Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Può essere lecito contravvenire ad una legge morale?

osurosur Veterano Pro
La discussione parte da ciò che è accaduto a Roma. L' elemosiniere del Papa, il card. Konrad Krajewski ha rotto i sigilli al contatore della palazzina i cui inquilini erano morosi di 300000 euro. Si possono fare una serie di considerazioni certe, ma anche contraddittorie, ovvero parte della ragione e del torto si distribuisce tra condomini, lo Stato italiano ed il Vaticano:

1) Il cardinale si giustifica dicendo che ha eliminato grossi disagi a bambini e famiglie povere;

2) Il cardinale, con gli introiti del Vaticano, avrebbe potuto verosimilmente pagare i 300000 euro per riattivare la linea elettrica senza tanta pubblicità (la tua destra non sappia ciò che fa la tua sinistra);

3) Legalmente è stato commesso un grave illecito, credo anche penale, oltretutto con ingerenza da parte di un altro Stato che contravviene ai Patti Lateranensi;

4) Per sentito dire la palazzina in questione è una sorta di illecita enclave, a questo punto si sentirebbe autorizzata qualsiasi famiglia bisognosa con conseguente notevole disordine sociale;

5) Moralmente è ingiusto creare grossi disagi a bambini ed adulti per mancanza di corrente;

6) È moralmente giusto versare il dovuto sotto forma di tasse e prestazioni ad aziende private;

7) È evidente che nel totale di una bolletta di energia elettrica solo la minima parte è relativa al consumo effettivo, ma qui i gestori troverebbero modo di giustificarsi; in più, se non ricordo male, tra le voci c'è la tassazione IVA su di una imposta sull' energia (una tassa sulla tassa, un illecito commesso dallo Stato).

Torno alla domanda: se c'è una regola morale, può avere eccezioni? Però queste eccezioni scivoleranno facilmente verso generalizzazioni?
EstherDonnellyrondinella61
Post edited by osur on

Commenti

  • RonnyRonny Neofita
    Pubblicazioni: 1,389
    Penso che noi Italiani dovremo mandare a fanculo quell’associazione a delinquere che è la Chiesa e smetterla di concedergli privilegi. E le “famiglie povere” si arrangiano: se non pagano le tasse perché uno staterello che non dovrebbe esistere gli da il privilegio di farlo fanno bene a lasciarli senza corrente. Spero che il cardinale venga arrestato e che le “famiglie povere” (ossia gli amici dei clericali) paghino. Alle persone che non hanno le giuste protezioni in questo caso la corrente la avrebbero tolta. Spero lo facciano anche a questi
  • GecoGeco Colonna
    Pubblicazioni: 1,259
    Per me una regola morale è soggetta, in potenza, a tante eccezioni quante sono le persone, non è una legge o una regola universale.
    Non si può basare il vivere civile sulla morale, è caos.
    Sono le leggi che non hanno (dovrebbero avere......) eccezioni, se non previste dalla legge stessa.
    Il caso specifico lo vedo come un mero caso legale (su più fronti, credo), non morale.
    Ciao.


    EstherDonnellymarco3882ValentaNemo
  • osurosur Veterano Pro
    Pubblicazioni: 744
    Geco ha detto:

    Per me una regola morale è soggetta, in potenza, a tante eccezioni quante sono le persone, non è una legge o una regola universale.
    Non si può basare il vivere civile sulla morale, è caos.
    Sono le leggi che non hanno (dovrebbero avere......) eccezioni, se non previste dalla legge stessa.
    Il caso specifico lo vedo come un mero caso legale (su più fronti, credo), non morale.
    Ciao.


    Ciao, si è innanzitutto un bel caso legale, secondo me anche di diritto internazionale. Per me il cardinale l'ha fatta grossa. Se proprio volenteroso avrebbe dovuto pagare lui (o il Vaticano) la bolletta. Tra l'altro come fanno anche alcune parrocchie per le famiglie povere.

    Poi, però, le leggi civili hanno tutte origine da una morale, se ci pensi: perché non posso rubare a casa di un altro? Perché non posso uccidere un vicino antipatico? È chiaro anche che la morale varia da Paese a Paese e da periodo a periodo. Quello che mi chiedevo è se, stante la legge italiana più o meno basata sulla morale sia lecito tenere la corrente staccata con le conseguenze derivanti.
  • GecoGeco Colonna
    modificato 14 May Pubblicazioni: 1,259
    Se capisco bene quello che scrivi (nella seconda parte, sulla prima siamo sostanzialmente d'accordo), per me mischi un po' le due cose con la "scusa" (passami il termine) che le leggi son di derivazione morale.
    Per me il fatto di derivare dalla morale non significa niente, se non che la collettività, per evitare l'anarchia, sceglie di cristallizzare parte della morale comune in una legge.
    Una volta cristallizzata una morale in una legge, basta, son due cose differenti, non è che la morale prevalga sulla legge, altrimenti perché perdiamo tempo a fare le leggi, se poi la morale prevale su una legge?
    Poi certo, le leggi si devono adeguare ai tempi, ma non mi pare che il caso specifico sia generato da un disallineamento macroscopico morale/legge.
    Ciao.


    rondinella61BlindEstherDonnelly
    Post edited by Geco on
  • osurosur Veterano Pro
    Pubblicazioni: 744
    @Geco è proprio quello che volevo dire.
    Geco
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586