Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Secondo voi sono normale o davvero faccio bene a pensare di avere l’AS o il DOC o tutti e due?

Allora, scrivo qui perché non so dove scrivere se non qui, perchè sto impazzendo e ho assolutamente bisogno di un parere vostro qui sopra. Se avete voglia leggete le mie domande sul mio profilo, in particolare queste due: https://www.spazioasperger.it/forum/discussion/12241/la-mia-vita-e-un-inferno-a-causa-dell-as-che-faccio#latest. leggete anche https://www.spazioasperger.it/forum/discussion/13169/secondo-voi-soffro-di-disturbo-ossessivo-compulsivo#latest. e quest’altra https://www.spazioasperger.it/forum/discussion/13257/aiuto-domani-devo-andare-dalla-psicologa-psicoterapeuta-e-ho-un-ansia-addosso-incredibile#latest Prima parlero un po di me, di cose più recenti che non ci sono scritte su queste due domande e altri dettagli che ho tralasciato e poi scriverò cosa mi è successo dalla psicologa (una situazione disastrosa). Comunque sin da quando ero piccolo sono stato un bambino particolare che era propenso a fare cose strane, a dire cose strane a fare 50.000 domande e sin da quando ero piccolo non sono stato capace di crearmi un amicizia e mantenerla. La mia passione per i videogiochi nasce verso i 6 anni ed ebbi il Ds Lite e ci giocavo tutto il giorno. A scuola sono sempre stato uno sfigato, ho sempre avuto tutti i compagni contro, anche una maestra era contro di me alle elementari e anche alle medie ero visto come strano dai prof. Sono come dire diverso dagli altri, non sono più forte,più veloce o più scaltro degli altri, sono sempre stato tranquillo e bonario di carattere e mi sono sempre fatto i fatti miei. Alle elementari venivo preso on giro per i miei comportamenti strani e ripetitivi e per le mie fissazioni e la maestra non diceva nulla nonostante a casa mi lamentavo quasi tutti i giorni. Poi se io provavo a difendermi a scuola (con scarsi risultati ma ci provavo) venivo sgridato io. In 4 elementare conobbi un ragazzino della classe affianco alla mia che poi diventò il mio migliore amico ufficialmente all’inizio della 5 elementare. Era un ragazzino un po strambo e sfigatello come me e a scuola lo prendevano in giro e prendevano in giro anche me perchè ero suo amico (fu il mio primo ed unico vero amico), era appassionato di videogiochi come me e ci divertivamo insieme. Poi un giorno litigammo (non dico il motivo perchè è una lunga storia) da li la nostra amicizia finii, poi ci rincotrammo altre volte e abbiamo pure chiacchersto alcune volte, però non ritornammo più amici come prima. Se volete sapere sulle scuole medie leggetevi questa domanda che vi ho già messo prima https://www.spazioasperger.it/forum/discussion/12241/la-mia-vita-e-un-inferno-a-causa-dell-as-che-faccio#latest. Comunque adesso parlerò delle superiori ossia di adesso e poi scriverò che cosa è successo con la psicologa. Per i miei compagni sono strano, sono un cesso antipatico, ritardato (lo dicono per offendermi, mi hanno inquadrato i miei compagni dal 2 giorno di scuola e mi sfottevano perché sono diverso dalle persone “normali”, ma poi mi dicono ritardato perchè per loro sono diverso e ho dei comportamenti strani ed è peggio essere chiamati cosi dell essere veramente con un grave ritardo perchè se uno fosse con un grave ritardo non saprebbe neanche ragionare e non te lo potrebbero neanche dire che hai problemi, ma con l’AS il brutto è che per la gente sembri uno con problemi e per offenderti non perche lo pensano ti chiamano ritardato,handicappato ecc. ma non ti considerano cosi perchè parli e ragioni e le persone molto spesso non conoscono questa sindrome ma allo stesso tempo vieni visto strano e diverso e io credo che questo sia un grandissimo tratto (correggetemi se mi sbaglio), comunque non ho neanche un amico, sono solo e ci sto bene ma a scuola mi prendono per il culo (scusate la parola ma è vero), comunque non preoccupatevi, la mia famiglia ne è gia al corrente. Comunque ora vi spiego cos’è successo dalla psicologa/psicoterapeuta: noi abbiamo chiaccherato, le ho parlato di me, abbiamo parlsto un ora, le ho detto delle mie ossessioni di DOC e del mio sospetto di avere l’AS e lei ha detto che in effetti ho delle ossessioni e delle compulsioni e che sull’AS anche era da approfondire ma che non poteva farmi una diagnosi al primo colloquio perché era poco professionale e mi disse “Sei consapevole” Poi dopo 5 giorni sono andati i miei familiari senza di me a parlare con lei e qui viene il bello: loro le hanno parlato di me dal loro punto di vista, lei non ha accennato neanche minimamente l’AS e neanche il DOC (eppure mi disse che avevo delle ossessioni e delle compulsioni) poi parlando parlando se ne uscita con che devo andare da un neuropsichiatra per sapere se ho qualcosa, anche se lei pensa che io non abbia nulla e che debba solo modellare il mio carattere, che questo neuropsichiatra le serve per avere un quadro completo di me per seguirmi, senza non può seguirmi e che io mi sono fatto addosso una specie di film mentale e che le mie sono tutte fissazioni e per lei sono “normale”, poi secondo lei io sono molto sicuro di me, ma questa è la prova che nin ha capito nulla di me. È vero, ho un mio carattere un po impertinente, quando mi fisso su una cosa insisto finché non la ottengo, sono scontroso e a volte stuzzico i miei parenti quando mi infastidiscono, litigo sempre con tutti a scuola e a volte anche con i parenti, a volte faccio un po di sfottò, ma non è solo carattere il mio. Ma dico io: a scuola sono uno sfigato, sono considerato diverso dagli altri e anche i prof mi vedono un po come strambo, ho comportamenti strani e ripetitivi, sono pieno di fisse, manie,ossessioni,la mia mente non è più libera da quando ho 10 anni che sono pieno di ossessioni e rituali da svolgere per tranquillizzarmi e se non li faccio impazzisco, non sono capace di leggere un libro che devo fermarmi ogni 2-3 sedondi per riappacificarmi con me stesso, a volte mentre parlo con qualcuno devo fermarmi 1-2 secondi a causa delle ossessioni che mi entrano in mente perché sono distratto,non ho neanche un amico, sto sempre da solo, non voglio vedere nessuno e in mezzo alla gente mi viene ansia,un altro po vivo solo per seguire i miei interessi (informatica e videogiochi) sono ripetitivo a dettadegli altri quando parlo a detta dei miei familiari e dei miei coetanei sto con la testa storta (tipo gobbo o con la testa rivolta verso un lato, sto con tutte le spalle storte,cammino storto, gesticolo con le mani, ho i tic anche agli occhi. Odio salutare la gente per strada, odio i baci di saluto odio le manifestazioni morbose di affetto (a meno che non sia uns ragazza carina a farmele eh) a scuola una mia compagna ha detto alla mia prof di itsliano in una discussione contro di me, tutta la classe e la prof contro di me: “Io penso che questo ragazzo sia contro il mondo e che il mondo sia contro di lui, però che tra lui e il mondo vince appunto il mondo” oppure un altra mia compagna: “ allora R io penso che tutti noi siamo unici: io sono unica, M e unico ecc., però io ringrazio che non esistano altre persone come te perché sennò piangerei tutti i giorni” io li mi sono fatto una risata davanti a tutti perché non sapevo che dire. Poi vengo criticato anche se dico auel che penso apertamentesu una qualsiasi cosa, il mio pensiero è quasi sempre diverso dagli altri. Poi secondo i miei parenti non sto mai fermo: tocco sempre tutto,cammini sempre avanti e indietro, sono sempre moscio, detto anche dai miei cugini anche se non è vero che sono sempre triste come pensano tutti: stare fermo immobile e senza espressione in volto è il mio modo di pensare e non devo essere disturbato, insomma implicitamente tutti i miei parenti pensano che io a volte non mi comporti come le persone normali e come gli altri ragazzi della mia età. Io non riesco a non essere me stesso: se io mi comportassi da “persona normale” non so quanto resisterei, sono così e seguo il mio istinto, non dicono sempre tutti quanti “sii te stesso”, io sono me stesso e non voglio essere uno che non sono. Io so svolgere una conversazione con qualcuno p, anche a scuola se mi danno a parlare, e devo ammettere che mi piace parlare di ciò che mi interessa, però anche da solo eto bene, e rido quando devo ridere, non sono un oca che ride sempre e non sono sempre apatico o non emotivo come pensano gli altri, dipende dalla situazione. Eppure per questa psicologa e per i miei familiari stretti (solo quelli stretti stretti, neanche nonni,zii e cugini, proprio chi vive in casa con me, non ho nulla e dovrei soltanto modificare il mio carattere. Ma io vi sembro normale scusate? Io non credo di essere tanto normale. Dal neuropsichiatra mi ci portano, tant’è che domani prenotiamo, ma dalla psicolota anche da un punto di vista diverso dal mio, ai miei familiari non è piaciuta perché dicono che “non ha saputo aiutarmi con un supporto emotivo a convincermi che non ho nulla”, però anche se è un punto di vists diverso dal mio comunque ho ancora qualche speranza. Ma secondo voi sono normale scusate? Io non so che oenswre, dite voi adpetto vostre risposte.

Commenti

  • riotriot Moderatore
    modificato 28 April Pubblicazioni: 5,203
    tre cose:

    la prima è che la visita dalla neuropsichiatra ti aiuterà a capire meglio te stesso

    poi, non esiste una normalità a cui riferirsi. significa che ogni persona è fatta a modo suo e quindi che chi ti parla di normalità sta omettendo di parlarti, e di accettare, le diversità che ci sono tra le persone

    e quindi, che i tuoi modi ed interessi non appaiono così "anormali" a persone che hanno una mentalità più aperta. 

    la conseguenza è che dal mio punto di vista stai aggregando troppe cose che, invece, puoi affrontare separatamente: dare meno importanza a quello che fanno e dicono i compagni di scuola perché è evidente che non saranno i tuoi futuri amici;
    dedicarti ai tuoi interessi iniziando a pensare a come svilupparli anche per farne una futura professione;
    infine, come ti hanno già scritto in una delle precedenti discussioni che hai linkato, cerca persone che possono essere affini a te, cercale dove si svolgono attività ludiche tipo fantasy, anche appassionati di videogame, o in scuole di teatro (sono solo esempi).
    e se non ne trovi, puoi sempre mettere tu un annuncio nella bacheca scolastica.

    insomma, vedi le cose come separate tra di loro. questo ti aiuterà anche a rasserenarti un po'

    sggiungo che qui ci sono altri adolescenti con cui puoi scambiare opinioni ed idee

    david
    Post edited by riot on

Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online