Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Il mio angolo di pace, distrutto - Cosa mi succede?

Buongiorno a tutti, spero stiate tutti bene.
Mi spiace trascinarmi qui ogni volta per cercare un conforto, ma so che troverò persone che non mi risponderanno come quelle che popolano la mia vita.
Mi succedono delle cose che non so spiegare, magari voi sì.

Sono qui forse anche perché amo scrivere e non riesco mai a parlare. Quando mi chiama la mia psicologa riesco a dire solamente "sono stanca, mi sento parecchio giù" ma non riesco a descrivere il mare di frustrazione che mi pervade. Se appena appena riesco ad avere un tono di voce leggermente più incrinato, mi viene risposto "beh ma è una situazione così per tutti, magari prova a fare qualche attività manuale!" (attività che non è che mi interessi molto).

Purtroppo non mi sento capita.
Non è la quarantena in problema, ma quello che ha portato.

Mi ero creata un angolo sicuro che era casa mia. Qui, da dove scrivo adesso, nessuno poteva scalfirmi, qui nessuno poteva minacciarmi. Quando dovevo uscire o andare al lavoro mi vestivo, indossavo la mia armatura e la mia maschera e varcavo la soglia di casa, sapendo che là fuori c'era l'inferno. Uscendo io ero sicura di dover combattere, di dover affrontare cose spiacevoli per le quali sarei stata enormemente male, ma avrei pur sempre fatto ritorno al mio nido dove potevo chiudere fuori tutto e tutti.
Adesso non è più così, adesso ho un maledetto telefono aziendale che devo tenere sempre acceso. Ho il maledetto lavoro da casa, quindi tutto quello che prima c'era fuori adesso c'è in casa. Non posso nascondermi, non posso avere i miei spazi. Sono attaccata su tutti i fronti e, dio mio, sto impazzendo!
Hanno distrutto la mia routine, distruggono ogni secondo la mia vita! Non posso sopravvivere un altro mese così!!! Non sono più padrona della mia vita, spaccherei a mazzate ogni singolo apparecchio che mi connette a quella parte della mia vita. Sono totalmente inadatta al lavoro, ormai è palese.

Comunque quello che mi succede è strano, io lo chiamo "momento isteria", per ridere.
Solitamente inizia tutto quando vengo disturbata nel mio piano d'azione, sia da un cambiamento repentino che da un insulto/richiamo che mi fanno dal lavoro.
Questo mese sono stata chiamata "autistica" dal mio datore di lavoro perché continuavo a sbagliare una cosa e non trovavo una soluzione in autonomia (loro naturalmente non sanno niente di me). Ovviamente quando succedono queste cose è come se il mio cervello va in sovraccarico e non riesco più a pensare ad altro se non al fatto che sono totalmente inerme. La maggior parte delle volte è come se due parti di me stessero lottando affinché una non distrugga tutto urlando, ma l'altra fatica a tal punto dal bloccare la prima che finisce per lasciarmi totalmente inerme per svariato tempo, incapace di sbloccare la situazione a mio vantaggio. Questo si traduce ovviamente in una grossa perdita di tempo sul lavoro che viene vista come pigrizia quando mando il report a fine giornata. Io non posso di certo parlare di tutto questo, posso solo dire che il non saper fare qualcosa mi ha rallentata e quindi mi becco un ulteriore discorsetto su quanto sia stupida, lenta, pigra.
L'ultima volta è successo martedì, mi è stato chiesto per l'ennesima volta di fare qualcosa che non sapevo fare e al mio ennesimo errore è partito l'insulto e io mi sono trovata a fissare lo schermo del pc con la testa fra le mani e mia madre che tentava di parlarmi di altro facendomi montare ancora di più il nervoso e il senso di colpa (perché non voglio trattarla male, lei non c'entra).
È come se io mi sentissi un alieno sulla terra, troppo intelligente per poter andare d'accordo con gli altri esseri umani qui, però al contempo ci sono delle cose che mi sfuggono che non riesco a fare (mentre tutti gli altri pare di sì) e questo getta una miriade di dubbi sulle mie convinzioni. Quindi sono davvero così ritardata? Eppure perché la maggior parte delle volte io arrivo a capire cose che gli altri non capiscono? Perché quando gli altri sono al punto B io sono già al punto P di una linea di pensiero che parte da A e arriva a Z?
Cosa posso fare? Io non avevo momenti isteria da un po', da quando siamo in quarantena ne ho almeno 4/5 a settimana. Sono stremata.
BlunotteNemoleila_Lilith_GiulorSoylentGreen
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online