Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

"L'amore nello spettro" su Netflix

Non mi sembra di aver visto altri post a riguardo; io sono capitata per caso su questa docuserie australiana visibile su Netflix, che ha come protagonisti giovani uomini e donne, single o in coppia, alle prese con il mondo delle relazioni sentimentali.

Sono arrivata alla terza puntata per cui non ho ancora un'opinione complessiva, però la trovo già molto interessante, sia per lo stile documentario che permette di evitare stereotipi e coinvolge anche famiglie e amici dei protagonisti, sia perché elimina il preconcetto che le persone nello spettro non provino sentimenti, empatia e non siano in grado di avere delle relazioni, sia - questione personale - per potermi confrontare con esempi di donne nello spettro.

Voi lo avete visto? Come vi è sembrato?
riot
"Siamo tutti in un fosso, ma alcuni di noi guardano le stelle" - Oscar Wilde -
«1

Commenti

  • DreamLoopDreamLoop Membro
    Pubblicazioni: 31

    una persona che conosco me lo aveva consigliato ma ancora non ho visto nulla, da quello che dici non sembrerebbe male soprattutto se evitano stereotipi e preconcetti vari
  • AmOnlyAmOnly Membro
    Pubblicazioni: 62
    Io l'ho trovata su netflix scrivendo come parola chiave ''asperger'', però non ho avuto il coraggio di aprirla perché pensavo fosse una delle tante docuserie stereotipate sulla sindrome. Ora che ho letto il tuo post, probabile la guarderò, anche se docuserie di questo tipo non mi piacciono, preferisco vedere dei film che parlano della sindrome
  • whatsername84whatsername84 Veterano
    Pubblicazioni: 186
    Finito e devo dire che mi è piaciuto.

    @DreamLoop i protagonisti li ho trovati “veri” nonostante le telecamere e in generale persone molto tenere.

    @AmOnly dipende cosa ti aspetti. A me è piaciuto il fatto che al centro della serie non ci fosse la sindrome ma la voglia dei protagonisti con la sindrome di innamorarsi, avere una relazione, incontrare qualcuno.

    "Siamo tutti in un fosso, ma alcuni di noi guardano le stelle" - Oscar Wilde -
  • DreamLoopDreamLoop Membro
    Pubblicazioni: 31
    whatsername84 ha detto:

    A me è piaciuto il fatto che al centro della serie non ci fosse la sindrome ma la voglia dei protagonisti con la sindrome di innamorarsi, avere una relazione, incontrare qualcuno.

    Trovo molto interessante questo aspetto, quando le persone parlano della sindrome di Asperger ho avuto spesso l'impressione che la persona venga ricondotta totalmente in questo aspetto mentre è il contrario: la sindrome è una parte della persona non il tutto.
    whatsername84
  • whatsername84whatsername84 Veterano
    Pubblicazioni: 186
    DreamLoop ha detto:

    whatsername84 ha detto:

    A me è piaciuto il fatto che al centro della serie non ci fosse la sindrome ma la voglia dei protagonisti con la sindrome di innamorarsi, avere una relazione, incontrare qualcuno.

    Trovo molto interessante questo aspetto, quando le persone parlano della sindrome di Asperger ho avuto spesso l'impressione che la persona venga ricondotta totalmente in questo aspetto mentre è il contrario: la sindrome è una parte della persona non il tutto.


    Esatto, ad esempio avevo iniziato "Atypical" ma mi sono fermata quasi subito perchè mi sembrava il classico stereotipo.
    In questa serie ho apprezzato molto poter vedere le vite dei ragazzi, i loro pregi e i loro grandi sforzi e in questo si distacca molto dallo stereotipo. Sono presentati come persone che vorrebbero una vita affettiva ma hanno delle difficoltà nelle relazioni sociali e nella comunicazione.

    Credo che una serie del genere potrebbe rispondere anche a molte domande che si trovano in questo forum, come ad esempio "gli asperger si innamorano? si preoccupano degli altri?" e la risposta nel caso dei protagonisti (oltetutto non tutti asperger, alcuni parlano di spettro autistico e basta) è Sì. Ci sono due coppie innamorate e tanti ragazzi che si approcciano al mondo degli appuntamenti preoccupandosi di piacere all'altra persona, di mantenere un dialogo, di non mettere a disagio.

    In conclusione, davvero carino. Magari sono un po' più abituata a programmi di questo tipo - intendo come format - avendo vissuto l'adolescenza su MTV e i suoi pseudo reality, ma spero che tante persone gli daranno una chance.


    "Siamo tutti in un fosso, ma alcuni di noi guardano le stelle" - Oscar Wilde -
  • MonkeyDoEsu0661MonkeyDoEsu0661 Neofita
    modificato 11 October Pubblicazioni: 48
    whatsername84 ha detto:

    Sono presentati come persone che vorrebbero una vita affettiva ma hanno delle difficoltà nelle relazioni sociali e nella comunicazione.


    Ma non è proprio questo uno stereotipo?
    Post edited by MonkeyDoEsu0661 on
  • DreamLoopDreamLoop Membro
    modificato 11 October Pubblicazioni: 31
    MonkeyDoEsu0661 ha detto: whatsername84 ha detto:Sono presentati come persone che vorrebbero una vita affettiva ma hanno delle difficoltà nelle relazioni sociali e nella comunicazione.


    Ma non è proprio questo uno stereotipo?


    Sarebbe uno stereotipo se
    tutte le persone che rientrano nello spettro fossero presentate come persone che vogliono una vita affettiva senza preoccuparsi di verificare tale affermazione caso per caso. Mentre una tale affermazione si può ricondurre semplicemente alle persone che hanno partecipato a questa documentario/serie.
    Qualsiasi opinione  di carattere generale potrebbe essere uno stereotipo (compresa questa affermazione) se non ci si prende il disturbo di contestualizzarla e soprattutto se non si è ben consapevoli che possono esistere molteplici differenze tra una teoria che vuole stabilire dei punti di riferimento di carattere generale e una pratica che indaga le particolarità dei singoli casi.
    Per quanto riguarda l'autismo in generale (e l'Asperger in particolare) l'esperienza derivata dagli studi di settore che specialisti hanno portato avanti negli anni ha evidenziato che la difficoltà nei rapporti che rientrano nella sfera sociale è una della caratteristiche tipiche dell'autismo, che si cerchi o meno l'amore. Poi ci sono gli estroversi e gli introversi anche tra le persone che rientrano nello spettro, ci sono quelli che si fidanzano e si sposano, che riescono ad integrarsi meglio, chi magari rimane solo per tutta la vita e nemmeno sente il desiderio di accoppiarsi e chi invece lo vorrebbe ma non ci riesce e ne soffre, e chi più ne ha più ne metta.
    Se non ci fossero degli elementi che accomunano persone pur molto diverse tra loro, elementi che ritornano a livello generale nonostante la varietà dei singoli casi, in base a cosa si potrebbe definire autistica una persona? Quale sarebbe la definizione di autismo?
    Sempre consapevoli che non si smette mai di imparare e quindi ciò che oggi diamo per certo un domani può essere superato/confutato/arricchito in base a nuove evidenze, nuovi elementi, nuove caratteristiche.
    whatsername84
    Post edited by DreamLoop on
  • MonkeyDoEsu0661MonkeyDoEsu0661 Neofita
    Pubblicazioni: 48
    DreamLoop ha detto:

    Se non ci fossero degli elementi che accomunano persone pur molto diverse tra loro, elementi che ritornano a livello generale nonostante la varietà dei singoli casi, in base a cosa si potrebbe definire autistica una persona? Quale sarebbe la definizione di autismo?


    Ma a chi serve dare una definizione all'autismo? Agli nt che hanno bisogno di elencare tutto quello che non capisco o per cercare di comprenderlo.
    Io ho sempre elencato cose che so per certo (vere, su di me e sugli altri) per creare degli schemi ciclici che variando qualche operazione ad ogni ciclo mi hanno permesso di comprendere, ad esempio, un fenomeno in cui mi ritrovo ma di cui non sapevo niente.

    DreamLoop ha detto:

    Sempre consapevoli che non si smette mai di imparare e quindi ciò che oggi diamo per certo un domani può essere superato/confutato/arricchito in base a nuove evidenze, nuovi elementi, nuove caratteristiche.


    Ecco, questo è un loop.
  • DreamLoopDreamLoop Membro
    modificato 12 October Pubblicazioni: 31
    Sinceramente trovo a tua esposizione piuttosto confusa e l'affermazione nei confronti dei NT una esemplificazione piuttosto ingenua.
    Senza una definizione di autismo, tu ora non saresti qui, io non sarei qui, tutte le persone che frequentano questo forum non sarebbero qui, perché senza una definizione di autismo non sarebbe esistita una definizione di Asperger e di conseguenza non sarebbe esistito nemmeno questo forum.

    Quando hai usato la parola loop, dicendo: ecco, questo è un loop, tu hai usato una definizione, dato che senza di essa non esisterebbe nemmeno la parola loop e ciò che sta dietro la parola.

    Tutta la cutura umana si basa su definizioni condivise che hanno aiutato l'essere umano a definire non solo l'universo ma anche se stesso.
    Senza una base comune, condivisa, non potrebbe esistere un linguaggio comprensibile e di conseguenza non potrebbe esistere comunicazione.

    Concludo lasciandoti una citazione di Wittgenstein tratta dal Trattato logico-filosofico:  i limiti del mio linguaggio sono i limiti del mio mondo.
    whatsername84
    Post edited by DreamLoop on
  • whatsername84whatsername84 Veterano
    Pubblicazioni: 186
    MonkeyDoEsu0661 ha detto:

    whatsername84 ha detto:

    Sono presentati come persone che vorrebbero una vita affettiva ma hanno delle difficoltà nelle relazioni sociali e nella comunicazione.


    Ma non è proprio questo uno stereotipo?
    Ciao,

    a mio parere no, nel senso che i protagonisti single dello show venivano seguiti nei loro primi appuntamenti e loro stessi raccontavano di avere qualche difficoltà, chi più chi meno.

    Ci sono anche due coppie e loro avevano già una vita affettiva soddisfacente.

    Per me stereotipo nell'asperger/autismo è rappresentare i soggetti sempre nello stesso modo, sempre uguali, senza sfumature. Ci sono per forza delle caratteristiche comuni, altrimenti non avrebbe nemmeno senso parlarne, ma nella docuserie si concentrano di più sulle persone.
    "Siamo tutti in un fosso, ma alcuni di noi guardano le stelle" - Oscar Wilde -
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online