Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Inerzia autistica

LupaLupa Veterano
modificato 13 September in Sensi, percezioni, attenzione
Dalla pagina facebook Jaime A. Heidel - The Articulate Autistic (non riesco a mettere un link del post):


Have you noticed that your neurodiverse loved one either doesn't want to get into the shower, but when they finally do, they don't want to leave? Have you noticed they won't get into bed, but once they do, they balk at the idea of crawling out from under the covers?

Are you, a neurodiverse person, someone who procrastinates on a project for weeks, but when you finally get going, you forget things like food, sleep, and bathrooms exist?

Welcome to Autistic Inertia! I'm not sure who coined this term, but it's brilliant, and it's absolutely a real thing.

Neurodiverse people do not like state changes, and I mean that both literally and figuratively. Mostly, we get uncomfortable with state of being changes, but, if it involves going to another state in the country, same thing.
Charade
Post edited by Lupa on

Commenti

  • LupaLupa Veterano
    modificato 13 September Pubblicazioni: 233
    Think of an autistic person like a snowball (no, not a snowflake--no political talk here). Say you send a snowball down a hill. It kind of moseys along, taking it's time, but then...it gathers more snow and gains more speed, and suddenly, there's an elephant-sized ball of cold plummeting downhill with no brakes!

    If it crashes into something, say, a cabin, it busts into a million tiny pieces of snow, and the cabin gets a good whollop.

    We're the snowball (neurodiverse), and sometimes you (neurotypical) are the cabin.

    I'm not talking about actual abuse or assault here. I'm just talking about an autistic person crashing and burning mentally or emotionally, and inadvertently causing an NT person to feel the effects.
    Post edited by Lupa on
  • LupaLupa Veterano
    Pubblicazioni: 233
    I'm not talking about actual abuse or assault here. I'm just talking about an autistic person crashing and burning mentally or emotionally, and inadvertently causing an NT person to feel the effects.

    I can't tell you what causes this, but I do know that I've always been like this, and I've seen lots of ND people relate to the term, "Autistic Inertia".

    All I know is there is something about the way we are wired that makes us want to stay, do, and feel exactly the same thing for very long periods of time (if we are comfortable).

    Perhaps this is because true comfort and contentment is rare for us or because of sensory overload? I'm not sure.

    I just know that to take my attention off of one thing and get it onto another is not an easy task. The same goes for the way my body feels.

  • LupaLupa Veterano
    Pubblicazioni: 233
    If I'm in bed, I want to stay there. If I'm scrolling through social media, I don't want to stop. If I'm in the bath, I don't want to get out. If I'm asleep, I don't want to be awake. If I'm working on a project, I don't want to stop until I'm done.

    It's kind of like having a cold bucket of water splashed onto me each time I have to transition from one state of being to the next. It's like having to switch train tracks in the middle of a smooth ride. It takes conscious and deliberate effort to pull my attention away from what I'm doing right now (unless I've chosen to interrupt myself), and it's always a bit jarring.

    It's better now, but I've had decades of therapy and nearly 40 years to get used to it, but it does still bother me.

    That's the explanation. I think I'm going to let other neurodiverse people talk about how they get themselves to switch tasks with minimal discomfort, otherwise, that would be a whole other post, and I'm sure everybody has different ways of dealing with it..
  • LupaLupa Veterano
    Pubblicazioni: 233
    Autists, do you have trouble with changing your state of being? How do you manage it?

    Neurotypicals, did you wonder what was happening with your neurodiverse loved one? How do you work through autistic inertia in your life?

    [...]

    Disclaimer: My posts are based on my own personal life experiences as a late-diagnosed autistic woman and others in the autistic community of varying age and gender. While I am absolute in my statements, I do not ever mean all autistic people or all neurotypical people are 100% like "this" (whatever "this" is at the time), and that there are no exceptions. There are always exceptions. Rather, these posts are meant to begin dialogues across the neurotypes and help facilitate understanding on both sides.


    Io mi ritrovo molto in quanto scritto e vi giro la domanda: voi come affrontate i cambiamenti, anche quelli banali della vita quotidiana come alzarsi dal letto? E come minimizzate il disagio dovuto al cambiamento?


    PS: perdonate lo spezzettamento in più parti, problemi tecnici
    :)
    PimpirinaAngel_a
  • Angel_aAngel_a Veterano
    Pubblicazioni: 157

    Molto interessante. Per rispondere alla tua domanda, non ho ancora imparato a gestirli (anche perchè io sono una di quelle con la diagnosi tardiva).
    A parte che io la "palla di neve" la rivolgo verso me stessa, perchè non mi accorgo che mi sto sfinendo facendo cose che mi mettono in condizione di discomfort fino a che non crollo, tipo oggi.
    Secondo me una chiave di lettura puo' essere questa : " Perhaps this is because true comfort and contentment is rare for us or because of sensory overload?"

    Su questo credo che abbia ragione. Non ci sentiamo spesso davvero a nostro agio e quindi è un gioco di continui adattamenti che succhiano energia a più non posso.
    Di solito la soluzione tipica è: mi isolo e non faccio nulla o quasi ( salvo poi sentirmi in colpa perchè sto "sprecando tempo"). Ma è sbagliato sentirsi in colpa perchè poi quando si crolla male è peggio, e prendersi cura di se è importante.

    Credo che sarebbe importante avere delle piccole strategie per le cose che più stancano.
    Sull'alzarsi la mattina, come dici tu, ad esempio, e su decine di altre.

    Ma forse questo potrebbe anche significare "lavoro in più" per la nostra psiche.

    Boh.....io stavo pensando di usare la tecnica della compensazione energetica di cui parla Attwood...il fatto è che lo penso, poi mi dimentico e ci ricasco....





    Lupa
    " Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi....."
  • lucy84lucy84 Membro
    Pubblicazioni: 73
    Mi riconosco anche io. Ora che sono adulta ho delle responsabilitá, per cui quel che c’è da fare, viene fatto.
    Ma da bambina, il delirio.
    Mi dovevo vestire, mi sedevo sul letto e stavo lì.
    Dovevo fare colazione, seduta al tavolo e ferma lì.
    Andavo a fare pipì, mezz’ora sul wc.
    La doccia, non ne parliamo. Anche ora, le ore.
    Mi venivano a recuperare da tutte le parti, mi davano della persona pigra, ma io non avevo idea del tempo che passava
    Angel_aPimpirinaLupa
  • Angel_aAngel_a Veterano
    Pubblicazioni: 157
    @lucy in effetti capitava ( e capita) spesso anche a me che mi si dia della pigra perchè ho i tempi miei.
    Sinceramente lo pensavo anche io.
    E' solo che, ora lo so, quando sono cose che mi annoiano ci metto un'era, quando sono cose che mi interessano sono flash gordon, per intenderci. :)
    JAA005lucy84
    " Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi....."
  • JAA005JAA005 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 782
    Anche io ho tempi lentissimi. Per essere a scuola alle 8.00 sono costretto ad alzarmi alle 6. Mi incanto in bagno e ci metto 20 minuti a infilarmi le scarpe. Poi ho i miei riti. Al mattino mi faccio la maschera all' argilla contro i brufoli, nel frattempo bevo una mega tazza di caffè e 3 biscotti. Per mangiare 3 biscotti un quarto d' ora. Va beh sintetizzando alle 7.50 mia madre fa il pilota di formula uno per farmi arrivare in tempo a destinazione..
    Per le cose che mi interessano ( uscire , andare a suonare, prepararmi per il sushi...) mi vesto lavo ecc in 15 minuti netti.
    PimpirinaLupa
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online