Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Autori Asperger

Ciao, non so se vada bene scriverlo qui... Da un po' di tempo vedo spesso libri in cui nella biografia e anche all'interno, c'è scritto come gli autori del libro "soffrino" della sindrome di asperger, a volte enfatizzando il fatto di aver avuto una vita sofferente e/o che siano dei piccoli geni fin da piccoli e dei grandi esperti nella loro materia. Mi chiedo se sia una strumentalizzazione del termine asperger. Voi che ne pensate? Potrebbe portare benefici oppure idee sbagliate sulla sindrome?
Melisande
«1

Commenti

  • PercipioPercipio Veterano Pro
    Pubblicazioni: 1,179
    Non credo porti benefizi. Io sono un autore e non un autore Asperger. Non considero neppure come ghettizzarsi possa essere valutato ragionevole. Sia pure se questa "sindrome" è spesso aderente al concetto di destrezza o dimestichezza con un interesse specifico, come ad esempio la letteratura, mi sembra questa, a pensiero compiuto, una mera questione di propaganda. 
  • riotriot Moderatore
    Pubblicazioni: 5,589
    Sonisol ha detto:

    Ciao, non so se vada bene scriverlo qui... Da un po' di tempo vedo spesso libri in cui nella biografia e anche all'interno, c'è scritto come gli autori del libro "soffrino" della sindrome di asperger, a volte enfatizzando il fatto di aver avuto una vita sofferente e/o che siano dei piccoli geni fin da piccoli e dei grandi esperti nella loro materia. Mi chiedo se sia una strumentalizzazione del termine asperger. Voi che ne pensate? Potrebbe portare benefici oppure idee sbagliate sulla sindrome?

    puoi fare degli esempi?
    DrMoody

  • MelisandeMelisande Veterano
    Pubblicazioni: 235
    Interessante la discussione, ovviamente dipende tutto dalla modalità e dal fine che si prefiggono, vi sono molti modi di affrontare la stessa tematica, a volte com esiti davvero diversi. Piacerebbe anche a me se potessi fare degli esempi specifici.
    ThemOut
  • Marco75Marco75 Moderatore
    modificato 2 July Pubblicazioni: 2,043
    Ciao, sarei curioso anch'io di sapere di quali autori nello specifico si tratta. Io finora non ne ho trovati.
    Comunque, l'espressione "soffre di Asperger" è in sé abbastanza scorretta, mi meraviglierei se un qualsiasi autore autistico l'avesse avallata.
    riotDrMoodySirAlphaexa
    Post edited by Marco75 on
    "There are those that break and bend. I'm the other kind"

    Cinema, teatro, visioni
  • SonisolSonisol Membro
    modificato 3 July Pubblicazioni: 21
    Grazie per le risposte. Vi scrivo due libri molto differenti tra loro che ho trovato. Uno l'ho preso casualmente credendo che parlasse di star wars, anche se parla principalmente dello jedismo. il titolo è "Tu sei l'ultimo Jedi" di Daniel M. Jones, il bello è che questo scrittore ha un canale youtube in inglese in cui parla proprio di autismo e sindrome di asperger. Nella biografia sulla copertina, come ultima frase c'è scritto che è "affetto" dalla sindrome di asperger, come se fosse una malattia contagiosa. Ora sarà pure un'esagerazione della casa editrice, ma mi stupisco che una persona che si occupi di asperger attivamente abbia accettato queste frasi. Poi il libro è anche molto interessante, ma crea allo stesso tempo disinformazione.

    Poi un libro che ho solo trovato ma non comprato, quello di Greta Thunberg, "La nostra casa è in fiamme", ha scritto più libri sia per adulti che per bambini. Nella sua biografia e anche nella propaganda che le fanno, appare scritto più volte che lei e la sorella soffrono della sindrome di asperger e che questo l'abbia spinta a informarsi sui cambiamenti climatici ecc...

    Quello che fanno questi editori è sfruttare la popolarità che sta avendo l'asperger per lucrare su una sindrome e attirare quella fetta di persone che si identifica in loro. Che poi i libri siano interessanti è un'altra cosa, ma il lavoro di queste case editrici e dei loro editor è davvero scorretto. Non si può creare disinformazione per denaro, vittimizzando chi ha la sindrome di asperger e/oppure esaltandone doti che solo una piccola parte di loro ha.

    Poi è un mio pensiero e potrei pure sbagliarmi.
    MelisanderiotMarco75
    Post edited by Sonisol on
  • DrMoodyDrMoody Veterano Pro
    Pubblicazioni: 353
    Per Jones non saprei, non lo conosco. Per Greta Thunberg invece lei stessa si definisce «nello spettro» e in più occasioni ha fatto notare che è anche grazie alla sua neurodiversità se si è concentrata su questo problema. Mi sembra sia un buon esempio, e anche qualcosa di rinfrancante. Per la giornata dell'autismo ha scritto un messaggio sensato, secondo me. Lo riporto:
    «And no, autism (as well as ADHD, ADD, Tourette’s, OCD, ODD etc) is not a “gift”. For most it is an endless fight against schools, workplaces and bullies. But under the right circumstances, given the right adjustments it CAN be a superpower.
    I’ve had my fair share of depressions, alienation, anxiety and disorders. But without my diagnosis, I would never have started school striking. Because then I would have been like everyone else.
    Our societies need to change, and we need people who think outside the box and we need to start taking care of each other. And embrace our differences»

    Mi sembra condivisibile.

    Sull'espressione «affetta da autismo/SA», questo è più un problema, credo, del giornalismo italiano che è parecchio indietro.

    Di recente anche un'altra scrittrice, Susanna Tamaro, ha fatto outing, mi sembra anche questa una cosa positiva. È, credo, un messaggio incoraggiante per chi è autistico.
    Angel_a
  • MelisandeMelisande Veterano
    Pubblicazioni: 235
    Ok, ovviamente la questione riguardante l'essere affetti dalla sindrome potrebbe tranquillamente essere un problema di traduzione. Tornando al discorso generale, credo che sia molto difficile distinguere tra lo sfruttamento dell'essere nd per scopi di lucro e il voler comunicare un messaggio che arrivi a più persone grazie alla propria popolarità o comunque mediante un libro letto da molte persone. Nel caso di Greta ( che ammiro sotto alcuni punti di vista) da un lato capisco che per far arrivare il messaggio a più persone sia necessario semplificare i concetti, però non mi è piaciuto il fatto che il mutismo selettivo sia stato ridotto a: parlo solo quando ho cose importanti da dire. Non vorrei entrare in in campo che non è il mio, ma presumo che il concetto sia molto più complesso, cioè è come paragonare l'Asperger alla timidezza. Per il resto ben vengano i vari coming out da persone in vista, sicuramente aiutano ad infrangere certi stereotipi e certe resistenze verso molti argomenti.
  • riotriot Moderatore
    Pubblicazioni: 5,589
    Daniel m. Jones ha sempre dichiarato: "I have Asperger Syndrome".
    bisognerebbe leggere la biografia sui suoi libri in lingua oriìginale per verificare se è proprio la traduzione in italiano a forzare l'idea di una "sofferenza" (penso sia proprio così).

    siccome è un ottimo divulgatore, nel caso sarebbe da comunicarglielo su facebook o twitter.


    Marco75

  • DomitillaDomitilla Senatore
    Pubblicazioni: 2,953
    Allora, il problema non è l'Asperger ma in Italia vendono solo "i casi umani".
    Se tu avessi un libro e lo proponessi ad una casa editrice come autore 40enne normie omologato, lo respingerebbero tutti.
    Se lo stesso libro lo si presenta come scritto da un bambino transgender con due tumori, tre malattie rare, orfano e ipovedente, la musica cambierebbe di netto.
    riotSniper_Ops
  • Angel_aAngel_a Veterano
    Pubblicazioni: 157
    Domitilla ha detto:

    Allora, il problema non è l'Asperger ma in Italia vendono solo "i casi umani".
    Se tu avessi un libro e lo proponessi ad una casa editrice come autore 40enne normie omologato, lo respingerebbero tutti.
    Se lo stesso libro lo si presenta come scritto da un bambino transgender con due tumori, tre malattie rare, orfano e ipovedente, la musica cambierebbe di netto.

    Hai stra-ragione. Hai proprio centrato il punto, secondo me. 
    L'italiano "medio" ( sempre con le dovute eccezioni, per carità) ha una mente arretrata su una marea di cose. Figurarsi su questa.
    " Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi....."
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online