    È quello che ho detto anch'io, è un NT che si comporta "da ND" (certo che non cambia circuiti mentali!).
    Non è detto che possa adattarsi ad un ambiente sociale diverso, comunque.

    Sulla teoria dell'amico hai ragione. Almeno credo: l'hai fatta bella tosta 'sta volta! XD (scherzo :) )
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586