Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Problemi di relazione in team

NemoNemo Moderatore
Alcuni mesi fa la cooperativa di cui faccio parte ha incaricato un socio di gestire il lavoro nel mese di giugno (mese nel quale si concentrano diversi eventi e che è storicamente complicato).

Il suddetto socio in effetti ha una sua "squadra" operativa (sempre composta da soci della coop), che gestisce e "comanda". Occasionalmente, ho partecipato ad eventi in cui aveva necessità di ulteriore forza lavoro.

Ora, in realtà ha iniziato a gestire tutti i lavori della coop, e a pretendere di avere la disponibilità dei soci anticipatamente e di gestire lui la destinazione dei vari tecnici.

Questo è un modo di lavorare che andrebbe pure bene, se presupponesse una certa programmazione e un quantitativo di giornate congruo: tuttavia, non è così. Domenica scorsa, ad esempio, ero finalmente di riposo (dopo tre settimane consecutive di lavoro), e alle 19,00 mi ha chiamato perché c'era uno smontaggio da fare, che si era dimenticato di programmare.

Il punto è che lavorare a chiamata, garantendo disponibilità anticipatamente e comunque comunicando immediatamente ogni data impegnata diversamente, per poi magari essere convocati tre, quattro giorni al mese, mi sembra francamente un modo un po' dubbio di operare (ovviamente i soci della sua "squadra" sono prioritariamente convocati, ergo hanno i lavori/date migliori).

Ho provato a discutere della cosa, ma il risultato è stato - abbastanza ovviamente, devo dire che non mi aspettavo diversamente - ostracismo e "ho questi problemi solo con te".

Da quel che capisco, alla direzione amministrativa della Coop va bene così, del resto lui garantisce che i lavori vengano fatti con le persone che fanno parte della Coop, dall'altro mi pare evidente che la strada imboccata porterà alla mia emarginazione/eventuale fuoriuscita dalla Coop stessa, o alla ricerca di altri partner con cui collaborare.

La cosa mi scoccia parecchio, però.

Qualcuno che ha pratica di lavoro in strutture gerarchicamente complesse, può fornirmi spunti ed ipotesi per evitare tutto ciò?
EstherDonnellymarco3882
Memento Mori
«1

Commenti

  • riotriot Moderatore
    modificato 18 June Pubblicazioni: 5,578
    Nemo,
    io ho esperienza dalla parte opposta, cioè della dirigenza. la valutazione è sempre per anzianità di servizio (leggi esperienza, affidabilità, e certezza che il lavoro sarà svolto a regola d'arte), fiducia (saper trattare col cliente, risolvere problemi immediatamente, denunciare lavativi e furti di attrezzature), elasticità nelle mansioni e nei ruoli (orari inclusi), infine specializzazione.

    l'elasticità è una dote molto importante perché dimostra l'integrazione nella squadra (lo so che è un'immagine brutta ma sono i dirigenti a desiderare che i dipendenti credano nell'azienda quanto e forse più di loro)

    comunque, a parte la specializzazione, non c'è un ordine preciso per i primi fattori in quanto è un insieme di qualità che forma l'immagine del dipendente.
    se viene meno uno di questi fattori, ecco che l'immagine ne risulta danneggiata per sempre.

    ma il punto di forza è proprio la specializzazione: se tu sei insostituibile riguardo alle tue mansioni, puoi arrivare a contrattare orari e paga.
    diversamente, sarai sempre a rischio se l'immagine che hanno di te è sovrapponibile a quella di un altro dipendente, immagine che decadrà definitivamente se "creerai problemi" come ti hanno già detto, preferendo così, uno che può sostituirti "senza creare problemi".
    è la dura legge del mercato del lavoro nel capitalismo...

    il segreto è che devi lavorare sulla tua insostituibilità: avere cioè un ruolo altamente specializzato, che solo tu puoi rivestire.
    non so se tu sei a questi livelli, ma puoi sempre lavorarci su.

    NemoOrsoX2
    Post edited by riot on

  • NemoNemo Moderatore
    Pubblicazioni: 3,006
    La posizione che ricopro è tutt'altro che insostituibile. E non è nemmeno pensabile che possa specializzarmi al punto da diventare tale. Sono in un cul-de-sac e ne sono consapevole.

    Al momento prendo tempo, ho parlato con il regista della compagnia teatrale con cui lavoro d'inverno e mi ha anticipato che la vendita del nuovo spettacolo sta andando benissimo, quindi probabilmente replicheremo o addirittura incrementeremo le date fatte lo scorso anno (circa 70, un ottimo risultato). Mi ha ribadito che per loro io sono il referente tecnico, quindi lì il lavoro è certo e garantito. 

    Penso che dovrò cercare di ampliare il numero di service con cui collaborare, anche se ciò confligge pesantemente con la mia attuale necessità di tranquillità lavorativa.

    Pazienza.
    marco3882riotOrsoX2
    Memento Mori
  • NemoNemo Moderatore
    Pubblicazioni: 3,006
    Sta diventando tutto molto difficile.

    Oggi ho sollecitato il pagamento dello stipendio di maggio e mi è stato detto che, non essendo giunti i pagamenti, non è possibile procedere al bonifico, che, anzi, ero io in debito con la cooperativa (spese di tenuta contabile, rata quota sociale annuale, ecc).

    Ho chiesto che mi venisse fornito un prospetto dei pagamenti ancora insoluti, possibilmente dettagliati per importo e cliente.

    La sensazione che stia iniziando l'azione di allontanamento è forte e preoccupante.
    SophiaNewtonValentamarco3882
    Memento Mori
  • NemoNemo Moderatore
    Pubblicazioni: 3,006
    Aggiornamento.

    Dopo insistenza, la busta è arrivata (e i conteggi con essa). 830 euro netti, nessun rimborso spese sostenute, mancano un paio di lavori svolti.

    Ho chiesto un incontro con il presidente della cooperativa, che tuttavia risulta in ferie e "prima di settembre non può". Le ferie più lunghe della storia della cooperativa, suppongo.

    Nel frattempo mi sto muovendo per trovare altre sponde, sia come cooperativa che come clienti. 

    Ah, in Giugno mi hanno implorato di andare a fare un servizio a Mantova, "pagato benissimo, almeno il doppio del normale". Praticamente la solita storia della festa aziendale, 20 ore consecutive di lavoro, senza recupero e riposo tra il servizio della notte prima e quello del giorno dopo. 
    Oggi la comunicazione di fatturare 150 euro per quel servizio, ossia la paga lorda normale, che si traduce in un netto di circa 80 euro, ossia 4 euro/ora.

    Che debba andar via da lì è ormai palese, si tratta ora solo di trovare il modo più conveniente per me e più doloroso / fastidioso per loro.
    EstherDonnellyriotNewtonSniper_OpsLisaLaufeysonTatValentaOrsoX2marco3882
    Memento Mori
  • MarkovMarkov Pilastro
    Pubblicazioni: 8,808
    4 euro all'ora è da caporalato, cambia subito.
    NemoPercipioNewtonEstherDonnellyLisaLaufeysonmarco3882
  • NemoNemo Moderatore
    Pubblicazioni: 3,006
    Markov ha detto:

    4 euro all'ora è da caporalato, cambia subito.

    La tariffa ordinaria è compresa tra i 130 e i 180 euro/die lordi (considera un netto pari al 55% del lordo).

    Il guaio è che i lavoratori dello spettacolo non percepiscono paga oraria, bensì giornaliera. La giornata "dovrebbe" essere di 8 ore, con l'obbligo di 2 gg di riposo settimanali, ma non è MAI così: un tecnico lavora minimo 10 ore consecutive, e nei periodi "caldi" (mesi estivi, mese di dicembre), di riposi non se ne vedono. Lo scorso anno lavorai ininterrottamente dal 1 maggio al 27 luglio, ad esempio. Quest'anno ho fatto molte più interruzioni, perché hanno chiamato altri al posto mio.

    Quando si superano le 10 ore, si dovrebbe pagare la "doppia", ossia 2 agibilità e (quasi) doppio compenso: diciamo dai 200 ai 250 lordi. In teatro, ad esempio, quando arrivano le produzioni e si inizia a montare alle 7 di mattina, si lavora tutto il giorno, si fa spettacolo e si smonta in coda, finendo magari alle 4, 5 del mattino, chiedo sempre 250 euro lordi.

    Prendere 150 euro lordi per 20 ore di lavoro è risibile. Ovviamente ho zero potere contrattuale, ed è il motivo per cui sono certo di dover scappare via al più presto. 

    Si tratta solo di farlo nel momento migliore per me (e, spero, peggiore per la cooperativa).

    Perché un pochino bastardo lo sono pure io.
    NewtonriotSniper_Opsfattore_aTatValentamarco3882
    Memento Mori
  • NemoNemo Moderatore
    Pubblicazioni: 3,006
    Aggiornamento.

    Stamattina ho passato un paio d'ore con il presidente della cooperativa, per comunicargli che il magazzino da settembre dovranno spostarlo altrove.

    E, udite udite, vengo a scoprire che:

    1) chi ha gestito le persone durante il periodo mag-giu-lug lo ha fatto senza tenere conto della complessità dei lavori, dei budget a disposizione, dei materiali disponibili. Di conseguenza, la cooperativa nel suddetto periodo ci ha rimesso, anziché guadagnarci. Mai più verrà chiamato il responsabile di tutto questo a fare altri lavori.

    2) sono andati smarriti/rotti/rubati materiali per diverse centinaia di euro. Tutta roba piccola, facile da perdere, facile da infilarsi in tasca, ma che costa decine se non centinaia di euro. Tra l'altro, anche alcuni microfoni miei, che dovranno essermi risarciti.

    3) l'incuria con cui sono stati gestiti i materiali ha fatto sì che diversi contenitori andassero rotti. Niente di che, ma è un altro indice del poco garbo che è stato usato per movimentare attrezzature costose.

    Di fatto la cooperativa vuole dismettere di gestire direttamente i service (come avevo intuito), quindi pensa di vendere una parte importante di materiali al miglior offerente. In seconda battuta, se accettare o meno i lavori, d'ora in poi sarà subordinato alla verifica di almeno due tecnici, tra cui io.

    Infine, ma non ultimo per importanza, a settembre/ottobre mi verrà assegnato un veicolo ad uso esclusivo, probabilmente un Nissan NV200 o similare.

    Direi che una certa soddisfazione ce l'ho. Ho poi chiesto ad uno dei ragazzi in amministrazione (ormai mi fido poco di quel che dice il presidente), che mi ha confermato i casini occorsi nel periodo suddetto, oltre al fatto che, a fronte di quasi trentamila euro di fatturato, alla fine alla coop resteranno in cassa circa 500 euro, cui andranno tolti i costi del materiale rotto/perso/rubato. Praticamente, tre mesi persi.

    A fronte della stagione scorsa, dove, nello stesso periodo, ci rimasero in cassa più di diecimila euro.

    Non male.
    Sniper_OpsNewtonLisaLaufeysonSophiaTat
    Memento Mori
  • LifelsLifels Colonna
    modificato 31 July Pubblicazioni: 1,675
    Mi fa molto piacere che la situazione si sia evoluta in questo modo. Ero preoccupato.
     
    Comunque, ci ho messo un bel po’ a capire cosa fosse il periodo mag-giu-lug. A intuire che fossero i mesi e non il nome che hai assegnato a un periodo passato.

    Edit: ho ricevuto una risposta a questo mio commento anche “qui”.

    Markov
    Post edited by Lifels on
    Tutto “tra virgolette”

  • NemoNemo Moderatore
    Pubblicazioni: 3,006
    Lifels ha detto:

    Mi fa molto piacere che la situazione si sia evoluta in questo modo. Ero preoccupato.


    Pure io, credimi!

    In queste settimane mi ero mosso alla ricerca di alternative, ma non è semplice, sia per il settore particolare in cui lavoro, sia per la mia età non più verde.

    Anche se nell'ultimo periodo sono stato chiamato da diversi organizzatori mai visti prima, per sostituzioni dell'ultima ora, cavandomela abbastanza bene (quando alla fine dello spettacolo ti chiedono numero di telefono e tariffa, vuol dire che gli sei piaciuto).

    Resta da vedere ora se alle parole seguiranno i fatti: starò all'erta.
    Memento Mori
  • MarkovMarkov Pilastro
    Pubblicazioni: 8,808
    Praticamente 3 mesi dove hanno avuto più occasioni in borsa che sul lavoro :D
    Nemo
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online