Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Necessità di supporto

Buongiorno a tutti, sono la mamma di un bambino di quasi 3 anni. Vi scrivo perché vorrei un confronto su alcuni comportamenti di mio figlio che mi causano un po' di timore. Mio figlio è molto tranquillo, solare, non fa quasi mai capricci, ascolta i consigli che gli diamo noi genitori e rispetta le regole. Parla abbastanza bene, ripete ciò che sente, la pronuncia non è ottima, fa mille domande (perché? Come mai?...), è curioso di sapere. Ha una buona attenzione, gioca da solo ma preferisce giocare in compagnia, adora le costruzioni e le macchinine, da qualche tempo ha iniziato a fare giochi di imitazione (fa finta di essere un dottore e usa gli strumenti "medici" del gioco, fa finta di fare la spesa, usa dei giochini facendo finta che siano altro), fa parlare tra loro peluche o piccoli personaggi di plastica. Sa andare in bicicletta, gli piace andare sulle giostrine e sugli scivoli, conosce i numeri e i colori, anche le prime letterine, riesce a raccontare brevi storie se guidato. I dubbi si presentano quando è con gli altri bambini. Per prima cosa, devo dire che non è abituato a stare con i suoi coetanei, non ha fratelli né cuginetti della sua età, i suoi amichetti sono pochi e li incontra di rado. Quando è con altri bambini, noto che cerca il contatto con loro ma è molto timido, impacciato, si fa spingere senza reagire, si vede che è molto emozionato (sbatte le braccia come per scaricare nervosismo), parla pochissimo e non prende alcuna iniziativa se non dopo un bel po' di tempo. In più, non sopporta sentire piangere un altro bambino: si irrigidisce, stringe i pugni, l'espressione del viso cambia e arriva anche a piangere. Io gli ho chiesto il motivo, e lui mi risponde "perché il bimbo piange". Non so se tutto questo sia legato alla sua scarsa abitudine a stare con bambini o ci sia un qualche disagio... Grazie a chi vorrà supportarmi.

Commenti

  • loconiloconi Veterano
    Pubblicazioni: 301
    Ciao Egle! Dalla descrizione mi pare che stia parlando di un bimbo assolutamente normale, anzi forse anche un po' avanti rispetto all'età.
    Io ho due figli, un nd e uno nt.
    Ciò che mi aveva fatta insospettire era il linguaggio, anche se prime paroline le ha dette molto presto, poi si è come bloccato.
    Alla fine la mia preoccupazione esplose dopo la nascita del secondo figlio, perché a 2 anni e mezzo quasi, non aveva un vocabolario adeguato all'età. Oggi, il secondo ha 2 anni e un mese, dice poche parole, forse meno del primo, ma io sono stratranquilla.
    Questo per dirti, che anche se la descrizione è quella di un bimbo nella norma, cerca di capire cosa ti mette in allarme. Forse non riesci a focalizzare il punto, ma è importante capire cosa istintivamente ti fa preoccupare.
  • gioiagioia Veterano Pro
    Pubblicazioni: 608
    Quello che racconti non mi insospettisce affatto. Anzi. ...
    LisaLaufeyson
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online