Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Cinismo a palla

Nonostante questo sia in un periodo generalmente positivo perché dopo la diagnosi mi sto facendo seguire da una persona che mi sta aiutando, in questi ultimi giorni sto sguazzando bellamente nel malessere.
Non so come iniziare a smuovere il problema lavoro visto che non ho una carriera, odio muovermi troppo da casa e il mio limite di tolleranza dello stare con gli estranei è molto ridotto... discorso simile per la socializzazione.
Vengo vista come un paria in famiglia e tutti i giudizi silenziosi e i non detti mi segano le gambe; ho paura che smettano di amarmi e che il disprezzo li spinga ad allontanarsi. Leggere casualmente da parte di estranei quello che potrebbe essere un giudizio verso di me basta a innescare panico e depressione per giorni. La paura e il rimuginio mi soffocano.
Che nessuno me ne voglia, mi chiedo anche che senso abbia scrivere qui.
Blunottedavid

Commenti

  • vera68vera68 Pilastro
    Pubblicazioni: 2,644
    Sono sentimenti supercomplessi che coinvolgono come ci vedono gli altri e come ci vediamo noi. A volte saltando dentro e fuori da uno specchio. È un gran casino.
    A volte occorre mettere tutto in disordine per creare ordine.
    In quei momenti si sta male.
    Sono onde. Poi passano.

    Tu osserva tutto, senza giudicarti, osserva e constata senza veli come faresti se dovessi osservare il risultato di un esperimento, di una prova.
    Sono pezzi di puzzle, prima o poi troveranno il loro posto. Ciò che osservi prima o poi verrà utile, accetta sia quando ciò che vedi è bello e nobile sia quando non lo è. Tutto serve e sta servendo.


    ClaraDiLunaDomitillalucy84BlunotteDaniela89
  • ClaraDiLunaClaraDiLuna Membro
    Pubblicazioni: 58
    @vera68 grazie per le tue parole.
    Nei momenti in cui riesco a trovare un po' di lucidità mi rendo conto che queste sono, appunto, onde, e in quanto tali destinate a passare.
    Spero solo di riuscire a capire un giorno quando aspettarmi la prossima onda e come proteggermi un po' meglio.
  • vera68vera68 Pilastro
    Pubblicazioni: 2,644
    Brava. Questo è esattamente ciò che intendevo quando ti ho detto di osservare tutto.

    Pian piano capirai i meccanismi che ci stanno sotto, le tue reazioni e tu stessa capirai come proteggerti.

    Dopo tanti anni di psicoterapia ti dico però che queste "onde" sono buone, nel senso che sono appunto il disordine che permette poi di fare ordine.
    ClaraDiLuna
  • BlunotteBlunotte Veterano Pro
    Pubblicazioni: 542
    "Non so come iniziare a smuovere il problema lavoro visto che non ho una carriera, odio muovermi troppo da casa e il mio limite di tolleranza dello stare con gli estranei è molto ridotto... discorso simile per la socializzazione."
    Purtroppo questo periodo COVID è molto difficile per tutti, dal punto di vista lavorativo e della socialità. Credo che già gli NT siano messi a dura prova dopo un anno del genere, figurarsi chi avrebbe avuto certi malesseri e difficoltà a prescindere.
    Si tratta di un'osservazione banale, lo so, ma magari sentirselo dire una volta di più può aiutare a sentirsi meno in colpa quando non si riesce a fare quello che si vorrebbe. 

    "Vengo vista come un paria in famiglia e tutti i giudizi silenziosi e i non detti mi segano le gambe; ho paura che smettano di amarmi e che il disprezzo li spinga ad allontanarsi. Leggere casualmente da parte di estranei quello che potrebbe essere un giudizio verso di me basta a innescare panico e depressione per giorni. La paura e il rimuginio mi soffocano."
    Anch'io tendo a rimuginare e a fare una tragedia riguardo a figuracce, commenti negativi (per davvero o perché io li interpreto così), giudizi e pensieri altrui percepiti come grazie a un sesto senso. Capisco anche la situazione familiare in cui non si parla, non ci si esprime, ma "si percepisce". Secondo me, però, il rischio di fare affidamento solo sul proprio sesto senso è quello di ingigantire le cose rispetto al loro vero peso...
    Hai parlato di questo malessere con la persona che ti segue? 
    Quando si è nei periodi bui si vede tutto attraverso un filtro nero e si entra in un circolo vizioso...


    "Che nessuno me ne voglia, mi chiedo anche che senso abbia scrivere qui."
    Scrivere qui serve per sfogarsi rimanendo nell'anonimato, con persone che non ti giudicano e che condividono con te certe esperienze, e possono darti qualche consiglio da un punto di vista esterno e più lucido. 
    ClaraDiLuna
    ---- Per vari motivi, preferisco usare poco/per nulla la funzione messaggi privati. ----
  • ClaraDiLunaClaraDiLuna Membro
    Pubblicazioni: 58
    Grazie per la tua risposta, gliene parlerò appena la vedo :)
    Blunotte
Accedi oppure Registrati per commentare.
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online