Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Alla ostinata ricerca di una fidanzata

MercyMercy Neofita
modificato 2 July in Mi sento giù
Potreste aiutare mio figlio 17enne in cerca ostinatamente dell'altra sua metà del cielo da abbracciare, coccolare e con la quale magari perdersi davanti ad un tramonto? Una valanga d'amore e dolcezza... Il problema è il non sapere come aiutarlo dato che la sua timidezza è una montagna che non riesce a scalare. Viviamo a Roma e aspetto un vostro consiglio, grazie!
Blue_SoulMelisandeLinna
Post edited by Sniper_Ops on
«1

Commenti

  • MarkovMarkov Pilastro
    Pubblicazioni: 8,586
    Non saprei... Forse cominciare dall'autoaccettazione...
    vera68camelia
  • PercipioPercipio Veterano Pro
    modificato 2 July Pubblicazioni: 1,164
    @Mercy Fossi in te non comincerei a preoccuparmi adesso. Io a 17 anni non ero ancora mai stato in maniera approfondita con una ragazza, ma dai 18 in poi mi è capitato di uscire anche con 2 persone a settimana. Questo perchè prima o poi la molla scatta, e fermamente credo che si prenda sicurezza dopo la prima volta. Anche gli uomini hanno l'imene, sappilo, solo che è psicologico. E una volta rotto non si torna più indietro, salvo profonde delusioni amorose. Nel frattempo consiglierei a tuo figlio di studiare, farsi una cultura e avere a disposizione di bocca quanti più argomenti possibili per interagire con l'altro sesso.
    BlackCrow
    Post edited by Percipio on
  • MelisandeMelisande Veterano
    Pubblicazioni: 235
    Vivo la stessa situazione di tuo figlio, però ho quasi 21 anni. Adesso ho preso consapevolezza che non avrò mai una vita "tipica" sotto questo punto di vista per svariate ragioni. Sono però consapevole che a volte per queste cose ci vuole un colpo di fortuna unito al fatto di entrare in contatto con tante persone. Se posso permettermi un consiglio direi di non investire troppe energie sul settore sentimentale, non dare più importanza del necessario a questo aspetto e privilegiare invece i rapporti di amicizia e gli interessi speciali del ragazzo, alla fine si può avere una vita ugualmente piena, forse crescendo riuscirà a sbloccarsi, lo spero tantissimo proprio perché capisco la situazione.
  • vera68vera68 Colonna
    modificato 2 July Pubblicazioni: 1,459
    Intanto benvenuta.


    Se diventa un fissazione, diventa un problema che oltretutto potrebbe benissimo autoalimentarsi.
    Un cane che si morde la coda.
    Cerca se puoi di farlo entrare in situazioni sociali che non siano necessariamente indirizzate a trovarsi una compagna ma che siano gratificanti
    Può darsi che questa necessità sia alimentata da un bisogno di conferme e di autostima.
    Nemoneonerocamelia
    Post edited by vera68 on
  • MercyMercy Neofita
    modificato 3 July Pubblicazioni: 2
    vera68 ciao e grazie, hai centrato in pieno il problema, il fatto è che una fissazione già lo è diventata e non riesce più a ricaricarsi e trovare stimoli; anche se si crea innumerevoli situazioni esterne, appena su ferma un attimo il suo pensiero torna li, a questo suo bisogno; questa mancanza per lui è quasi vitale, é tutto ciò di cui avrebbe bisogno per completarsi...

    Melisande ciao, leggo che capisci quanto sia grosso il problema, purtroppo però a differenza tua lui ormai rifiuta nuove amicizie e si è allontanato da quelle che aveva, poiché non condivide i loro interessi adolescenziali e superficiali.

    Precipio grazie, tutto vero quello che dici, purtroppo però ha deciso anche di lasciare la scuola...

    Ciao Markov, autostima, conferme, autoaccettazione, è proprio ciò che lui non ha.
    rondinella61
    Post edited by Sniper_Ops on
  • marco3882marco3882 Colonna
    Pubblicazioni: 1,358
    Mai lasciare la scuola per quanto triste e banale è quella italiana.
    Newton
  • vera68vera68 Colonna
    Pubblicazioni: 1,459
    Ha un sostegno psicoterapeutico?
  • riotriot Moderatore
    Pubblicazioni: 5,452
    dovrebbe frequentare gruppi di giovanissimi svolgendo più attività: volontariato, sport, attività culturali come una scuola di teatro e cose così.
    in mezzo alle persone nuove potrebbe trovarne una. ma non è certo: deve darsi da fare.

    la soluzione parallela è quella suggerita da @vera68 un supporto specialistico che gli faccia abbassare la tensione emotiva.
    vera68DrMoody

  • JAA005JAA005 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 756
    Mercy ha detto:

    vera68 ciao e grazie, hai centrato in pieno il problema, il fatto è che una fissazione già lo è diventata e non riesce più a ricaricarsi e trovare stimoli; anche se si crea innumerevoli situazioni esterne, appena su ferma un attimo il suo pensiero torna li, a questo suo bisogno; questa mancanza per lui è quasi vitale, é tutto ciò di cui avrebbe bisogno per completarsi...

    Melisande ciao, leggo che capisci quanto sia grosso il problema, purtroppo però a differenza tua lui ormai rifiuta nuove amicizie e si è allontanato da quelle che aveva, poiché non condivide i loro interessi adolescenziali e superficiali.

    Precipio grazie, tutto vero quello che dici, purtroppo però ha deciso anche di lasciare la scuola...

    Ciao Markov, autostima, conferme, autoaccettazione, è proprio ciò che lui non ha.

    A parte la fissazione per la fidanzata...mi ritrovo in molto.Non ho lasciato la scuola ma dover rappirtarmi con aneuronici per 6 ore al giorno non è il top.Ho fatto amicizia con qualche prof giovane ...e con un paio di compagne.Fuori frequento gente più grande.Ma ho la musica come interesse " speciale" ( che brutto questo termine) e questo aiuta...
    Ci sarà qualcosa che gli piace fare? Teatro, cucina, arrampicata.. Si occupi di sé prima o poi l amore arriva. ( ps...io ho 14 anni quindi più che consigli sono pensieri sparsi)
    BlackCrowLinna
  • DrMoodyDrMoody Veterano Pro
    Pubblicazioni: 350
    Temo ci sia da aspettare e pazientare. A me è andata migliorando dagli anni dell'università in poi, quando ho cominciato a frequentare gente diversa dai miei compagni di liceo, più simile a me. Fino ai 18 nessuna fidanzata. La terapia, da quando l'ho cominciata, mi ha reso più cosciente dei miei problemi e mi ha semplificato il comportamento.
    Prova ed errore, temo non ci sia altra via...
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online