Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Le persone

eppeeppe Membro
Ciao,vorrei esporvi dei miei pensieri maturati nel corso degli anni su tutto ciò che riguarda le persone.
Ho notato che più si è -diciamo- cattivi e più si viene ascoltati e amati dalle persone (Cioè parlare toccando il "cuore", in un certo senso). Osservo un po' tutto, sopratutto chi arriva in vetta e credo che certe teorie come quella del Superuomo di Nietzsche siano veritiere, per esempio: Il fatto che esistano delle regole morali credo ci influenzi tantissimo ostacolando molte cose. Pensandoci bene tutte le persone di successo a volte non rispettano determinate regole per giungere ai loro obiettivi; insomma, un po' di anarchia, sembra quasi che molte regole siano state create per limitare le mosse delle persone per poi superarle giocando "sporco"; un altro esempio: i miei genitori si sentono in imbarazzo perchè faccio sempre di testa mia fregandomene di tutto e tutti e questo mi ha sempre fatto raggiungere i miei scopi. Se dovessi far caso a ciò che dicono\pensano gli altri, mi sentirei limitato e mi farei mettere i bastoni tra le ruote. Il mio obbiettivo è quello di diventare una persona di grande successo e vivere una vita memorabile, fuori dagli schemi e per fare ciò cerco di essere sempre sulla bocca di tutti (nel bene e nel male), di essere conosciuto. Beh, che dire, dopo qualche anno di messa in pratica mi conosce praticamente tutto l'ambiente scolastico che frequento, comprese le altre scuole, io però non non so nemmeno i nomi del 70% di loro, non ho legami stretti con nessuno e non mi interessano nemmeno (Tranne qualche eccezione, sono un po' come Dr. House). Sono diverso da tutti e questo l'ho notato da parecchio; in fondo mi piace essere diverso, originale, pensare fuori dagli schemi; la prof di italiano mi definisce macchiavellico :) hahaha.
Che ne pensate del mio comportameno e delle mie riflessioni? Purtroppo non posso esporle a nessuno, poichè rovinerebbe i miei piani, quindi ho deciso di esporlo a voi. Divertitevi e scrivete ciò che volete, sincerità e "cattiverie" sono ben accette.
Melisande
Post edited by Sniper_Ops on

Commenti

  • Tom9997Tom9997 Neofita
    Pubblicazioni: 22
    Dipende da cosa si intende per successo, se intendi "Popolarità" Sono d'accordo, ma esistono diversi tipi di popolarità e diversi tipi di successo. Io credo che le persone che utilizzano mezzi poco leciti o che rompono determinate regole sociali per raggiungere il successo siano più limitate mentalmente delle altre, perché il successo si raggiunge con le proprie capacità innate e con una buona dose di fortuna. Se hai determinate capacità e fortuna riesci ad emergere, se ti mancano purtroppo no. E per fortuna intendo un misto tra furbizia e ingegno, quel tipo di fortuna che si crea. Sarei curioso di sapere a quai regole sociali ti riferisci.
  • MelisandeMelisande Veterano
    Pubblicazioni: 198
    Discorso interessante, sono curiosa anch'io di sapere cosa intendi per successo e a che tipo di successo punti. Il successo in sé è un concetto molto vago, una persona può essere di successo in quanto serena con sé stessa e in perfetto equilibrio, ti assicuro che non è una cosa scontata. Se per successo intendi popolarità o riconoscimenti dagli altri sappi che c'è sempre il rovescio della medaglia. Hai citato Dr. House (io adoro la serie ma vabbè passiamo oltre hahaha), dietro il suo infrangere le regole, la sua popolarità nel bene e nel male c'è una persona psicologicamente in difficoltà, anche altri grandi geni della storia o dell'arte per quanto grandi nel loro settore ebbero fin troppi problemi a livello personale. Io provengo da un ambiente artistico, dove il concetto di successo è molto discusso: sai quanti grandi musicisti hanno avuto o hanno una vita privata spaventosa? Oppure hanno il terrore di esibirsi nonostante siano da tutti idolatrati? Quindi tutto dipende dal tuo concetto di successo.
  • mareaditerramareaditerra Membro Pro
    Pubblicazioni: 42
    Sì è vero, a volte mi è capitato di assistere a certe scene di gente strafottente, egoista, aggressiva e vedo che tutti li considerano dei "furbi" e mi sembra che la gentilezza, la dolcezza e le persone a modo siano viste male.
    Tu hi citato Dr. House. Io posso dire per esempio che i cattivi dei film sono sempre molto amati e seguiti, vedi Joker per esempio. La follia e la psicopatia viste come metodi per eccellere ( nel crimine in questo caso. Nomi come Lupin anche, che dovrebbero essere da esempio?
  • Tom9997Tom9997 Neofita
    Pubblicazioni: 22
    mareaditerra ha detto:


    Tu hi citato Dr. House. Io posso dire per esempio che i cattivi dei film sono sempre molto amati e seguiti, vedi Joker per esempio. La follia e la psicopatia viste come metodi per eccellere ( nel crimine in questo caso. Nomi come Lupin anche, che dovrebbero essere da esempio?

    Questa è stupidità neurotipica, perché pensano o credono di essere come loro in fondo, li ammirano ma poi quando entrano in contatto con il diverso (mentalmente diverso) si alienano e non interagiscono più con quella persona. Perché l'idealizzazione cinematografica delle cose è una cosa, la realtà è un'altra.
  • ShadowShadow Appena Entrato
    modificato 5 June Pubblicazioni: 2
    Ci sono persone che hanno raggiunto il successo ma allo stesso tempo fanno grandi gesti di altruismo vedasi Cristiano Ronaldo. Ha dedicato tutta la sua vita al calcio, sacrificando molte altre cose, ed ha vinto di tutto e di più, quindi i suoi obiettivi li ha raggiunti. Ma la cosa che colpisce di più oltre al fatto di essere un grande calciatore è la sua umanità ed umiltà fuori dal campo, perchè quando c'è bisogno di aiutare qualcuno lo fa e sul web ci sono un sacco di aneddoti ed episodi riguardante questo. Ed è questo che lo fa apprezzare ancora di più sia come calciatore sia come persona.
    Poi si direte che è facile con i suoi soldi ma la cosa non è affatto scontata.
    Quindi l'essere cattivi ed egoisti alla fine non aiuta...

    Post edited by Sniper_Ops on
  • mareaditerramareaditerra Membro Pro
    Pubblicazioni: 42
    Comunque "macchiavellico" di solito è detto in senso negativo. Perchè per Macchiavelli " il fine giustifica i mezzi" e quindi se uno vuole arrivare ad un obiettivo e non si fa nessuno scrupolo sulle persone di solito lo si reputa macchiavellico.
    Ma tu in tutti questi anni che hai realizzato il tuo percorso come ti sei sentito? Sei soddisfatto davvero di quello che hai ottenuto? E se ti guardi indietro non cambieresti nulla?
  • eppeeppe Membro
    Pubblicazioni: 37
    tutti cambieremmo qualcosa,ma alla fine dei conti le carte che avevo le ho giocate bene se fossi soddisfattò però mi fermerei,credo che non ci si debba mai sentire soddisfatti
  • DomenicoDomenico Colonna
    Pubblicazioni: 3,714
    Generalmente quando danno del machiavellico a qualcuno (come me) intendono dire che è calcolatore e non autentico perché egoista come dice @mareaditerra. In pratica un machiavellico è uno che non fa come dici tu e come tu lo pretendi.

    Inoltre la gente non distingue fra un machiavellico "strategico" (razional-utilitarista) e un machiavellico nel senso classico e politico del termine, ovvero "il fine giustifica i mezzi" (frase che Machiavelli non disse mai, è l'opinione di un gesuita del '700).
    WBorg_Andato
    Piuttosto che maledire il buio è meglio accendere una candela - Lao Tze
  • eppeeppe Membro
    Pubblicazioni: 37
    si sono "strategico" e per me il fine giustifica spesso i mezzi,faccio sempre di testa mia perchè sennò dovrei usare prospettive diverse dalle mie quindi si siamo macchiavellici
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online