Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Rapporto complicato con il coinquilino

Salve a tutti,
ormai da 5 anni vivo fuori casa e di coinquilini ne ho cambiati parecchi, ma con quest'ultimo è tutto un po' diverso perchè di base c'era un'amicizia nata all'università (una delle poche in tutti questi anni, forse l'unica). Bene, nell'ultimo anno il nostro rapporto si è deteriorato molto e mi sono chiesto mille volte come affrontare al meglio questa situazione per mantenere un clima tranquillo in casa e non perdere un' amicizia.
Sono successe diverse cose:

1.La mia diagnosi
Dopo che sono stato diagnosticato ne ho parlato con lui e la mia famiglia. Lui ha cambiato atteggiamento nei miei confronti e mi sono sentito trattato come un malato mentale. Ho cercato di spiegare più volte cosa implicasse una diagnosi di questo tipo e che sostanzialmente rimanevo lo stesso di prima, ma niente. Già li mi ha deluso tanto. Decisi di mettere da parte i suoi commenti, le sue battute perchè in quel momento avevo bisogno di riprendermi e non di una persona del genere.

2. Qualche mio successo
Penso che questo ragazzo di geloso, un po' per sua natura. Tutti i piccoli successi che ho avuto in questo anno difficilissimo sono sempre stati sminuiti o criticati in maniera velata (passivo aggressivo?). Ho smesso di parlare con lui di tutto quello che riguarda il mio nuovo percorso accademico, e penso se ne sia accorto. Non ho mai chiesto la sua approvazione, ma non sono disposto a sentire inutili critiche infondate che minino la mia autostima giornalmente.

3. Nel momento del bisogno ha contribuito a farmi ancora più male
Nel momento di sconforto più totale, con una diagnosi nuova sulle mie spalle, dopo essermi lasciato e dopo aver incontrato tanti cambiamenti nella mia vita ... Lui mi ha realmente dato la zappa sui piedi per infierire, in maniera subdola penso anche se non sempre me ne rendevo conto.

Insomma, non si è comportato bene e andrebbe solo buttata come persona, e sono arrivato al punto di accettare di averlo perso come amico già da tempo. Ma rimane comunque il fatto che dobbiamo convivere in casa, e sento che c'è un clima abbastanza strano, o almeno vedo che è subentrata molta rigidità.
Io sono un tipo che pulisce quello che deve pulire al meglio delle sue possibilità, rispetta orari e silenzi altrui ed esigo che questo avvenga anche nei miei confronti.

Come posso gestire un ex amico, in casa come coinquilino, con il quale non voglio più parlare come prima e che nel momento peggiore ha mostrato la sua vera natura? Non voglio abbandonare questa casa per una serie di motivi, mi sento ormai a mio agio in questa dopo averne cambiate parecchie e non è periodo per cambiamenti.

Ma soprattutto, mi trovo di fronte ad una persona che critica sempre cosa facciano gli altri e come lo facciano. Io penso che questo ragazzo abbia una bassa autostima e che per rimpire il suo ego attui questi meccanismi negativi nei confronti degli altri. Ho provato anche a fare il finto scemo, ma con scarsi risultati.

Grazie a tutti.






CharadeAngel_aMononokeHimerondinella61
"Può darsi che non sarai mai felice. Perciò non ti resta che danzare, danzare così bene da lasciare tutti a bocca aperta."
(Haruki Murakami)

Commenti

  • PimpirinaPimpirina Membro Pro
    Pubblicazioni: 135
    A me è capitato qualcosa di simile ed ho cambiato casa.
  • Angel_aAngel_a Veterano
    Pubblicazioni: 157
    Se non ti va di cambiare casa in questo momento difficile, perchè non gli parli e gli dici, educatamente ma sinceramente, che non ti senti più a tuo agio a vivere con lui? Magari pensa lui ad andarsene e ti trovi qualcun altro.
    PS. Da come descrivi la sua reazione a certe informazioni, ma siamo sicuri che sia stato davvero "un amico"???
    Ti giuro che mi si è accapponata la pelle a leggere il tuo post e, sia pur comprendendo molto bene il dispiacere che proverai, ma meglio che certi aspetti delle persone escano fuori.
    Mi hai fatto pensare ad una amica di vecchia data, tipo 15 anni, che in mie situazioni di fragilità ha avuto delle uscite assurde.
    Io al diavolo non ce la ho mandata, ma è andata a vivere fuori italia quindi il problema non mi si è posto.
    Per dire che hai la mia solidarietà!
    " Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi....."
  • IkurahIkurah Membro
    Pubblicazioni: 40
    Angel_a ha detto:

    Se non ti va di cambiare casa in questo momento difficile, perchè non gli parli e gli dici, educatamente ma sinceramente, che non ti senti più a tuo agio a vivere con lui? Magari pensa lui ad andarsene e ti trovi qualcun altro.
    PS. Da come descrivi la sua reazione a certe informazioni, ma siamo sicuri che sia stato davvero "un amico"???
    Ti giuro che mi si è accapponata la pelle a leggere il tuo post e, sia pur comprendendo molto bene il dispiacere che proverai, ma meglio che certi aspetti delle persone escano fuori.
    Mi hai fatto pensare ad una amica di vecchia data, tipo 15 anni, che in mie situazioni di fragilità ha avuto delle uscite assurde.
    Io al diavolo non ce la ho mandata, ma è andata a vivere fuori italia quindi il problema non mi si è posto.
    Per dire che hai la mia solidarietà!

    Si, ora capisco dopo un po' di tempo. Difatti per me è finito tutto, vorrei solo non avere altri problemi almeno in casa.
    Angel_a
    "Può darsi che non sarai mai felice. Perciò non ti resta che danzare, danzare così bene da lasciare tutti a bocca aperta."
    (Haruki Murakami)
  • DipoDipo Membro Pro
    modificato 16 September Pubblicazioni: 107
    Penso che purtroppo quella che descrivi è una persona più o meno come molte (sì, sono pessimista). Anche se ci sono le eccezioni.

    Il mio consiglio è anzitutto come detto dagli altri cambiare casa o coinquilino.

    E il prossimo coinquilino o amico raccontargli molto meno su di te.
    Perché sono davvero pochissime le persone empatiche e sincere. Non aggiungo altri aggettivi se no la percentuale può scendere a zero.

    Fatti forza comunque e fregatene di persone così... non si meritano che tu ti preoccupi per loro.
    Pimpirina
    Post edited by Dipo on
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online