Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Mi sento impotente ed inutile!

speranza82speranza82 Membro
Ciao a tutti! Da un mese a questa parte mio figlio di 3 anni e mezzo diagnosticato nello spettro ormai da un anno è in una fase perpetua di stallo. La sua comprensione è aumentata in modo esponenziale ma la parola rivolta a noi è sempre e solo con sprono.. poco spontaneo! La cosa che mi frustra è la sua grande intelligenza ma la sua poca disponibilità ad aprirsi. Le ecolalie nelle ultime settimane stanno diventando invadenti. Lui inoltre ama esser iperstimolato ed è palesemente adhd (anche se ancora non diagnosticato). Questo lo distrae tantissimo e x il 20% che riesce a rimaner attento durante la giornata ha già imparato molto. Ora sta tirando fuori anche il carattere e quello che non vuol fare è un capriccio unico! A priori... Mi sento inutile ed impotente perché non so come e non riesco nemmeno ad aiutarlo!!
mammaconfusa80gioia
Post edited by speranza82 on
«1

Commenti

  • mamma_francescamamma_francesca Veterano Pro
    Pubblicazioni: 1,181
    Cerca di mantenere la calma, lo sviluppo non è mai lineare per nessun bimbo, ma è sempre un'alternanza di periodi di stallo e periodi di esplosione; se è iperattivo adesso con la bella stagione si può sfogare di più fuori casa, se puoi nel verde e nella natura, che hanno sempre un'effetto benefico e rilassante su tutti.
    speranza82
  • GiadanielGiadaniel Membro Pro
    Pubblicazioni: 127
    Abbi pazienza. Percepisce ed incamera molto più di quello che da a vedere. Il carattere poi si smorza, i tempi attentivi aumenteranno. Ora devi avere solo "fede" che, anche se non lo da a vedere, sta incamerando. Mio figlio, che era come il tuo, fino ai 4 anni e mezzo non ha parlato. Io ho continuato a parlargli, a leggergli cose, a raccontargliene altre. Dopo anni me le ha ritirate fuori. E sembrava non sentisse niente all'epoca. Non sai come ci rimanevo tutte le volte, che mi dimostrava che aveva a modo suo prestato attenzione. Sono bambini intelligentissimi. Di questo non dubitare. devi solo avere tanta tanta pazienza.
    claluisperanza82
  • loconiloconi Membro Pro
    Pubblicazioni: 102
    Sono percorsi lunghi, ci vuole coraggio e pazienza. Mio figlio ha il linguaggio, ma non è funzionale. Pensa sempre che appartengono a una minoranza, ciò che ci fa stare male è il paragone con i bambini nt. Anche se è molto difficile, non caderci. Il suo sviluppo è diverso. Ci arriverà dagli tempo.
    Giadanielsperanza82
  • speranza82speranza82 Membro
    modificato 14 March Pubblicazioni: 128
    @mamma_francesca @Giadaniel @loconi GRAZIE! Nelle ultime settimane mi sento impotente.. veramente inutile perché vedo che non è propenso ad aprirsi e si chiude con l ecolalia (che già non manca durante la giornata)! Si chiude a riccio quando gli proponiamo qualcosa (che non sia qualcosa di fisico). Con lo spannolinamento siamo a zero. Non dice nulla.. ma proprio zero! Sembra che adori proprio star nel suo mondo parallelo. Ovviamente durante la giornata la sua iperattività ed il suo moto perpetuo farebbero perder la pazienza anche ad un Santo! Tutti mi dicono che sono spugne.. ma negli ultimi mesi ho riscontrato ben pochi miglioramenti,anzi... Sono demotivata e triste!!
    Post edited by speranza82 on
  • claluiclalui Veterano Pro
    Pubblicazioni: 680
    Speranza non ho molto da aggiunge a cioè che è stato detto dalle altre...vorrei però farti una domanda perché non capisco bene cosa dici. Ricordo che in altre discussioni hai detto che il tuo bimbo parla, che non ha un vero ritardo del linguaggio...quello che non capisco è in che senso non si rivolge a voi. Cioè vi fa richieste? Le formula bene?cos’e’ che ti aspetti e che lui non fa?
  • amanitaamanita Veterano
    modificato 14 March Pubblicazioni: 121
    Concordo con ciò che ti ha detto mamma_francesca e le altre.
    È una cosa che mi ha sempre detto anche la psicologa.. che lo sviluppo spesso procede a scale.
    Forse questa è una fase in cui sta' "raccogliendo" poi vedrai che farà il suo salto evolutivo.
    Purtroppo il problema attentivo è difficile da gestire, so cosa vuol dire e ti capisco tanto.
    C'è di buono che quando riescono a focalizzare l'attenzione sono delle schegge nell'apprendimento e questo in un certo senso gli permette di non rimanere troppo indietro.
    Non so se con lui funzionino le immagini, nel nostro caso è stato un buon canale per catturare la sua attenzione quando era più piccolo. Potresti usarle soprattutto per la condivisione. Gli piacciono i libri o i cartoni?
    Se riesci dagli modo di sfogarsi a livello motorio e sul caratterino...
    Anche su questo abbiamo avuto dei bei problemi! Facile che ci sia anche una disregolazione emotiva perché principalmente se c'è un problema attentivo c'è una un problema di regolazione un po' generale.
    Iperattività, attenzione, gestione emotiva sono cose collegate.
    Capisco il tuo sconforto ma ti dico di non scoraggiarti e non pensare che sarà sempre così. In realtà il modo migliore per aiutarli è conoscerli, non esite nessuna ricetta magica e va capito per ogni bambino, passando attraverso conquiste e fallimenti.
    La percezione di impotenza l'avevo anche io e superare i momenti no è stato difficile ma poi passano..


    gioializ
    Post edited by amanita on
  • speranza82speranza82 Membro
    Pubblicazioni: 128
    @clalui fa piccole richieste semplici tipo "dammi acqua","voio crostatina","andiamo pacco giochi".. però sempre su sprono. Nel senso, gira in cucina 5min.. apre il frigorifero,guarda sul tavolo.. vuole qualcosa.Tu gli dici "hai sete?" Prende il bicchiere. Allora gli chiedo cosa vuole. Dopo un po' chiede "Dammi acqua". Ma è palese che non vorrebbe farlo anche se sa perfettamente. Spesso se ha fame prende il suo piatto,posate e bavaglia (prepara la sua postazione insomma). Ma tu devi sempre chiedere che vuole e spronarlo. Allora ti dice "si mangia". Vuol cambiar canale e vedere un cartone,prende il telecomando e ti dice "Cambia,non piace.. comando". Comando sta per telecomando.. cmq mi aspetterei sicuramente una diminuzione delle ecolalie che,anche a dire della sua terapista,stanno diventando disturbanti. @amanita sicuramente se lo sviluppo procede a scale,ora siamo in basso. È palese che le cose che ha in testa sono tante e troppe e non sa gestirle. Sembra non voglia essere aiutato o che non gli interessi.. È questa la cosa più frustrante! Poi stesse fermo almeno 5min consecutivi.. e ripeto, per quel poco che ascolta e rimane fermo è veramente una spugna perché sulla comprensione ha fatto un balzo enorme!
    amanita
  • mamma_francescamamma_francesca Veterano Pro
    Pubblicazioni: 1,181
    Intanto considera che le cose di cui ti lamenti tu, piano piano diventeranno normali, potresti quasi considerarlo avanti invece che indietro, nel senso che ad un certo punto - molto presto a dire il vero - tutti i bimbi quando hanno sete si prendono il bicchiere, lo riempiono d'acqua e bevono senza chiedere nulla. Si chiama autonomia. Oppure si alzano la mattina e se il genitore dorme ancora si apparecchiano il tavolo e fanno colazione senza chiamarti. Di solito i genitori si "vantano" di queste conquiste. Non considerare un male il fatto che sia autonomo e indipendente.
    Le cose "importanti" da comunicare sono altre e soprattutto l'importante è che impari a comunicare per conoscere l'altro imparando che gli altri non sono la sua fotocopia e se non chiede non sa: tipo a lui piace andare al parco giochi, l'importante non è che ti chieda di andare al parco giochi - questo è il primo passo - l'importante è che ad un certo punto gli scatti la voglia di chiederti se "a te piace andare al parco giochi" e se ci andavi da piccola. Per fare questo ti consiglio di raccontargli di te da piccola e piano piano fargli capire che le persone sono diverse e che se non chiede, se non ci "parla" non saprà mai le cose. Comunque è un percorso lungo, non ti devi aspettare cambiamenti immediati, ci vogliono i mesi e gli anni.
    Siccome lui vuole fare le cose, un altro passo importante sarebbe quello di insegnargli a essere proattivo nei confronti degli altri, cioè fare una cosa per l'altro, aiutarlo del tipo "tenere aperta la porta" o cose così. Quindi visto che si prende il bicchiere da solo, quando tu hai sete potresti chiedere a lui di prendere il bicchiere per te. Cercare di insegnare un po' la reciprocità.
    amanita
  • claluiclalui Veterano Pro
    Pubblicazioni: 680
    Speranza la mancanza di condivisione spontanea è l’autismo. Mio figlio tutt’ora, ad otto anni, condivide solo ed esclusivamente ciò che interessa a lui, anche nelle richieste. Per farti un’esempio stamattina ha provato a fermare dei fogli con una graffetta. È stato buoni tre minuti a provarci e ovviamente non sono intervenuta. Solo quando si è stufato mi ha finalmente chiesto aiuto. Ed era una cosa che proprio voleva imparare a fare, era motivato, perché in altri casi molla tutto e se ne va.
    La chiave parte da lì, dalla motivazione a comunicare, che a sua volta parte da loro, migliora crescendo, anche se la si può sollecitare con qualche trucchetto.
    come ti hanno detto ci vuole tempo, tanto tempo, armati di pazienza e continua a fornirgli stimoli e spunti. Lo so che è difficile e frustrante, lo so davvero. Ma ogni cosa arriva, devi crederci.
    Se posso darti un consiglio non assecondare le sue richieste non verbali se no rischi che si rinforzi in lui la consapevolezza che può ottenere anche non parlando. Prende il bicchiere? Bene. Niente acqua finché non te la chiede. Forniscigli il modello(“mamma voglio l’acqua”) e non muoverti di un millimetro finché non è lui a dirlo. Stessa cosa per il cibo. Si apparecchia ok . Deve dirti “voglio mangiare “ se no il piatto rimane vuoto. Come si dice bisogna indurlo a fare di necessità virtù.
    Un’altra cosa...quando ti rivolgi a lui per qualcosa che riguarda una sensazione o un’emozione non mettergliela come domanda ma come affermazione. “X vedo che hai preso il bicchiere. Hai sete!””stai buttando all’arria tutto si vede che sei arrabbiato” e anche in questo caso potresti fornirgli il modello”mamma ho sete voglio l’acqua!” “Mamma sono arrabbiato non voglio fare la cosa x”.
    Sono tosti speranza ma noi siamo più tosti di loro e abbiamo il tempo e la crescita come alleati. Forza! Sei una brava mamma sensibile e attenta altro che inutile!
    LisaLaufeysongioiagufomatto79amanitadamyTerra_di_Mezzo
  • loconiloconi Membro Pro
    Pubblicazioni: 102
    @speranza82 )." Con lo spannolinamento siamo a zero"
    Ho tolto il panno un anno fa e devo portarlo in bagno, altrimenti non lo dice. Trattiene all'infinito e poi viene qnd è bagnato. Mai fatta una pipì a scuola. Quest'estate mi dovrò mettere di buona lena, farlo bagnare in modo che impari a regolarsi tra stimolo e il tempo che necessitano le varie operazioni di tirare su, giù, sedersi ecc.
    Non scoraggiarti
    speranza82
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586