Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Meglio dimenticarsi di essere "aspie"?

MinolloMinollo Veterano Pro
Sia la mia psicologa che i miei genitori dicono che è meglio per me "dimenticarmi" di essere "aspie", non incaponirmi su questa cosa (questo discorso con i miei è uscito fuori proprio oggi che avevo detto che mi piacerebbe -appena riapriranno le librerie- comprarmi il libro "Eccentrico" di Acanfora). Però c'è il fatto che i miei momenti di insicurezza o le mie "papere" me lo ricordano lo stesso.

Secondo voi che devo fare? qual è la strada giusta?

Commenti

  • Tima_AndroidTima_Android Pilastro
    Pubblicazioni: 3,122
    Non va dimenticato. È una consapevolezza in più!
    Raise your words, not voice. It is rain that grows flowers, not thunder.
    The Breadwinner (2017)

    Il Nostro blog: My Mad Dreams
    Le mie storie: Shiki Ryougi
  • CyranoCyrano Pilastro
    Pubblicazioni: 1,035
    Dimenticarsi di essere ciò che si è e passare la vita a prendere facciate contro i muri alzati dalla diversità delle nostre menti? No, grazie. Meglio la fatica di imparare a conoscersi e cercare di riuscire a fare una vita migliore.
    Mi stupisco della presa di posizione dello psicologo: è sicuro di avere scelto il lavoro giusto?
    SirAlphaexaTima_Android
    I portoni del mio isolamento cingono parchi di infinito… (Pessoa)
  • SirAlphaexaSirAlphaexa SymbolPilastro
    modificato 8 April Pubblicazioni: 3,377
    Più che dimenticarselo, al massimo vanno dimenticati i possibili limiti "imposti" dalla diagnosi stessa.

    Mi spiego meglio - secondo me é importante continuare a imparare dai propri errori e migliorarsi, come aumentare le proprie abilità sociali ad esempio. Una cosa che diventa difficile se trovi nella diagnosi una condanna a morte (= "Non riuscirò mai a farlo/superarlo") o una scusa, ma questo accade anche se non si ha abbastanza supporto in casa/famiglia/amici/ect.

    E per esperienza personale, é il motivo per cui gli psicologi (se non conoscono lo spettro) arrivano a chiederti di non attaccarti troppo alla diagnosi. 
    Per evitare che smetti di "crescere".
    rondinella61MinolloLupa
    Post edited by SirAlphaexa on
    "Chiedo rispetto dalle masse, sono un anticonformista nel comformismo"

  • Pubblicazioni: 112

    Per quanto mi riguarda la consapevolezza è molto importante, un passo fondamentale per conoscere se stessi, e questo vale sempre non solo nei confronti dell'autismo. 

    Tuttavia non dobbiamo nemmeno costruire una gabbia perché siamo esseri molto più complessi e sfaccettati di una diagnosi, di parole messe sopra un foglio. Per conoscere se stessi non è certo sufficiente una diagnosi, ridurre tutto a quello sarebbe un errore.

    Prendilo come un arricchimento ma non come la fine del percorso che ti induce ad esplorare la tua interiorità così come il mondo nel quale vivi, è un trampolino da cui spiccare un salto in avanti. Continuerai ad evolverti, tutto in questo universo è in perenne trasformazione e noi non facciamo eccezione.

    Minollo

    1,0 e √-1


  • DomitillaDomitilla Senatore
    Pubblicazioni: 3,037
    Arriverà il giorno in cui te lo dimentichi o meglio, diventa talmente banale, come il verde dell'erba, che non ci fai più caso.
    Ci sono varie fasi che non sto ad elencare, l'ultima (credo) è quella in cui metti in atto le tue strategie di camuffo e sopravvivenza in automatico senza sentirti male.
  • HoneyHoney Veterano
    Pubblicazioni: 256
    Non è una cosa da dimenticare...fa parte di te e basta. È una consapevolezza....certo devi vivere la tua vita normalmente e non pensare tutto il giorno al fatto che sei Aspie. Cmq non è una cosa dalla quale fuggire...vivila tranquillamente
    Minollo
  • Alexx92Alexx92 Membro
    Pubblicazioni: 17
    Ciao,
    Credo che quando ti dicono di "dimenticarti" intendano non vivere la consapevolezza come un limite ma come l'opportunità di capire meglio te stesso e chi/cosa ti circonda utilizzando queste conoscenze per prendere al meglio le tue decisioni.
    Minollo
  • Tima_AndroidTima_Android Pilastro
    Pubblicazioni: 3,122
    No, se dicono di "dimenticare" di essere asperger devono andarsene a quel bel paese laggiù.

    Non puoi dimenticare qualcosa di così importante!
    Non farne una fissa, ok.
    Non farne un limite, ok.
    Ma non dimanticare.
    Assolutamente.

    Costruiscici sopra la tua consapevolezza. E' un importante tassello in più.
    Minollo
    Raise your words, not voice. It is rain that grows flowers, not thunder.
    The Breadwinner (2017)

    Il Nostro blog: My Mad Dreams
    Le mie storie: Shiki Ryougi
  • vera68vera68 Pilastro
    Pubblicazioni: 2,102
    Prova,
    Vedi se togliendo questa opzione, qualche tuo comportamento trova qualche altra spiegazione.
    Magari certe cose hanno altre motivazioni che non sono radicate sull'essere aspie
  • riotriot Moderatore
    Pubblicazioni: 5,899
    "non incaponirti" ci può pure stare, ma "dimenticare" non si può.
    MinolloTima_Android

Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online