Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Vi racconto la mia storia

2»

Commenti

  • EliagioEliagio Veterano
    Pubblicazioni: 135
    R3ob ha detto:

    Ahahahahahahahahahahahahhahahahahahahahah esattooooo quando le mie amiche mi parlano solo di ragazzi,in maniera anche molto superficiale, voglio solo andarmene

    Io ho passato le superiori a sentirmi a disagio per questo: mi chiedevo come fosse possibile che amici, parenti e conoscenti mettessero tanto entusiasmo in dialoghi simili. Il mio interesse speciale, però, è la psicologia. Ora ho 22 anni, ho fatto pace con me stesso e ho accettato che discorsi su figoni/figone non mi prendono, ho smesso di sentirmi a disagio se altri ne parlano. Cerco di capire, facendo domande, che emozioni smuovano quei discorsi dentro di loro e prendo nota, sapendo al contempo che non mi riguardano e va bene così. Mi interessano nella misura in cui il benessere di un/a mio amico/a può esserne intaccato, o in cui mi "istruiscono" sul modo in cui la gente funziona. Chi mi è davvero amico lo sa e non è a disagio. Punto a cercare persone interessate più a parlare di idee che non di altra gente, non è facile, ma è certamente meglio rispetto alle superiori.
    Grazie per aver condiviso la tua storia!
  • R3obR3ob Membro Pro
    Pubblicazioni: 98
    Sophia ha detto:

    Benvenuta @R3ob
    ti ringrazio per la tua presentazione.

    Trovo molto interessanti le tue riflessioni e la tua profonda consapevolezza.

    Inoltre trovo che il tuo modo di scrivere sull'Asperger sia molto puntuale, e credo
    possa essere utile a chi legge.

    In famiglia purtroppo a volte non è facile, serve molto tempo e molta pazienza.
    Non demordere. Puoi provare cercando di parlare delle caratteristiche dei tuoi, della loro infanzia, oppure di qualche parente lontano o di qualche aneddoto peculiare.

    La neurodiversità è controintuitiva. Non è un concetto a portata di mano. Per qualcuno è necessario un lungo percorso.

    Adoro anche io la filosofia. :x

    "La neurodiversità se non compresa diventa errore".
    Credo che questa tua frase possa diventare uno slogan.

    Grazie ancora e buona permanenza

    Sophia ha detto:

    Benvenuta @R3ob
    ti ringrazio per la tua presentazione.

    Trovo molto interessanti le tue riflessioni e la tua profonda consapevolezza.

    Inoltre trovo che il tuo modo di scrivere sull'Asperger sia molto puntuale, e credo
    possa essere utile a chi legge.

    In famiglia purtroppo a volte non è facile, serve molto tempo e molta pazienza.
    Non demordere. Puoi provare cercando di parlare delle caratteristiche dei tuoi, della loro infanzia, oppure di qualche parente lontano o di qualche aneddoto peculiare.

    La neurodiversità è controintuitiva. Non è un concetto a portata di mano. Per qualcuno è necessario un lungo percorso.

    Adoro anche io la filosofia. :x

    "La neurodiversità se non compresa diventa errore".
    Credo che questa tua frase possa diventare uno slogan.

    Grazie ancora e buona permanenza

    Grazie a te ❤️
    Sophia
  • R3obR3ob Membro Pro
    Pubblicazioni: 98
    Eliagio ha detto:

    R3ob ha detto:

    Ahahahahahahahahahahahahhahahahahahahahah esattooooo quando le mie amiche mi parlano solo di ragazzi,in maniera anche molto superficiale, voglio solo andarmene

    Io ho passato le superiori a sentirmi a disagio per questo: mi chiedevo come fosse possibile che amici, parenti e conoscenti mettessero tanto entusiasmo in dialoghi simili. Il mio interesse speciale, però, è la psicologia. Ora ho 22 anni, ho fatto pace con me stesso e ho accettato che discorsi su figoni/figone non mi prendono, ho smesso di sentirmi a disagio se altri ne parlano. Cerco di capire, facendo domande, che emozioni smuovano quei discorsi dentro di loro e prendo nota, sapendo al contempo che non mi riguardano e va bene così. Mi interessano nella misura in cui il benessere di un/a mio amico/a può esserne intaccato, o in cui mi "istruiscono" sul modo in cui la gente funziona. Chi mi è davvero amico lo sa e non è a disagio. Punto a cercare persone interessate più a parlare di idee che non di altra gente, non è facile, ma è certamente meglio rispetto alle superiori.
    Grazie per aver condiviso la tua storia!
    Io sto cercando di stare con chiunque. Mi ero chiusa parecchio, perché non trovavo nessuno che mi capisse e seguisse il mio stile di ragionamento.Certo non è semplice, magari quando le mie amiche mi raccontano vicende sentimentali o consigli, sono troppo razionale e schietta ,e questo a volte infastidisce, soprattutto se cercano conforto. È chiaro che comunque cerco sempre gente che sappia mantenere viva la mia attenzione attraverso il dialogo
    EliagioJAA005
  • kaffokaffo Membro
    Pubblicazioni: 51
    Anche io mi riconosco molto nella tua storia come per il gioco degli gli scacchi, il rifiuto della religione, le amicizie morbose a 2 finite male (alla fine mi sentivo troppo sfruttato e sempre la parte debole, cosa che alla fine mi ha sempre portato ad allontanarmi  dopo molte sofferenze interminabili). Anche io ho dovuto studiare gli altri per elaborare un mio modo di essere nel mondo ma dopo ripetuti fallimenti che mi hanno portato sempre a ricominciare da 0 come se fossi un'altra persona e tuttora vivo situazioni molto difficili da gestire.  Come te mi è difficile leggere gli orologi a lancette e distinguere destra e sinistra.
    Io ho raggiunto un certo equilibrio grazie alla mia attuale moglie (laureata in filosofia), con la quale sono stato insieme per 13 anni prima di sposarmi, credo che abbia dei tratti asperger anche lei, ma non lo accetta perchè dice che lei ha bisogno del contatto umano mentre io sto bene da solo. Ma in realtà prima di incontrare lei stare solo faceva soffrire anche me. 
    Anche io odio i compleanni, soprattutto il mio, le feste, gli eventi sociali, i luoghi affollati, mi  imbarazzano se non addirittura mi causano ansia, parlare in pubblico è una tragedia per me. Trovo molto utilie e confortante potersi confrontare e trovare i propri simili su questo forum.
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online