Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Chi lavora?

Siete riusciti a inserirvi nel mondo del lavoro? Usufruite della legge 68? Grazie a chi risponde
«1

Commenti

  • unicornunicorn Andato
    modificato December 2019 Pubblicazioni: 323
    Io non mi sono avvalso di nessuna legge, ma ho avuto dei problemi nel lavoro.
    Lavoravo come insegnante, ma, avendo dei grossi problemi col contatto visivo, il sentirmi guardato dalla classe mentre spiegavo mi faceva stare cosi male da diventare isterico ed il rapporto con loro ne risentiva. Ho insegnato per molti anni, ma dopo la diagnosi ho deciso di rassegnare le dimissioni ed è stata una scelta molto sofferta.
    Oggi sto lavorando come tutor, insegno a due o tre studenti per volta: Questo lavoro lo vivo e lo faccio bene perchè il contatto visivo con poche persone alla volta lo gestisco senza grossi intoppi. Ho creato con loro un bel rapporto, mi sembra di essere un'altra persona, ma questo credo sia tipico di noi: Funzionare bene in alcuni contesti e male in altri e bisogna anzitutto accettarlo e poi fare del proprio meglio.
    Oggi guadagno molto meno di prima, ma almeno sto bene.
    BlunotteMononokeHimeValentaJAA005Amelierondinella61
    Post edited by Sniper_Ops on
  • jokerpokerjokerpoker Membro
    Pubblicazioni: 57
    Hai trovato quello che cercavo e questo credo ti appaghi, poi il guadagno serve ma se non sei felice che te ne fai dei soldi?
  • unicornunicorn Andato
    Pubblicazioni: 323
    Il punto e' che se il lavoro ti danneggia, alla lunga ne risente il tuo rendimento e finisci con l'essere incapace di portarlo avanti. Preferisco guadagnare meno e avere problemi economici piuttosto che avere problemi emozionali. Ho intenzione di cercare un secondo lavoro che mi permetta di tornare a mantenermi da solo, ma dev'essere un'attivita' in cui io possa funzionare. Su questo non transigo piu'.
  • jokerpokerjokerpoker Membro
    Pubblicazioni: 57
    Che lavoro vorresti fare per guadagnare bene?
  • unicornunicorn Andato
    Pubblicazioni: 323
    Al momento non lo so ancora, ci sto pensando!
  • jokerpokerjokerpoker Membro
    modificato December 2019 Pubblicazioni: 57
    Ah, scusa, non volevo infastidirti.
    Post edited by Sniper_Ops on
  • unicornunicorn Andato
    Pubblicazioni: 323
    Ma figurati, siamo qui proprio per parlare ;)
  • volpinabluvolpinablu Membro Pro
    modificato December 2019 Pubblicazioni: 123
    Non lavoro. 30 anni di lavoro finito. Ho subito mobing e sono andata in depressione
    mammarosannarondinella61
    Post edited by volpinablu on
  • _rdn__rdn_ Membro
    Pubblicazioni: 33
    Lavoro. Niente 68.
    Fortunatamente il mio lavoro per la sua natura poco strutturata mi ha permesso di crearmi un "personaggio", così posso fingere che i miei tratti ND siano una scelta. 
    Nell'ambiente lavorativo mi apprezzano e considerano un punto di riferimento. Questo per me è l'aspetto più difficile, non credono che io possa sbagliare (ed effettivamente fino a ora non è mai capitato, ma ciò mi mette molta pressione) e richiedono la mia presenza anche su cose che non mi competono (spesso anche su aspetti relazionali che, diciamo, non sono proprio il mio forte. E spesso anche mettendomi in ruoli di potere rispetto ai miei colleghi più anziani e scatenando così dinamiche difficili da gestire). Inoltre la reputazione che ho, fa sì che io abbia frequenti richieste di colloqui o di lavorare al di fuori del mio impiego principale. Tutte richieste che mi provocano ansia e ripensamenti per giorni, anche se alla fine rifiuto sempre ancora prima di ascoltare la proposta effettiva.
    Inoltre il mio lavoro coincide con uno dei miei interessi speciali, questo è un pro per molte cose, ma rende anche difficile confrontarsi con colleghi che invece vedono il lavoro come un peso e criticano il mio parlare di lavoro anche nei momenti di small talk. 

    Quindi, per rispondere brevemente alla domanda: sì, mi sono inserita nel mondo del lavoro, ma sento come se non fosse ancora la soluzione migliore per me. Penso spesso di mettermi in proprio, magari trovando qualcuno che compensi le mie mancanze relazionali. Ma i dubbi sono molti, e non so se troverò mai la sicurezza per farlo. 
    ValentaMononokeHimerondinella61
  • DrMoodyDrMoody Veterano Pro
    Pubblicazioni: 362
    Lavoro, ambito ricerca in università e come freelance faccio il ghost writer. Precariato a manetta, entrate altalenanti, ma diciamo di sì, sono inserito nel mondo del lavoro. Il lavoro da ghost writer mi permette di non dover avere a che fare con nessuno tranne il direttore dell'agenzia editoriale, mentre in università c'è molto da fare per conto proprio e diciamo che comportamenti strambi sono tutto sommato tollerati (sebbene nelle relazioni con i colleghi ci siano spesso tanti non detti che fatico a capire).
    Sniper_OpsMononokeHimerondinella61
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online