Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Qual è secondo voi l'atteggiamento giusto per crescere al meglio un figlio neurodiverso?

Raccontatemi qui le vostre opinioni...

Nostro figlio è neurodiverso: chissenè... Come fosse nato biondo anziché bruno?

Nostro figlio è neurodiverso: azz...! D'ora in avanti ci si fa il mazzo!

Nostro figlio è neurodiverso: iuppi!

Varie ed eventuali...
«13

Commenti

  • chiocciolinachiocciolina Membro Pro
    Pubblicazioni: 207
    @mammarosanna per noi sicuramente la seconda ma credo dipenda molto dai casi e dalle problematiche del bambino.
    Noi siamo sicuramente molto in ansia per il suo futuro perché lui innanzitutto non parla ancora presenta stereotipie e spesso si perde nel suo mondo...ma ti posso anche dire che in alcuni casi sono una mamma orgogliosa del mio bambino per le sue qualità credo legate alla condizione autistica come l'ottima memoria e il fatto che a meno di tre anni sappia già contare e leggere alcune paroline conosce le note musicali e le sa suonare su di una tastiera e tanto altro...ecco direi :ci facciamo un mazzo tanto sperando che venga fuori il suo essere e le sue capacità e fiorisca il mio bambino in tutta la sua bellezza
    mammarosannaCharadeadi
  • CharadeCharade Veterano Pro
    Pubblicazioni: 658
    Da neurodiversa secondo me il primo. Se il bambino si abitua ad essere il centro del vostro mondo e dei vostri sforzi cercherà questo tipo di attenzione anche fuori e il mondo non funziona così... meglio trasmettergli subito l'idea che è diverso e va aiutato nella sua diversità, ma il mondo non gira intorno a lui pertanto è lui che si dovrà adattare e non viceversa
    mammarosannaJAA005marco3882Lupasara79adi
    You're only given 
    one little spark
    of madness.
    You mustn't lose it. 
  • SirAlphaexaSirAlphaexa SymbolPilastro
    Pubblicazioni: 3,069
    Provo a buttarla cosi eh.

    "Mio figlio è neurodiverso.

    Okay, cosa posso fare per i suoi punti debolezza? Fino a che punto posso aiutarlo?
    Fino a che punto è "colpa" della società e del mondo intorno a noi?*
    E cosa invece deve essere alimentato?
    Il suo attuale interesse è (inserire interesse), cosa lo può stimolare e aumentare questa abilità? Ci sono agganci per un possibile futuro lavorativo/indipendente?"

    Mi spiace che sono solo domande, perché sul bilancio diversita/speciale ect - esclusi i casi di grave disabilita/basso funzionamento lo trovo superfluo. (E in quanto ad alto funzionamento non me la sento di entrare nel dettaglio)

    Molti genitori considerano "speciali" i loro bimbi 100% NT. Definire una persona speciale solo per la sua condizione, soprattutto consapevole, ne disumanizza. (O lo pone al centro dell'universo, e come tra NT egocentrici questo non va bene).

    E credo che nel nostro caso nessuno vuole compassione, ma comprensione. Solo con quest'ultima si può cambiare qualcosa. Una persona che comprende il problema ha più possibilità di capire ed essere empatico.

    *Perché, secondo me, non sempre é colpa nostra, né della condizione.
    E un alimentarsi a vicenda; infondo è il risultato dell'essere creature sociali.
    Inoltre l'informazione in merito (soprattutto per l'Asperger) è ancora ridotta e piena di stereotipi, che non sempre aiutano.
    mammarosannaLupa
    "Chiedo rispetto dalle masse, sono un anticonformista nel comformismo"

  • athenaathena Membro
    Pubblicazioni: 71
    Io al momento sono disperata, mio figlio ha 14 anni, bravo in tante cose ma non nelle relazioni sociali. Cerca disperatamente gli amici, ma viene puntualmente trattato male e lasciato solo. Vivo nella paura che dica o faccia qualcosa che lo esponga a prese in giro o a cattive considerazioni. Cerchiamo con tutte le forze di impegnarlo per non farlo deprimere. Cerchiamo la gente, ma la gente fugge da noi. Il fratello più piccolo ha tanti amici e io non riesco a goderne per la paura che il maggiore ne sia geloso e veda la differenza. E poi che succederà, quando tutti avranno la fidanzata e lui no ...sarà una vita sempre nel limbo? Mi sembra di impazzire, la dottoressa dice di cercargli gruppi sociali, le ho già provate tutte, dove vado? Dove busso?
    mammarosanna
  • chiocciolinachiocciolina Membro Pro
    Pubblicazioni: 207
    athena ha detto:

    Io al momento sono disperata, mio figlio ha 14 anni, bravo in tante cose ma non nelle relazioni sociali. Cerca disperatamente gli amici, ma viene puntualmente trattato male e lasciato solo. Vivo nella paura che dica o faccia qualcosa che lo esponga a prese in giro o a cattive considerazioni. Cerchiamo con tutte le forze di impegnarlo per non farlo deprimere. Cerchiamo la gente, ma la gente fugge da noi. Il fratello più piccolo ha tanti amici e io non riesco a goderne per la paura che il maggiore ne sia geloso e veda la differenza. E poi che succederà, quando tutti avranno la fidanzata e lui no ...sarà una vita sempre nel limbo? Mi sembra di impazzire, la dottoressa dice di cercargli gruppi sociali, le ho già provate tutte, dove vado? Dove busso?

    Mi dispiace

    :|
  • athenaathena Membro
    Pubblicazioni: 71
    Noi genitori abbiamo fatto tanti errori con lui, soprattutto quello di non dargli una famiglia serena. Sempre a litigare perché mio marito pretendeva da lui comportamenti cosiddetti " normali". Abbiamo sbagliato tutto, mi sento in colpa e non vedo vie di uscita. Le ho sempre cercate queste soluzioni , ma illudendomi che mio figlio potesse superare tutto solo perché gli dicevo come fare e sperando che le persone fossero più buone di quello che in realtà sono. Sono una stupida.
  • LupaLupa Membro Pro
    Pubblicazioni: 102
    Ti rispondo da figlia e da amica di persone con figli, non sono madre: per me l'atteggiamento giusto è l'equilibrio. Non va bene né buttare i figli allo sbaraglio, soprattutto se hanno delle fragilità, né metterli sotto una campana di vetro. E' compito dei genitori aiutare e supportare i propri figli ma bisogna stare attenti a non sostituirsi a loro o giustificarli in tutto e con tutti. Essere consapevoli che ogni figlio è speciale per i propri genitori ma non lo è per il resto del mondo. Ecc Ecc, ma sono tutte cose che potrebbero valere per tutti, ND e NT.
    Per farti un esempio: mi ha molto colpita il post di una mamma di qualche tempo fa che cercava consigli per trovare la fidanzata al figlio adolescente. Ecco, se ci sono grandi fragilità nella sfera sociale credo sia giusto da parte del genitore cercare di favorire il più possibile situazioni di socializzazione, ma penso sia eccessivo pensare di cercare la fidanzata a un ragazzo adolescente; quella è una cosa in cui dovrà cavarsela da solo, non può pensarci la mamma. Però capisco il dolore e il cercare soluzioni anche improbabili di una mamma.
    Sul "d'ora in avanti ci si farà il mazzo" non è detto: forse utopisticamente mi piacerebbe che i genitori vivessero più il senso della scoperta con i propri figli che la fatica del crescerli.

    mammarosanna
  • marco3882marco3882 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 1,225
    1 non vedere tutto nero come una tragedia. I problemi di salute di cui preoccuparsi sono altri.

    2 stimolare e lavorare su quelli che sono i suoi punti forti

    3 non disperarsi se non fa le stesse cose che fa il fratellino cuginetto compagno di merende vicino di casa compagno d asilo della stessa età

    4 non pretendere che debba per forza socializzare a tutti i costi.
    Lo dice uno che a quasi 37 anni è ancora pessimo nelle relazioni sociali a tal punto da litigare ogni tanto con mia moglie per il fatto che i suoi genitori le fanno notare che nelle occasioni sociali con loro non parlo, me ne sto per gli affari miei, non partecipo alle conversazioni a tavola, non parlo del più e del meno,ecc ecc
    Il bello è che faccio un lavoro che richiede contatto frequente con decine di persone al giorno dal vivo o via telefono. Eppure lo faccio. Come faccio? Ho imparato all inizio e miglioro ogni giorno il mio copione che rispetto pari pari. Però devo stare sempre molto attento che non mi escano frasi socialmente inopportune soprattutto quando la gente mi fa incavolare.
    Per non parlare della comunicazione con il gentil sesso. Credo di non aver mai chiesto a una ragazza di uscire o forse una volta via sms che puntualmente mi ha paccato :D
    mammarosannaSirAlphaexaCharade
  • adiadi Membro Pro
    modificato 24 July Pubblicazioni: 66
    athena ha detto:

    Io al momento sono disperata, mio figlio ha 14 anni, bravo in tante cose ma non nelle relazioni sociali. Cerca disperatamente gli amici, ma viene puntualmente trattato male e lasciato solo. Vivo nella paura che dica o faccia qualcosa che lo esponga a prese in giro o a cattive considerazioni. Cerchiamo con tutte le forze di impegnarlo per non farlo deprimere. Cerchiamo la gente, ma la gente fugge da noi. Il fratello più piccolo ha tanti amici e io non riesco a goderne per la paura che il maggiore ne sia geloso e veda la differenza. E poi che succederà, quando tutti avranno la fidanzata e lui no ...sarà una vita sempre nel limbo? Mi sembra di impazzire, la dottoressa dice di cercargli gruppi sociali, le ho già provate tutte, dove vado? Dove busso?

    Mi dispiace. Il fratellino non può tante volte farlo uscire con i suoi amici? Oppure hanno tanta differenza d’età?
    Ricordo da piccola (Sono NT) che la mia migliore amica era ed è tutt’ora mia sorella. Infatti sempre uscite insieme, sempre avuti gli stessi amici e non mi sono mai sentita sola (Mi bastava lei).
    Comunque sì, la gente è un po’ cattivella e la maggior parte ha il rifiuto per il diverso, ma peggio per loro!
    Tuo figlio grande soffre questo fatto di non socializzare?
    Post edited by Sniper_Ops on
  • loconiloconi Membro Pro
    Pubblicazioni: 194
    @athena non son per la ghettizzazione, ma un amico neurodiverso non lo riuscite a trovare?
    Io sto pensando di invitare qualcuno dei bimbi della terapia a casa. Mio figlio è ancora piccolo.
    mammarosanna
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online