Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Continuo o non continuo?

Buongiorno, rivolgo questa domanda/parere prevalentemente alle persone aspie come me.

Come qualcuno di voi utenti forse sa sto maturando una sorta di "stage" come scaffalista presso un supermercato senza nessuna forma di riconoscimento economico tramite Anffas; in altre parole lavoro gratuitamente per il supermercato.
Il mio "contratto" scadrà a dicembre e probabilmente non ci sarà rinnovo.
Mi sono avventurato in questa esperienza perchè qua in Sardegna ci sono pochissime/quasi nulle offerte di lavoro a cui mi possa candidare e non ho possibilitá di spostarmi da casa quindi lo starei facendo perchè sino adesso non ho trovato un emerito cavolo.
Sinceramente mi sta stancando assai nonostante la mansione mi piaccia ma non alla follia e il fatto che non ci sia neanche un mero riconoscimento economico mi abbatte moralmente assai.

A questo punto mi conviene stringere i denti, continuare e avere qualcosa in mano o gettare la spugna e non avere neanche questa esperienza che magari mi possa servire in futuro?
«1

Commenti

  • NemoNemo Moderatore
    Pubblicazioni: 3,012
    È brutto lavorare senza essere pagati, concordo. Valuta però se il tuo lavoro, unitamente al tuo atteggiamento sul lavoro, possono essere una possibile "vetrina" per ulteriori occasioni, questa volta regolarmente retribuite.

    Per dire, le receptionist della mia associazione oltre all'esperienza di lavoro, acquisiscono una serie di competenze (le formo ad operare su un gestionale, a gestire report e seguire i vari insegnanti, ad occuparsi della promozione online e offline, a relazionarsi con i genitori degli allievi, ecc.)

    Sinora, diverse di loro hanno poi trovato lavoro nel settore segreteria/ufficio dando come referenza l'esperienza maturata da noi.
    Valentamarco3882MononokeHimevera68
    Memento Mori
  • riotriot Moderatore
    Pubblicazioni: 5,595
    continua fino a fine contratto, hai visto mai che poi serve la persona in più da assumere.

    e vorrei credere nell'ottimismo di @Nemo, però ho visto come qui a Roma i giovani siano letteralmente sfruttati da queste associazioni e ONLUS caritatevoli (presi come insegnanti d'italiano per stranieri, distributori di pasti, assitenza a disabili e tanto altro), tenuti in scacco psicologico perché "non si sa mai che poi mi assumono", ma scaricati alla grande quando nei concorsi entrano i soliti iper-raccomandati.

    nel caso peggiore, ne farai solo un rigo sul curriculum, che almeno servirà a qualcosa



  • AndrewAmbientAndrewAmbient Membro Pro
    Pubblicazioni: 143
    @Nemo Rispondendo a te: mi occupo di rifornire il banco ortofrutta, caricare i prodotti sugli scaffali secondo la data di scadenza, stampare le etichette dei prezzi e fare l'ordine dei prodotti che mancano negli stessi mediante il terminale in formato smartphone nonché acquisire competenze relazionali con la clientela.
    Addetto alla cassa (fortunatamente) no.

    Ti sembra che mi possa fruttare qualcosa ció che sto facendo?

    @riot Anche secondo me, continuare a fine contratto, mi sembra la soluzione meno-peggio peró non ti nascondo che non vedo l'ora di arrivare a fine contratto.
    riot
  • NemoNemo Moderatore
    Pubblicazioni: 3,012
    @AndrewAmbient: quello che vedo qui, provincia di Bologna, è che le aziende preferiscono assumere giovani che abbiano già svolto una qualche forma di lavoro dipendente: significa essere abituati a rispettare orari e disposizioni lavorative, avere l'attitudine a rapportarsi con un superiore e con i colleghi, si è in grado di portare a termine un compito assegnato. Formazione specifica quando necessaria, viene fatta direttamente sul luogo di lavoro per le mansioni semplici, demandata a corsi appositi altrimenti. La funzione dello stage in azienda avrebbe lo scopo proprio di verificare quello di cui ti ho scritto, non certo la capacità a fare un qualcosa di specifico.

    A margine, una nota: le ragazze che lavorano in reception in associazione da noi, prendono un rimborso spese chilometrico più una piccola diaria.
    Valentavera68MononokeHimemarco3882
    Memento Mori
  • AndrewAmbientAndrewAmbient Membro Pro
    Pubblicazioni: 143
    @Nemo Non ho capito, puoi dirmelo in altro modo riguardo allo stage in azienda?

    Comunque l'Anffas mi rimborsa le spese di viaggio fatte con i mezzi pubblici.
  • NemoNemo Moderatore
    Pubblicazioni: 3,012
    AndrewAmbient ha detto:

    @Nemo Non ho capito, puoi dirmelo in altro modo riguardo allo stage in azienda?

    Comunque l'Anffas mi rimborsa le spese di viaggio fatte con i mezzi pubblici.

    Ci provo.

    In un'azienda devono assumere una persona per fare l'usciere: apre la porta, dice buongiorno a chi gli passa davanti, poco altro.

    Per quel posto, si presentano due persone: la prima, mai fatto un solo giorno di lavoro in vita sua, la seconda, sei tu.

    Io che devo decidere senza avere la possibilità di provarvi per un periodo di tempo, sarei propenso a scegliere te: perché so che ti sei presentato puntuale al lavoro, hai svolto i compiti chi ti hanno chiesto di svolgere, hai lavorato con il pubblico. Ergo, presumibilmente sei affidabile, onesto, educato.

    Dell'altra persona, so solo che non ha mai lavorato: quindi? Quindi non posso presumere nulla, posso solo sperare che mi vada bene. 


    È, come giustamente faceva notare @riot, una visione abbastanza ottimista, ma in questo momento mi sembra che ti serva una motivazione per finire lo stage, e poi qui da noi è abbastanza frequente questo modo di ragionare (va detto che poi le aziende di solito chiamano per le referenze). 
    vera68MononokeHimemarco3882riot
    Memento Mori
  • AndrewAmbientAndrewAmbient Membro Pro
    modificato 5 September Pubblicazioni: 143
    @Nemo Adesso ho capito, grazie.
    Comunque si, esatto, mi manca la motivazione nonostante continui ad andarci insoddisfatto ma cercando di non dimostrarlo.
    Cosa mi consigli di fare riguardo alla motivazione dato che non posso appellarmi al fatto che lavoro dietro riconoscimento economico?
    Non so neanche se ci sará rinnovo (cosa che dubito fortemente).
    Post edited by AndrewAmbient on
  • NemoNemo Moderatore
    Pubblicazioni: 3,012
    Sinceramente, credo che il rinnovo sia solo meglio non averlo! :-D

    Ribadisco: prendi quello di buono che ti dà quest'occupazione, cerca di far bene e usa il tempo che hai per fare esperienza. Cerca di capire i rapporti con i colleghi, le dinamiche del luogo di lavoro. Alle volte ci sono spunti anche nelle piccole cose... E Natale è dietro l'angolo.
    vera68AndrewAmbientMononokeHimemarco3882
    Memento Mori
  • AndrewAmbientAndrewAmbient Membro Pro
    modificato 5 September Pubblicazioni: 143
    Grazie @Nemo e @riot per i vostri e preziosi consigli che mi avete dato nonchè incoraggiamenti.
    Cercheró di seguirli senz'altro.
    riot
    Post edited by AndrewAmbient on
  • marco3882marco3882 Colonna
    Pubblicazioni: 1,423
    Concordo con Nemo.
    In un eventuale colloquio ti scartano a priori se vedono che non hai mai fatto quasi nulla.
    Ma se inizi ad accumulare 2-3 esperienze lavorative diverse anche come stage poi potrebbero aprirsi le porte per un lavoro ordinario e soprattutto pagato.
    ValentaMononokeHime
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online