Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

eventi importanti di famiglia

Salve , preciso su come su ogni discussione inserita , che io non ho la certezza di avere questa sindrome (non diagnosticata da medico) ma mi ritrovo in molte discussioni del sito e almeno dai test risulterei positivo. detto ciò, sono stato invitato ad un matrimonio.Dato i problemi nel socializzare e comunque nello stare in luoghi affollati all'inizio non volevo andarci , non per paura o ansia , ma perche sapevo che avrei trovato persone molto diverse da me e che quindi anche istaurare una conversazione sarebbe stato molto difficile.Allora come al solito si fa "finta" di ridere a sciocche battute , o a comicità veramente decadente trita e ritrita.Mi sono ritrovato in mezzo a gente che non conoscevo (poichè parenti altrui), medesima età ma cervello totalmente diverso.Io ritengo di avere problemi nel socializzare a dato che mi sento" inferiore" alla gente normale , cerco o di mimetizzarmi o di farLi sentire a proprio agio con me. Qui mi sorge un dubbio ma se sono cosi "inferiore" , o cosi problematico , perche sono io a dovermi adattare agli altri? cioè in genere una persona di normale inteligenza , si rende conto del disagio e cerca di metterti a tuo agio. Perche questo non accade? perche debbo essere io a mimetizzarmi in mezzo alla gente , pena l'eslusione dal gruppo o magari l'attribuzione di "titoli" derisori.Era giusto uno sfogo , magari a qualcuno è successo qualcosa di simile..
GiadanielAndato_48Melisande

Commenti

  • GiadanielGiadaniel Veterano Pro
    Pubblicazioni: 382
    Ciao Nick, benvenuto. Capisco il tuo sentirti inferiore. Il punto è che non lo sei affatto. Sei solo diverso. Credo che gli nt percepiscano sia il nostro senso di disagio sia, in qualche modo, il nostro oscillare tra senso di inferiorità e superiorità. Sottolineo il credo. A tutti noi succede, in occasioni sociali quali matrimoni, battesimi, compleanni, ecc ecc. Le strade sono due:o non vai o inizi un (lungo) percorso per accertarti come sei e guardare quello che fa bene a te e comportarti come più ti viene naturale. Non è colpa nostra se siamo iper o ipoconnessi. E abbiamo il diritto di stare bene e vivere e sereni. Pensare a come ti vedono gli altri non aiuta. In realtà non lo potrai mai sapere del tutto
  • nick____nick____ Membro
    Pubblicazioni: 14
    Ti ringrazio per la risposta , in cuor mio sento di non voler isolarmi ma neanche fingere di essere un'altra persona. Credo la cosa da fare sia continuare a insistere e "recitare " la parte ..e brutto da dire ma è così , per il quieto vivere .
    Giadaniel
  • GiadanielGiadaniel Veterano Pro
    Pubblicazioni: 382
    Non devi necessariamente isolarti. Devi solo accertarti.
  • Andato_48Andato_48 Andato
    Pubblicazioni: 142
    Ciao, mi rispecchio completamente in quanto hai scritto (anche sul dubbio di essere asperger, nonostante la diagnosi).

    Mi sono sempre trovato ad adattarmi agli altri, in quanto in balia delle personalitá egocentriche- estroverse e forti della mia famiglia che non vogliono comprendere le mie difficoltà.

    Mi sento dire in continuazione..

    Beh, se ci riesco io..
    Mostri sofferenza per attirare l'attenzione..
    Ecc..

    Settimana scorsa non sono andato alla comunione dei miei nipoti (sono stufo di stare in mezzo a scimmie urlatrici che mi sfottono davanti a tutti approfittando del fatto che non riesco a reagire in quei contesti), e visto che ho difficoltà anche a mangiare a tavola con i miei..

    Figuriamoci se riesco a stare in un ristorante fuori regione in mezzo ad una tavolata di 20 persone di cui 16 considero poco piú di estranei.

    Quindi capisco la tua situazione(sull'adattarsi agli altri, e mai viceversa).

    E sará uno dei motivi per cui non andrò neanche al matrimonio di mio fratello il prossimo anno.

    É giusto adattarsi qualche volta(specie se ne ricavi dei vantaggi) purtroppo quando un problema non tocca gli altri é un po' difficile trovare comprensione, quindi fanno conclusioni sbagliate che vengono da elaborazioni sbagliate fatte in partenza.

    Se vuoi stare sereno non preoccuparti degli altri.

    Se sarai sempre te quello che dovrá adattarsi finirai in balia di manipolatori che gestiranno la tua vita al posto tuo, e sará anche pericoloso..

    Perchè nel momento in cui non reggerai la tua maschera (per aver sopportato troppo), potresti scoppiare e avere reazioni eccessive che potrebbero farti passare dalla parte del torto.
  • nick____nick____ Membro
    Pubblicazioni: 14
    Ciao grazie per la risposta , almeno so che non sono l'unico .io non mi preoccupo di quello che pensano anzi non mi interessa proprio , e solo che per una volta mi piacerebbe stare dall'altra parte .
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online