Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Qualcuno di voi fa le schede di ognuno?

Mi sento male. Ho scoperto di recente che un mio amivo Aspie ha delle schede di ogni persona dove scrive tutto. Dove mette punteggi. Dove valuta le diverse azioni. 
Inoltre ad ogni persona fa fare certe cise, sempre le stesse, come un rituale, per metterle alla prova.
E mi sento veramente triste per questa cosa. Essere analizzata, catalogata, messa in mezzo ad altri come un topo di laboratorio mi sta facendo sentire molto male. Non so cosa questo significhi per lui e non so se qualcuno qui possa spiegarmi se fa lo stesso e cosa significa questo.
Io ci sono rimasta molto male e mi sento a disagio adesso quando sto con lui perchè mi sento analizzata. Lui nota persino se non ho il trucco sul naso oppure se ho cambiato profumo. Lui nota e annota tutto. Ma è possibile vivere di tutte queste cose? Io ki sento sopraffatta da un malessere incredibile.
Sapere che lui fa vedere lo stesso film a tutti, fa fare la stessa passeggiata a tutti, ..ci nette alla prova e ci giudica buoni o non buoni.
Mi sento nel peggiore degli incubi.
Non riesco piu a sentirmi spontanea con lui. Ed ha ammesso di nascondermi certe cose anche.
A volte non si fa vivo per giorni e mi fa spaventare anche perchè a volte lui ha pensieri brutti. 
Poi mi telefona e chiacchiera ridendo come se niente fosse.
Io non so se reggero questa condizione. Mi sento molto sola adesso. 
WBorg_AndatoValentariotOrsoX2rondinella61
«134

Commenti

  • GiadanielGiadaniel Veterano Pro
    Pubblicazioni: 381
    È il suo modo per conoscere. Raccoglie i dati, le informazioni. Molti lo fanno mentalmente, forse lui si sente meglio a fare liste. Come capita a molti di noi. Per il fatto di mettere alla prova, ricorda che abbiamo problemi di empatia cognitiva... È il suo modo per capire.
    KrigerinneNemorondinella61
  • vera68vera68 Colonna
    Pubblicazioni: 1,219
    Ciao @mareaditerra
    Ho letto entrambe le discussioni. Mi associo alla domanda dì @Domenico. Ti ha detto lui di essere aspie?

    Se ti può rassicurare io anche mi sentirei come te. Sotto osservazione. È inquietante

    È vero che ci possono essere moltissime comorbieta ma a mio parere questa sembra essere una fissazione più che un interesse speciale.
    RobKneonero
  • KrigerinneKrigerinne SymbolSenatore
    Pubblicazioni: 3,153
    Bislacco... Non la voglia di fare queste schede, ci mancherebbe, lo capisco, ma il fatto che una persona adulta le faccia...
    Quanti anni ha, per sapere? 17 è ben diverso da 20, 30, o 50...
    Quindi posto che qualcuno dovrebbe spiegargli gentilmente e amorevolmente che non può farlo, ti spiego (forse) perché lo fa.
    Da bambina facevo delle schede su argomenti di mio interesse su un quaderno e chiedevo alle persone di visualizzare, o votare dei disegni. Facevo poi una media dei voti e quella diventava il punteggio definitivo del disegno, e compilavo delle classifiche.
    Mi piacevano tutti i miei disegni, non volevo giudicarli, volevo solo ordinare le cose, mi dava un senso di completezza.
    Il mio interesse speciale erano i miei disegni.
    Può darsi che il tuo amico abbia un forte interesse per i suoi amici, e voglia conoscerli bene. Dare dei voti è un modo per conoscere i vostri lati positivi e negativi, per sapere come siete fatti, e per dare ordine e struttura all'ambiente sociale.
    E' una cosa che fanno tutti, ma lui la rende esplicita in un sistema elaborato che può spaventare. E, soprattutto, commette l'errore di comunicarvi i suoi dati. Dovrebbe tenersi questi pensieri per sé, perché pure se non sono malevoli comunque in questo modo poi le persone si sentono inibite davanti a lui.
    E' il suo un comportamento che può soddisfare più bisogni contemporaneamente, e non voglio specificare tutti quelli che mi sono venuti in mente perché sarebbe grottesco... Ma ad esempio farvi fare delle camminate senza senso e dare dei voti a quello è una compulsione e basta, ma può dare soddisfazioni sociali, dando l'illusione di capire qualcosa in più delle persone, ipotizzo.

    WBorg_AndatoNemoamigdalarondinella61
    Asperger ~ tutor ABA ~ programming... future
    You split the sea
    so I could walk right through it

  • ASHerASHer Membro
    Pubblicazioni: 37
    Lo faccio anche io, da sempre. Mi aiuta a capire le persone, proprio come dice @giadaniel e proprio come fa il tuo amico, a volte mi ritiro perchè "ho pensieri brutti". Io addirittura ho dei piccoli notes in cui annoto "gli orari delle persone", mi tornano utili talvolta per capire se qualcuno mente, incrociando diversi dati. L'ho sempre fatto e mi dà sicurezza da un lato, mentre dall'altro mi aiuta a scaricare quando mi scatta l'ossessione per una persona (o per qualcosa che riguarda quella persona).
    Krigerinnerondinella61
    I didn't ask for this pain it just came over me
  • MarkovMarkov Pilastro
    modificato 1 March Pubblicazioni: 7,759
    Più che altro la cosa che mi infastidirebbe in ciò è che poi uno così fa pure la vittima col fatto che ha "pensieri brutti"...

    Ad esempio i film da vedere o i posti dove passeggiare deve per forza sceglierli lui?
    A tali condizioni per me o è un caso da croce rossa o si dà priorità ad altre uscite.
    Post edited by Markov on
  • KuramaKurama Veterano
    Pubblicazioni: 282
    Io al massimo mi tengo a mente lo schema comportamentale di una persona ma lo tengo solo a mente , non annoto anche perché ho molta memoria ...in ogni caso non spaventarti come dicono sopra è un modo che gli serve per capire meglio gli altri ..
    Nemoamigdala
  • WBorg_AndatoWBorg_Andato SymbolAndato
    modificato 2 March Pubblicazioni: 4,497
    Ho una buona memoria, e dentro ci sono i profili di qualche centinaia di persone conosciute da me nel arco della mia vita.
    Scripta manet, non scrivo mai niente, le schede scritte non interagiscono fra di loro, non c’è scambio di informazioni, è solo informazione morta.
    Confesso che qualcosa ho scritto, qualche parolaccia sui muri di scuola, oppure qualche commento del tipo, cattivona, perché non mi parli :P :)) ?
    KrigerinneLisaLaufeysonneonero
    Post edited by WBorg_Andato on
    Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale
  • mareaditerramareaditerra Membro Pro
    Pubblicazioni: 42
    Lui ha più di 30 anni.
    Le prime volte quando uscivamo cercava situazioni strane e mi diceva che era una sfida.
    Spesso parla di sfide cogli altri e con se stesso.
    Il fatto di essere Aspie me lo ha detto dopo tanto tempo e non subito.
    Io avevo notato un certo modo di osservarmi.
    Ma poi faceva discorsi strani sul registrare le persone, sui pericoli a lavoro.
    Lasciava cose preziose in giro per casa per vedere se le prendevo.
    Insomma na specie di percorso obbligato che ha fatto con tutti senza alcuna distinzione. Lo stesso posto, gli stessi oggetti, gli stessi film...Non sono scelte casuali. È come se sottoponesse tutti allo stesso percorso per vedere chi dà il meglio, chi resiste di più, chi la spunta.
    La cosa delle schede l'ho saputa solo da poco e quindi questa cosa mi ha proprio dato la prova che per lui siamo come topolini.
    Però lui dopo dice che si sente spacciato, che lui si sente imprigionato dentro un labirinto, che sotto i piedi ha la lava e non può spostarsi.
    Fa la vittima e dice un sacco di bugie.
    Io son stata sempre spontanea con lui e mi sono confidata.
    Lui fa delle differenze tra le persone ma solo in termini materiali. Cioè di quello che fanno per lui o non fanno.
    Mi chiede sempre cosa faccio, dove vado, quando ci vediamo. Programma tutto. Io mi sento oppressa da questa cosa e non mi sento libera. Lui vuole sempre decidere cosa fare, come farlo e mi analizza.
    Non ha empatia e non capisce se una cosa mi fa restare male. Lui a volte è molto arrabbiato ma spesso non parla dei suoi problemi. Piuttosto dice che gli altri poi vedranno....
    Lui dà molta importanza alle persone e a quello che fanno e cova vendette.
    Non prende farmaci perchè lui si ritiene troppo intelligente per farsi fregare da un dottore che lo vuole guarire.
    Lui ha un'idea negativissima degli altri e lui si crede migliore di tutti e diverso. Disprezza gli altri e ci trova sempre difetti.
    Da me certe volte ha voluto fatte alcune cose. A volte ha proprio piacere sadico a vedere una persona che sgobba perche lui dice che è sfortunato e m'invidia. Invidia tutti. Anche i suoi amici. Perchè loro hanno quello che lui non ha: una fidanzata, un lavoro stabile, una famiglia che li appoggia.
    Io spesso son tornata a casa distrutta e in lacrime. E lui non si è mai accorto della sofferenza che a volte procura dicendo certe cise
    Io ascolto e lo aiuto fin che posso. Ma lui pretende alcune cose perchè deve far fare questo percirso obbligato.
    Poi dice" e voi siete tutti belli lì, seduti sulla sedia, io devo sgobbare."
    Ha avuto la disabilità mentale ma non vuole chiedere il sussidio e neanche il reddito di cittadinanza.
    Vuole soffrire tanto e poi si lamenta di soffrire piu di tutti.
    Io credo che forse si registra pure le telefonate o i discorsi e tutto. Non so. Adesso sono convinta che lui sia ossessionato.
    E credo che lo faccia con tutti e non è una cosa bella ma lui non lo direbbe mai questo.
    Non so proprio cosa dovrei fare e come comportarmi. Lui vuole sempre sapere tutto di me ma di sè stesso dice solo alcune cose. Dosa le parole e tutto. A volte mi fa paura perchè dice che potrebbe arrivare al limite e fare cose estreme. Ma il suo dottore se ne frega di questo.



    rondinella61
  • mareaditerramareaditerra Membro Pro
    Pubblicazioni: 42
    Lui non ha interesse o legame affettivo con gli amici. Gli servono. Ognuno di noi gli serve per qualcosa di specifico. Lui usa tutti a suo piacimento. E cerca sempre altre persone per avere altri aiuti.
  • ValentaValenta SymbolPilastro
    Pubblicazioni: 9,086
    In età molto giovane 15 o 16 anni "schedavo" i miei professori o compagni di classe, cioè facevo una caricatura e scrivevo le caratteristiche principali.

    Ora all' età del tuo amico (ho 32 anni) non mi verrebbe mai in mente.
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online