Benvenuto!

Sembra tu sia nuovo qui. Se vuoi partecipare, clicca uno dei seguenti pulsanti!

Connettiti con Facebook

Questionario

No poll attached to this discussion.

In this Discussion

Top Posters

Ricordatevi di leggere il "regolamento" prima di iniziare a scrivere.
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook. Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it" Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"
Scusate il ritardo :)
  • BrianBrian
    Posts: 253
    21 ottobre 1999. Cantiere 21, Locale per musica dal vivo a Perugia.
    Dopo aver finito la prova del suono, io e la mia band nella quale suonavo il basso ci sediamo per mangiare qualcosa insieme al fonico e ad altre persone. Nell'attesa di iniziare, mentre loro chiacchierano amabilmente io continuo ad osservare la scaletta con i pezzi da suonare quella sera (circa 25) ... dopo qualche secondo li interrompo mentre stanno parlando col padrone del locale e gli dico, col fare di chi ha fatto una grande scoperta: "ragazzi, ci avete fatto caso? la mia canzone è l'unica che ha il titolo che inizia per una vocale, le altre iniziano tutte per consonante!" Loro mi hanno guardato sorridendo ma con una faccia che inequivocabilmente voleva dire "ok, quindi?" :) Ci sono rimasto un pò così, credevo fosse importante! Avevo 20 anni.

    Ecco, ora io non so se questa sia presentazione sia valida. ma è esattamente il primo episodio che mi è venuto in mente la prima volta che ho sentito parlare dell'Asperger e dei comportamenti negli adulti... Ne avevo già letto - dopo essermi interrogato sul perché la mia vita fosse cosi parallela alle altre - nel 2005 ma non so per quale motivo non indagai oltre... poi nel dicembre dell'anno scorso ho visto Adam in tv e la lampadina si è accesa di nuovo... da quel giorno ho cominciato a leggere di tutto online (arrivando subito qui) ho comprato il libro di Attwood e quello di Barbara Jacobs e nel frattempo avrò riempito almeno 10 pagine di quaderno di comportamenti miei che mi sembrano e mi sono sempre sembrati strani. Sicuramente il mio interesse specifico è la musica, ho piu' di duemila cd a casa (che durante il trasloco ho sistemato perfettamente prima di portare tutto il resto) e parecchi libri, sono un musicista e tuttora suono e registro dischi prodotto da me, anche se a livello indipendente. Dal test RDOS risulto sempre tra il 96 e il 106, mentre negli altri appare un pò piu' evidente. Sono tra quelli che preferirebbero avere una diagnosi certa. Sono di Roma. Spero di essere andato bene :)

    Wolfgang, noi ci siamo incrociati su fb ;)


  • ciao brian, benvenuto! spero che questo forum ti sia in qualche modo d'aiuto :)
  • ezrealezreal
    Posts: 278
    Ciao Brian!
    If i go crazy then will you still call me superman?
  • wolfgangwolfgang
    Posts: 5,824
    Ciao Brian e benvenuto! Mi è piaciuta molto la tua presentazione :)
    Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • Sì è una bella descrizione!
    Benvenuto sul nostro forum!
    Conosco un ragazzo Aspie di Roma che suona la chitarra elettrica ed è appassionato di Barrett, non so se si è ancora iscritto al forum.
  • Ciao Brian benvenuto! :)
  • BrianBrian
    Posts: 253
    Grazie per l'accoglienza :)
    Ho deciso di descrivermi un pò meglio, segnalarvi qualche altro presunto indizio che mi sono auto-trovato, magari mi sapete dare la vostra opinione... allora, alle superiori avevo 9 in stenografia (chi ha fatto ragioneria dovrebbe conoscere la materia) per quanto non fossi assolutamente un drago nelle materie tecniche, anzi in tecnica, ragioneria, matematica, diritto, economia andavo malissimo, anche se poi alla fine riuscivo sempre a salvarmi. Non so per quale motivo ma la Stenografia è stata facile fin dall'inizio, associare ad ogni parola un suo simbolo era semplicissimo, mi capitava anche di pensarci durante la giornata senza farlo apposta, ancora me la ricordo.
    Ho letto quasi ovunque di come l'umorismo Aspie sia spesso legato ai giochi di parole, all'uso particolare della grammatica, alla ricerca di significati alternativi... io da quando sono piccolo scrivo racconti e storie (ho quaderni su quaderni di queste cose, poi diventando musicista queste cose si sono riversate nelle canzoni, ho piu' di 50 cassette da 60 piene di canzoni e musiche, dal 1992 ad oggi...) e c'è persino un gruppo che tengo su fb dove io ed i miei amici scriviamo queste apparentemente scemenze che però mi fanno ridere, non chiedetemi perché... rileggendo poi le cose vecchie mi sono poi accorto di come le storie in sé non avessero molta trama ma si reggevano soprattutto su battute estemporanee. 
    Ho letto anche di come gli Aspie non siano competitivi e che preferiscano a volte la compagnia femminile, nel mio caso è assolutamente vero, ho chiarissimo in mente un flash di una ricreazione in quarta o quinta elementare in cui ci sono io davanti alla cartine dell'italia, circondato solo da 5 o 6 bambine, con me che indico la cartine e faccio freddure tipo "dov'è che è bello uno solo? a Belluno!" la città con tre facce "Treviso!" eccetera... crescendo però è divenuto sempre piu' difficile trovarmi in sintonia con altri ragazzi, tant'è vero che mi hanno sempre chiamato tutti per cognome, non so se conoscete questa situazione... l'ho sempre interpretata come il fatto che alla fine dei conti c'è sempre un qualcosa che mi separa da una vera e profonda amicizia, perché cmq ti accorgi che le altre persone si chiamano per nome. Ho comunque delle persone care (tre, forse quattro) con cui riesco abbastanza ad essere me stesso nonostante negli anni a volte mi sia comportato cmq in modo inspiegabile.
    Quando mia madre mi diceva "torna a casa per le sette e mezza" per me ha sempre voluto dire che dal posto dov'ero dovevo andare via alle sette e mezza, perché effettivamente era ciò che mi era stato chiesto... per me era ovvio che alle sette e mezza dovessi cominciare a tornare, non che dovevo stare a casa a quell'ora! (a quella stessa età sapevo a memoria tutti i numeri di telefono dei miei amici, le capitali dei paesi, particolari inutili come il fatto che alle elementari ci fossero tre "daniele" in classe e alle medie tre "alessandro"...) Se stavo mangiando un pacco di patatine e un amico mi diceva "me ne dai una?" io non offrivo il pacchetto, ne prendevo una io stesso e la porgevo all'amico allibito!

    Non continuo oltre se no il post diventa lungo ed illeggibile... ah, uso spesso parole arcaiche, non sbaglio un congiuntivo e le persone sono convinte che sia colto...

    Post modificato da Brian alle 2013-02-10 16:23:04
    "Anything Anytime Anyplace For No Reason At All" - Frank Zappa
  • corneliacornelia
    Posts: 1,185
    Brian, mi hai fatto morire dal ridere! Invidio le bambine che erano alle elementari con te, chissà che risate! Avendo figli, noto che quella dell'interpretazione letterale delle richieste è come un tratto infantile che rimane negli aspie, perchè la storia delle patatine lo fa anche mio figlio NT che è piccolissimo. Alle volte, alcuni aspetti che descrivete mi sembrano dovuti ad una purezza fanciullesca. Certo, in un mondo di draghi meglio imparare a decifrare nel giusto modo, ma al di là di questo, non ci sarebbe nulla di male, tranne il fatto che molti potrebbero scambiare questi momenti di semplicità e nulla più per imbranataggine e farsi idee sbagliate.
  • BrianBrian
    Posts: 253
    Ah, porto i pantaloncini corti da fine giugno fino a metà settembre "perché fa caldo" e in passato il mio modo di vestire è sempre stato particolare, dai colori sbagliati messi insieme ad una trasandatezza generale (cmq non me ne è mai fregato niente delle mode) che tuttora un pò è rimasta, non sono certo uno che si sa vestire benissimo. Alcune cose che indosso ce l'ho da anni, forse troppi. A volte non so come salutare le persone, soprattutto continuo a stringere le mani come si faceva anni fa (tipo la copertina di Wish you were here dei Pink Floyd) anche quando magari qualcuno me la dà nell'altro modo. Anche il bacetto o il tipico "dammi il cinque", è abbastanza random :) e dico "salve". Sono un ottimo osservatore, noto puntualmente i pattern (che poi si chiamo cosi anche in musica) da piccolo mi piaceva contare i piani dei palazzi o il numero di vagoni dei treni, immaginavo una palla immaginaria che saltava sui fili tra i pali della luce (e che rimbalzava a terra quando i pali finivano) mi piacciono le cifre tonde, se il volume della tv è a 29 devo metterlo a 30, se l'orologio segna le 19.59 mi piace aspettare che tutte e 4 le cifre cambino quando scattano le 20.00... Ovviamente tutto ciò non è ossessivo, è abbastanza, tutto sommato, casuale, nel senso che non lo cerco, succede e basta di tanto in tanto. Ai semafori quando è rosso mi piace confrontare la sincronia delle varie frecce delle auto che puntualmente non coincidono, hanno sempre frequenza diverse...
    "Anything Anytime Anyplace For No Reason At All" - Frank Zappa
  • BrianBrian
    Posts: 253
    Scusami Cornelia, mentre scrivevo l'altro post non mi sono accorto della tua risposta :)
    Esatto, io mi sento ancora un pò fanciullesco spesso in alcune mie reazioni o risposte... io sono ancora quello che "non mangia le cose verdi" (prima dicevo "non mangio le verdure" ma quando mi sono accorto che i pomodori, che mi piacciono, sono rossi, ho dovuto cambiare modo di dire) e che non fuma, non beve, non ho mai neanche preso il caffé... non ne ho mai sentito il bisogno!
    Ricordo un'altra delle mie primissime freddure "perché un cane insegue una macchina con la targa BS? perché crede che significhi "BISTECCA" :) ti giuro, facevo le elementari!!!
    Sarà per questo che oggi mi identifico moltissimo in Woody Allen... alcune persone mi definiscono un umorista... chissà se è vero.
    "Anything Anytime Anyplace For No Reason At All" - Frank Zappa
  • Sai Brian io mi riconosco molto in quello che racconti sulle freddure con i giochi di parole e anche un pò con i numeri, non solo mi piacciono le cifre tonde ma sopratutto le simmetrie e i palindromi :) 

    Con le parole poi mi diverto molto a cercare significati alternativi, storpiare quelle già esistenti e inventarne di nuove, ma ho anche una passione per gli anagrammi, gli acronimi e da poco ho scoperto anche i tautogrammi. Pensa che mi diverto un sacco con le targhe delle macchine a far ridere le persone che mi stanno più vicine come amici e familiari (anche perché chi non mi conosce bene non apprezza molto questo tipo di giochi) trasformandole in acronimi di frasi stupide che hanno come protagonisti loro stessi!

  • BrianBrian
    Posts: 253
    Idem Stefani, quando tanti anni fa scoprii che la frase "in girum imus nocte et consumimur igni" (in giro andiamo di notte e siamo consumati dal fuoco) è un palindromo sono rimasto di sasso... in confronto chi viene e mi dice "ai lati d'italia" fa una figuraccia :) idem per gli anagrammi, ci sono un paio di siti calcolatori di anagrammi fenomenali, il più bello del mio vero nome è "a sublime inner tee" che significa qualcosa come "una sublime maglietta interiore" e mi piace molto... Non sono mai stato un fan dei cruciverba, ma a fare i diagrammi ero un mostro, ho fatto la prova con ruzzle e non me la cavo male. E ovviamente mi piace quando le trovo nei titoli dei dischi delle band che ascolto, come "Hairway to Steven" dei B.H.S. o "Numb Erone" dei Residents... fortunatamente essendo un musicista molti "puns" riesco a girarli nei testi o nei titoli delle mie canzoni... Anche su fb funzionano perfettamente come status... "La cheese-giordania è come la Giordania ma col formaggio"... cose così. Addirittura un pezzo che ho fatto dedicato ai Beatles usa come testo 38 titoli di canzoni dei Beatles, ma anziché metterli solo in fila - cosi sono capaci tutti :) - ho mantenuto loro anche un senso grammaticale e di contenuto, seppur surreale... "Hey bulldog / it's only love / let it be / eight days a week / I'm a loser"... A vent'anni invece c'era una canzone in cui riuscii a infilare "precipitevolissimevolmente" e in un'altra "supercalifragili..." Spesso penso che dovrei lavorare nel campo pubblicitario, magari certi input potrebbero servire.
    "Anything Anytime Anyplace For No Reason At All" - Frank Zappa
  • corneliacornelia
    Posts: 1,185
    Brian la cheese-giordania!  :))
    Si, il talento del pubblicitario c'è oppure di quello che scrive i testi per i comici.
  • BrianBrian
    Posts: 253
    cornelia ha scritto:

    Brian la cheese-giordania!  :))

    Si, il talento del pubblicitario c'è oppure di quello che scrive i testi per i comici.


    Che poi detta cosi è un pò fuori contesto, ma lavorando in un noto fast-food capita spesso che mi chiedano cos'è il cheeseburger? ed io "il cheeseburger è come l'hamburger ma col formaggio" per cui è stato un attimo... 
    Teoricamente Ale e Franz usano spesso questa tecnica, Corrado Guzzanti un pò anche se in maniera ancora piu' geniale perché le infila in contesti in cui il concetto comico ne esce ancora piu' amplificato... "c'è vita sugli altri pianeti? si, soprattutto il sabato sera" ne è un suo esempio lampante.
    Ricordo anche che a scuola i compagni mi chiedevano di scrivere al posto loro o di dettargli le dediche per i compagni di classe - o addirittura ragazze - perché io "c'avevo un sacco di fantasia"...
    "Anything Anytime Anyplace For No Reason At All" - Frank Zappa
  • A ha ha! Brian che ridere! :) dovresti sfruttare questo tuo talento!
  • Ah Brian ora so come ti chiami!  ;)
  • BrianBrian
    Posts: 253
    stefani283 ha scritto:

    Ah Brian ora so come ti chiami!  ;)



    Me tapino!
    "Anything Anytime Anyplace For No Reason At All" - Frank Zappa
  • ViolettesViolettes
    Posts: 1,300
    Brian ha scritto:

    Se stavo mangiando un pacco di patatine e un amico mi diceva "me ne dai una?" io non offrivo il pacchetto, ne prendevo una io stesso e la porgevo all'amico allibito!


     




    ahahahaha! anch'io lo faccio,mi viene spontaneo! ma poi ho capito che è meglio offrire il pacchetto, mi è capitato anche con fazzoletti et similia..che figura davvero

    Nascere a mani vuote,
    morire a mani vuote.
    Ho contemplato la vita nella sua pienezza,
    a mani vuote.
    (Marlo Morgan)

    Solo dopo che l'ultimo albero sarà stato abbattuto.
    Solo dopo che l'ultimo fiume sarà stato avvelenato.
    Solo dopo che l'ultimo pesce sarà stato catturato.
    Soltanto allora scoprirai che il denaro non si mangia.
    (Profezia degli indiani Cree)
  • biancabianca
    Posts: 1,380
    davidemoscone ha scritto:

    Sì è una bella descrizione!
    Benvenuto sul nostro forum!
    Conosco un ragazzo Aspie di Roma che suona la chitarra elettrica ed è appassionato di Barrett, non so se si è ancora iscritto al forum.


    Devo assolutamente conoscerlo! Io ho fatto riprodurre la sua Fender Esquire (quella con gli specchietti) alla perfezione, è costata anni di studi... :-)

  • ezrealezreal
    Posts: 278
    anch'io ho fatto quella delle patatine, mi rispondevano 'eh proprio una me ne hai data' e io sconcertato 'ma una me ne hai chiesta' senza nessuna malizia..
    If i go crazy then will you still call me superman?
  • bianca ha scritto:

    davidemoscone ha scritto:

    Sì è una bella descrizione!
    Benvenuto sul nostro forum!
    Conosco un ragazzo Aspie di Roma che suona la chitarra elettrica ed è appassionato di Barrett, non so se si è ancora iscritto al forum.


    Devo assolutamente conoscerlo! Io ho fatto riprodurre la sua Fender Esquire (quella con gli specchietti) alla perfezione, è costata anni di studi... :-)



    Gli ho appena inviato un messaggio su facebook...vediamo se lo legge.