Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

In cerca di aiuto per la mia piccola

Antonella87Antonella87 Neofita
Sono mamma di una bimba di 2 anni esatti. Circa dai suoi 18 mesi mi sono accorta che qualcosa non andava, ma solo all'inizio di giugno siamo riusciti ad incontrare una neuropsichiatra la quale ci ha indirizzato in un centro convenzionato con l'Asl che tratta solo disturbi dello spettro autistico. La mia bimba fa solo un'ora di psicomotricità in presenza anche di un'educatrice ma ancora non abbiamo una diagnosi, ovviamente vogliono osservarla o semplicemente è piccola per fare una diagnosi. La mia bimba non esegue semplici comandi vocali, ma ad esempio se le indico le scarpe e le vede corre a prenderle per indossarle, si gira raramente quando viene chiamata e dice al momento solo mamma anche se non troppo bene. Alcune volte ha detto alcune paroline ( come dei numeri, acqua, no) ma non le mantiene. Mangia tutto e dorme bene. Spesso strizza gli occhi e a volte si incanta a guardare la porta di ingresso. Siamo molto preoccupati vorrei fare l'impossibile per non arrivare ad una diagnosi e sentire mia figlia parlare a più non posso. Cosa mi consigliate, con l'ora di psicomotricità le terapiste vogliono aumentare l'attenzione condivisa, non mantiene lo sguardo. Dateci dei consigli. Il centro in cui ci troviamo attua il metodo floor per i bimbi con diagnosi dello spettro. Ho sentito parlare anche di psicanalisi infantile per far rientrare questi bimbi da questa deviazione, cosa ne pensate? Inoltre volevo dirvi che viviamo lontani dai nostri affetti( nonni, zii) per motivi lavorativi e negli ultimi 2 anni abbiamo fatto diversi traslochi ma da novembre abbiamo comprato casa e finalmente ci siamo fermati, per tutto questo trambusto la neuropsichiatra non ha escluso la possibilità di una depressione a causa di tutti questi spostamenti. Ringrazio tutti e spero di aver scritto nel posto giusto
Post edited by riot on
«13

Commenti

  • chiocciolinachiocciolina Veterano
    Pubblicazioni: 353
    Ciao Antonella benvenuta,sono la mamma di un bambino che a fine agosto compirà 4 anni e che a 2 anni ha avuto diagnosi di spettro autistico di grado lieve -moderato.
    Se hai bisogno di chiedere sono qua.
    Da ciò che scrivi percepisco un po' di confusione da parte tua sul da farsi.
    Al momento la bambina è davvero piccola e tutto può accadere,un po' di osservazione accompagnata da stimoli positivi le farà sicuramente bene.
  • Antonella87Antonella87 Neofita
    Pubblicazioni: 10
    chiocciolina ha detto:

    Ciao Antonella benvenuta,sono la mamma di un bambino che a fine agosto compirà 4 anni e che a 2 anni ha avuto diagnosi di spettro autistico di grado lieve -moderato.
    Se hai bisogno di chiedere sono qua.
    Da ciò che scrivi percepisco un po' di confusione da parte tua sul da farsi.
    Al momento la bambina è davvero piccola e tutto può accadere,un po' di osservazione accompagnata da stimoli positivi le farà sicuramente bene.

    Mi chiedo se un'ora a settimana di psicomotricità è sufficiente, se possiamo fare di più. Al momento non è stata fatta nessuna diagnosi, ma è passato solo un mese. Come possiamo aiutarla? Sicuramente siamo confusi, mi chiedo continuamente che vita avrà, se parlerà, se avrà una vita autonoma e indipendente, ho mille domande ma la neuropsichiatra al momento non ha saputo darmi molte risposte.
    Tu che strada hai preso per il tuo bambino?

  • chiocciolinachiocciolina Veterano
    Pubblicazioni: 353
    Antonella le domande che ti poni sono le stesse che noi tutti genitori ci poniamo in questo forum.
    Ogni caso è a se innanzitutto.
    Probabilmente mio figlio presentava dei sintomi più marcati in quanto già a 2 anni abbiamo avuto una prima diagnosi di spettro.
    È stato valutato da un Neuropsichiatria infantile accreditato presso una struttura ospedaliera della mia zona.
    Da lì siamo partiti con 4 ore di ABA a settimana che poi sono diventate 6.
    Poi abbiamo aggiunto ai tre anni compiuti logopedia.
    Attualmente fa 4:30 di ABA che io ho voluto un pochino ridurre ,2 di logopedia e un'ora di psicomotricità.
    Pensa che comunque il lavoro più grosso lo facciamo noi genitori,stimolandolo il più possibile.
    Credo che all'Asl dove ti sei rivolta vogliono aspettare la crescita della bambina perché è piccola e potrebbe essere nulla.
    Anche perché a parte un ritardo del linguaggio non mi sembra presenti sintomi significativi tali da destare molta preoccupazione.
    Mare
  • adiadi Membro Pro
    Pubblicazioni: 167
    Ciao Antonella , hai parlato con la npi se una volta di psicomotricita può bastare ? Se non erro chi soltimanete fa DIR FLOOR o DENVER soltimanete sono contro alle tante ore che per esempio propongono all ABA. Quindi Si , ti dirano sempre di fare 1 o 2 ore a settimana anche perché davvero è molto piccola .
    Su questo non posso darti consigli perche io stessa oggi sono molto confusa . Anche a noi non hanno saputo quantificare le ore di qui il mio bambino di 3 anni ha bisogno ...alla fine sto facendo di testa mia monitorando sempre con la psicologa che non sia troppo.
    Noi abbiamo iniziato a due anni con solo due ore di terapia Esdm e mi facevano partecipare anche me . A queste due ore si affiancava una di parent training dove mi venivano date dei consigli su come fare . Concordo che il ruolo più importante è della famiglia .
    Il mio bambino ancora ha una diagnosi di rischio ...la rivalutazione è stata rimandata a settembre/ottobre per il covid .
  • gufomatto79gufomatto79 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 693
    @Antonella87 piacere di averti qui. Mamma di una bimba di 6 anni nello spettro. Anche io ti consiglio come @chiocciolina di stimolare la bimba a casa e purtroppo solo il tempo ti dirà se si tratta di un momento di stop o altro. Tu cerca di stare con lei il più serenamente possibile. L'approccio che seguono è di tipo relazionale e molto adatto per bimbi piccoli come la tua. So che di fronte alla paura noi genitori ci diamo la colpa di tutto ma mi sento solo di consigliarti di non pensare agli spostamenti che avete fatto e alla psicanalisi. Cerca di non pretendere che parli ad ogni costo e non le fare discorsi lunghi e complicati. Poche parole, tanto contatto e tante espressioni del viso. Se ha difficoltà con il verbale, falle vedere come si fa tu con la pratica e vedrai che ti capirà meglio.
  • Antonella87Antonella87 Neofita
    Pubblicazioni: 10
    adi ha detto:

    Ciao Antonella , hai parlato con la npi se una volta di psicomotricita può bastare ? Se non erro chi soltimanete fa DIR FLOOR o DENVER soltimanete sono contro alle tante ore che per esempio propongono all ABA. Quindi Si , ti dirano sempre di fare 1 o 2 ore a settimana anche perché davvero è molto piccola .
    Su questo non posso darti consigli perche io stessa oggi sono molto confusa . Anche a noi non hanno saputo quantificare le ore di qui il mio bambino di 3 anni ha bisogno ...alla fine sto facendo di testa mia monitorando sempre con la psicologa che non sia troppo.
    Noi abbiamo iniziato a due anni con solo due ore di terapia Esdm e mi facevano partecipare anche me . A queste due ore si affiancava una di parent training dove mi venivano date dei consigli su come fare . Concordo che il ruolo più importante è della famiglia .
    Il mio bambino ancora ha una diagnosi di rischio ...la rivalutazione è stata rimandata a settembre/ottobre per il covid .

    Inizialmente ho chiesto alla npi se dovevo fare anche psicomotricità privatamente ma lei mi rispose di no. Vorrei fare mille cose ma forse la strada migliore è quella di restare serena il più possibile. È trascorso un mesetto e la npi non ci ha ancora chiamati per un altro colloquio ma credo sia normale
  • Antonella87Antonella87 Neofita
    Pubblicazioni: 10
    gufomatto79 ha detto:

    @Antonella87 piacere di averti qui. Mamma di una bimba di 6 anni nello spettro. Anche io ti consiglio come @chiocciolina di stimolare la bimba a casa e purtroppo solo il tempo ti dirà se si tratta di un momento di stop o altro. Tu cerca di stare con lei il più serenamente possibile. L'approccio che seguono è di tipo relazionale e molto adatto per bimbi piccoli come la tua. So che di fronte alla paura noi genitori ci diamo la colpa di tutto ma mi sento solo di consigliarti di non pensare agli spostamenti che avete fatto e alla psicanalisi. Cerca di non pretendere che parli ad ogni costo e non le fare discorsi lunghi e complicati. Poche parole, tanto contatto e tante espressioni del viso. Se ha difficoltà con il verbale, falle vedere come si fa tu con la pratica e vedrai che ti capirà meglio.

    È così difficile, per noi è tutto nuovo e quello che faccio non sembra mai abbastanza. So che dovrei stare solo serena e tranquilla ma è davvero difficile al momento. Spesso mi imita nelle cose che faccio e mi rende molto felice, tipo nel tagliare verdure, lavare denti o altre cose giornaliere
    Grazie mille
  • chiocciolinachiocciolina Veterano
    Pubblicazioni: 353
    Antonella87 ha detto:

    gufomatto79 ha detto:

    @Antonella87 piacere di averti qui. Mamma di una bimba di 6 anni nello spettro. Anche io ti consiglio come @chiocciolina di stimolare la bimba a casa e purtroppo solo il tempo ti dirà se si tratta di un momento di stop o altro. Tu cerca di stare con lei il più serenamente possibile. L'approccio che seguono è di tipo relazionale e molto adatto per bimbi piccoli come la tua. So che di fronte alla paura noi genitori ci diamo la colpa di tutto ma mi sento solo di consigliarti di non pensare agli spostamenti che avete fatto e alla psicanalisi. Cerca di non pretendere che parli ad ogni costo e non le fare discorsi lunghi e complicati. Poche parole, tanto contatto e tante espressioni del viso. Se ha difficoltà con il verbale, falle vedere come si fa tu con la pratica e vedrai che ti capirà meglio.

    È così difficile, per noi è tutto nuovo e quello che faccio non sembra mai abbastanza. So che dovrei stare solo serena e tranquilla ma è davvero difficile al momento. Spesso mi imita nelle cose che faccio e mi rende molto felice, tipo nel tagliare verdure, lavare denti o altre cose giornaliere
    Grazie mille
    Questo è già un ottimo punto di partenza!
    Davvero cerca di essere obiettiva il più possibile,le difficoltà si superano un passo alla volta.

    gufomatto79
  • SmeagolSmeagol Membro Pro
    Pubblicazioni: 155
    Ciao! Sicuramente non è facile capire a questa età, tanto più che effettivamente ha vissuto dei momenti stressanti anche se magari apparentemente Non ha mostrato grandi disagi.
    Sicuramente ora che vi siete stabilizzati, anche lei si ambienterà definitivamente.
    Detto questo un’ora a settimana mi pare poco nel senso che se magari potevi integrare con l’asilo o a casa ha un suo senso sennò credo sia molto relativo. Per prendere lo sguardo ci vuole un po’ più di tempo di un’ora a settimana e con 2 terapiste insieme. Non è un esercizio, infatti non capisco poi queste due figure insieme se siano solo di osservazione o cosa altro.
    Sopratutto non mi è chiaro che ti ha detto la npi (non dico diagnosi ma quale sospetto almeno) al di là in quale centro convenzionato vi ha direzionati..
    Avete fatto esami di routine audiometrica e oculistica, per esseri sicuri? Sembreranno scontati, ma molte volte sentire o vedere poco, fa la differenza tanto più che strizza gli occhietti...

    Il mio consiglio è in ogni caso di integrare i vostri interventi a casa, con giochi ed attività (dal pasto al cambio, alla nanna) per catturare lo sguardo e altre cose. Giochi di psicomotricità e non solo.
    Ed anche per incentivare il Linguaggio...
    Ed in più ti imita è un grandissimo strumento di apprendimento e quindi puoi sfruttare questo ancora di più, però certo dovresti essere un po’ più indirizzata per capire dove è come intervenire...

    Il mio non era minimamente verbale (nemmeno suoni emetteva a 20 mesi) ora a 2anni e mezzo solo attraverso i ‘giochi a casa’ ha ripreso a lallare, fare versi e suoni. Ed abbiamo potuto richiedere la logopedia che prima ci avevano negato.

    @adi non so del modello dirfloor (ma non credo sia molto diverso) ma posso dirti del Denver che abbiamo seguito più intensamente nel mesi scorsi, ma che ora è come se fosse assimilato...
    non è assolutamente vero che sono contro alle tante ore anzi: il criterio di coinvolgere il genitore o familiari è per estendere l’approccio tutto il giorno, in qualsiasi contesto (scuola, parco, ecc). Essendo indirizzato ai bambini più piccoli si favorisce l’intervento nell’ambiente familiare, a volte intervenendo anche sulla disposizione dei mobili ecc. Ad esempio per prendere lo sguardo il momento del cambio è più favorevole :) Piuttosto che in 40 minuti in una stanza sconosciuta.
    È molto meno strutturato rispetto all’aba ma per molti versi ha le stesse linee... Io ormai lo definisco il fratello minore dell’aba..
    forse è più corretto dire: non ore consecutive, ma ore sparse nell’arco della giornata (5 minuti qua, 10 minuti di la e alla fine della giornata magari per 2 o più ore al giorno di “terapia” le facevo ed ecco che a settimana si arriva a 10!)

  • Antonella87Antonella87 Neofita
    Pubblicazioni: 10
    Smeagol ha detto:

    Ciao! Sicuramente non è facile capire a questa età, tanto più che effettivamente ha vissuto dei momenti stressanti anche se magari apparentemente Non ha mostrato grandi disagi.
    Sicuramente ora che vi siete stabilizzati, anche lei si ambienterà definitivamente.
    Detto questo un’ora a settimana mi pare poco nel senso che se magari potevi integrare con l’asilo o a casa ha un suo senso sennò credo sia molto relativo. Per prendere lo sguardo ci vuole un po’ più di tempo di un’ora a settimana e con 2 terapiste insieme. Non è un esercizio, infatti non capisco poi queste due figure insieme se siano solo di osservazione o cosa altro.
    Sopratutto non mi è chiaro che ti ha detto la npi (non dico diagnosi ma quale sospetto almeno) al di là in quale centro convenzionato vi ha direzionati..
    Avete fatto esami di routine audiometrica e oculistica, per esseri sicuri? Sembreranno scontati, ma molte volte sentire o vedere poco, fa la differenza tanto più che strizza gli occhietti...

    Il mio consiglio è in ogni caso di integrare i vostri interventi a casa, con giochi ed attività (dal pasto al cambio, alla nanna) per catturare lo sguardo e altre cose. Giochi di psicomotricità e non solo.
    Ed anche per incentivare il Linguaggio...
    Ed in più ti imita è un grandissimo strumento di apprendimento e quindi puoi sfruttare questo ancora di più, però certo dovresti essere un po’ più indirizzata per capire dove è come intervenire...

    Il mio non era minimamente verbale (nemmeno suoni emetteva a 20 mesi) ora a 2anni e mezzo solo attraverso i ‘giochi a casa’ ha ripreso a lallare, fare versi e suoni. Ed abbiamo potuto richiedere la logopedia che prima ci avevano negato.

    @adi non so del modello dirfloor (ma non credo sia molto diverso) ma posso dirti del Denver che abbiamo seguito più intensamente nel mesi scorsi, ma che ora è come se fosse assimilato...
    non è assolutamente vero che sono contro alle tante ore anzi: il criterio di coinvolgere il genitore o familiari è per estendere l’approccio tutto il giorno, in qualsiasi contesto (scuola, parco, ecc). Essendo indirizzato ai bambini più piccoli si favorisce l’intervento nell’ambiente familiare, a volte intervenendo anche sulla disposizione dei mobili ecc. Ad esempio per prendere lo sguardo il momento del cambio è più favorevole :) Piuttosto che in 40 minuti in una stanza sconosciuta.
    È molto meno strutturato rispetto all’aba ma per molti versi ha le stesse linee... Io ormai lo definisco il fratello minore dell’aba..
    forse è più corretto dire: non ore consecutive, ma ore sparse nell’arco della giornata (5 minuti qua, 10 minuti di la e alla fine della giornata magari per 2 o più ore al giorno di “terapia” le facevo ed ecco che a settimana si arriva a 10!)

    La npi ci ha dato due ipotesi, o depressione o disturbo dello spettro autistico e ci ha detto che la bambina non mantiene il contatto visiva e manca di sguardo triangolare. Abbiamo fatto l'audiometria condizionata infantile e la bimba ci sente, il controllo della vista non è stato fatto. Durante la terapia sono sempre presente io o mio marito ci hanno detto di aumentare il gioco simbolico a casa e di portare sempre gli oggetti vicino al viso e darli a lei dopo che ci ha guardato negli occhi. Sono queste le indicazioni che ci hanno dato, la mia bimba fa tanti versi e chiama mamma, è affettuosa ma solo con me e il padre, a settembre dovrebbe andare al nido speriamo bene. Io vorrei fare psicomotricità anche privatamente ma devo parlarne prima con la npi
    . Grazie mille per avermi risposto
    Smeagol
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online