Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Ciao a tutti vi racconto la mia storia

Mi chiamo daniele ho 22 anni e ho voluto iscrivermi a questo sito perchè credo che molti siano nella mia stessa situazione e volevo condividere la mia storia... ebbene la mia vita in questo momento è una catastrofe, da due anni a questa parte sono sprofondato nel baratro più profondo, da quando è morto mio nonno e ho lasciato la scuola ho cominciato a realizzare che dovevo muovermi e fare qualcosa, sono sempre stato un tipo solitario, non ho mai avuto una ragazza, amici pochi e mai stretti, sembrava come se mi tenessi a distanza a posta, per non essere ferito... Sono stato sempre piuttosto sensibile e timido, alle elementari cercavo costanti attenzioni dalle maestre, alle medie sono cominciati i guai, i miei vecchi amici si erano integrati con i nuovi compagni, ma io no, mi sono isolato, lo so è colpa mia anche ma a quel tempo non avevo la consapevolezza di quello che facevo. Si formavano i gruppetti e io ero sempre, insieme ad altri, quello che rimaneva tagliato fuori... ma al contrario degli altri che non vedevano cosa stava accadendo, io capivo tutto e ci stavo male perchè comprendevo le dinamiche che si creavano.  Le superiori furono il periodo peggiore, con atti di bullismo nascosti che nessuno notava, e io che subivo passivamente... non parlavo con nessuno di come mi sentivo avevo vergogna e poi credevo di essere preso ancora più in giro e umiliato se lo avessi fatto, fingevo di stare male per non andare a scuola il più possibile, di fatti venni bocciato, e per me fu un sollievo. Comunque ora vedo una psicoterapeuta, e da quando sono in terapia sto soffrendo di brutto perchè si è creata una sorta di transfert, ma credo faccia parte del percorso, sta di fatto che ora ho realizzato di quanto sia solo nonostante abbia persone attorno,e di quanto mi faccia male questa mia situazione di solitudine, ed è strano perchè sono sempre stato un tipo che faceva tutto da solo, ora sono caduto in una depressione abbastanza limitante che mi fa perdere la voglia e mi fa provare stati di desolazione angoscia e disperazione, non faccio nulla tutto il giorno, per distrarmi mi attacco al PC e navigo cercando cose che mi interessano, cerco di eliminare i pensieri negativi e ricorrenti che mi tormentano e cerco di sforzarmi a tenermi occupato, fino a che non sopraggiunge il senso di vuoto e di mancanza di senso e solitudine... ho paura ad uscire ora, perchè sia da solo che con mamma ho timore che mi venga l'angoscia e il panico di vedere qualcosa che mi crei sofferenza, tipo le coppie insieme, solo l'idea mi fa venire una stretta al cuore, e immaginarmi da solo in giro mi fa venire l'angoscia. Ho la paura del futuro che mi aspetta se dovessi rimanere in questa condizione, che mi toglie ogni speranza... Il punto è che io conosco la mia situazione adesso, so che devo rialzarmi e prendere in mano la mia vita, ma ho una paura assurda di sbagliare, di non essere accettato, di sentirmi inadeguato, impacciato... da pochi mesi prendo la sertralina, ma 2 settimane fà siccome mi avevano chiamato per lavorare il periodo di pasqua in un villaggio come fotografo, non riuscivo a concentrarmi, e pensando fosse per colpa del farmaco l'ho interrotto di netto, quando ne ho parlato con la mia terapeuta mi ha fulminato con lo sguardo, e aveva ragione, sono stato stupido, lì per lì mi sentivo meglio, ma dopo la seduta ho cominciato il declino, sono andato all'inferno, ma non c'erano le fiamme, solamente desolazione e un buco nero dell'anima, avevo continui attacchi di panico per paura della solitudine, i pensieri si infiltravano e diventavano sempre più forti, e per cercare di sopravvivere dovevo appigliarmi a qualsiasi cosa (pensavo che mia mamma era lì, ma non sembrava abbastanza) e quindi pensavo che c'erano altre persone, ma pensavo che di me non gliene importava nulla, e quindi ancora più angoscia e ansia, che mi provocava una sensazione che tutto sarebbe finito, brividi di freddo e tremolii causati dalla paura...Adesso sto un pò meglio, ma è stato qualcosa che mi ha provato parecchio, ora ho persino paura ad andare dalla mia terapeuta, perchè non mi sento al sicuro da nessuna parte e con nessuno, e questo mi fa spavento adesso... come se stessi vivendo in un sogno e non posso reagire. Mi vengono i brividi quando penso alla mia situazione, come se non ci fosse via d'uscita, mi immagino in situazioni sociali e mi vedo sempre inerme e inadeguato, e mi viene ancora di più il pensiero di dover rimanere così, e mi vergogno di essere così disperato, penso a chi ha una vita piena e tanti impegni, e ci sto malissimo, perchè anche io vorrei avere una vita così. Ma ora non ho prospettiva in nessun ambito e sento di stare perdendo le forze per combattere, sopratutto ora che è sopraggiunta questa ansia e angoscia, data probabilmente dalla realizzazione della mia condizione (il che è buono, ma mi distrugge adesso) paura di affrontare ogni giornata e pensare quando vado a dormire, che l'indomani non avrò ragione per alzarmi.
Poi c'è anche la situazione con la mia terapeuta, di cui si è creato un legame di transfert, e ora sto male pure al pensiero che per lei vorrei essere l'unico e vorrei  ho timore che mi abbandoni, che non sia interessata davvero a me... quando ho avuto quella settimana d'inferno avevo voglia di scriverle, ma poi mi sono subito bloccato perchè in quella settimana non c'era, e soffrivo pensando che magari era in vacanza con qualcuno e io ero lì nella mia stanza che cercavo di sopravvivere a tutti quei pensieri, a tutta quella paura di rimanere da solo e di non essere amato da nessuno. Non so come ho resistito a tutto quel dolore e panico, che ancora oggi se ci penso (e a volte torno a pensarlo per vedere se ancora fa male) mi tormenta. Ho dovuto passare ore con gli occhi chiusi cercando di calmarmi quantomeno, a volte ce la facevo, ma avevo paura che ritornasse, e lo sentivo quando tornava. Non riesco neanche a guardare un film, che mi viene in mente che sono da solo e i personaggi invece hanno amici, ragazze, un lavoro una vita... Cercavo un pò di sollievo in video su youtube o con la musica ma non lo trovavo da niente e nessuno, a parte delle serate in cui mia madre (santa donna che mi dispiace debba vedermi così, non se lo merita) mi ascoltava o stava con me in silenzio mentre io stavo morendo all'interno, e mi chiedevo " ma perchè non la sento che è qui con me? perchè non è abbastanza?" e mi sentivo proprio estraniato, perso nei miei pensieri e angosce negative. Sento che vorrei arrabbiarmi e sfogarmi, ma subito arriva il pensiero che mi giudica e quindi mi tengo tutto dentro, ho bisogno di esprimermi ed essere libero di essere me stesso, ora come ora non riesco a farlo, non voglio essere un peso sulla vita degli altri, ma ho bisogno di qualcuno con cui sentirmi parte del mondo, parte di qualcosa, condividere idee, passioni, uscire e ridere... questo vorrei, ma finchè non mi accetto io come potranno farlo gli altri? E' una situazione parecchio brutta che sto vivendo, so che in qualche modo questo è il segnale che c'è bisogno di un cambiamento, e che ora avendo il terrore di affrontare questa realtà mi sto proteggendo, ma la paura è davvero forte adesso, sono allo scoperto e non posso neanche più nascondermi o mentire a me stesso, sono vulnerabile, fragile in questo momento, ma vorrei ritrovare la motivazione, la forza per tirarmi su. Grazie in anticipo per chi leggerà e/o risponderà, già il fatto di essere riuscito ad aprirmi scrivendo è tanto.
itAmelieTima_AndroidLisaLaufeysongufomatto79

Commenti

  • Tima_AndroidTima_Android Colonna
    Pubblicazioni: 1,624
    Mi ritrovo in molte delle tue parole. O comunque posso ben capire...
    "Dio promette la vita eterna” disse Eldritch “io posso fare di meglio; posso metterla in commercio"  -- Philip K. Dick

    Il Nostro blog: My Mad Dreams
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586