Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Solitudine, "blocco" nella socialità

Da poco prima della quarantena ho interrotto il consumo di stupefacenti, è stato divertente perchè tutti si dannavano alla ricerca delle spezie mentre io ne tenevo un sacco senza consumare ne cedere o vendere.
Non è male essere puliti e penso che rimarrò cosí, il problema è che le mie relazioni sociali degli ultimi credo 10 anni vertevano attorno al consumo di sostanze, in alcuni casi persone con cui consumavo laddroga (quando ero piú giovane era alcool), negli altri casi avevo bisogno di essere sotto effetto (o in psicosi) per tirare fuori il lato sociale. Ci sono poi gli amici storici, quasi tutti andati a vivere lontano mentre qualcuno lo incontro sporadicamente, e infine una ragazza che mi ha fatto buttare del gran tempo per anni e forse grazie al fatto che ho una mente piú lucida sono riuscito a levarmela dalla testa, mentre lei non mi punzecchia sul vederci perchè tanto da qualche mese ha la password del mio Netflix.
Solo che quella stessa ragazza riempiva quasi tutte le mie giornate.
In versione non drogatissima emergono maggiormente i miei impedimenti, e sono anche una persona abbastanza antipatica e fastidiosa, ma non ho voglia di tornare in versione drogatissima.
Sto patendo molto la solitudine, non so come risolvere, non sapendo mantenere impegni non saprei nemmeno iscrivermi a corsi di cose a caso, non essendo molto per l'interazione nemmeno a forum tematici su qualcosa che mi appassioni.
david

Commenti

  • vera68vera68 Pilastro
    modificato 1 July Pubblicazioni: 2,325
    Ciao @AspiettaEspera
    Io sono sempre affascinata dalle cose che scrivi. Hai una lucidità davvero fuori dal comune.
    Io non credo che tu non sappia mantenere impegni, (il tuo atteggiamento in quarantena parla da solo), io penso che tu non abbia interesse a mantenere degli impegni "tanto per fare" , a socializzare "tanto per... "
    Io penso che tu abbia una mente molto molto fine e vivace e che per questo tu non possa trovarti con tutti.
    Non si tratta di essere snob-mentali, spero di spiegarmi bene, dovresti trovare persone come te, con la stessa vivacità intellettiva e cognitiva.
    Gli sherpa stanno benissimo in quota, mandali in vacanza alle Maldive e sarà una tortura, non potranno essere se stessi
    Post edited by vera68 on
  • Pubblicazioni: 29
    Non assumere nulla non lo vedrei come un impegno, escluso il tabagismo ho sviluppato solo brevi dipendenze e le ho recise rapidamente, quindi il mio uso di sostanze è ricreativo e ciò rende semplice interrompere.

    Forse gli impegni "tanto per" non mi stimolano abbastanza, ma oltre un certo livello di stimoli fuggo.

    Le persone con cui ho costruito legami nella mia vita sono effettivamente esemplari unici, il problema sta un po' qui, si affievolisce il contatto con persone che sono creeciute e stanno vivendo la loro vita, mentre la mia è in stand-by.

    Mi basta guardarmi intorno per vedere che non sto avendo una vita: vedo la casa di mia madre, non ho fatto molti progressi e non riesco nemmeno a immaginarmi nel farli.

    Sono andato off topic
  • vera68vera68 Pilastro
    Pubblicazioni: 2,325
    Forse più che o.t. .... È il tuo umore che è molto giù, ma tu sai che è ciclico. Portalo a tuo vantaggio, come hai già fatto altre volte.
    Ciò che ti sto per dire, lo dico solo perché a me aiuta nei momenti giù
    Mi dico che è una fase, poi passerà e starò meglio.
    Se riesci distraiti con qualcosa che ti assorba le energie mentali. Un compito che ti impegni l'attenzione.
    A me aiuta
  • Pubblicazioni: 29
    Mi sto dedicando a un corso di inglese, offerto dal lavoro durante la quarantena, saltuariamente perchè ho già superato l'obiettivo di 6 mesi nelle prime tre settimane, lo trovo carino ma un po' banale/grossolano, ho la sensazione di non stare imparando nulla
  • Pubblicazioni: 29
    Ho eliminato social e app di messaggistica, mi sono rotto le palle di gente che viene a cercarmi approfittando del fatto che so procurarmi droghe di ottima fattura, che non so dire di no e che odiando il concetto di spaccio non applico alcun rincaro arrivando anzi a rimetterci spesso e volentieri
  • daviddavid Veterano Pro
    Pubblicazioni: 629
    Ciao,
    lo stesso è successo a me! ho smesso un trascorso iniziato a 12 anni tra varie esperienze malsane tra cui la detenzione: amici, impegni e motivazioni destinati ad un'unico interesse speciale, il resto era un contorno.  Poi durante un percorso psichiatrico, resosi necessario perché la cura autonoma non funzionava più, ho smesso anche di fumare. Il risultato? "non ho voglia di esprimervi, non di aver voglia di parlare: di esprimervi, proprio. Di manifestare sentimenti, gusti, attitudini, modi di vedere la vita. 
    Intendiamoci, non sono depresso, almeno non al momento. Non mi chiudo in casa, non cammino per ore a vanvera, non guido senza meta, non rovino le cene di chi m'invita, dormo abbastanza regolarmente, non mi drogo, non fumo e bevo con moderazione.
    E non è nemmeno che non trovi interessante quello che avrei da dire. E' proprio che non mi va di fare la fatica di cercare una forma per rendere il mio pensiero condivisibile. Arrivare agli altri mi costa, ecco.
    Ma in privato produco un sacco di materiale che potrebbe persino sembrare intelligente. Delle volte, anzi mi sorprendo di certe intuizioni che mi vengono anche soltanto camminando per strada o rubacchiando frammenti di discorsi della gente che mi passa accanto".
    Quello che dico vale sempre e con tutti anche con Voi del Forum, infatti tutto ciò che sopra è scritto fra "virgolette" è tratto dal libro: Mia suocera beve, di Diego De Silva, ma descrive esattamente come la penso. 
    Coraggio @AspiettaEspera  , sei un Guerriero!
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online