Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Bimbo di 6 anni vive nel suo mondo

MelodyMemyMelodyMemy Neofita
modificato 29 March in Discussioni tra genitori
Buongiorno a tutti, è la prima volta che scrivo e non so da dove cominciare, ma proverò a fare un quadro:
In famiglia siamo io, mio marito e 2 figli di cui uno, il maggiore - avuto da precedente relazione di mio marito - viene saltuariamente come da accordi presi fra loro.

Amo questo bimbo come fosse mio e anche lui mi dimostra molto affetto... A modo suo.

Lui vive costantemente in un mondo tutto suo, complice (In parte, a mio avviso) la famiglia da parte materna che lo piazza tutto il giorno davanti a pc, tablet, o lo fa giocare con i cugini più grandi, anch’essi piazzati a loro volta davanti a pc, tablet, etc. 
Ho conosciuto questo bimbo quando aveva 2 anni ed ho notato subito che c’era qualcosa da far valutare, tuttavia, non essendo io la madre biologica e non essendo (Lavorativamente parlando) diciamo “addetta ai lavori”, ho detto a mio marito che secondo me sarebbe dovuto intervenire con la madre per affrontare con lei (Con cui non ho alcun rapporto) un discorso concreto per le esigenze del bambino.
Ciò non è stato possibile in quanto lei continua ad asserire che il bambino è come lei, è solo un po’ chiuso e che solo lei lo può capire quindi “È TUTTO OK” (Lo scrivo in maiuscolo proprio perché ogni qual volta egli tira fuori l’argomento l’atmosfera si irrigidisce).
Pare proprio che sia un argomento tabù.
La mia impressione è che lei non voglia proprio che il bambino venga visto perché poi “Chissà cosa penserebbe la gente” e quindi credo che lei tenga volutamente la testa sotto la sabbia, a discapito, purtroppo, del bimbo.

Il fatto è che ora questo bimbo ha 6 anni e continua questo percorso verso il suo mondo. Su 10 volte che lo si chiama risponde una volta e risponde ”Da dentro al suo mondo”; Vi faccio un esempio:
Se a tavola lo chiamiamo per chiedergli se vuole del prosciutto e lui sta con la testa  “Dentro a super Mario”, mi dice cose tipo “Tu sei la principessa Peach, adesso vedi il Drago Bowser e ti spaventi!“ (Riproduce praticamente scene di film e videogioochi, continuamente, tutto il giorno, tutti i giorni).
Da qui:
- se gli dò corda, inizia la storia infinita e ci passa tutti in modalità gioco-film-etc; 
- se gli richiedo se vuole il prosciutto (Quindi non gli dò corda) mi continua a ripetere la stessa cosa e dopo X volte che cerco di farmi rispondere alla fine mi dice distrattamente sì o no. 

Oltre a ciò vive costantemente sulla punta dei piedi, glieli faccio abbassare e lui appena si distrae ci si rimette. È molto goffo nei movimenti e tante cose che vedo fare alla sorellina di 2 anni e mezzo noto che lui non le sa fare (A 6 anni indossa vestiti con molta difficoltà, mangia da solo - anche questo con difficoltà e non del tutto autonomamente-  da circa un anno e così con tutta la sua quotidianità, dall’igiene personale alle scarpe).

Apparentemente, intendo esteriormente, è un bambino normalissimo, anche molto intelligente, non manca nemmeno il contatto visivo, se ci giochi (Tipo il solletico) partecipa, ma devi entrare nel suo mondo per poterlo fare, oppure devi tirar fuori qualcosa che catturi la sua attenzione ed in questo caso poi fra i suoi film e videogiochi metterà anche ciò che gli hai proposto. 

Avete esperienze simili?
So perfettamente che la cosa più corretta da fare è iniziare un percorso con un NPI, ma finché mio marito non deciderà di prendere provvedimenti legali purtroppo non sarà possibile in quanto ci vuole necessariamente il consenso di entrambi i genitori (Da quel che ne so).
Ma chiedo a voi, se avete trovato similitudini dal punto di vista comportamentale del bimbo o se avete visto situazioni analoghe, o se invece sono solo io che mi preoccupo inutilmente, perché a furia di sentire che “È tutto ok” inizio a pensare che forse sono io che non vado bene. 

marcus
Post edited by Sniper_Ops on
«1

Commenti

  • LisaLaufeysonLisaLaufeyson Colonna
    modificato 28 March Pubblicazioni: 1,460
    Più che un percorso con una npi, ci vorrebbe qualcuno che si occupi di questo bimbo..che ci passi concretamente del tempo, distogliendolo con pazienza da videogiochi o film.
    Io comincerei da qui..
    vera68marco3882
    Post edited by LisaLaufeyson on
  • MelodyMemyMelodyMemy Neofita
    modificato 29 March Pubblicazioni: 5
    Quando sta con noi lo distraiamo con tante attività (Cosa anch’essa difficilissima perché è ancorato moltissimo ai “suoi personaggi”), ma purtroppo è un lavoro lungo che noi, causa rapporti difficoltosi con la madre, non riusciamo a portare avanti in maniera continuativa. Non gli permette proprio di mettere bocca, quasi per niente.
    Post edited by Sniper_Ops on
  • MarkovMarkov Pilastro
    Pubblicazioni: 10,225
    Togliere i videogiochi e farlo studiare (?)
  • LisaLaufeysonLisaLaufeyson Colonna
    modificato 28 March Pubblicazioni: 1,460
    Intanto potreste cominciare nel vostro piccolo.
    Per esempio perché gli è permesso giocare con un videogioco mentre si pranza?
    Ci dovrebbero essere delle regole ben definite da applicare con continuità, anche solo per il tempo che passa con voi.
    Anche se all'inizio non sarà facile fargliele seguire.
    A me sembra davvero un bimbo senza punti di riferimento che cerca nell'immaginario quello che non trova nel reale.
    È una forma di autodifesa..
    vera68riot
    Post edited by LisaLaufeyson on
  • MelodyMemyMelodyMemy Neofita
    modificato 29 March Pubblicazioni: 5
    LisaLaufeyson ha detto:

    Intanto potreste cominciare nel vostro piccolo.
    Per esempio perché gli è permesso giocare con un videogioco mentre si pranza?
    Ci dovrebbero essere delle regole ben definite da applicare con continuità, anche solo per il tempo che passa con voi.
    Anche se all'inizio non sarà facile fargliele seguire.
    A me sembra davvero un bimbo senza punti di riferimento che cerca nell'immaginario quello che non trova nel reale.
    È una forma di autodifesa..



    Forse mi sono espressa male: Quando dico che lui è “nel suo personaggio” intendo dire che è assorto, come posso spiegarmi...
    Lui ė a tavola con noi, ma da solo. Cerchiamo di parlare e di giocare insieme, la piccola partecipa, lui è "fuori" in un altro mondo. Noi non abbiamo nemmeno console in casa, niente videogiochi almeno qua, ma lui vive assorto comunque nei suoi sogni, personaggi, anche in assenza di videogiochi o film, lui sta sempre così.
    Come detto, non abbiamo videogiochi e se qualche volta capita di guardare un film, un cartone magari con la piccola (Sempre qualcosa di accessibile per bambini) lui un po’ li segue, ma poi tira fuori quello che ha in testa, non si concentra sui disegni che gli facciamo fare, gli facciamo fare esercizi sulle lettere dell’alfabeto - visto che a settembre andrà in prima elementare -, ma è goffo e non riesce a scrivere, poi si distrae e ricomincia a parlare di personaggi, una volta Super Mario, una volta Minecraft... È sempre così.

    ---

    LisaLaufeyson ha detto:

    Intanto potreste cominciare nel vostro piccolo.
    Per esempio perché gli è permesso giocare con un videogioco mentre si pranza?
    Ci dovrebbero essere delle regole ben definite da applicare con continuità, anche solo per il tempo che passa con voi.
    Anche se all'inizio non sarà facile fargliele seguire.
    A me sembra davvero un bimbo senza punti di riferimento che cerca nell'immaginario quello che non trova nel reale.
    È una forma di autodifesa..

    Pensa che addirittura (Non conoscendo praticamente nulla di videogiochi) mi sono dovuta andare ad informare per capire il linguaggio in cui mi parlava perché all’inizio brancolavamo proprio nel nulla, sia io che mio marito, e non capivamo cosa dicesse quando ci raccontava delle cose. Ogni volta che lo vediamo, appena tira fuori qualcosa che non conosco, spero sempre che ci stia raccontando qualcosa che ha fatto a scuola, invece se vado su google trovo puntualmente qualcosa a proposito di qualche film o videogioco.
    Post edited by Sniper_Ops on
  • FelipeFelipe Membro Pro
    Pubblicazioni: 161

    C'è una comobordita con lo spettro autistico.
  • modificato 28 March Pubblicazioni: 112
    Credo che quel bambino usi i videogiochi come un ponte per stabilire un contatto nei confronti di una realtà circostante, comprese le vostre presenze umane, che non riece a comprendere.
    Per lui i videogiochi sono una certezza, forse l'unica attualmente, e quindi tende a ricondurre tutto a quello.

    Per esperienza personale posso dirti che sei hai una vita interiore molto densa, fuori dall'ordinario (come nel mio caso) è difficile poi riuscire a conciliare l'interiorità con il mondo circostante per il semplice fatto che non ti rimangono energie sufficienti per gestiere i due mondi: quello interiore e quello esteriore. E tutto ciò è ancora più difficile quando sei un bambino che non sa nulla del mondo né di se stesso.

    Forse questo bambino ha una capacità di visualizzazione interiore molto elevata che ovviamente non riesce ancora a gestitre, e ciò lo assorbe completamente.

    I videogiochi in sé non significano nulla sono solo una forma esteriore che catalizza l'attezione (invece dei videogiochi potevano esserci libri o film o qualasiai altra cosa, nel mio caso tutti e tre) e comunque la passione per i videogiochi, così come il mio perdermi nei miei mondi interiori, non mi ha impedito di terminare il liceo né di laurearmi.

    Di certo un tale bambino merità un'attenzione superiore alla media, e con il vostro affetto e l'aiuto di uno specialista adatto sono certo che avrà un bellissimo futuro.
    BlunottePimpirina
    Post edited by ilsensodellombra on

    1,0 e √-1


  • vera68vera68 Pilastro
    Pubblicazioni: 2,102
    È un bambino estremamente solo, credo.
    Cosa succederebbe se provaste ad entrare nel suo mondo in punta di piedi, a seguire i suoi personaggi finché lui non si accorga che c'è qualcuno di reale che è interessato a condividere con lui il suo mondo?
    Ci può volere del tempo e tanta tanta pazienza

    Quando la frustrazione di non vedere ascoltati i propri bisogni è troppo alta, purtroppo le fantasticherie capitano, sono fughe dalla realtà che bisogna prendere in maniera seria.
    Ha già cominciato la scuola?

  • MelodyMemyMelodyMemy Neofita
    modificato 29 March Pubblicazioni: 5
    Avevo scritto un messaggio lunghissimo e mi ha cancellato tutto!

    Credo che quel bambino usi i videogiochi come un ponte per stabilire un contatto nei confronti di una realtà circostante, comprese le vostre presenze umane, che non riece a comprendere.

    Per lui i videogiochi sono una certezza, forse l'unica attualmente, e quindi tende a ricondurre tutto a quello.

    Per esperienza personale posso dirti che sei hai una vita interiore molto densa, fuori dall'ordinario (come nel mio caso) è difficile poi riuscire a conciliare l'interiorità con il mondo circostante per il semplice fatto che non ti rimangono energie sufficienti per gestiere i due mondi: quello interiore e quello esteriore. E tutto ciò è ancora più difficile quando sei un bambino che non sa nulla del mondo né di se stesso.

    Forse questo bambino ha una capacità di visualizzazione interiore molto elevata che ovviamente non riesce ancora a gestitre, e ciò lo assorbe completamente.

    I videogiochi in sé non significano nulla sono solo una forma esteriore che catalizza l'attezione (invece dei videogiochi potevano esserci libri o film o qualasiai altra cosa, nel mio caso tutti e tre) e comunque la passione per i videogiochi, così come il mio perdermi nei miei mondi interiori, non mi ha impedito di terminare il liceo né di laurearmi.

    Di certo un tale bambino merità un'attenzione superiore alla media, e con il vostro affetto e l'aiuto di uno specialista adatto sono certo che avrà un bellissimo futuro.


    Mi auguro di cuore di avere la possibilità di farlo seguire, purtroppo io non ho potere decisionale in merito, lui vive di fantasia, ma tanta... Ed ho sinceramente paura.

    Felipe ha detto:


    C'è una comobordita con lo spettro autistico.


    Ciao Felipe, non ne avevo mai sentito parlare, ma mi informerò prima possibile perché, anche se ci sono moltissime altre peculiarità che qui non sono menzionate relativamente al vivere completamente assorto nelle sue storie, direi che la scheda gli calza a pennello! Grazie mille, mi hai illuminato!

    vera68 ha detto:

    È un bambino estremamente solo, credo.
    Cosa succederebbe se provaste ad entrare nel suo mondo in punta di piedi, a seguire i suoi personaggi finché lui non si accorga che c'è qualcuno di reale che è interessato a condividere con lui il suo mondo?
    Ci può volere del tempo e tanta tanta pazienza

    Quando la frustrazione di non vedere ascoltati i propri bisogni è troppo alta, purtroppo le fantasticherie capitano, sono fughe dalla realtà che bisogna prendere in maniera seria.
    Ha già cominciato la scuola?

    Ciao Vera, io ci entro spesso nel suo mondo (Almeno provo) a tal punto che sono tra le poche in famiglia ad aver guadagnato stima e fiducia da parte sua. Il problema è che entrare significa perdersi in un loop temporale da cui non si riesce MAI a uscire, né gradualmente, né bruscamente, lui semplicemente vive in quel mondo e nel mentre vive la vita reale: Gioca in mezzo ai bambini, ma se guardi bene la scena ti accorgi che in realtà sta giocando da solo. Non immagini quante volte al parco giochi mi è capitato (Prima della quarantena ovviamente) di scoprire che i bambini all’inizio lo coinvolgono nei giochi, ma poi ascoltandoli bene parlano di una cosa, mentre lui in realtà sta lì a giocare da solo e parla di altro.
    MononokeHimedamy
    Post edited by Sniper_Ops on
  • vera68vera68 Pilastro
    Pubblicazioni: 2,102
    Brava @MelodyMemy. Se hai ottenuto la sua fiducia è un'ottima cosa. Sei un aggancio.

    Uno sguardo di una persona competente non sarebbe male, solo per qualche dritta.
    Capisco la difficoltà però.
    Va a scuola?
    Magari una indicazione a un consulto da parte della scuola, potrebbe aiutare, diventa un ente "super partes" che spinge per un consulto e non siete voi.
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online