Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

in caso di crisi

Avrei prima voluto presentarmi in qualche modo, ma so che spenderei mille parole senza riuscire mai a fare una sintesi adeguata o comunque particolarmente utile, e soprattutto so che il mio stato mentale attuale non me lo consente, per cui vi sarei grato se poteste rispondere a questa richiesta di informazioni di carattere puramente pratico.
Vivo un momento di grande crisi dopo un trasferimento da solo in una grande città, l'impatto con un mondo lavorativo aggressivo e poco inclusivo e poi la diagnosi. 
Preferendo prepararmi al peggio, volevo chiedere: cosa fare in caso di meltdown incontrollabili e frequenti? O in generale in caso di crisi grave? Se dovesse presentarsi la necessità, è possibile ottenere un ricovero per questioni di salute mentale, o comunque un permesso per interrompere il lavoro? Serve rivolgersi a un medico (purtroppo non ho medico di base nella città attuale)? O forse chiamare proprio il 118? Grazie a chiunque possa rispondermi...
EstherDonnellyCharadewoodstock

Commenti

  • plutoneplutone Andato
    Pubblicazioni: 106
    Sono l'ultima persona che possa darti consigli su questo campo specifico,pero' sento di suggerirti di trovare subito nella tua nuova citta' un consultorio,un centro di ascolto,un luogo dove ci siano dei professionisti a cui tu possa rivolgerti,se puoi spendere soldi anche uno psicoterapeuta. Non rimanere con la paura di una crisi,fatti aiutare a prevenirla o gestirla. Il ricovero o il Tso sono molto pericolosi,io fossi in te agirei in chiave preventiva. Ricordati che le persone autistiche non possono assumere psicofarmaci nelle dosi usate per i neurotipici...stai attento! In bocca al lupo per tutto e...coraggio!
    Charade
  • SophiaSophia SymbolModeratore
    Pubblicazioni: 5,902
    @aleph90 intanto benvenuto tra noi.
    Mi unisco al suggerimento di @plutone.

    Non so se posso permettermi ma casomai puoi non rispondere, credo potrebbe essere utile avvisare un familiare o una persona a te vicina della tua difficoltà, sempre che sia possibile.
    "Nulla esiste finché non ha un nome".
    Lorna Wing
  • neoneroneonero Andato
    modificato 29 March Pubblicazioni: 150
    @plutone Ciao,scusa se mi intrometto così nella discussione ma perché gli autistici non possono assumere psicofarmaci nelle stesse dosi?
    Post edited by neonero on
  • plutoneplutone Andato
    Pubblicazioni: 106
    neonero ha detto:

    @plutone Ciao,scusa se mi intrometto così nella discussione ma perché gli autistici non possono assumere psicofarmaci nelle stesse dosi?

    Ciao,figurati,siamo qui proprio per parlarci :) a me in sede di diagnosi e' stato detto e raccomandato di dire sempre a qualsiasi medico di essere nello spettro autistico perche' i farmaci che possono avere una qualunque parentela con gli psicofarmaci devono essere somministrati in un dosaggio piu' basso di quello minimo previsto per i neurotipici. La motivazione sta nella risposta neurologica negativa che potremmo avere rispetto agli effetti dei suddetti medicinali. La motivazione strettamente biologica non la saprei rispiegare,ma se hai qualsiasi dubbio puoi fare qualche ricerca o domandare a uno specialista.

    rondinella61
  • neoneroneonero Andato
    Pubblicazioni: 150
    @plutone Ti ringrazio sei stato molto gentile e accogliente. :)
  • plutoneplutone Andato
    Pubblicazioni: 106
    neonero ha detto:

    @plutone Ti ringrazio sei stato molto gentile e accogliente. :)

    Grazie a te!

  • aleph90aleph90 Neofita
    Pubblicazioni: 4
    plutone ha detto:

    Sono l'ultima persona che possa darti consigli su questo campo specifico,pero' sento di suggerirti di trovare subito nella tua nuova citta' un consultorio,un centro di ascolto,un luogo dove ci siano dei professionisti a cui tu possa rivolgerti,se puoi spendere soldi anche uno psicoterapeuta. Non rimanere con la paura di una crisi,fatti aiutare a prevenirla o gestirla. Il ricovero o il Tso sono molto pericolosi,io fossi in te agirei in chiave preventiva. Ricordati che le persone autistiche non possono assumere psicofarmaci nelle dosi usate per i neurotipici...stai attento! In bocca al lupo per tutto e...coraggio!

    Grazie per i consigli e scusatemi per la risposta in ritardo... sto cercando di informarmi, ho trovato una terapeuta che potrebbe seguirmi, ma non centri di ascolto o simili, per ora, nonostante sia in una grande città... Cercherò di stare attento a quelle altre cose
  • aleph90aleph90 Neofita
    Pubblicazioni: 4
    Sophia ha detto:

    @aleph90 intanto benvenuto tra noi.
    Mi unisco al suggerimento di @plutone.

    Non so se posso permettermi ma casomai puoi non rispondere, credo potrebbe essere utile avvisare un familiare o una persona a te vicina della tua difficoltà, sempre che sia possibile.

    Grazie della risposta... ho avvisato alcune persone vicine e la famiglia, anche se dalla famiglia non so quanta reale comprensione possa arrivare
  • aleph90aleph90 Neofita
    Pubblicazioni: 4
    Avevo sentito anch'io riguardo ai farmaci, in effetti non posso prendere una compressa intera di dose minima di ansiolitico senza avere forte sonnolenza, per cui ne prendo metà... ho recentemente sentito a una conferenza sull'Asperger che gli effetti degli psicofarmaci sono all'incirca quadruplicati nelle persone autistiche, ma forse non si intendeva alla lettera (da buon aspie...)
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online