Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

è rischioso fare "coming out" come "Aspie" sui social network?

è una domanda che mi balena in testa da un po' di tempo.

Da un lato sarei tentato di farlo, dall'altro sono consapevole che dovrei subirmi le domande di amici e parenti (e quest'ultimi magari lo direbbero ai miei genitori, che si incazzerebbero perchè gelosi della propria vita privata) e vorrei evitare tutto questo.

Comunque ho già detto "solo" a 4 amici (dal vero) di essere "aspie" e (per fortuna) l'hanno presa bene.
Inoltre rimango dell'idea che (visto le esperienze precedenti) è meglio dirle "dal vero" certe cose, e solo a persone fidate.

Voi cosa pensate?

Commenti

  • NemoNemo Moderatore
    Pubblicazioni: 2,483
    Quello che scrivi e pubblichi online è, di fatto, incancellabile.

    Sebbene ora ti possa sembrare assolutamente innocuo, non è detto che un domani, magari per un'assunzione, non venga fatta una ricerca online e i dati sensibili (l'appartenenza allo spettro autistico è senz'altro da annoverarsi tra questi) possano essere usati per valutare negativamente la tua posizione.

    Questo è il primo tra i tanti motivi per NON divulgare questo tipo di dati attraverso i social, a mio avviso.
    MinolloEstherDonnellySirAlphaexa
    Memento Mori
  • EstherDonnellyEstherDonnelly SymbolPilastro
    Pubblicazioni: 2,361
    La risposta più semplice, come spesso accade, è "dipende".

    Io faccio un lavoro per il quale addirittura mi conviene, nel senso che aggiunge un certo "qualcosa" al mio personaggio. Di fatto io non ho alcun tipo di filtro e la cosa non mi ha mai penalizzata, anzi, ma il mio caso è estremamente specifico. 

    Più in generale, ritengo sia difficile fare previsioni per il futuro; non escluderei che un domani la Sindrome di Asperger cominci a essere valutata in maniera tanto positiva da diventare sinonimo di affidabilità - e per alcune aziende è già così -, ma se vogliamo essere realistici è necessario esserlo valutando le carte che abbiamo in mano.

    Quindi, credo che ogni persona che si chieda se sia il caso o no di diffondere certe informazioni debba farsi alcune domande:

    -questo mio desiderio di esprimermi va in contrasto con la mia comunità?
    -questo contrasto può causarmi dei problemi?
    -potrebbe eventualmente causarmeli in futuro, sulla base dei miei piani e previsioni?
    -sono disposto ad accettarne le possibili conseguenze?

    Non penso ci sia una risposta definitiva, valida per tutti.
    ❤️
    but the Earth refused to die
  • MarkovMarkov Pilastro
    Pubblicazioni: 6,940
    Al momento non ho mai conosciuto un caso italiano finito lavorativamente meglio rispetto ai suoi pari intonsi. E quelli ben inseriti l'hanno fatto in maniera opportunistica, tipo dopo aver già fatto carriera da persona qualsiasi.
  • A87A87 Pilastro
    modificato 23 April Pubblicazioni: 3,048
    Dipende da tanti fattori: il contesto, la pagina o il gruppo in cui si scrive, il grado di “popolarità” dell'Asperger al momento di scrivere, ad esempio, notizie o nuove serie tv che coinvolgono almeno un personaggio Asperger, se se ne parla bene o male.
    Purtroppo contano molto anche il proprio solito modo di porsi (se sei spesso polemico o insopportabile per altri motivi, il tuo coming out darebbe ai tuoi detrattori la spiegazione del tuo modo di essere e potrebbe prendere in odio l'Asperger in sé), l'età (molti pensano ancora che l'autismo sia qualcosa di “giovanile”), il paese di provenienza o la lingua in cui si scrive (in alcuni paesi l'Asperger è più conosciuto rispetto ad altri), il sesso e persino il colore della propria pelle.
    Direi che bisogna analizzare il proprio contesto e regolarsi di conseguenza, anche se sembra brutto dirlo.

    A mio parere, i social network, ultimamente, rappresentano qualcosa che si avvicina al male assoluto.
    Post edited by A87 on
  • RonnyRonny Neofita
    Pubblicazioni: 1,389
    Non ci pensare neanche.

    Scrivo sui social tante cose compromettenti ma non mi sognerei mai di dire che sono asperger. Chi ti conosce vedrà che tipo di persona sei e non ha bisogno di un’etichetta, chi non ti conosce userà questa informazione contro di te oppure la userà per sminuire quello che dici
    A87
  • Tima_AndroidTima_Android Colonna
    Pubblicazioni: 1,622
    Io lo dico senza problemi e condivido cose sull'argomento quando capita.
    EstherDonnellySirAlphaexa
    "Dio promette la vita eterna” disse Eldritch “io posso fare di meglio; posso metterla in commercio"  -- Philip K. Dick

    Il Nostro blog: My Mad Dreams
  • JAA005JAA005 Membro Pro
    Pubblicazioni: 201
    Io nei social posto il meno possibile.Già hanno tutti da ridire. Profilo basso...
    A87
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586