Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Aspettative da parte degli altri.

Chung4745Chung4745 Membro Pro
modificato 15 March in Esplorare i sentimenti
Salve a tutti, oggi volevo parlavi di un evento recente che mi lasciato leggermente l'amaro in bocca. Io mi sono trasferito a Firenze da circa 2 mesi per studio, è stato faticoso schematizzare il viaggio e le altre cose più che l'abituarsi ad un clima nuovo, essendo una persona molto razionale e ansiosa, ma vado subito al punto. Recentemente I miei genitori mi hanno fatto una "sorpresa" venendomi a trovare qui a Firenze. Quando mi videro erano molto felici, mia madre si commosse pure. Io invece ero impassibile, quando li vidi la mia testa disse:"ah ok, ma cosa ci fanno loro qui?" Dopo averli salutati, mia madre mi chiese se avessi sentito la loro mancanza, io risposi di no, perché comunque ci sentivamo sempre per video chiamate sia a pranzo che a cena, tralasciando le altre chiamate normali fatte a parte,perché di solito io non telefono, tranne per motivi particolari,comunque,tornando al discorso, negai la loro mancanza dicendo che sentivo la mancanza dei miei due cane a cui sono molto molto attaccato, e vidi che ci rimasero un po' male. Il giorno prima della loro partenza andammo a mangiare qualcosa insieme e quando ci sedemmo, gli descrissi meglio la situazione. Io sono una persona distaccata che difficilmente si meraviglia, salvo casi eclatanti o cose che hanno a che fare con le mie passioni. Inoltre riesco a stringere legami fortissimi con i miei animali ed anche con gli altri, ai quali voglio un bene assoluto, è un amore platonico profondo e gentile, con le persone (inclusi i miei genitori) invece è tutta un'altra storia difficilmente li capisco, a me che non siano molto simili a me, altrimenti non so come comportarmi, cosa dire, cosa pensano di me, semplicemente non lo capisco. Tante volte mi è sembrato tradire le aspettative altrui, perché difficilmente provo qualcosa,sin da piccolo come "difesa" sorridevo in maniera sarcastica anche se dentro proprio disagio, un po', come dire, "meglio ridere che piangere". E niente, i miei sembravano leggermente delusi da quello che mi è parso, anche se io non posso farci nulla, sono riservato, questo è il mio carattere, sono semplicemente difficile da capire ed io ho difficoltà ad avere legami con gli altri, perché voglio essere sicuro di trovare gente simile a me, di cui ci si può fidare e che non ti giudica per qualche tuo comportamento che presenti da sempre e che non fai per cattiveria.

P. S.
Come al solito mi scuso per l'ipotetica grammatica errata e per come ho scritto. Ultimamente tutto quello che mi viene da scrivere è un flusso continuo di pensieri, quindi se non capite, non vi biasimo.
Post edited by Chung4745 on

Commenti

  • RobKRobK Veterano Pro
    Pubblicazioni: 1,029
    Ciao @Chung4745 , capisco i tuoi pensieri, ma per esperienza ti consiglio di imparare a fingere un po' qualche volta.
    So che si puó voler bene ai propri genitori anche se non si sente la loro mancanza, ma pur spiegandolo non capiranno mai, per la maggior parte delle persone volersi bene = voler stare sempre insieme.
    Dire ai tuoi genitori che anche tu hai sentito la loro mancanza è una piccola bugia che farà stare tutti meglio, sempre se per loro provi comunque affetto.
  • Chung4745Chung4745 Membro Pro
    Pubblicazioni: 127
    @RobK ma infatti molte delle volte fingo, però più che altro ho detto loro che non ho provato forti emozioni, ero normale tutto qua.
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online