Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Militanza o divulgazione

RonnyRonny Neofita
modificato 12 May in Advocacy e Neurodiversità
Una cosa che all’inizio mi sono chiesto è perché noi non siamo un movimento militante (e quindi con tutta la retorica fuck the system e che schifo l’oppressione neurotipica), mentre i movimenti lgbt sì. E la cosa mi pareva strana perché una situazione paragonabile a quella degli asperger è solo quella delle persone transgender. I gay e le lesbiche hanno molte meno difficoltà di noi eppure hanno la possibilità di attaccare e insultare chi ce l’ha con loro e se li attacchi fai schifo per la società. Perché io non posso fare la stessa cosa se sto peggio e sono sempre stato peggio? Perché io devo fare il comprensivo e non avere il diritto di mandare a quel paese la gente con storie di oppressioni, discriminazione ecc. ma devo “sensibilizzare” e “imparare ad adattarmi e a evitare le trappole della vita”. Non vedo che alle persone lgbt viene insegnato a “non amdarsela a cercare”. Perché io devo stare sempre a guardarmi le spalle perché se no mi attacco, mentre c’è gente che frigna e viene pure ascoltata per una battuta sui threesome?

Però alla fine mi sono accorto che il motivo è che:
1)non è una parte politica che ci odia o ci considera degli abomini, mentre gli altri se ne fregano e si adattano a quello che pensa chi comanda, e quindi possiamo farci appoggiare dai nemici di chi ce l’ha con noi (esempio: lgbt vs Chiesa&DestraIdentitaria. È vero che molti liberali e persone di sinistra nel passato erano omofobi, ma perché era quella la morale dominante, non perché considerassero una minaccia i gay). È tutto il resto della società che ci considera dei ritardati che si meritano il disprezzo. La gente non ci odia, ci considera uno schifo. Possiamo anche alzare la voce, ma prendiamo talmente tanti di quegli schiaffoni che perdiamo tutti i denti, non avendo un protettore più forte di noi
2)Siamo gente che non sa adattarsi e non sa quando è meglio stare zitti o no. Un gay o un trans sa capire quando è l’occasione di non fare i bei discorsi per non farsi odiare e bullizzare da chi gli sta attorno, noi diciamo quello che pensiamo. Metterci in testa discorsi del tipo oppressioni, privilegi ecc. non spingerà a far altro che metterci nei guai
3)i neurotipici non fanno tutti schifo e dato che la solitudine la soffriamo, metterci queste idee in testa non fa altro che aumentare la solitudine. Oltretutto siamo un tipo di persone molto rancorose: se consideriamo un qualcosa sbagliato o una persona sbagliata la evitiamo come la peste. Inoltre abbiamo un bias che ci spinge a ragionare per categorie e secondo lo schema che abbiamo in testa e non sul singolo individuo.
L’isolamento e il disprezzo rancoroso non ci fa tanto bene.

Ma comunque mi fa imbestialire sta cosa che io devo fare di tutto per non subire e se subisco deve sorridere e fare il comprensivo quando per altre persone fai molto meno e te ne penti
Post edited by Sniper_Ops on

Commenti

  • MarkovMarkov Pilastro
    Pubblicazioni: 8,816
    Esistono pure i militanti. Secondo me qua non sono arrivati grazie all'amministratore che garantisce un minimo di fine terapeutico e si oppone a quello sbando.
    riot
  • DomenicoDomenico Andato
    Pubblicazioni: 3,935
    @Ronny ti sfugge una contraddizione alla base: l'advocacy richiede gruppo e gli autistici hanno problemi di ragionamento e abilità sociali. Perciò fare spirito di corpo da parte di persone che hanno difficoltà relazionali che in teoria dovrebbero essere gli ultimi adatti ad una cosa del genere.

    Anche per questo gli ambienti dell'autismo sono socialmente e gerarchicamente rigidi.

    E siamo stati definiti dall'esterno verso l'interno. Siamo un sottogruppo in quanto gli altri ci mettono sotto lo stesso ombrello.
    EstherDonnellyNemo
    Piuttosto che maledire il buio è meglio accendere una candela - Lao Tze
  • MarkovMarkov Pilastro
    Pubblicazioni: 8,816
    Secondo me se non fosse amministrato i militanti sarebbero in maggioranza. Ma ormai non potrebbero sopravvivere perché verrebbero snobbati pure dall'utenza.
  • riotriot Moderatore
    modificato 10 May Pubblicazioni: 5,583
    Ronny i movimenti GLBT in senso organizzato non esistevano prima di Stonewall, tuttavia già almeno 10 anni prima singoli e piccoli gruppi facevano Advocacy. Un esempio è stato il poeta Allen Ginsberg, che parlava dell'essere gay e ambientalista.

    l'avvento del cosidetto movimento in Italia ha invece origine dal dibattito femminista, tuttavia anche qui da almeno 10 anni prima militanti strettmente politici vivevano la contraddizione di essere - ad esempio - socialisti e gay, e non gay e socialisti (la differenza è sparita mano a mano).

    significa che per fare movimento serve una decisione in merito, e giro la domanda: perché tu non fai militanza?

    qui in realtà di persone che sono visibili e che hanno iniziato a fare Advocacy su stimolo personale e anche aiutati dagli amministratori già ce ne stanno almeno 3 (me compreso), poi ci sono gruppi esterni al forum con cui ci stiamo organizzando, tempo permettendo.

    @Markov non capisco la tua critica: se non sei interesato tu non significa che sia un'attività negativa.

    EstherDonnellySirAlphaexaOrsoX2
    Post edited by riot on

  • MarkovMarkov Pilastro
    Pubblicazioni: 8,816
    Non capisco dove hai visto la critica, semmai era un complimento. La militanza mi sembra negativa. Io li eviterei completamente quelli che agiscono con tali modalità.
  • riotriot Moderatore
    Pubblicazioni: 5,583
    Markov ha detto:

    Non capisco dove hai visto la critica, semmai era un complimento. La militanza mi sembra negativa. Io li eviterei completamente quelli che agiscono con tali modalità.



    e che significa:

    "Esistono pure i militanti. Secondo me qua non sono arrivati grazie
    all'amministratore che garantisce un minimo di fine terapeutico e si
    oppone a quello sbando."?

  • MarkovMarkov Pilastro
    modificato 10 May Pubblicazioni: 8,816
    Significa che non è mai stato appoggiato un modo di fare (passivo ma) aggressivo nei confronti del sistema. Dire che l'autismo non è una scusa butta a terra tutti i potenziali militanti. E per me è giusto così, non vedo nulla di interessante in quelle persone.

    A parte che ho visto casi di utenti diventati militanti col tempo e che non hanno resistito a lungo alla mancanza di appoggio.
    Post edited by Markov on
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online