Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Il mio ragazzo Aspie

Ciao a tutti, è il mio primo post qui, vi prego siate buoni con me, spero di aver inserito la discussione nella categoria corretta. Sono una ragazza si 23 anni, il mio fidanzato ne ha 29 ed è un Aspie. La nostra relazione è buona, ci siamo incontrati per degli interessi comuni e ci siamo innamorati ormai due anni fa. Ciò non vuol dire che sia sempre semplice, mi sono trovata più volte a provare estrema frustazione per delle discussioni. Il classico "ma mettiti nei mei panni" ha generato non pochi problemi. Spesso ho dovuto ricominciare da capo dei discorsi perchè mi rendevo conto che esplicare il problema dal solo punto di vista emotivo non ci faceva arrivare da nessuna parte ed ho imparato a spiegarmi in termini che siano razionali e chiari. Il mio ragazzo sin da piccolo ha imparato, studiandolo a fondo e leggendo molto, a comunicare con gli altri in situazioni sociali, infatti riesce bene, al massimo viene percepito come strano. Io non lo forzo a passare del tempo in posti in cui non si sente a suo agio, ossia spazi affollati o con il mio gruppo di amici, perchè odia stare tra la troppe persone e simili. Arrivo al punto, in questo momento la nostra situazione è complessa. Lui a causa di un brutto periodo, problemi sul lavoro, si è chiuso sempre di più e si è del tutto rintanato in casa. Non vuole uscire, rifiuta il contatto umano, sta bene solo a casa sua dedicandosi alla lettura di cose che lo appassionano. Spesso è stato ferito dalle persone a cui teneva ed ora dice di non volerci più provare, per lui le relazioni sociali sono estremamente faticose e spesso frustranti. Io rispetto i suoi bisogni ma vorrei davvero aiutarlo, avreste dei consigli per cercare di "stanarlo", ovviamente senza forzarlo, da casa sua? Come posso aiutarlo a non rifiutare in toto gli esseri umani?

Commenti

  • DomitillaDomitilla Senatore
    Pubblicazioni: 3,055
    Se si è indeprimito dovrebbe vedere un medico, tu purtroppo puoi fare ben poco (appunto suggerigli un aiuto esterno)
  • FocaFoca Neofita
    Pubblicazioni: 3
    Domitilla ha detto:


    Domitilla ha detto:

    Se si è indeprimito dovrebbe vedere un medico, tu purtroppo puoi fare ben poco (appunto suggerigli un aiuto esterno)

    Si tratta di un medico, non è facile convincerlo, già provato.
  • DomitillaDomitilla Senatore
    Pubblicazioni: 3,055
    E allora (scusa la durezza) dovresti far chiarezza dentro di te, capire cosa vuoi.
    Tu sei la sua donna, non la sua badante e l'autismo non è una scusa per fare quello che si vuole.
    Se lui si ostina a far l'ameba e a te non va bene, lascialo e magari si sveglia oppure peggiora e finisce dal medico... in entrambi i casi secondo me è meglio che star così
  • FocaFoca Neofita
    Pubblicazioni: 3
    Vedremo cosa fare, grazie comunque
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online